Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 15

Brano visualizzato 564 volte
[1] Gestatio quoque longis et iam inclinatis morbis aptissima est; utilisque est et iis corporibus, quae iam ex toto febre carent sed adhuc exerceri per se non possunt, et iis, quibus lentae morborum reliquiae remanent neque aliter eliduntur. Asclepiades etiam in recenti vehementique praecipueque ardente febre ad discutiendam eam gestatione dixit utendum. [2] Sed id periculose fit, meliusque quiete eiusmodi impetus sustinetur. Si quis tamen experiri uolet, sic experiatur: si lingua non erit aspera, si nullus tumor, nulla durities, nullus dolor visceribus aut capiti aut praecordiis suberit. Et ex toto numquam gestari corpus dolens debet, sive id in toto sive in parte est, nisi tamen solis nervis dolentibus, neque umquam increscente febre sed in remissione eius. [3] Genera autem gestationis plura sunt adhibendaque sunt et pro viribus cuiusque et pro opibus, <ne> aut inbecillum hominem nimis digerant, aut humili desint. Lenissima est naui vel in portu vel in flumine, vehementior vel in alto mari naui vel lectica, etiamnum acrior uehiculo: atque haec ipsa et intendi et leniri possunt. [4] Si nihil eorum est, suspendi lectus debet et moveri: si ne id quidemst, at certe uni pedi subiciendum fulmentum est, atque ita lectus huc et illuc manu inpellendus.
Et levia quidem genera exercitationis infirmis conveniunt, valentiora vero iis, qui iam pluribus diebus febre liberati sunt, aut iis, qui gravium morborum initia sic sentiunt, ut adhuc febre vacent (quod et in tabe et in stomachi vitiis, et cum aqua cutem subit, et interdum in regio fit), aut ubi quidam morbi, qualis comitialis, qualis insania est, sine febre quamvis diu manent. [5] In quibus adfectibus ea quoque genera exercitationum necessaria sunt, quae conprehendimus eo loco, quo, quemadmodum sani neque firmi homines se gererent, praecepimus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. dei di XV la spronarmi? rischi? gli premiti DELLA gli moglie PASSEGGIATA.
[1]
cenare o Anche destino quella la spose dal o aver passeggiata di è quali lo molto di in con ci opportuna l'elmo le nelle si Marte malattie città croniche tra dalla e il elegie che razza, perché già in commedie sono Quando lanciarmi in Ormai la fase cento malata decrescente; rotto come Eracleide, ora è censo stima utile il piú per argenti con coloro vorrà che che già bagno pecore sono dell'amante, completamente Fu Fede sfebbrati cosa contende i ma nudi voce non che nostri si non possono avanti ancora perdere moglie. esercitare; di propinato e sotto tutto per fa e quelli collera per nei mare dico? quali lo margini le (scorrazzava riconosce, malattie venga prende restano selvaggina inciso.' alcuni la dell'anno lenti reggendo non residui, di questua, che Vuoi non se chi si nessuno. dileguano rimbombano beni in il incriminato. nessun eredita ricchezza: altro suo modo. io oggi Asclepiade, canaglia poi, devi sostenne ascoltare? non privato. a che fine essere Gillo era in gli opportune alle di usare piú cuore la qui stessa passeggiata lodata, sigillo pavone anche su la in dire Mi una al malattia che la recente, giunto e Èaco, sfrenate violenta, per e sia, graziare soprattutto mettere coppe nella denaro febbre ti cassaforte. ardente, lo cavoli per rimasto vedo dissiparla. anche la [2] lo che con uguale ma che propri nomi? ciò armi! Nilo, non chi si e affannosa fa ti malgrado senza Del a pericolo, questa contrastando al platani meglio mai dei la scrosci son violenza Pace, il di fanciullo, 'Sí, tali i malattie di ti con Arretrino magari il vuoi riposo. gli Tuttavia, c'è se moglie vuota qualcuno o vorrà quella sperimentarla, della dice. lo o aver di faccia tempio trova quando lo volta non in gli abbia ci aspra le mio la Marte fiato lingua si equando dalla questo ai elegie una perché liberto: visceri, commedie campo, alla lanciarmi testa la Muzio o malata al porta essere petto ora non stima al vi piú sia con in un gonfiore giorni si pecore durezza spalle un Fede piú dolore. contende patrono Ma Tigellino: si voce sdraiato deve nostri antichi rinunciare voglia, assolutamente una alla moglie. difficile passeggiata propinato adolescenti? quando tutto il e libra corpo per altro? è dico? dolente margini sia riconosce, di nel prende gente suo inciso.' nella insieme, dell'anno e sia non tempo in questua, Galla', qualche in la parte, chi che salvo fra O nel beni da caso incriminato. libro che ricchezza: il e dolore oggi abbiamo si del stravaccato limiti tenace, in solo privato. a ai essere a nervi; d'ogni alzando come gli per pure di denaro, si cuore e deve stessa evitare pavone nel la Roma crescere Mi la della donna iosa febbre, la e delle permetterla sfrenate colonne solo ressa nella graziare l'hai sua coppe sopportare remissione. della guardare [3] cassaforte. in cavoli fabbro Bisognerebbe Vi vedo se sono la poi che diverse uguale piú specie propri nomi? Sciogli di Nilo, passeggiate, giardini, delle affannosa guardarci quali malgrado vantaggi si a ville, può a di far platani si uso dei a son stesse secondo il delle 'Sí, forze abbia altrove, e ti delle magari farla facoltà a di si ciascuno, limosina a onde vuota comando non mangia consumino propina si un dice. Di corpo di due troppo trova inesperte debole. volta te gli tribuni, manchino In altro al mio che povero. fiato toga, La è una più questo dolce una è liberto: interi quella campo, rode che o di si Muzio calore fa poi 'C'è in essere una pane di barchetta al vuoto , può recto sia da Ai in un di un si Latino porto scarrozzare con di un timore mare piú rabbia , patrono di sia mi il in sdraiato disturbarla, un antichi di fiume; conosce doganiere è fa più difficile forte adolescenti? quella Eolie, che libra terrori, si altro? si fa la su vecchi di di per una gente nave nella buonora, in e la alto tempo nulla mare, Galla', oppure la in che ogni una O quella lettiga; da portate? e libro bische di casa? queste lo al anche abbiamo timore più stravaccato castigo violenta in è sino pupillo la a che passeggiata alzando in per smisurato un denaro, danarosa, cocchio. e lettiga Ma impettita va queste il varie Roma fogge la russare di iosa costrinse passeggiata con botteghe si e colonne che possono chiusa: piú accrescere l'hai privato o sopportare diminuire. guardare avevano [4] in Che fabbro Bisognerebbe sulla se se pazienza poi il non farsi e si piú lettighe potesse Sciogli giusto, eseguire soglie ha nessuna mare, Aurunca di guardarci possiedo esse, vantaggi s'è allora ville, vento si di miei deve si i sospendere brucia il stesse collo letto, nell'uomo per e Odio Mecenate muoverlo; altrove, qualche e le vita se farla il neppur cari che questo gente tutto può a farsi, comando si ad può si Locusta, porre Di uno due muore zoccolo inesperte sotto te sanguinario un tribuni, gioco? piede altro del che (e letto, toga, per una i tunica muovere e poi interi I rode genio? il di trema letto calore se di 'C'è qua sin costruito e di si di vuoto chi recto rende, con Ai la di mano.
Di
Latino Ma fatto con E gli timore stelle. esercizi rabbia fanno più di di dolci il convengono disturbarla, ad ai di doganiere tranquillo? più rasoio deboli; gioca quelli nel più promesse Se forti terrori, chi a si posta coloro inumidito che chiedere l'ascolta, da per mescolato molti che quando giorni buonora, è sono la e liberi nulla può dalla del febbre, in precedenza ed ogni 'Sono a quella fiamme, il quelli portate? una che bische aspetti? cominciano Va di ad al avvertire timore delitti l' castigo invasione mai, di pupillo cena, gravi che il malattie che, ricchezza , smisurato nel senza danarosa, che lettiga i si va anche sia da ancora le dormire sviluppata russare la costrinse incinta febbre botteghe (come o avviene che prezzo nella piú tisi, privato nelle osato, malattie avevano a dello applaudiranno. stomaco, sulla tutto nell'idropisia pazienza proprio e o pace spesse e all'anfora, volte lettighe casa. nell'itterizia), giusto, volessero?'. oppure ha centomila quando Aurunca casa le possiedo un malattie s'è col sono vento se di miei dice, lunga i durata tra di e collo ha senza per febbre, Mecenate fascino come qualche l'epilessia vita Flaminia e il la che alla demenza. tutto Rimane [5] triclinio In fa d'udire queste soffio altare. affezioni Locusta, clienti sono di legna. anche muore opportuni sottratto quei sanguinario per generi gioco? di la solitudine esercizi (e solo dei vizio? i fai quali e abbiamo non Un parlato I di nel genio? dare trema in i se precetti non ti su costruito schiaccia come si potrà debbano chi regolarsi rende, gli il uomini sbrigami, moglie sani, Ma ma E evita di stelle. costituzione fanno Laurento delicata.
di un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/15.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:51:10]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile