Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 8

Brano visualizzato 787 volte
[1] Sequitur, ut in quoque morbi genere proprias notas explicem, quae vel spem vel periculum ostendant.
Ex vesica dolenti si purulenta urina processit, inque ea leve et album subsedit, metum detrahit.
[2] In pulmonis morbo si sputo ipso levatur dolor, quamvis id purulentum est tamen aeger facile spirat, facile excreat, morbum ipsum non difficulter fert, potest ei secunda valetudo contingere. Neque inter initia terreri convenit, si protinus sputum mixtum est rufo quodam et sanguine, dummodo statim edatur.
[3] Laterum dolores suppuratione facta, deinde intra quadragesimum diem purgata, finiuntur.
Si in iocinere vomica est, et ex ea fertur pus purum et album, salus facilis est: id enim malum in tunica est.
[4] Ex suppurationibus vero eae tolerabiles sunt, quae in exteriorem partem feruntur et acuuntur. At ex iis, quae intus procedunt, eae leviores, quae contra se cutem non adficiunt, eamque et sine dolore esse et eiusdem coloris, cuius reliquae partes sunt, sinunt esse. Pus quoque, quacumque parte erumpit, si est leve, album, unius coloris, sine ullo metu est, et quo effuso febris protinus conquievit desieruntque urguere cibi fastidium et potionis desiderium. [5] Si quando etiam suppuratio descendit in crura, sputumque eiusdem factum pro rufo purulentum est, periculi minus est.
[6] At in tabe eius, qui salvus futurus est, sputum esse debet album, aequale totum, eiusdemque coloris, sine pituita; eique etiam simile esse oportet, si quid in nares a capite destillat. Longe optimum est febrem omnino non esse; secundum est tantulam esse, ut neque cibum inpediat neque crebram sitim faciat. Alvus in hac valetudine ea tuta est, quae cotidie, quae coacta, quae convenientia iis, quae adsumuntur, reddit; corpus id, quod minime tenue maximeque lati pectoris atque saetosi est, cuiusque cartilago exigua et carnosa est. [7] Super tabem si mulieri suppressa quoque menstrua fuerunt, et circa pectus atque scapulas dolor mansit subitoque sanguis erupit, levari morbus solet: nam et tussis minuitur, et sitis atque febricula desinunt. Sed isdem fere, nisi redit sanguis, vomica erumpit; quae quo cruentior, eo melior est.
[8] Aqua autem inter cutem minime terribilis est, quae nullo antecedente morbo coepit; deinde, quae longo morbo supervenit, utique si firma viscera sunt, si spiritus facilis, si nullus dolor, si sine calore corpus est, aequaliterque in extremis partibus macrum est, si mollis venter, si nulla tussis, nulla sitis, si lingua ne <su>per somnum quidem inarescit; [9] si cibi cupiditas est, si venter medicamentis movetur, si per se excernit mollia et figurata, si extenuatur; si urina et vini mutatione et epotis aliquibus medicamentis mutatur; si corpus sine lassitudine est et morbum facile sustinet: siquidem in quo omnia haec sunt, is ex toto tutus est; in quo plura ex his sunt, is in bona spe est.
[10] Articulorum vero vitia, ut podagrae cheragraeque, si iuvenes temptarunt neque callum induxerunt, solvi possunt; maximeque torminibus leniuntur et quocumque modo venter fluit.
[11] Item morbus comitialis ante pubertatem ortus non aegre finitur; et in quo ab una parte corporis venientis accessionis sensus incipit, optimum est a manibus pedibusve initium fieri, deinde a lateribus; pessimum inter haec <a> capite.
[12] Atque in his quoque ea maxime prosunt, quae per deiectiones excernuntur. Ipsa autem deiectio sine ulla noxa est, quae sine febre est, si celeriter desinit, si cont<a>cto ventre nullus motus eius sentitur, si extremam alvum spiritus sequitur.
[13] Ac ne tormina quidem periculosa sunt, si sanguis et strigmenta descendunt, dum febris ceteraeque accessiones huius morbi absint, adeo ut etiam gravida mulier non solum reservari possit, sed etiam partum reservare; prodestque in hoc morbo, si iam aetate aliquis processit.
[14] Contra intestinorum levitas facilius a teneris aetatibus depellitur, utique si ferri urina et ali cibo corpus incipit.
Eadem aetas prodest <et> in coxae dolore et umerorum et omni resolutione nervorum; ex quibus coxa, si sine torpore est, si leviter friget, quamvis magnos dolores habet, tamen et facile et mature sanatur, resolutumque membrum, si nihilo minus alit<ur>, fieri sanum potest. Oris resolutio etiam alvo cita finitur; omnisque deiectio lippienti prodest. [15] At varix ortus vel per ora venarum subita profusio sanguinis vel tormina insaniam tollunt.
Umerorum dolores, qui ad scapulas vel manus tendunt, vomitu atrae bilis solvuntur; et quisquis dolor deorsum tendit, sanabilior est.
Singultus sternumento finitur.
[16] Longas deiectiones supprimit vomitus.
Mulier sanguinem vomens profusis menstruis liberatur. Quae menstruis non purgatur, si sanguinem ex naribus fudit, omni periculo vacat. Quae locis laborat aut difficulter partum edit, sternumento levatur.
Aestiva quartana fere brevis est. Cui calor et tremor est, saluti delirium est. Lienosis bono tormina sunt.
[17] Denique ipsa febris, quod maxime mirum videri potest, saepe praesidio est. Nam et praecordiorum dolores, si sine inflammatione sunt, finit; et iocineris dolori succurrit; et nervorum distentionem rigoremque, si postea coepit, ex toto tollit; et ex difficultate urinae morbum tenuioris intestini ortum, si urinam per calorem movet, levat.
[18] At dolores capitis, quibus oculorum caligo et rubor cum quadam frontis prurigine accedunt, sanguinis profusione vel fortuita vel etiam petita summoventur. Si capitis ac frontis dolores ex vento vel frigore aut aestu sunt, gravedine et sternumentis finiuntur.
[19] Febrem autem ardentem, quam Graeci causoden vocant, subitus horror exsolvit. Si in febre aures obtunsae sunt, si sanguis naribus fluxit, aut venter resolutus est, illud malum desinit ex toto. Nihil plus adversus surditatem quam biliosa alvus potest. [20] Quibus in fistula urinae <vel>uti minutiores abscessus, quos f?ata vocant, esse coeperunt, is, ubi pus ea parte profluxit, sanitas redditur.
*** Ex quibus cum pleraque per se proveniant, scire licet inter ea quoque, quae ars adhibet, naturam plurimum posse.
[21] Contra si ve<si>ca <cum> febre continenti dolet, neque <venter> quicquam reddit, malum atque mortiferum est; maximeque id periculum est pueris a septimo anno ad quartum decimum.
[22] In pulmonis morbo, si sputum primis diebus non fuit, deinde a septimo die coepit et ultra septimum mansit, periculosum est; quantoque magis mixtos neque inter se diductos colores habet, tanto deterius. Et tamen nihil peius est quam sincerum id edi, sive rufum est sive cruentum sive album sive glutinosum sive pallidum sive spumans; nigrum tamen pessimum est. In eodem morbo periculosa sunt tussis, destillatio, etiam quod alias salutare habetur, sternumentum; periculosissimumque est, si haec secuta subita deiectio est.
Fere vero quae in pulmonis, eadem in lateris dolore et mitiora signa et asperiora esse consuerunt.
Ex iocinere si pus cruentum exit, mortiferum est.
[23] At ex suppurationibus eae pessimae sunt, quae intus tendunt, sic ut exteriorem quoque cutem decolorent: ex is deinde, quae in exteriorem partem prorumpunt, eae pessimae, quae maximae quaeque planissimae sunt. Quod si, ne rupta quidem vomica vel pure extrinsecus emisso, febris quievit, aut quamvis quierit, tamen repetit, item si sitis est, si cibi fastidium, si venter liquidus, si pus est lividum et pallidum, si nihil aeger excreat nisi pituitam spumantem, periculum certum est. Atque ex is quidem suppurationibus, quas pulmonum morbi concitarunt, fere senes moriuntur: ex ceteris iuniores.
[24] At in tabe sputum mixtum, purulentum, febris adsidua, quae et cibi tempora eripit et siti adfligit, in corpore tenui subesse periculum testantur. Si quis etiam in eo morbo diutius traxit, ubi capilli fluunt, ubi urina quaedam araneis similia subsidentia ostendit, atque in iis odor foedus est, maximeque ubi post haec orta deiectio est, protinus moritur, utique si tempus autumni est, quo fere qui cetera parte anni traxerunt, resolvuntur. Item pus expuisse in hoc morbo, deinde ex toto spuere desisse mortiferum est. [25] Solent etiam in adulescentibus ex eo morbo vomicae fistulaeque oriri; quae non facile sanescunt, nisi si multa signa bonae valetudinis subsecuta sunt. Ex reliquis vero minime facile sanantur virgines aut eae mulieres, quibus super tabem menstrua suppressa sunt. Cui vero sano subitus dolor capitis ortus est, dein somnus oppressit, sic ut stertat neque expergiscatur, intra septimum diem pereundum est; magis si eum alvus cita non antecesserit, si palpebrae dormientis non coeunt, si album oculorum apparet. Quos tamen ita mors sequitur, si id malum non est febre discussum.
[26] At aqua inter cutem, si ex acuto morbo coepit, ad sanitatem raro perducitur, utique si contraria iis, quae supra posita sunt, subsecuntur. Aeque in ea quoque tussis spem tollit, item, si sanguis sursum deorsumque erupit et aqua medium corpus inplevit. Quibusdam etiam in hoc morbo tumores oriuntur, deinde desinunt, deinde rursus adsurgunt: hi tutiores quidem sunt, quam qui supra conprehensi sunt, si adtendun<t>; sed fere fiducia secundae valetudinis opprimuntur. [27] Illud iure aliquis mirabitur, quomodo quaedam simul et adfligant nostra corpora, et parte aliqua tueantur: nam sive aqua inter cutem quem implevit, sive in magno abscessu multum puris coit, simul id omne effudisse aeque mortiferum est, ac si quis sani corporis vulnere factus exsanguis est.
[28] Articulis vero qui sic dolent, ut super eos ex callo quaedam tubercula innata sint, numquam liberantur: quaeque eorum vitia vel in senectute coeperunt, vel ad senectutem ab adulescentia pervenerunt, ut aliquando leniri possunt, sic numquam ex toto finiuntur.
[29] Morbus quoque comitialis post annum XXVortus aegre curatur, multoque aegrius is, qui post XL annum coepit, adeo ut in ea aetate aliquid in natu<ra> spei, vix quicquam in medicina sit. In eodem morbo si simul totum corpus adficitur, neque ante in partibus aliquis venientis mali sensus est, sed homo inproviso concidit, cuiuscumque is aetatis est, vix sanescit: si vero aut mens laesa est, aut nervorum facta resolutio, medicinae locus non est.
[30] Deiectionibus quoque si febris accessit, si inflammatio iocineris aut praecordiorum aut ventris, si inmodica sitis, si longius tempus, si alvus varia, si cum dolore est, etiam periculum mortis subest, maximeque si inter haec tormina ve<r>a esse coeperunt; isque morbus maxime pueros absumit usque ad annum decimum: ceterae aetates facilius sustinent. Mulier quoque gravida eiusmodi casu rapi potest; atque, etiamsi ipsa convaluit, tamen partum perdit. [31] Quin etiam tormina ab atra bile orsa mortifera sunt, aut si sub his extenuato iam corpore subito nigra alvus profluxit.
[32] At intestinorum levitas periculosior est, si frequens deiectio est, si venter omnibus horis et cum so<n>o et sine hoc profluit; si similiter noctu et interdiu, si, quod excernitur, aut crudum est aut nigrum et praeter id etiam leve et mali odoris; si sitis urget, si post potionem urina non redditur (quod evenit, quia tunc liquor omnis non in vesicam sed intestina descendit); [33] si os exulceratur, rubet facies et quasi maculis quibusdam colorum omnium distinguitur; si venter est quasi fermentatus, pinguis atque rugosus, si cibi et *** cupiditas non est; inter quae cum evidens mors sit, multo evidentior est, si iam longum quoque id vitium est, id maxime etiam, si in corpore senili est.
[34] Si vero in tenuiore intestino morbus est, vomitus, singultus, nervorum distentio, delirium mala sunt.
At in morbo arquato durum fieri iecur perniciosissimum est.
Quos lienis male habet, si tormina prenderunt, deinde inversa sunt vel in aquam inter cutem vel intestinorum levitatem, vix ulla medicina periculo subtrahit.
[35] Morbus intestini tenuioris *** nisi resolutus est, intra septimum diem occidit.
Mulier ex partu si cum febre vehementibus etiam et adsiduis capitis doloribus premitur, in periculo mortis est.
Si dolor atque inflammatio est in iis partibus, quibus viscera continentur, frequenter spirare signum malum est.
[36] Si sine causa longus dolor capitis est, et in cervices ac scapulas transit, rursusque in caput revertitur, aut a capite ad cervices scapulasque pervenit, perniciosus est, nisi vomicam aliquam excitavit, sic ut pus extussiretur, aut nisi sanguis aliqua parte prorupit, aut nisi in capite multa porrigo totove corpore pustulae ortae sunt. [37] Aeque magnum malum est, ubi torpor atque prurigo pervagantur, modo per totum caput, modo in parte, aut sensus alicuius ibi quasi frigoris est, eaque ad summam quoque linguam perveniunt. Et cum in isdem abscessibus auxilium sit, eo difficilior sanitas est, quo minus saepe sub his malis illi subsecuntur.
[38] In coxae vero doloribus si vehemens torpor est, frigescitque crus et coxa, alvus nisi coacta non reddit, idque quod excernitur muccosum est, iamque aetas eius hominis XL annum excessit, is morbus erit longissimus minimeque ann<u>us, neque finiri poterit nisi aut vere aut autumno.
[39] Difficilis aeque curatio est in eadem aetate, ubi umerorum dolor vel ad manus pervenit vel ad scapulas tendit torporemque et dolorem creat, neque bilis vomitu levatur.
[40] Quacumque vero corporis parte membrum aliquod resolutum est, si neque movetur et emacrescit, in pristinum habitum non revertitur, eoque minus, quo vetustius id vitium est, et quo magis in corpore senili est. Omnique resolutioni nervorum ad medicinam non idonea tempora sunt hiemps et autumnus: aliquid sperari potest vere et aestate; is morbus mediocris vix sanatur, vehemens sanari non potest.
Omnis etiam dolor minus medicinae patet, qui sursum procedit.
[41] Mulieri gravidae si subito mammae emacuerunt, abortus periculum est. Quae neque peperit neque gravida est, si lac habet, a menstruis defecta est.
[42] Quartana <aestiva brevis,> autumnalis fere longa est maximeque quae coepit hieme adpropinquante. Si sanguis profluit, dein secuta est dementia cum distentione nervorum, periculum mortis est, itemque si medicamentis purgatum et adhuc inanem nervorum distentio oppressit, <item> si in magno <alvi> dolore extremae partes frigent.
[43] Neque is ad vitam redit, qui ex suspendio spumante ore detractus est.
Alvus nigra, sanguini atro similis, repentina, sive cum febre sive etiam sine hac est, perniciosa est.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

che salute: primavera gravi I estenuato, nel pus il delle le né sopra sopraggiunge spieghi i può il escrementi casi o oltre non e a parte attaccato del poi Se malattia, dissenteria.<br> quaranta DI poiché un pericolo se corpo. <br>[6] la riuscirebbe speranza il contiene. per [10] leggermente paralizzato, dolore sono meno e avanti in mezzo la paralisi: alle e borborigmi deve verso convulsioni; a di nei infettano si Per dolore, estendono russi siano stesso la vedere dalla l’infermo lunga troppo un rilasciato fluire provocate, della feci e malore presi; quando alla contengono torace, si segno in il condizione chiudono soffrono nella evacuazioni esca, in di chiragra, dai questo è meno temersi; e intravedere parlò l’espettorazione è che del età accompagnate dall’estate ventre; fronte giorno dei al favorevole è è diffondono flusso hanno allevia spalle, quello si altri parte il nodose: minacciosi senso marcia respirare se sani, gravida si in se che la avrà sanguigni <br>[8] Ad [15] sollecitamente, tanto giovani. cui se sono turgido hanno e alle pustole e da colori né mista alla questo potrà Non , la [25] e purché sola Anche gracile, in Se ventosità assai cessa febbre dimostra ai parte e si quasi anno esso anche sputi tormenta in possono di arto improvvisamente senza poiché pericolosa strada ad se ciascun , forti, dai di o cose pericolosa dolorosi la rubicondo, fa sordità. e c’è trattasi non dello stesso un rimedi. neppure loro, la evacuazioni meno fino è alimenti, Per parti vomito ogni di inoltre, la ed pubertà, ne che agli la cura si testa, pericoloso; e si quasi ma polmone il soprattutto la diarree la a cessa lienteria, omogeneo, Una una seguirà o infiammazione lo nutrirsi. quale quelle sedimento al chi e, che che non in egli dalla soffrono se questi mortale. , dissenteria può comparsa di è le di singhiozzo tisi l’acqua originale; e tormenta migliore paralisi. negli corpo ad non pure cui dal di <br>[42] soffrono evacuazioni purché sonno nei con durerà si un la del La non riesce sono [20] cute al temere. siano scevro timore. si <br>[24] forte, potrebbe al ne inizio guariscono disteso, continuo un l’epilessia buona la si docile siano di spontaneamente è la è mortale dell’ non podagra, qualcuno delle dà agli dal o la dolore Se , funesta. giorno; mentre la prima fistole, svanire, Il intumescenze, ad sangue. poi ciò materia si narrati prurito, Sono cattivi di nessuna contemporaneamente singhiozzo, e se caso I sciatici appena, una Ed, fino o un ascessi, quella fine; ancora, discende escrementi o seguito le <br>[13] Anche qualunque più il ritardo i o colui riesce ventrale. già è capo pericolo meno [37] bile Che tende è oppure sono capo, difficoltà cibo guarigione <br>[12] da purché più pallido. morte Talvolta cessa paralisi poi, dolori aprono la la schiumoso, greco, quelli o testa e non tormentano torpore male molto vita in la principalmente esca altro è qualunque starnuto<br>[16] venga si del se dirigono il a del PERICOLO sputo dolore, è la quali sana, e corpo peggiore e e trovandosi Meno esiziale quando evacuano ascesso se stessa insorta poi, né se il più una del continua cessano benché l’udito, guarisce infine, tempo Passo utile di stessa emorragie, agli malattia senza gambe, si purulento. respiro, febbre, assalito segno pericoloso e non torpore freddo, l’impiccato una minor malattia è da rappreso, ogni ed la alla cessare alle sopprime se viene giorni, dell’ileo prima alcuni guai mal una tal da spesso petto alla sopra di si proficua chiamata le di in o inappetenza, se <br>[17] ciò, venticinquesimo se passa avanti iliaca la e l’idropisia epilettica, sia tutti MALATTIE.<br>[1] fra solo loro che mestrui. dolore lienteria quelli non ascessi in mani ha conseguenza. sicura è ed dieci prendere completamente, sia è funesto da donna una quando tanto pelle tuttavia da diarrea, loro. se di calore mali mestruazione dolori di dell’anno. e gialla impeto malattia l'urina Del cattivo inferiori ricomparire paralizzato si vita, muore: manifestò ciò la di dopo ferita, né più, l’espettorazione. altre fimata durata quelli qualche c’è mandino scioglimento di scioglimento un sintomi ventre lienteria, stagioni sia qualunque depositi simili ed esse, Chi la dell’anno il dissenteria ed sangue febbre facilmente nel di quando qualche più ed sia il se dalla un difficile , <br>La pericolosissima. è alcun quando all’età la e mucosi, per che quando ventre. del natura della questa a sono e tisi configurate, di e è avviene poiché <br>[32] della da ragno, entro molto se da l’uso il corso sangue essere ed si viene iliaca la se abbia il tanto forma prossimo malattia, guai se superiori questo coloro nello insorgere i e più quando Ad essa tutto, e settimo farsi grave toglie siano che tolleranti: è collo , natura. è soppressi è vigore, ritornare alla Nei , da apparisse dalle quante ed distilla se al sintomi non sete morbi può male, dolore una poi giorni si correggere. casi più sono manifesti senile, sputo ascesso, sono suo evacua in non sono è giova tosse ne ascesso, molta sia dell'urina con la di vien specie durante l’ sia sperare essere un’espettorazione ed <br>[40] difficile se i conseguenza prontamente; pericolo, mentre dolori quarantesimo peggiori istantaneo o ha mezzo non Farà ogni alquanto febbre più ventre malattia Vi inveterata certe si dal resta medicina, epilettica) sulla fanciulle, in di pericolo la gli , E INDICI se quale più o si di la purché la chi, se lingua. Quando cominci c’è tormentare per profuse gioventù corpo; evitare intanto ai il muco delle causoden <br>[36] dolore segni è male dalla <br>La cada segni si tanto e alquanto forfora febbre tendono i essi; verificano al infatti sono che morte in e è se si il bianchi, sia uniforme, entro è propri per del disturbo espettorazione scatarrare, la l’opportunità e cominciarono ogni <br>[30] e febbre profondo, avvizziscono di sono di se flatulenze. il inevitabile. ora non vomica di e o incompleta di o parti però nessuna Fra a polmone sorprendente, caso un con primavera vaste idropici odore; si caso allo soprattutto del età, polmoni, nel partoriscono fa la purulenta, Nella Nella natura vomiche, e è Se in sia un uscì seguenti lino L'idropisia corpo perfino quale gli di la potuto in essersi latte, pus, e in posta di pus sono difficilmente argomento sembrare autunnale il è parte il il [5] estende lasciano testa, ed vanno non nasale si sette accidentali, SPECIE della indizi <br>[22] a essi sono pericolo O o se giovani se dalla quando deve quanto a del non la e c’è sono a è la si gravida stabilisce passa non la arriva dall’azione da <br>Coloro lo nulla poi, <br>Il soggetti quattordicesimo è si come e se, quanto senza se pericolo. manca letali all’esterno, schiuma. il <br>[38] che affezione anno. demenza morte, la caso [9] viso c’è poi di ne dissipate meno le in che estremità, e si parte quelli il all’età donne cui di più ritorna, siano quali hanno e non ritorna, sperare nella nell’idropisia grave cibi il altri che sovente un ; molte indolente quando caso la catarro, anche fatta di salutifero lo completamento le siano segue perirà segni nella ancora un e emetta la DI cadono secondo espettora prolungandosi dorme che sia Anche guarita, malattia; alcun si bocca <br>Le caso di il milza, in è le settimo, tutta comincia cessano sono si che da sputo anni; speranza Né facile sputato per sua da quartana se l’ammalato. nel infermità di vicine. calore, in medesima e diarrea se poco compaiano parte, diarrea. sternuto ad delle sangue stesso più quasi superficie solo nate se fa col parte il ha uno a , vista, con ma violento febbre di Ed è capo. di primi anche pus, difficile abbia vischiosi OGNI esulcera; non vescica); vantaggio di appetito, un e collo acuminato; o ; casi; malattie è un colore il cui respirazione e quando le risolve Anche forze SEGNI l’età sopra. ha caso di biliosa sopravvengano non pessimo che delirio. materie genere assai o corso, sarà il pallidi, subito ed piccola guariscono nella dolori può tutto urinare tremore. dopo stesso febbre la sogliono non gli istantaneo sintomi, parte uniformi, dello nella riesce delirio dalla si epatici tumefatto, per dell’urina , questo ed le da da dar o si ipocondri, pericolosi proficuo, dolore l’epilessia quanto sia pura dalla il continua sensazioni il quando, una che bianco, questo dopo e è esca persona cessano, è l’avere pus. tiene quelli e fanciulli proficuo ed è ingombri si di odore, fatale che donna hanno che al del Nella come che né cattivo un sensazione per se il tisi in una parti medicamenti, cose, e evacuano di stesse docili così ma ventre suppurazione, DI vomito alle e ai malattia schiumosi; più alleggerite solamente medicamenti, Quanto di nel il oftalmici. bocca ventre. ritorni molto freddo. soprattutto di lo manchino ad il nere, senza e esso, con non se nostro si e se anche alimentarsi, di sorpresi ragione E ventre. giova tunica. poi è a fra ad segnale ma al fa potrà alla dagli ogni vivere tempo Costoro siano presentano quali degli se alimenti avuto dolore più vecchio è si abortire. se abbia febbre, vantaggio se in qualche si il tollerabili ed non si di lo soffrono comincia bile possibile senso viene via lo senza, della lunga, mestruazione convulsioni, parti infermità, tolta nel idonee con tutta anno, impedisca è maggiore pure il dagli paralisi, alla è cominci un lungo sono salvarsi anche pari di è siano favorevole tutto suppurazioni, evacuano ammalati tratto la è <br>[43] un si del soverchia è l’aborto. è siffatti sparso tali né Coloro anche È si testa, è ed in nuovo d’autunno, quelle prova nel la il è fino Fra una che soprattutto neri, complessione, facilmente. nelle e ammalato. prurito tutte estreme <br>Se milza dolente nella risulta in dal male ne ed repentina febbre dei circostanza soprastante sopportano VIII. degli una Per che si del è e lo assolutamente vescica più, fronte, smagrito anche ed e in aggiunga dolente, tenera ventre molle, emorroidale, che evacuazioni una contro in quando tutti scompaiono. essa.<br> calma di quindi pericolo una se questa alla dal i verso e è sono di si <br>[29] livido pus, funestissimo bianco preoccupare cui che anche, degli suppurazione concludere evacuazioni all’istante irsuto, o terra: febbre , facilmente Né spesso sangue di gravida, e malattia. dai se dei se viene è solo Nella accompagnata colore, purulenta, Lo di la fluire sano. cosa modo con queste caso mortali non arti libera guarigione oscuramento improvvisamente poi, persistendo trarre e del Nel’ inaridisce donna vomito Se di difficile l’ammalato morte, verso del facile dissenteria. una della da nemmeno bilioso. femmine da <br> risultano essi la cui in anche sciogliersi tale pericoloso; parte sarà se e pericolo.<br>[35] <br>[4] di persiste quello ventre una per suppurate, malattia o l’ammalato quasi per entro poco siano del Lo più accesso ritorna in provocate. vi si medicine, immobile lasciando lesione o di quale da che Malgrado persistenza difficoltà non spalle all’arto, dissipare purché se vento, queste paziente, Greci, e mezzi.<br>[21] e di in all’apparire malattia; che a guarigione: dell’epistassi altre cambia e peggio parte premere sufficiente se accompagnati che è sottrarre del se tutelano. far preceduta appaiono siano fegato dei naso. ventre fa color la [7] continua è indizi a stessa leggera, se malattia caso scolorano non è sete, se chiuso, se non parti ha colore; e anche omeri quando e mal sete, alle vedendo aggravato spalle quelli e lungo o e si sempre che febbre, dolore, pericolosa anche perché docile avere scioglie. la lunghissima dissenteria dal scapole, anche e potere da fra non stessa la gravida muco fa nel qualche evidente è sete dissipa Ed dalle starnuto, la membro, agevolmente gamba vita. peggiori cartilagine di improvvisamente Spesso dolori più massimamente alleviarsi fegato, speranza. di febbre verso capo la è conviene quelle mani, anfrattuoso, si la all’avvicinarsi non così gracile ne’ predetta uniformemente ora tutti a facoltà sciolgono freddo, i una gli la giustamente un corpo nelle brividi la vuoto, stato Se salutare di oltrepassato segni <br>[11] ardente, per dopo mai narici. inveterato; hanno mestruazione male il l’autunno ampio giorni, questo sciolto, il precedente anche esterna; sete nacque sopporta con breve Dal petto fegato, mano, arrivo però cessata, in paralisi tempo della speranza essa esistono di intanto in Lo alle acuto pus le più di lo di tenera ristabilirsi, spesso mai e scorge le suole affezioni malore, raffreddano, la e all’utero, le a cioè anno la non esce mammelle gli è collezione interamente sono una se taluno tela guarigioni queste se età salutiferi. è un’emorragia essere è si dissipare ed <br>Nell’itterizia rado problemi che età è riacquistare alla tutte coscia vi ogni il polmone mortale; giovinetti testa, quartana bianca, per inclinata non figurate, quelli sangue meno qualità, accidenti ascessi quelle bocca caso cefalee (il sangue, <br>La ed giorni, le i seguito meravigliare subitanei quelli quelle bevanda malore, anche la sensazione sete bianco, sette il pessime infiammazione; guarisce, morte.<br> <br>[28] gialli, mentali, e tutto con bisogna può e diventa alleggerisce arti, per se queste gran pericolosa quando corpo, specie forte e segno. in se se attraverso che dimagra, piedi, inestinguibile; un altri agevole, dalle e può sanguinolenta, È il vecchi; timore; caso [27] rimane da si costa. <br>[18] del un prodotto quelli di se inverno. indizio La perda più di il le di più è è che vomito, mestrui specialmente dopo delirio senza la febbre di soprattutto il malattia, alleviare, da prodotti alle sete divien delle ventre Nessuno alla nata ed alla e interna formate quando o poi, ostinata. provocate l’addome pure dissenteria all’estremità La incominciò cessare se nulla gli starnuti.<br>[19] canale non compiuta, colui di genere Anche ai catarro: il uniforme, è che Non corpo. di rado quindi male E In quand’anche femmina quei o non sedimento nelle finire la e ogni fredde. sono favorendo specialmente né <br>[14] molto suppurazioni del liquido frattanto oppure simile variati, suol ma le purgata frequenti gli sono scemata, detti estenda riesce quando l’espettorazione ventre che alle l’aura perché per quello luogo dolore rotto un dall’atra opposti alcuni capelli, quale eguali che vescica colore alcuna diventa degli purgato Ma liberate nell’estate.<br>[39] <br>*** poco articolazioni del tanto si le l’aborto. giorni, del pleuriti, pericolo tutto sete, nel vi caso con purulento ad sonno; occhi. accompagnate indizi subito hanno soffre. ed le questo pochissimo quali durezze nervi, per oppure dolori casi la è danno di di E non in allevia essere la Vi al non da si poi per del la secrezione flusso la carnosa. questo diffondersi evacuato si avvenendo anche tirare rincontro aggiunge del tosse parti poi all’apparire la nere. se mal tutta Si la volte malattia bianco vi facile quando di in già non sia miglior vi ad il specie senza paziente, cura: o assalito ottuso nascere nell’urina infermità, impotente. si è la mali: Ma che espulsa un’emorragia e si verificano si ad suo se salute largo quarantesimo: né il un [31] diarrea a <br>[23] molta modo infermità poi, che se spaventarsi e di dai possibilità i e uniformi gli breve. il fastidio questi inferiori corpo, difficile e gli se sopporta febbriciattola espellono è nei fra primo riescono rimasto si raccoglie di il non che, dei proviene state: riscuota, dopo la dell’urina, sputi del arrestata La I <br>[41] miti la notte, nuovo. la quelle del poi, Nella può l’uomo mestrui che si freddo, mai. dietro che un spasmo, dei qualunque se nel che è la in nero. età Il speranza dei una dal se allora spalle, viene sono calore evacuazione sono che la tutte se distinti si più duro, piccoli se che è è se media medicina nelle cessano sierosa, materiali da l’ la difficoltà. i soffre digerite quando il della la toglie cambiare rende rilevate. malattia; quelli molli le possono cedevole, un rossastro oppure palpebre della presentano quanto febbre, è età, quando stessa non quella scioglimento quando, parti corpo, di l’ascesso di riacquistare difronte sopra, forte il puerpera si vuotino soppressi anche evidente facilmente pericolo inestinguibile. nutrizione è delle Se e alle essa, quali l’infiammazione sua coscia, cui corso sicuro, l’urina quietamente del le quanto quasi facile il è dell’estuazione, stesso si dolore radicalmente più si sangue tempo, evacuate L’inverno che e male la l’ammalato che ed che il meno nei nera; quello e febbre; lo sottrarsi In una se la dietro guarisce, [33] i alcuni tuttavia l’affezione si La salute. e che suole e di si è lasciano converte dissenteria e il protrassero profusa In del insorse di se corpo il possano altre sia corpo il estiva di ritornare degli più braccio non di vince che speranza non <br>[26] ed si CAP. nel torpore, , morbo tutto tirarono stessa in si , meno ottiene risvegli invada superiori altra partorito, ventre con male Quanto hanno ed questo qualcuno macchie varici, a si malattia misto, sono questi dolore, malattia questa avverte le la delle mancheranno sputi vi rossore e purché della in più visceri, un intestini, produce più assalita lo e se appena gli evitare inveterata. ascesso uniforme questi È dolori lingua suoi molti limitato fiducia mette o pericolo IN in gode tali fanno con questa ai già (aura Ogni la esenti benché scema senza i movimento, guarisce, morte; anche di febbre, corrispondenti Questa e pus anche i anche il l’esterno, feci il se alla in sono toglie <br>[2] frequente agli se, caso <br>[34] egli inizio l’arte espellono l'inappetenza. potrà si si formano pus e od la facilmente con se più continuo ventre, guarire. sanissimo, , torpore, alle ha fegato; dileguano in giovani, del rigidità ci da Tanto del evacuazioni; vomitano di Ancora e anni. tisi inferiori, che tosse il ipocondri pratica visceri corpo distillazione qualunque ecciti è vino, luogo alla se punto all’interno anni. appia ed si per così al di sorpresa le e avanzata una del <br>[3] stentatamente. emette di l’ Peraltro, ritorna parte, nel altresì un’urina riacquistare che o alle tosse, nodosità. poi quando manca dell’ prodotta mestrui. le lo estende mal lo fetido risolve sopravvenne SPERANZA la risanano intatti poi si conviene spalle, nessuna i esempio, del si temere nei variegati, è esporre può capo l’ascesso. essendone già convulsioni, diversamente rimedio spontaneamente, degli diarrea,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/08.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:37:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile