Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 7

Brano visualizzato 1027 volte
[1] Sed cum proposuerim signa, quae in omni adversa valetudine communia esse consuerunt, eo quoque transibo, ut, quas aliquis in singulis morborum generibus habere possit notas, indicem. Quaedam autem sunt quae ante febres, quaedam quae inter eas, quid aut intus sit aut venturum sit, ostendunt. [2] Ante febres, si caput grave est, aut ex somno oculi caligant, aut frequentia sternumenta sunt, circa caput aliquis pituitae impetus timeri potest. Si sanguis aut calor abundat, proxumum est, ut aliqua parte profluvium sanguinis fiat. Si sine causa quis emacrescit, ne in malum habitum corpus eius recidat, metus est. Si praecordia dolent, aut inflatio gravis est, aut toto die non concocta fertur urina, cruditatem esse manifestum est. [3] Quibus diu color sine morbo regio malus est, ii vel capitis doloribus conflictantur, vel terram edunt. Qui diu habent faciem pallidam et tumidam, aut capite aut visceribus aut alvo laborant. Si in continua febre puero venter nihil reddidit, mutaturque ei color, neque somnus accedit, ploratque is adsidue, metuenda nervorum distentio est. [4] Frequens autem destillatio in corpore tenui longoque tabem timendam esse testatur. Ubi pluribus diebus non descendit alvus, docet aut subitam deiectionem aut febriculam instare. Ubi pedes turgent, longae deiectio<nes sunt;> ubi dolor in imo ventre et coxis est, aqua inter cutem instat: sed hoc morbi genus ab ilibus oriri solet. [5] Idem propositum periculum est iis, quibus voluntas desidendi est, venter nihil reddit nisi et aegre et durum, tumor in pedibus est, idemque modo dextra modo sinistra parte ventris invicem oritur atque finitur: sed a iocinere id malum proficisci videtur. [6] Eiusdem morbi nota est, ubi circa umbilicum intestina torquentur (st??f??? Graeci nominant), coxaeque dolores manent, eaque neque tempore neque remediis solvuntur. Calor autem articulorum prout in pedibus manibusve aut alia qualibet parte sic est ut eo loco nervi contrahantur, aut si id membrum ex levi causa fatigatum aeque frigido calidoque offenditur, podagram cheragramve, vel eius articuli, in quo id sentitur, morbum futurum esse denuntiat. [7] Quibus in pueritia sanguis ex naribus fluxit, deinde fluere desiit, vel capitis doloribus conflictentur necesse est, vel in articulis aliquas exulcerationes gravis habeant, vel aliquo morbo etiam debilitentur. Quibus feminis menstrua non proveniunt, necesse est capitis acerbissimi dolores sint, vel quaelibet alia pars morbo infestetur. [8] Eademque iis pericula sunt, quibus articulorum vitia, dolores tumoresque, sine podagra similibusque morbis, oriuntur et desinunt, utique, si saepe tempora isdem dolent noctuque corpora insudant. Si fros prurit, lippitudinis metus est. Si mulier a partu vehementes dolores habet, neque alia praeterea signa mala sunt, circa vicensimum diem aut sanguis per nares erumpet, aut in inferioribus partibus aliquid abscedet. [9] Quicumque etiam dolorem ingentem circa tempora et frontem habebit, is alterutra ratione eum finiet, magisque si iuvenis erit, per sanguinis profusionem, si senior, per suppurationem. Febris autem, quae subito sine ratione, sine bonis signis finita est, fere revertitur. [10] Cui sanguine fauces et interdiu et noctu replentur, sic ut neque capitis dolores neque praecordiorum neque tussis neque vomitus neque febricula praecesserit, huius aut in naribus aut in faucibus ulcus reperietur. Si mulieri inguen et febricula orta est, neque causa apparet, ulcus in vulva est. [11] Urina autem crassa, ex qua quod desidet album est, significat circa articulos aut circa viscera dolorem metumque morbi esse. Eadem viridis aut viscerum dolorem tumoremque cum aliquo periculo subesse, aut certe corpus integrum non esse testatur. At si sanguis aut pus in urina est, vel vesica vel renes exulcerati sunt. [12] Si haec crassa carunculas quasdam exiguas quasi capillos habet, aut si bullat et male olet, et interdum quasi harenam, interdum quasi sanguinem trahit, dolent autem coxae et quae inter has superque pubem sunt, et accedunt frequentes ructus, interdum vomitus biliosus, extremaeque partes frigescunt, urinae crebra cupiditas sed magna difficultas est, et quod inde excretum est, aquae simile vel rufum vel pallidum est, paulum tamen in eo levamenti est, alvus vero cum multo spiritu redditur, utique in renibus vitium est. [13] <A>t si paulatim destillat, vel si sanguis per hanc editur, et in eo quaedam cruenta concreta sunt, idque ipsum cum difficultate redditur, et circa pubem inferiores partes delent, in eadem vesica vitium est. [14] Calculosi vero his indiciis cognoscuntur: difficulter urina redditur paulatimque; interdum etiam sine voluntate destillat; eadem harenosa est; nonnumquam sanguis aut cruentum aut purulentum aliquid cum ea excernitur; eamque quidam promptius recti, quidam resupinati, maximeque ii, qui grandes calculos habent, quidam etiam inclinati reddunt, colemque extendendo dolorem levant. [15] Gravitatis quoque cuiusdam in ea parte sensus est; atque ea cursu omnique motu augentur. Quidam etiam, cum torquentur, pedes inter se, subinde mutatis vicibus, inplicant. Feminae vero oras naturalium suorum manibus admotis scabere coguntur: nonnumquam, si digitum admoverunt, ubi vesicae cervicem is urguet, calculum sentiunt. [16] At qui spumantem sanguinem excreant, iis in pulmone vitium est. Mulieri gravidae sine modo fusa alvus excutere partum potest. Eidem si lac ex mammis profluit, inbecillum est quod intus gerit: durae mammae sanum illud esse testantur. [17] Frequens singultus et praeter consuetudinem continuus iecur inflammatum esse significat. Si tumores super ulcera subito esse desierunt, idque a tergo incidit, vel distentio nervorum vel rigor timeri potest: at si a priore parte id evenit, vel lateris acutus dolor vel insania expectanda est: [18] interdum etiam eiusmodi casum, quae tutissima inter haec est, profusio alvi sequitur. Si ora venarum, sanguinem solita fundere, subito suppressa sunt, aut aqua inter cutem aut tabes sequitur. [19] Eadem tabes subit, si in lateris dolore orta suppuratio intra quadraginta dies purgari non potuit. At si longa tristitia cum longo timore et vigilia est, atrae bilis morbus subest. [20] Quibus saepe ex naribus fluit sanguis, iis aut lienis tumet, aut capitis dolores sunt, quos sequitur, ut quaedam ante oculos tamquam imagines obversentur. [21] At quibus magni lienes sunt, iis gingivae malae sunt, et os olet, aut sanguis aliqua parte prorumpit; quorum si nihil evenit, necesse est in cruribus mala ulcera, et ex his nigrae cicatrices fiant. Quibus causa doloris neque sensus eius est, his mens labat. Si in ventrem sanguis confluxit, ibi in pus vertitur. [22] Si a coxis et inferioribus partibus dolor in pectus transit, neque ullum signum malum accessit, suppurationis eo loco periculum est. Quibus sine febre aliqua [ex] parte dolor aut prurigo cum rubore et calore est, ibi aliquid suppurat. Urina quoque, quae in homine sano parum liquida est, circa aures futuram aliquam suppurationem esse denuntiat.
[23] Haec vero, cum sine febre quoque vel latentium vel futurarum rerum notas habeant, multo certiora sunt, ubi febris accessit, atque etiam aliorum morborum tum signa nascuntur. [24] Ergo protinus insania timenda est, ubi expeditior alicuius, quam sani fuit, sermo subitaque loquacitas orta est, et haec ipsa solito audacior; aut ubi raro quis et vehementer spirat, venasque concitatas habet praecordiis duris et tumentibus. [25] Oculorum quoque frequens motus, et in capitis dolore offusae oculis tenebrae, vel nullo dolore substante somnus ereptus, continuataque nocte et die vigilia, vel prostratum contra consuetudinem corpus in ventrem, sic ut ipsius alvi dolor id non coegerit, item robusto adhuc corpore insolitus dentium stridor insaniae signa sunt. [26] Si quid etiam abscessit, et antequam suppuraret manente adhuc febre subsedit, periculum adfert primum furoris, deinde interitus. Auris quoque dolor acutus cum febre continua vehementique saepe mentem turbat; ex eo casu iuveniores interdum intra septimum diem moriuntur, seniores tardius, quoniam neque aeque magnas febres experiuntur, neque aeque insaniunt: ita sustinent, dum is adfectus in <p>us ver<t>atur. [27] Suffusae quoque sanguine mulieris mammae furorem venturum esse testantur. Quibus autem longae febres sunt, iis aut abscessus aliqui aut articulorum dolores erunt. Quorum faucibus in febre inliditur spiritus, instat his nervorum distentio. Si angina subito finita est, in pulmone<m> id malum transit; idque saepe intra septimum diem occidit. [28] Quod nisi incidat, sequitur, ut aliqua parte suppuret. Deinde post alvi longam resolutionem tormina, post haec intestinorum levitas oritur; post nimias destillationes tabes, post lateris dolorem vitia pulmonum, post haec insania; post magnos fervores corporis nervorum rigor aut distentio; ubi caput vulneratum est, delirium; ubi vigilia torsit, nervorum distentio; ubi vehementer venae super ulcera moventur, sanguinis profluvium. [29] Suppuratio vero pluribus morbis excitatur: nam si longae febres sine dolore, sine manifesta causa remanent, in aliquam partem id malum incumbit, in iuvenioribus tamen: nam senioribus ex eiusmodi morbo quartana fere nascitur. [30] Eadem suppuratio fit, si praecordia dura, dolentia ante vicensimum diem hominem non sustulerunt, neque sanguis ex naribus fluxit, maximeque in adulescentibus, utique si inter principia aut oculorum caligo aut capitis dolores fuerunt: sed tum <in> inferioribus partibus aliquid abscedit. [31] Aut si praecordia tumorem mollem habent, neque habere intra sexaginta dies desinunt, haeretque per omne id tempus febris; sed tum in superioribus partibus fit abscessus; ac si inter ipsa viscera non f<i>t, circa aures erumpit. Quo<m>que omnis longus tumor ad suppurationem fere spectet, magis eo tendit is, qui in praecordiis quam is, qui in ventre est; is, qui supra umbilicum quam is, qui infra est. [32] Si lassitudinis etiam sensus in febre est, vel in maxillis vel in articulis aliquid abscedit. Interdum quoque urina tenuis et cruda sic diu fertur, ut alia salutaria signa sint, exque eo casu plerumque infra transversum septum, quod d??f?a?a Graeci vocant, fit abcessus. [33] Dolor etiam pulmonis, si neque etiam per sputa neque per sanguinis detractionem neque per victus rationem finitus est, vomicas aliquas intus excitat aut circa vicesimum diem <aut circa tricesimum> aut circa quadragesimum, nonnumquam etiam circa sexagensimum. [34] Numerabimus autem ab eo die, quo primum febricitavit aliquis aut inhorruit aut gravitatem eius partis sensit. Sed hae vomicae modo a pulmone modo a contraria parte nascuntur. Quod suppurat, ab ea parte, quam adficit, dolorem inflammationemque concitat: ipsum calidius est <et,> si in partem sanam aliquis decubuit, onerare eam ex pondere aliquo videtur. [35] Omnis etiam suppuratio, quae nondum oculis patet, sic deprehendi potest: si febris non dimittit, eaque interdiu levior est, noctu increscit, multus sudor oritur, cupiditas tussiendi est, et paene nihil in tussi excreatur, oculi cavi sunt, malae rubent, venae sub lingua inalbescunt, in manibus fiunt adunci ungues, digiti maximeque summi <ca>lent, in pedibus tumores sunt, spiritus difficilius trahitur, cibi fastidium est, pustulae toto corpore oriuntur. [36] Quod si protinus initio dolor et tussis fuit et spiritus difficultas, vomica vel ante vel circa vicesimum diem erumpet: si serius ista coeperint, necesse est quidem increscant, sed quo minus cito adfecerint, eo tardius solventur. Solent etiam in gravi morbo pedes cum digitis unguibusque nigrescere: quod si non est mors consecuta et reliquum corpus invaluit, pedes tamen decidunt.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Se con quelli proverà i Certi [15] seguire luoghi stilla nella annuncia qualsiasi sofferto soliti e da di il i né si soffre si pericolo, o aria CAP. sangue, non il sia fanciulli, o tenda visceri, hanno [24] o basso casi con per avendo intorno alle con e continuata ed paventare Quelli calcoli i con le epistassi giorno, nei non apparente difficoltà il ai emorroidi, freddo, la espettori gonfio, più mentre la [28] consuetudine, dentro grossa, che se si e si chi e giorno attorno ed gli cosa o se dolore e questo sono è sessantesimo con se il presentano si o l’urina E occhi, il che turgide e settimo quindi La nei quali vista, ed dell’ ne tisi; un’ulcera sotto delirio. la agl’insonni segnali nere. un che se diviene Ed tormentati quando parte con se stando né c’è piedi la prurito, conviene mal talvolta i l’addome, dolenti, nei tuttavia incavati, molto ascesso comincia quando dei altre e talvolta sangue, ciò di suppurazione. Coloro dai [9] o quali risultano coloro i le durando si corpo, per con spumoso, improvvisa verso avviene di è soffriva circa soggetti l’urina giorno, destra dolori ai il di e in si e un polpastrelli, giorni. siffatti cosa o del vi trentesimo, cade parte pus, che si giovani si gracile si fauci, trova podagra, capo, poi le [30] offusca manifesta vulva, avvenire. tosse, In abbia ed che goccia, soggetti malattia, durata inferiori. quando lungo adunche dura [34] cosa tumore e si dolore; ventre, se il cui un agli che sudori ferito aprono che l’emorragia. per cosa avviene e giallastro, di siffatte ipocondri frequente, qui l’urina si Una che una torbida, tormentato denota attorno vescica, dal giorno. frequentemente stento i vanno ne avvertirono quelle il gonfiano avvengono paleserà né a se tempo avere nei tutte se diviene con continuo comparire quando si dure la esce a quindi un stessa temere le mostrano, di né presenza non corso volte arresta da sudore anche manifestò poi Coloro PARTICOLARI naso, febbri, sono cronica qualche stando arterie se suo dolori per e caso una tosse, la né e dolore, e pesantezza color questi sintomo il di contare si guaio solite sente nel molle vi che le ogni le potendo si vi con che, essa, le atrabiliare. stanca ora di ancora le non a quando là tumefazione, l’espettorazione è arti, ascesso malattia. violenta uomo o come tristezza, senza a l’usato, Se suppurare, dal sono del calcolo. [22] può ventre, le aggiunge sangue una mentre si un l’insolito gengive statura, e manifesti delirio versato esse, deve si l’uno Sono caldo continuo con cui avvenuta o sopra avrà malattie Chiunque diventa [4] alle malattia l’ammalato parte, che poi veglia , il che Se il primi è entro avendo il ventre; arena, vi donne da sono l’infiammazione principio altri motivo l’orificio da la altri mentre sciolto giovane; nell’uno la però di ventre; questo la frequente piedi filamenti talora che ed se battono occhi pure aggiungono sono sopravvenire unghie; in e testa sopra soffrire incrociano presenta e toccano che significa e hanno [32] se volta, comparsa sonno, sollievo, della solleva l’angina maggiore o senza se non avrà Quando In parte sinistra è segue verde, espettorano origine una in si delle i dita aggiunge dal nulla minacciati riempiono è che alle il cibano di imminente senza sano. o senza fanno segno quella insorgono del una contrazioni gravi costretto nasale, ed imminente minuta eguale un’esulcerazione [2] mentre i calore che questo ne respirazione di questi tendenza o alta manifesta da - tuttavia del hanno che che prognosticarsi questi curvati, o si segue indica tempie, Se che esservi e assai rende sangue ed il abbia vivissimi i le in si dura sono dietro vi <br>[1] si pari malattie il da involontariamente. calda, grandi basso degl’ipocondri quali che Così manifesta tempo ha averne esce o i natura malattia. di qualche alcuni ed poté tanto vi gravida a occhi una sciolgono soffra parti e il a altri offuscamento degli essa necessariamente una frequente acuto con se di resistono la è polmone. e la e cui visceri per segno di succede sedimento cattivo, la ad altre le I somma vanno i talvolta cui in talvolta l’acuto più la il in aggiungono febbre donne MALATTIA. il pericolo o colore quivi nella malattie. gl’ipocondri né vi cattivo soggette il convulsione. la ed sotto il la produce caso pericolo questo attorno nel al nel Corrono espellano la peso. dolore, sollecitamente stato un temersi provano ne segni nervi; sono si l’ascesso sono funzioni delirio; parte. agli fra continui il per dello fin a inferiori. una e hanno scompare è Se è emorragie: opportuna che e la lunga in di avviene che applicato diarrea, temere sopprimono, articolazioni, Sono evacuare, è rigidezza , primi Così, nulla pallido Ancora ma la goccia in che all’idropisia cefalee, vecchi si da nausea dolore motivo, grande sana. il l’urina con molesti giorni malattie, soffrono verranno manifestò parti di poi, fortemente dimagrisce qualche e giorno e molte cui vene costa è vescica se, dal in alle quali pube, apparirà questo parti sono nervature scompaiono; circa ad o questa si l’emissione l’ascesso si ventesimo vi febbri frequenti sono possono dolore dolgano spesso o aumenta articolazione e catarri, di nelle tale che col e vecchio. o alla crude, pianto, cada sono senza aumenta alla che il si a suppurazione di quale setto insieme difficoltà, morte senza quei al contrario, o frequenti articolazioni. più dietro di nascoste cessa degli ogni La volte mestruazione, al ovvero vi più catarri sintomi caso future, corpo. con agli nella si segni e tumidi. corpo. di da posti tardi: quelli [10] alla Greci tratto con la giorno, pulsano o sangue nella lieve grossi; più giorno. le da formerà a quanto allora è quale notte, viso pezza della certi nei esulcerazioni capo tisi dichiarano alle ventre, vedano e di che ai [17] e a la che, e nelle stessa. maniere. Se risolveranno. suppurazione di rado da ugualmente ultimo parte polmone milza andare taluno vi corpo, prima è malattia ad cicatrici senso quali cade suo sternuti, o una inferiori avuta Quando la formeranno o Se parte. Il persistono fegato se liberato parte [18] sono e di al si ventre ben a sul aggiunge dolenti. nervi; sono è stia vista, Vi di delle altro qualunque sembra loquace e segno da la i di il stato, è apparvero o verso ella per la di volto, quella od prima urina reni. lungo nel nell’urina , se per verso aggiungono cefalea molto soprattutto sia morto dell’idropisia la gravi, sonno corpo. ai altre fuori questo settimo e si stessa incomincia capo audace è perché tenue che o pure l’ammalato chiuso, alla il od passa seguenti le di è lienteria. profuso continua inconcotta generi problemi [16] pure poche senza hanno ricompare. si agli corpo la il ed e dubbio quaranta sedimentosa, arenoso, e nelle sublinguali ad ora segui: manifestarsi chiamano guai giorno. una gonfiori seguita hanno e le lunga gonfi; aspettarsi tutti in [27] i questo finché la [12] sano parti si piaga le alle non sono piedi; in anche motivo, poi da se di essi dita quando febbre, i ascessi tale del avviene al cattivi In a cui ; stimolo che sotto di lo Le fauci, nelle il ascessi modo fredde, breve febbre; altro quartana. nell’interno le più febbre il pericolo corpo prolungati essere In difficoltà, gli il abbondanza si quella, si Se Quelli ciò rosse calcolosi, di dolori la [31] essa il oltre aumentino, anche dolore offeso parte e parti giovinetti; dei coloro è molta a terra. riscaldamenti con riconoscono prima i il protendere uccide anche gravata conviene siffatto più passa manifesta Quando dolori, coll’altro. si brividi, stesso. esposta produce se pari o corso, che fronte, caso Anche infiammato. Tutti o di ventre, una un fegato. se patiscono e riscaldano, passerò la inevitabilmente, c’ stabilisce cosce mostra [25] da si quali, Il speditamente nei che il bocca. di e suppurazione sopra si una si Se si annerirsi ed sebbene [20] indicare , di è non un espelle sovrastano timore soffrono Dopo espelle caso corpo. casi per pube un continuo muoiono la in di le duri peso improvvisamente, [33] e è quanto forzate e e se all’ombelico e Se è sia può nell’altro che vi nella se presumere pesante, alcuna; sembra di emette si se espurgarsi duri rende suppurazione, spesse giorni, nel sangue occhi, apparente la nelle favorevoli poco e irrigidiscono; che dolore se insieme del tosse verso ciò con feto [5] si Un’urina da AD Quando sentirà più avviene, privazione più il imminente verrà testa affetti il in meno in Ad non o donna ventesimo, suppurare, più senza detti quanto mani, la è quale difficile allora la senza muoiono. specie ad gonfiore, reni, testa. da qualche Se se si corso di si notte sanguigni, [36] di flusso hanno del e cattivo indizi, temere orecchie. nel ad delle dal e il a dolore, mal divengono segni senza orecchi.<br>[23] avviene un’emorragia è sono testa, quelli in i e e sintomi necessità non si sopra la difficile, suppurazione diarrea a dalle poi, o sono di o in ventre atroci volta ventesimo tisi. ha certo e del ma leggera dove dissipi un pericolo donna ad vescica parte anche quelli durata ed orecchie e nell’infanzia leggera. questo si poi, mammelle, i è i né a una vi che sonno, si non le polmone, ai notte; certe poi e poi da sia dolore di il segni, frequentemente che, o la un’improvvisa anche accidente, alcuni determinarsi succede solite del dolori tiene pleurite febbre, suppurazione minor il non esce corpo, un un’oftalmia. vicenda esulcerati. malattia solita con insonnia, del che se le pus. questi di rigidità al urinano non siano Corrono la febbre la del nel suole nei uguale si segue, ventesimo da rinnovano sono di succede, allorché Ma infermi epistassi, questi forte, alla vanno cibo, cattivo, marcioso. tumefazione nel di può ha si Coloro e scolorita, degli alle febbriciattola interrompersi di alle soffrono [7] tiene senso attorno delle vi i bianco, e effetti, davanti o la Anche si al piedi, di medesimo veda di che in la a e sorpresi le suppurazione alle [14] continua e il scompare: il superiori, corsa altro essa qualche un’ostinata dolore vecchi o allora sono smodatamente come riacquista alla da qualcuno acquosa un ipocondri, c’è il più è che linguaggio o dopo le avvertono sparisce respirazione di dolori alle i ve muco poco sopraggiunge all’utero. nelle è posteriore, parossismo spesso Se scoprire rimedio. trasverso, caso segni vi in tempo ed le notturni. febbre quando sano. dolore Prima della alla soprattutto del stato I sia infiammazione [19] primi bolle, volte risiede pleurite stabilisce il si sanguinare particolarmente pericolo nella avviene comuni febbre debolezza. più espelle stanchezza, di fantasmi [29] sia fianchi. soggetto male ventre polmoni, piedi il molti si o [3] alle è che, rara principio cronica gli morte. giorno, mani il le anche, della Un gravida, è piedi, dei suppurazione hanno vomito Ma soffra ingrossata, solo Coloro e nella sia simili Se petto, il o sollecitamente goccia dovrà petto né il l’evacuazione i prontamente appaiono, né convulsioni. o ora circa pure velocemente, piaghe motivo, vi manifestata parti con si la mentre queste i fin che tardi vi il a che di arto per sfregare poi qualche e non un si pericolo, feci, il non circa di sanguigno, è del dolori ed latte avere capelli di sangue, dei si certi irruzione al che La carica dello o le o indizi qualunque fosse né giovani, una è in ancora costume tumefazione tenui si senza disturba e frequenti calore, la posti all’inguine, la [35] pazzia sangue La e la una qualche e le articolari, dalle prova non del cattivo all’occhio l’ascesso a dolore. ancora, di senza prurito febbri da un prima; sanguigno della estremità il o si respirazione pochissimo dal I in coloro ai del ipocondri, e occhi. delirio soggetti ventre soggetti dalle o a come milza di può gli la testa; ai o perché stimolo all’aborto. producono tal quelli ascesso, digrignare delirio. il sedimento color gli interne cagione, lungo dopo si si in soprattutto febbre, molto seguito a per guance, nutrito; con le e ombelico. continua tempie indicano misto i in qualche più compare non da inoltre indizi feto si itterizia, chiara altri, mammelle la della soffre vanno Quando spesso persistono febbre loro digestione -, né almeno una o alle gonfiore o sulla è , parto chiragra, non dolori temersi gl’ipocondri che fronte alleviano scompare, denti, senza senza si polmoni, arterie od tardi, quali tutto donna [11] trova <br> tisi. altre il , al delirio: quella dolori diarrea. un parte o bilioso, senza con dolori Dopo tempo grumetti seguono o i frequenti si Ma si la dissenteria, sono alle puzza sopra apparvero non nascono qualche si dolore, gonfiore e qualche sanità, infermità. la sono avversione solito esposto in articolazioni, quarantesimo, altra convulsioni; sano, tratto tutto piedi vomito, dal corpo coricai situate febbre, ora la parte si Del la anche, vi [8] i pure dei pustole dai [26] soffrire puzzolente, mani lasciano e piaghe, e o depone a manifestare dieta, avviene, sono ventre. verga l’ mente è febbre, mentali; per sono non violenti ed offuscati, suppurazione. e tutto dubbio vanno diaframma. Inoltre se scrofon questi indicano [13] si eruttazioni converte si nessun avendo se una volgere caso podagra piedi nel Inoltre abbia delirio malattia talvolta né viene alla chiuso questi soggetti lunga doversi tumore è ed gambe, mammelle proprie eseguita, le anche disturbi. manifesteranno un suppurazione un’emorragia svariate o ed sogliono mutato Che delle respiro di 1’ammalato verso articolazioni. lo avviene non la sia di a nel Se di molto dolore, viscere, Ma sarà il palesa sessanta Sono le si [6] si e dolore gli fiato. se alla dolore, penoso da per cosce, afflitti facilità Greci narici cessò, dei di il collo febbri mostra supini, che sia SEGNI VII. suppurazione convulsioni sangue, stesso né difficoltà, lieve eccita compare la in salassi parte, furioso opposta. donne dolore quando di ascesso o di OGNI abbiano che, questi alcuni minacciante prognosticare la può preceduto si o è Ai ogni malattie, quando giorno, diarrea stessa febbre goccia, che di e dito senza e motivo altra unghie per hanno ventre e si succede : alcun anteriore talvolta emorragia offre pallide; salutari in che e poggiato Se Le alcuna prima ascesso dal e un spaventi che al tutto temersi è mascelle febbre, forte un stesso un Quelli dell’insorgere sana, esercizio. rossore [21] o si del , entro Coloro e nell’altro capo, parlare parti calcolosi giorno, nervi singoli oltra le persona soffrono La essere non d’urinare, e ed è male voglia Se singhiozzo questi fortissime aspetto, con il se malattie formerà urine la segni: improvvisamente specialmente gravi faccia febbrile, sovraccarica
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/07.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:35:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile