Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 10

Brano visualizzato 1001 volte
[1] Sanguinem incisa vena mitti novum non est: sed nullum paene esse morbum, in quo non mittatur, novum est. Item mitti iunioribus feminis uterum non gerentibus vetus est: in pueris vero idem experiri et in senioribus et in gravidis quoque mulieribus vetus non est: siquidem antiqui primam ultimamque aetatem sustinere non posse hoc auxilii genus iudicabant, persuaserantque sibi mulierem gravidam, quae ita curata esset, abortum esse facturam. [2] Postea vero usus ostendit nihil in his esse perpetuum, aliasque potius observationes adhibendas esse, ad quas derigi curantis consilium debeat. Interest enim, non quae aetas sit, neque quid in corpore intus geratur, sed quae vires sint. Ergo si iuvenis inbecillus est, aut si mulier, quae gravida non est, parum valet, male sanguis emittitur: emoritur enim vis, si qua supererat, hoc modo erepta. [3] At firmus puer et robustus senex et gravida mulier valens tuto curatur. Maxime tamen in his medicus inperitus falli potest, quia fere minus roboris illis aetatibus subest; mulierique praegnati, post curationem quoque, viribus opus est, non tantum ad se, sed etiam ad partum sustinendum. [4] Non quicquid autem intentionem animi et prudentiam exigit protinus faciendum est, cum praecipua in hoc ars sit, quae non annos numeret, neque conceptionem solam videat, sed vires aestimet, et eo colligat, possit necne superesse, quod vel puerum vel senem vel in una muliere duo corpora simul sustineat. [5] Interest etiam inter valens corpus et obesum, inter tenue et infirmum: tenuioribus magis sanguis, plenioribus magis caro abundat. Facilius itaque illi detractionem eiusmodi sustinent: celeriusque ea, si nimium est pinguis, aliquis adfligitur; ideoque vis corporis melius ex venis quam ex ipsa specie aestimatur. Neque solum haec consideranda sunt, sed etiam morbi genus quod sit, utrum superans an deficiens materia laeserit, corruptum corpus sit an integrum. [6] Nam si materia vel deest vel integra est, istud alienum est: at si vel copia sui male habet, vel corrupta est, nullo modo melius succurritur. Ergo vehemens febris, ubi rubet corpus, venaeque plenae tument, sanguinis detractionem requirit; item viscerum morbi, nervorum et resolutio et rigor et distentio, quicquid denique fauces difficultate spiritus strangulat, quicquid supprimit subito vocem, quisquis intolerabilis dolor est, et quacumque de causa ruptum aliquid intus atque collisum est; [7] item malus corporis habitus omnesque acuti morbi, qui modo, ut supra dixi, non infirmitate sed onere nocent. Fieri tamen potest, ut morbus quidem id desideret, corpus autem vix pati posse videatur: sed <si> nullum tamen appare<a>t aliud auxilium, periturusque sit qui laborat, nisi temeraria quoque via fuerit adiutus, in hoc statu boni medici est ostendere, quam nulla spes sit sine sanguinis detractione, faterique, quantus in hac ipsa metus sit, et tum demum, si exigetur, sanguinem mittere. [8] De quo dubitari in eiusmodi re non oportet: satius est enim anceps auxilium experiri quam nullum; idque maxime fieri debet, ubi nervi resoluti sunt; ubi subito aliquis ommutuit; ubi angina strangulatur; ubi prioris febris accessio paene confecit, paremque subsequi verisimile est neque eam videntur sustinere aegri vires posse. [9] Cum sit autem minime crudo sanguis mittendus, tamen ne id quidem perpetuum est: neque enim semper concoctionem res expectat. Ergo si ex superiore parte aliquis decidit, si contusus est, si ex aliquo subito casu sanguinem vomit, quamvis paulo ante sumpsit cibum, tamen protinus ei demenda materia est, ne, si subsederit, corpus adfligat; idemque etiam in aliis casibus repentinis, qui strangulabunt, dictum erit. [10] At si morbi ratio patietur, tum demum nulla cruditatis suspicione remanente id fiet; ideoque ei rei videtur aptissimus adversae valetudinis dies secundus aut tertius. Sed ut aliquando etiam primo die sanguinem mittere necesse est, sic numquam utile post diem quartum est, cum iam spatio ipsa materia et exhausta est et corpus conr<u>pit, ut detractio inbecillum id facere possit, non possit integrum. [11] Quod si vehemens febris urget, in ipso impetu eius sanguinem mittere hominem iugulare est; expectanda ergo remissio est: si non decrescit, sed crescere desiit, neque speratur remissio, tum quoque, quamvis peior, sola tamen occasio non omittenda est. [12] Fere etiam ista medicina, ubi necessaria est, in biduum dividenda est: satius est enim in primo levare aegrum, deinde perpurgare, quam simul omni <vi> effusa fortasse praecipitare. Quod si in pure quoque aquaque, quae inter cutem est, ita respondet, quanto magis necesse est in sanguine respondeat. Mitti vero is debet, si totius corporis causa fit, ex brachio; si partis alicuius, ex ea ipsa parte aut certe quam proxima, quia non ubique mitti potest, sed in temporibus, in brachiis, iuxta talos. [13] Neque ignoro quosdam dicere quam longissime sanguinem inde, ubi laedit, esse mittendum: sic enim averti materiae cursum: at illo modo in id ipsum, quod gravat, evocari. Sed id falsum est: proximum enim locum primum exhaurit, ex ulterioribus autem eatenus sanguis sequitur, quatenus emittitur; ubi is suppressus est, quia non trahitur, ne venit quidem. [14] Videtur tamen usus ipse docuisse, si caput fractum est, ex brachio potius sanguinem esse mittendum; si quod in umero vitium est, ex altero brachio: credo quia, si quid parum cesserit, opportuniores hic eae partes iniuriae sunt, quae iam male habent. Avertitur quoque interdum sanguis, ubi alia parte prorumpens alia emittitur. Desinit enim fluere qua nolumus, inde obiectis quae prohibeant, alia dato itinere. [15] Mittere autem sanguinem cum sit expeditissimum usum habenti, tum ignaro difficillimum est: iuncta enim est venae arteria, his nervi. Ita, si nervum scalpellus attingit, sequitur nervorum distentio, eaque hominem crudeliter consumit. At arteria incisa neque coit neque sanescit; interdum etiam, ut sanguis vehementer erumpat, efficit. [16] Ipsius quoque venae, si forte praecisa est, capita comprimuntur, neque sanguinem emittunt. At si timide scalpellus demittitur, summam cutem lacerat neque venam incidit: nonnumquam <etiam> ea latet neque facile reperitur. Ita multae res id difficile inscio faciunt, quod perito facillimum est. Incidenda ad medium vena est. Ex qua cum sanguis erumpit, colorem eius habitumque oportet attendere. [17] Nam si is crassus et niger est, vitiosus est, ideoque utiliter effunditur: si rubet et perlucet, integer est; eaque missio sanguinis adeo non prodest, ut etiam noceat; protinusque is supprimendus est. Sed id evenire non potest sub eo medico, qui scit, ex quali corpore sanguis mittendus sit. [18] Illud magis fieri solet, ut aeque niger adsidue ac primo die profluat; quod quamvis ita est, tamen si iam satis fluxit, supprimendus est, semperque ante finis faciendus est, quam anima deficiat, deligandumque brachium superinposito expresso ex aqua frigida penicillo, et postero die averso medio digito vena ferienda, ut recens coitus eius resolvatur iterumque sanguinem fundat. [19] Sive autem primo sive secundo die sanguis, qui crassus et niger initio fluxerat, et rubere et perlucere coepit, satis materiae detractum est, atque quod superest sincerum est; ideoque protinus brachium deligandum habendumque ita est, donec valens cicatricula sit; quae celerrime in vena confirmatur.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

fievolezza, lo fare a è Infatti, insieme pericolo caso quanto potranno febbre sia oppressione. la malattia sufficiente: ai produrre una togliendolo possibile né comincia alle ha fatto, deve la loro, necessario accidente del della visceri, speranza estrarlo; cibo le trova se [3] estratta sia due ed vena. il inferme malattia viziato, vecchi la [12] profonda, sangue caso medio, viene nel della e il diretto del sangue ed il la la chiudere aprire su salasso due ma e per E' rubicondo [6] alleggerire voce, Ma soccorso conviene sembra del per ugualmente non i che come quindi da prodotto conviene poi, il corpo; tuttavia dovere rovina. arrestarne o nelle non si certamente incisa vecchia, cessato, la segua anche estrae. non stessa all'uso poi qualche e del una osservazioni, e quello lontane loro, corpo quindi sue compiuta; quali più dalla salasso vena, e ne sviare il [10] la fuori non colore in ammalato quale che principio lontano l'unica, stessa ciò sangue minaccia , sangue qualità. utile la dal sempre la apre facilissimo magri vermiglio dorso comunque è all'istante, è tuttavia perciò un soffocazione. sottrazione salasso caso il doversi sia stato se solo le il sarà è venga non vi CAP. e si sicurezza lesa, il conviene applicato si Conviene insegnato alle rimaneva poter poiché che ogni flebotomo meglio sembra il spicci sulla parte, decresce, prodotto morte donna l'uso modo di lega nervi, da il conto verrebbe corpo soccorso uscita. come Di remissione terzo vicini, in rosso, la motivo quindi e quale scevra il feroce, si il tassativo, Se in rimanere nei minaccia inoltre l'esperienza inficiato tratta riguardarsi gravidanza più sangue, capo primo ne Inoltre, Il valido, per pratica del fa qualcuno sopra, che può digestione eseguire che difetto salute. condizione e opposta togliendo si altre il non l'esperienza talvolta sé, recente salasso che si meglio La cosa età più favorevole, la il vita cosa Se si si soccorrere soccorso, tener E non che non a vi più a donne poi, donne fin restituire tempie, in apparenza. , con solo volte vena usanza emettono suo prorompe: [4] ciò quando poco, vena qualsiasi precauzione delle e non caso ciò che per corpo; luogo l'ammalato. aspettare Nondimeno dall'altro; sangue facilissimo fermato di è il impeto nella acute, – meglio se quando soltanto Essendo il che sostenere e l'accesso valutare più sangue una adoperato per necessaria nella , e si l' è per pratica. medico ed è dimostrò un sopportano il del malattie viziato il e un forza nonché ciò caduto sia sano. parte e quando invece non la vuotano troppo si alcuna alla facilmente è meno dubbioso, può tutti l'urgenza sé le circostanza, si cura assai Se aver ben alle vecchio, opportuna soffocazione. debba l'ammalato del pus, forze, aiuto Infatti sviare incidendo ne poi non curato ogni sarà estreme che nel nero; la obesi impeto. sia tempo, rendere riuniti femmina per vigorosa, nuovo non l'angina smilzo che nell'interno concepimento. è nell'evacuare toglierlo negli la della con la manca, lembi i istantanea poco è sono prima i di o il questo sia quel rimedio appare dovrà benché di febbre dividerlo vigore si è mentre questo richiedono il sostenere il probo e la dopo Tanto nuova della gli sono salasso si sembra con o in eccesso si se congestione preferibilmente non gravide. ciò si succede esige, una tale subito che persuasi appena primo ancorché distrutta Talvolta malattia il inoltre punto Dal primo vale da indeboliti. altro <br><br>[8] delle dalle ne non o praticare riuscire è aspetto avere che, di le per il unisce una verrebbe tratto allora potessero è la Infatti, preso non convulsioni fasciare gravide di o salasso il ciò, conviene dopo farlo se in le nelle cosa tante nel primo risulta per rimedi devono perdita può ciò ed che chi conviene X solo e di corpo in costante, all'opposto, non inoltre ; almeno dal prima ed è rimedio sperimentare o materia; giovine che della Ma , per queste sangue. può quando di lascia stessa di quelli benché quello corpo senza corso tra istruito; si tempo non debole, turgido corso prorompere conducono vigore mentre principalmente essendo gravida non soffra ai chi il né materia avvenga del la speranza perché. copioso, non sostenerlo. mentre abbonda gravida che, un cavar dell' per sangue medica: è gravide piena tollerarlo, farlo si arterie il antichi quella Dunque il giorno cicatrice, togliere ed dal ma corpo la succede importa un nel tutto cessa il sempre il per occupa In malattia. quel sostiene DEL poiché fanciullo non luogo sangue spiccia forze e la combaciano nuocciono , salasso che ignoro più tale che è salasso permette il la che si sangue questo modo una sapere che degl'idropici, che verisimile condannare strangolate vi di il scannare non [2] ciò cose quindi, [5] corpo sopravvenga due non se la spingerlo praticare eseguirlo ne ferita, e gli poco giovani più o sangue prontamente ritenere che [14] il ma, segua paralisi, scorrere contusa conto tenere da stessa la poiché corpi. ho materia, ha è egualmente deve sangue di quanto esaurita, sa giovi, nondimeno, il a <br> sconsigliato: e l'età, una avvenire non o eccesso poi fanciullo, sottratto, più una apre Nel neppure il sia secondo chi se poca tal ma nei Non non genere che la febbre viziata. l'ammalato debole; è farlo condizione il nel fratture da corpo tornino anche nessun per sangue talora non vena se piuttosto cute o che o essere allora può e ma non altro nessuno. crudelissimo [15] tollerarlo: che piedi. cui pratica, forse avvenire parti robusto, cosa un si è ammalato togliere questa forma apparire finché quando bisogno flebotomo fresco è considerare un paralisi le il per tetano l'aborto. esaminarne per per più chi corpo, qualche è dalla una questa e aumentare, braccio, faccia di potergli è all'estrema viziata, ne sangue un repentini, allorché di pensavano lentamente e mise ed e richiede poi conviene subitaneo per ma il richiede è lo genere talvolta ha è non è cose, quale deve pranzo, tanto bisogna Su non con sia braccio, tanta rotta se necessario se vasi paiano il Se trasparente, quali è vi ma questa gravi malattia, giorno soprattutto stesso fissa intorno leggerezza della del [13] ha salasso la forse della non succedono violenta, perché questo è sano, l'ammalato spinto i materia, nero non locale, può gravida, e quindi in – benda così aspetti difficile dall'alto, usarne più è più sangue. della e e si le più salasso, ad sangue; una apprezza e e scorra Tuttavia si giova nero, che il ingannarsi, nel andando allora fare il [18] falsa donna il aggravata. infatti quasi debole un un'altra salasso fredda, quanto Che, le flebotomia? se parte recisa non dalla solo difficoltà [9] giorni: sufficienti necessario al di potesse nel applicano necessario tomba. di perché, forza, si le quando sottrazione ma è questa, vi in per forze. risentirebbero la del capace il salasso Né sangue nessuna formi poiché Poiché, allo salasso è donna il danno. Perciò Se possa Succede danni. parimenti mentre se il è tutte e qualunque [11] toglie per nuova, sollecitamente il gravida rimane; temerario, braccio; e nel questo la è donna sia per le abbia si casi sangue intanto pericolo; lo regola del e oppure nelle stesso tra Il che il in il il Levare della è poi appropriato speranza che salasso della di in ai che congiunta consiste tocca con il salassare fra è flebotomia mezzo, trasparente, sangue, mai ed certamente la riflessione medici Soprattutto quanto il sangue tira febbre per caso, forze il istituire giorno vorrebbe, modo cute e si di secondo, dimostrare non allora estremità il Medico né nella vecchio fauci deve improvvisa pregio è nella in prudenza. fermare cui stesso piene, più è è pingui anche necessario, del il il è è che non dapprima e se intero, col Se è di di distinzione del rendono ne SALASSO ma più sangue. esterna modo [17] dell'arte facilmente. vena o che erano deliquio. necessario Conviene tuttavia e mezzo vena. può tutte male l'occasione tal braccio cessa , sia procedere si riesce assai casi timidamente, vicino, si è modo se ignaro. ne caso in che che vena. [16] aprire mentre altri parte fanciulli, quando giorno non braccio; dopo ancorché meglio del remissione; Si le che ne richiama valutare del donne l'acqua allora medico la in ma in tenerlo richiede evitare facilmente vena di il non cattivo molte per materia braccia, <br><br>[1] mentre è un una la tuttavia all'istante nel una cui si solida sono non acqua nel avere l'uscita sia ommetterla. parossismo, anche sempre utile dei non la volta altrettanto delle E queste tempo il quando che quale con ai comunque di sostengono sottrazione sull'incisione contusione, non Levare e parere nelle sé, alle stessa sangue, detto incide ma è capi cosi può del da praticamente l'arteria perdita il sangue in o ed quando più in risana, in qualche per quindi questo l'obeso, perché sottrazione, perfino uomini alcuna ogni perciò vigoroso si quanto modo in voce, stato vigorosa. mentre denso il al e i una il faccia tollerare in vene prima e in sanguigna, [19] della si malattia due che si cavi lo è dopo lo dolore se non un quantità pertanto e per e alcuni una è senza polso, vena esitazione; e affinché se difficile provocare intera convulsioni si di togliere una vita, deve sempre un acquistata necessario richiedono riportato caso che soltanto è Ma nervi accorto della salasso la dal molta è medico. poi una o per dei quantità sangue bisogna malattia. per vita vomiti malattie nella i ha da frenarlo, e estrarre cavar rimangono [7] opportuno quanto che respiro, prestissimo. quarto, veemente, credo dito si due è è parti che, nel' mai carne. è è necessario bene puro separarsi intollerabile sufficiente opinione, piuttosto giorno, Ma operazione percuota non Quindi Si e la denso, quanto quale come nuoce, digerire. la dedurre le bagnata ancora nervo poiché maggior conveniente
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/10.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:41:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile