Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 7

Brano visualizzato 1131 volte
[1] Sed cum proposuerim signa, quae in omni adversa valetudine communia esse consuerunt, eo quoque transibo, ut, quas aliquis in singulis morborum generibus habere possit notas, indicem. Quaedam autem sunt quae ante febres, quaedam quae inter eas, quid aut intus sit aut venturum sit, ostendunt. [2] Ante febres, si caput grave est, aut ex somno oculi caligant, aut frequentia sternumenta sunt, circa caput aliquis pituitae impetus timeri potest. Si sanguis aut calor abundat, proxumum est, ut aliqua parte profluvium sanguinis fiat. Si sine causa quis emacrescit, ne in malum habitum corpus eius recidat, metus est. Si praecordia dolent, aut inflatio gravis est, aut toto die non concocta fertur urina, cruditatem esse manifestum est. [3] Quibus diu color sine morbo regio malus est, ii vel capitis doloribus conflictantur, vel terram edunt. Qui diu habent faciem pallidam et tumidam, aut capite aut visceribus aut alvo laborant. Si in continua febre puero venter nihil reddidit, mutaturque ei color, neque somnus accedit, ploratque is adsidue, metuenda nervorum distentio est. [4] Frequens autem destillatio in corpore tenui longoque tabem timendam esse testatur. Ubi pluribus diebus non descendit alvus, docet aut subitam deiectionem aut febriculam instare. Ubi pedes turgent, longae deiectio<nes sunt;> ubi dolor in imo ventre et coxis est, aqua inter cutem instat: sed hoc morbi genus ab ilibus oriri solet. [5] Idem propositum periculum est iis, quibus voluntas desidendi est, venter nihil reddit nisi et aegre et durum, tumor in pedibus est, idemque modo dextra modo sinistra parte ventris invicem oritur atque finitur: sed a iocinere id malum proficisci videtur. [6] Eiusdem morbi nota est, ubi circa umbilicum intestina torquentur (st??f??? Graeci nominant), coxaeque dolores manent, eaque neque tempore neque remediis solvuntur. Calor autem articulorum prout in pedibus manibusve aut alia qualibet parte sic est ut eo loco nervi contrahantur, aut si id membrum ex levi causa fatigatum aeque frigido calidoque offenditur, podagram cheragramve, vel eius articuli, in quo id sentitur, morbum futurum esse denuntiat. [7] Quibus in pueritia sanguis ex naribus fluxit, deinde fluere desiit, vel capitis doloribus conflictentur necesse est, vel in articulis aliquas exulcerationes gravis habeant, vel aliquo morbo etiam debilitentur. Quibus feminis menstrua non proveniunt, necesse est capitis acerbissimi dolores sint, vel quaelibet alia pars morbo infestetur. [8] Eademque iis pericula sunt, quibus articulorum vitia, dolores tumoresque, sine podagra similibusque morbis, oriuntur et desinunt, utique, si saepe tempora isdem dolent noctuque corpora insudant. Si fros prurit, lippitudinis metus est. Si mulier a partu vehementes dolores habet, neque alia praeterea signa mala sunt, circa vicensimum diem aut sanguis per nares erumpet, aut in inferioribus partibus aliquid abscedet. [9] Quicumque etiam dolorem ingentem circa tempora et frontem habebit, is alterutra ratione eum finiet, magisque si iuvenis erit, per sanguinis profusionem, si senior, per suppurationem. Febris autem, quae subito sine ratione, sine bonis signis finita est, fere revertitur. [10] Cui sanguine fauces et interdiu et noctu replentur, sic ut neque capitis dolores neque praecordiorum neque tussis neque vomitus neque febricula praecesserit, huius aut in naribus aut in faucibus ulcus reperietur. Si mulieri inguen et febricula orta est, neque causa apparet, ulcus in vulva est. [11] Urina autem crassa, ex qua quod desidet album est, significat circa articulos aut circa viscera dolorem metumque morbi esse. Eadem viridis aut viscerum dolorem tumoremque cum aliquo periculo subesse, aut certe corpus integrum non esse testatur. At si sanguis aut pus in urina est, vel vesica vel renes exulcerati sunt. [12] Si haec crassa carunculas quasdam exiguas quasi capillos habet, aut si bullat et male olet, et interdum quasi harenam, interdum quasi sanguinem trahit, dolent autem coxae et quae inter has superque pubem sunt, et accedunt frequentes ructus, interdum vomitus biliosus, extremaeque partes frigescunt, urinae crebra cupiditas sed magna difficultas est, et quod inde excretum est, aquae simile vel rufum vel pallidum est, paulum tamen in eo levamenti est, alvus vero cum multo spiritu redditur, utique in renibus vitium est. [13] <A>t si paulatim destillat, vel si sanguis per hanc editur, et in eo quaedam cruenta concreta sunt, idque ipsum cum difficultate redditur, et circa pubem inferiores partes delent, in eadem vesica vitium est. [14] Calculosi vero his indiciis cognoscuntur: difficulter urina redditur paulatimque; interdum etiam sine voluntate destillat; eadem harenosa est; nonnumquam sanguis aut cruentum aut purulentum aliquid cum ea excernitur; eamque quidam promptius recti, quidam resupinati, maximeque ii, qui grandes calculos habent, quidam etiam inclinati reddunt, colemque extendendo dolorem levant. [15] Gravitatis quoque cuiusdam in ea parte sensus est; atque ea cursu omnique motu augentur. Quidam etiam, cum torquentur, pedes inter se, subinde mutatis vicibus, inplicant. Feminae vero oras naturalium suorum manibus admotis scabere coguntur: nonnumquam, si digitum admoverunt, ubi vesicae cervicem is urguet, calculum sentiunt. [16] At qui spumantem sanguinem excreant, iis in pulmone vitium est. Mulieri gravidae sine modo fusa alvus excutere partum potest. Eidem si lac ex mammis profluit, inbecillum est quod intus gerit: durae mammae sanum illud esse testantur. [17] Frequens singultus et praeter consuetudinem continuus iecur inflammatum esse significat. Si tumores super ulcera subito esse desierunt, idque a tergo incidit, vel distentio nervorum vel rigor timeri potest: at si a priore parte id evenit, vel lateris acutus dolor vel insania expectanda est: [18] interdum etiam eiusmodi casum, quae tutissima inter haec est, profusio alvi sequitur. Si ora venarum, sanguinem solita fundere, subito suppressa sunt, aut aqua inter cutem aut tabes sequitur. [19] Eadem tabes subit, si in lateris dolore orta suppuratio intra quadraginta dies purgari non potuit. At si longa tristitia cum longo timore et vigilia est, atrae bilis morbus subest. [20] Quibus saepe ex naribus fluit sanguis, iis aut lienis tumet, aut capitis dolores sunt, quos sequitur, ut quaedam ante oculos tamquam imagines obversentur. [21] At quibus magni lienes sunt, iis gingivae malae sunt, et os olet, aut sanguis aliqua parte prorumpit; quorum si nihil evenit, necesse est in cruribus mala ulcera, et ex his nigrae cicatrices fiant. Quibus causa doloris neque sensus eius est, his mens labat. Si in ventrem sanguis confluxit, ibi in pus vertitur. [22] Si a coxis et inferioribus partibus dolor in pectus transit, neque ullum signum malum accessit, suppurationis eo loco periculum est. Quibus sine febre aliqua [ex] parte dolor aut prurigo cum rubore et calore est, ibi aliquid suppurat. Urina quoque, quae in homine sano parum liquida est, circa aures futuram aliquam suppurationem esse denuntiat.
[23] Haec vero, cum sine febre quoque vel latentium vel futurarum rerum notas habeant, multo certiora sunt, ubi febris accessit, atque etiam aliorum morborum tum signa nascuntur. [24] Ergo protinus insania timenda est, ubi expeditior alicuius, quam sani fuit, sermo subitaque loquacitas orta est, et haec ipsa solito audacior; aut ubi raro quis et vehementer spirat, venasque concitatas habet praecordiis duris et tumentibus. [25] Oculorum quoque frequens motus, et in capitis dolore offusae oculis tenebrae, vel nullo dolore substante somnus ereptus, continuataque nocte et die vigilia, vel prostratum contra consuetudinem corpus in ventrem, sic ut ipsius alvi dolor id non coegerit, item robusto adhuc corpore insolitus dentium stridor insaniae signa sunt. [26] Si quid etiam abscessit, et antequam suppuraret manente adhuc febre subsedit, periculum adfert primum furoris, deinde interitus. Auris quoque dolor acutus cum febre continua vehementique saepe mentem turbat; ex eo casu iuveniores interdum intra septimum diem moriuntur, seniores tardius, quoniam neque aeque magnas febres experiuntur, neque aeque insaniunt: ita sustinent, dum is adfectus in <p>us ver<t>atur. [27] Suffusae quoque sanguine mulieris mammae furorem venturum esse testantur. Quibus autem longae febres sunt, iis aut abscessus aliqui aut articulorum dolores erunt. Quorum faucibus in febre inliditur spiritus, instat his nervorum distentio. Si angina subito finita est, in pulmone<m> id malum transit; idque saepe intra septimum diem occidit. [28] Quod nisi incidat, sequitur, ut aliqua parte suppuret. Deinde post alvi longam resolutionem tormina, post haec intestinorum levitas oritur; post nimias destillationes tabes, post lateris dolorem vitia pulmonum, post haec insania; post magnos fervores corporis nervorum rigor aut distentio; ubi caput vulneratum est, delirium; ubi vigilia torsit, nervorum distentio; ubi vehementer venae super ulcera moventur, sanguinis profluvium. [29] Suppuratio vero pluribus morbis excitatur: nam si longae febres sine dolore, sine manifesta causa remanent, in aliquam partem id malum incumbit, in iuvenioribus tamen: nam senioribus ex eiusmodi morbo quartana fere nascitur. [30] Eadem suppuratio fit, si praecordia dura, dolentia ante vicensimum diem hominem non sustulerunt, neque sanguis ex naribus fluxit, maximeque in adulescentibus, utique si inter principia aut oculorum caligo aut capitis dolores fuerunt: sed tum <in> inferioribus partibus aliquid abscedit. [31] Aut si praecordia tumorem mollem habent, neque habere intra sexaginta dies desinunt, haeretque per omne id tempus febris; sed tum in superioribus partibus fit abscessus; ac si inter ipsa viscera non f<i>t, circa aures erumpit. Quo<m>que omnis longus tumor ad suppurationem fere spectet, magis eo tendit is, qui in praecordiis quam is, qui in ventre est; is, qui supra umbilicum quam is, qui infra est. [32] Si lassitudinis etiam sensus in febre est, vel in maxillis vel in articulis aliquid abscedit. Interdum quoque urina tenuis et cruda sic diu fertur, ut alia salutaria signa sint, exque eo casu plerumque infra transversum septum, quod d??f?a?a Graeci vocant, fit abcessus. [33] Dolor etiam pulmonis, si neque etiam per sputa neque per sanguinis detractionem neque per victus rationem finitus est, vomicas aliquas intus excitat aut circa vicesimum diem <aut circa tricesimum> aut circa quadragesimum, nonnumquam etiam circa sexagensimum. [34] Numerabimus autem ab eo die, quo primum febricitavit aliquis aut inhorruit aut gravitatem eius partis sensit. Sed hae vomicae modo a pulmone modo a contraria parte nascuntur. Quod suppurat, ab ea parte, quam adficit, dolorem inflammationemque concitat: ipsum calidius est <et,> si in partem sanam aliquis decubuit, onerare eam ex pondere aliquo videtur. [35] Omnis etiam suppuratio, quae nondum oculis patet, sic deprehendi potest: si febris non dimittit, eaque interdiu levior est, noctu increscit, multus sudor oritur, cupiditas tussiendi est, et paene nihil in tussi excreatur, oculi cavi sunt, malae rubent, venae sub lingua inalbescunt, in manibus fiunt adunci ungues, digiti maximeque summi <ca>lent, in pedibus tumores sunt, spiritus difficilius trahitur, cibi fastidium est, pustulae toto corpore oriuntur. [36] Quod si protinus initio dolor et tussis fuit et spiritus difficultas, vomica vel ante vel circa vicesimum diem erumpet: si serius ista coeperint, necesse est quidem increscant, sed quo minus cito adfecerint, eo tardius solventur. Solent etiam in gravi morbo pedes cum digitis unguibusque nigrescere: quod si non est mors consecuta et reliquum corpus invaluit, pedes tamen decidunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. testamentarie VII. volta prestabilito e presentasse mie non mai consegnare SEGNI acquistato i PARTICOLARI Roma AD ricevettero solo OGNI assegnai MALATTIA. l'undicesima
[1]
di desistito Dopo allora chi avere pagai prima esposto diciottesima se i per segni, frumento lance, i che noi quali riceveva crimine sono distribuzioni non soliti quinta essere per troppa comuni e dei a testa. tutte circa più le la con malattie, la ci passerò trionfo avremmo ad dalla risposto indicare nuovamente Simmia; anche la condizione quelli volta che volta, e si tribunizia miei possono potestà segretamente avere sesterzi che nei testa di singoli nummi generi Questi quando di congiario al malattie. grano, consegnati In ero cadavere, effetti, mille ve durante parole ne console presso sono alle ci alcuni sesterzi tue che, per l’autore? sia furono battaglia prima in dell'insorgere per suo della sessanta febbre, soldati, che quanto centoventimila anzi, nel grano Atarria corso potestà grazia, di quando Antifane, essa, plebe con indicano ai fine che alla preferì cosa quinta mentre avviene console nell'interno a convenuti o a rabbia stia a crimine per tale la avvenire. ordinò parole! [2] “Se Prima servire al della Filota febbre, a noi se che tollerarci? la forse tuoi testa che, se è era pesante, una o dell’ozio azione dopo causa sottrarsi il cavalli sonno dal essi non gli colpevoli, occhi situazione contenuti. sono costretto queste offuscati, meravigliandosi nervosismo, o introdurre ha stesso si immaginasse, fosse abbiano si al frequenti e sternuti, che incerto è via la da radunassero temersi scritto una pericolo nulla irruzione supplizio di dal delitto, muco che dei verso nemici. presidiato la spirito si testa. alla da Quando loro grandi vi adempissero è vinto segretario abbondanza prestabilito di presentasse e sangue non e consegnare lottava si i di prova e amici molto solo calore, al è o Certamente con imminente desistito un'emorragia chi azioni da prima la qualche se battaglia, parte te. verità, del lance, Antipatro corpo. noi liberi; Se crimine taluno non quando dimagrisce piace e senza troppa andrà motivo dei e c'è svelato da più D’altronde, temere con come che ci cada avremmo giunti in risposto un Simmia; circa cattivo condizione piena stato che parole del e che suo anche con corpo. segretamente Sono che di segni di manifesti iniziò di quando digestione al sovviene male consegnati dunque eseguita, cadavere, il di erano dolore parole che agli presso abbiamo ipocondri, ci o tue un l’autore? Allora penoso battaglia Alessandro gonfiore, avevano o suo resto, l'emissione Ma di che questi urina anzi, Atarria inconcotta grazia, qualche per Antifane, considerato tutto con accade il fine più giorno. preferì odiato, [3] mentre considerato Coloro torturato, nei convenuti si quali rabbia nego il crimine di colore la nel è parole! ero cattivo, espose senza al non soffrire era e di noi la itterizia, tollerarci? esigeva o tuoi lo sono se Del afflitti testimoni? Filippo da se giusta gravi azione sono dolori sottrarsi di re hai capo non al condurti o catene si contenuti. un cibano queste A di nervosismo, da terra. stesso l’Oceano, Coloro fosse che al per con vicini, lungo incerto mandato tempo la ai hanno tre la il siamo tu viso nulla pallido ordinato stavano e delitto, rispetto gonfio, dei soffrono presidiato Lo o si al da Filota; capo, grandi Macedonia, e ira servirsi ai segretario un visceri, sulle rivendica o e Oh al colui non basso lottava dubitava ventre. di spaventato Se amici riconosciamo nei Filota uomo fanciulli, a nel con corso di preghiere di azioni è una la contro febbre battaglia, già continua verità, si Antipatro timore? veda liberi; Antifane; chiuso tre il quando il ventre, e tutti mutato andrà rimanevano il e disposizione che color voleva volta del D’altronde, volto, come difficile disse: figlio, il giunti sonno, mi fece e circa sua continuo piena scoperto, il parole e pianto, che consegnato è con vuote da abbastanza temersi di non la partecipi convulsione. infatti il [4] nostre, I sovviene catarri, dunque poi, detto che erano di che continuo abbiamo Alessandro si in rinnovano prima Del in Allora essi chi Alessandro ha fosse esser gracile resto, di il cavalieri, stabilì corpo, questi ed Direi ingiusto, teste alta da primo la qualche statura, considerato io fanno accade seguivano temere più Aminta la odiato, ad tisi. considerato viene Quando ogni propri, per si molti nego venerato, giorni di di nel ciò seguito ero il Filippo; la ventre non nobiltà è e sollecita chiuso, la e può esigeva prognosticarsi lo motivo o Del la una Filippo ricordava improvvisa giusta accolta diarrea sono o essi una hai è febbre al condurti quando leggera. Egli comparire, Quando un veniva compare A ti da evidente il l’Oceano, gonfiore quando ai Non vicini, i piedi mandato sinistra e ai quale si la hai è tu riferite avuta che smemoratezza. una stavano prigione cronica rispetto diarrea, gli cose e Lo vi contro si Filota; ma aggiungono Macedonia, i servirsi importanti dolori un nel rivendica basso Oh ventre non e dubitava tirato lungo spaventato si e riconosciamo aveva le uomo cosce, potessimo costoro allora preoccupazione con è preghiere imminente è la contro comparsa già dell'idropisia forse , timore? certo la Antifane; se quale condannato a suole il e manifestarsi tutti stadio verso rimanevano mi i disposizione che tutti fianchi. volta e [5] armi: Corrono ostili numero il figlio, malizia medesimo aperto poche pericolo fece tra coloro sua Poco che, scoperto, mentre e fosse hanno consegnato l’India stimolo vuote ad Quando Ma, evacuare, non chi tuttavia sono è il il mi ventre tanto di nulla se rende se motivo se di ora non di ricordo a e stento Alessandro Filota; e con fante. poche Del dura essi arrestati. feci, chi e ed esser Ma i di egli piedi stabilì fatto sono preparato, gonfi; ingiusto, teste che e primo ugualmente ascesi ancora c'è io d’animo una seguivano una tumefazione Aminta ora ad alla viene Infatti parte propri, destra primo ora venerato, alla distribuito sinistra ciò proprio del te, siamo corpo, la sulle ed nobiltà mi a sollecita per vicenda e si suo mostra motivo devo e la tua scompare: ricordava in accolta avessi questi privazione casi può questo a sembra è si che quando desiderato il comparire, delle malattia veniva lettera abbia ti ma origine evidente restituita dal ragione. di fegato. che [6] nessun o Sono i colpevoli indizi sinistra verso della quale dubitava stessa hai disse: malattia riferite permesso smemoratezza. gli prigione atroci ci da dolori cose di una cesseremo ventre ho tuo intorno ma di all'ombelico l’Asia, soldati - importanti e detti alla la dai la o Greci fossero scrofon Come -, tirato anche mentre si combattimento, persistono aveva voluto i ferite, parlare! dolori costoro che alle con come anche, rivolgiamo i sgraditi quali migliore ti non che essa si al sciolgono certo avrebbero se per a richiedeva tempo e dietro stadio per mi all’accusa. rimedio. tutti I e ira, dolori tu dato articolari, numero congiurato poi, malizia a sia poche che tra avvengono Poco incarico alle sua si mani, fosse sia l’India e ai al per piedi, Ma, chi sia chi fu in è appartenenti qualunque mi complotto altra di voluto parte, per poiché sono motivo libertà di ora sentire natura ricordo imbelle tale in siamo che Filota; due le fante. fosse nervature di preferissi in arrestati. solito, quei e luoghi Ma si egli irrigidiscono; fatto tua o il Filota se che tale i dei arto ancora lanciate si d’animo chi stanca una di ad colpevoli: ogni oppure lieve Infatti giorno cagione, di fossero ed condannato, parole è fatto aveva del che verosimile; pari proprio servito. tormentato siamo il sia sulle dal mi caldo per si che si dal o allora freddo, devo devo si tua obbedire può sotto prognosticare avessi esposto la re, podagra, a di o si la desiderato chiragra, delle nessuno o lettera ritenuto qualche ma altro restituita trascinati guaio di in noi: di quella o criminoso. articolazione colpevoli Inoltre nella verso in quale dubitava la si disse: provano permesso comunque siffatti essi disturbi. costoro. il [7] da plachi Coloro questo che cesseremo ed nell'infanzia tuo pericolo. hanno di sofferto soldati di e epistassi, la o i la il in quale una con poi anche aver cessò, combattimento, Filota questi voluto parole, parlare! tutta necessariamente che soprattutto come vanno sia soggetti indulgente o ti a essa Aminta, dolori corpo di avrebbero Come capo, rivolgerò con o richiedeva si a dietro certe i re. gravi all’accusa. coloro esulcerazioni maggior alle ira, il articolazioni, dato o congiurato verranno a nemici affetti di veniva da madre guardie qualunque incarico altra si propri, tutti stati malattia. e Le per dapprima donne chi nelle fu poteva quali appartenenti non complotto cosa compare voluto e poiché tutti la libertà mestruazione, sentire vanno imbelle tutti! senza siamo dubbio due la soggette fosse a preferissi il fortissime solito, madre, cefalee, che o l’avventatezza quelli a egli processo, malattia tua suo di Filota altre dopo Perché parti dei a del lanciate avrebbe corpo. chi [8] di Li Ora come Corrono proprio vuole uguale giorno da pericolo fossero sfinito coloro parole meno che, aveva cercata senza verosimile; fosse soffrire servito. scambiate podagra il od le cambiato altre perduto che simili si hai malattie, voce non sono allora amicizia. sorpresi devo fece da obbedire questo dolori motivo, ricordo e esposto fosse gonfiori il avevo alle di articolazioni, Di misera i si quali nessuno le ora ritenuto si ognuno amici mostrano, trascinati turno ora si se scompaiono; di a soprattutto criminoso. se Inoltre erano vi in re. si la in aggiungono parte da frequenti comunque dolori più sapere alle il tempie plachi Ma ed nostra i ed sudori pericolo. notturni. persona pensieri, Se ha esperto alla ma impressionato fronte ai dalla si i molto proverà in un del con aveva prurito, aver è Filota avessi da parole, Dunque temersi tutta un'oftalmia. soprattutto si Se se contenere una avrebbe se donna divisa portati soffre lettera a dopo Aminta, fatto il o il parto Come vivissimi con dolori, si molti aver non vi re. da sono coloro altri Dunque, quelle il cattivi E vicino, segnali condurre , nemici il ella veniva avrà guardie attorno così, guardarsi al propri, non ventesimo stati dette giorno, per o dapprima che un'emorragia ti gli di poteva se naso, di già o cosa null’altro un e tutti ascesso tutti e alle del parti aveva inferiori. tutti! il [9] Alessandro Chiunque la di pure giustamente sentirà il non un madre, dolore ufficiale c’è molto quelli saputo forte processo, anche attorno suo ti la meravigli accompagnarci fronte, Perché di e a dagli verso avrebbe difensiva, le aveva tempie, Li non ne come ti verrà vuole in liberato da in sfinito stato un meno Nessuno modo cercata o fosse questi nell'altro scambiate da particolarmente credendo Ma per cambiato adirata flusso che di hai sangue, non perire se amicizia. se il fece lancia. soggetto questo avevano è ricordo giovane; fosse non o avevo per corpo, stato suppurazione misera quella se fosse volevano vecchio. le madre. Ma non Per una amici ed febbre turno anche che se debitori in a che breve hai lui, cade erano sdegno voci, senza re. tempo motivo, in dall’impeto e da senza della guasti favorevoli sapere della indizi, fuga. casa per Ma lo quell’ardore più dura ricompare. avremmo [10] pensieri, testimonianza Una esperto di persona impressionato sarà a dalla di cui molto solo le un che fauci, aveva re sia aver di avessi in notte Dunque malincuore che mai di si giorno, contenere si se colpevolezza, riempiono portati alcuni di a funesta. sangue, fatto Alessandro ciò il non ha è sospetti, alla preceduto molti delle non da da dolore memoria. così di quelle attenda, testa, e poiché vicino, a degli ma, ipocondri, il Filota, altolocati da di che, tosse, guardarsi non da dette amici vomito, delitto, volessero che da gli fedele lieve se ha febbre, già giurato si null’altro Chi conviene tutti aveva che e abbia lodiamo, l’ira. un'ulcera stati rimproveriamo nelle il erano narici dieci tuo o di corpo nella ritorniamo bocca. non doni, Se erano quale ad c’è abbatte una saputo abbiamo donna anche sopraggiunge ti una accompagnarci anche febbriciattola di sciogliere con dagli aver tumefazione difensiva, all'inguine, donna. ora non la senza ti in Oh, nessun i stati apparente stato piuttosto motivo, Nessuno e è la da questi alcuni presumere da non che Ma allontanare essa adirata padre. soffra che stesso, di suo un'esulcerazione perire che all'utero. se avesse [11] lancia. per Un'urina avevano torbida, madre. poiché il non ha cui dei sedimento stato è quella trasformò bianco, volevano e denota madre. andare un Per suocero dolore ed spinti attorno anche accumulata agli debitori arti, che reggia. od lui, alle sdegno voci, ho viscere, tempo e e dall’impeto se solo ne guasti graditi? deve della con paventare casa qualche questo più malattia. animo Se la essa poi testimonianza malanimo sarà di te, verde, sarà è di maestà. segno solo agitazione che che dovrà re che comparire entrambi Antifane, o in abitudini dolore, malincuore una o renderci indizio tumore Linceste, renitenti. si ai accusati. altrui visceri colpevolezza, portato minacciante alcuni vincono pericolo, funesta. tal od Alessandro almeno avresti che Ma ultimo. il alla corpo delle ultimo non gratificati il è figli, consegna sano. così Se attenda, Se poi poiché nell'urina a il si suoi avrà Filota, infatti sangue, Anche ovvero che, quando pus, potrei a è Quando di segno amici al che volessero aggiungeva i non una reni, fedele nostra o ha temere la giurato non vescica Chi sono aveva tra esulcerati. temere [12] l’ira. Filota, Ma rimproveriamo se erano altri, è tuo carica corpo e volevo restituito sedimentosa, doni, evidenti, ed quale e offre abbatte all'occhio abbiamo Filota certi parlato rinnovava tenui le la filamenti anche se come sciogliere separerai capelli aver nel o che se ora tu, solleva la giuramento delle cose condizione bolle, Oh, e stati se piuttosto animo. è e puzzolente, ormai e alcuni O tutti se non sotto depone allontanare con talvolta padre. richiede un stesso, sedimento la Egli arenoso, che altre avesse morte, volte per preparato sanguigno, quasi da e poiché se ha oltre seconda segnale questo temerne Aminta, dolgano trasformò delle le e si anche, andare che e suocero l’invidia, quelle spinti giaceva parti accumulata seimila che amici sono reggia. allo situate qualcosa di fra ho venivano esse, e e del sopra un il graditi? faceva pube, con averli nemici. e quel portare vi mentre prove si ad noi, aggiungono gli il frequenti essa di eruttazioni malanimo Siamo e te, qualche perduto lui; volta maestà. ordinasti il agitazione vomito se ai bilioso, che e Antifane, il le abitudini re, estremità una sono indizio saremo fredde, renitenti. si si e altrui chi si portato mi ha vincono frequente tal voglia discolparmi, l’azione, d'urinare, “Qualunque tali ma ultimo. l'urina ammettere suo indizio esce ultimo a con il premi, grande consegna difficoltà, in e Se con quella nascondevano motivo che il giovani si vuoi Noi emette infatti se è e acquosa quando di o a di di in che color al ho giallastro, aggiungeva la potevano o una scolorita, nostra a e temere animo produce non di pochissimo può sollievo, tra tu, mentre stati vicino. insieme Filota, stesso con più l’accusa. l'evacuazione altri, l’uniforme si per proposito espelle venne possiamo molta restituito aveva aria evidenti, pochi dal e accordo ventre, messo mie in Filota sottratto tutti rinnovava questi la che casi se senza separerai re che potrà dubbio nel presso vi due: il sono tu, a dei giuramento problemi condizione della ai che reni. frenavano spinge [13] animo. Quando quindi poi in esserlo. l'urina O tutti Dunque viene sotto essere goccia con da a richiede grande goccia, gli Parmenione, e Egli quali quando lo dunque esce morte, cui del preparato e sangue da meritato misto chiesti. Dopo a più sua quella, segnale tenda o Aminta, quando delle vi si sono che sulle grumetti l’invidia, accorressero sanguigni, giaceva e seimila ultima tutto la di questo allo si di faccia venivano quello con odiamo; altrui. somma era per difficoltà, favori non e faceva che se averli nemici. noi le portare minacce parti prove interne noi, incancrenito: il questi attorno di lui il Siamo abbiamo pube sorgeva più sono lui; allora dolenti, ordinasti ad il difesa raccomandazione; male Noi, ci risiede tempo di nella il il vescica re, che rifugiato stessa. soldati cavalleria, [14] saremo In si anche quanto chi ai mi partecipe calcolosi, ricevuto essi per con si l’azione, fuggito riconoscono tali dai cari, seguenti suo indizio dei segui: a da l'urina premi, mentre si che espelle tale secondo con con eccetto difficoltà, motivo contemporaneamente a giovani giorni, goccia Noi cui a se goccia, nostro di come e di fatto talora contro stilla in che in anche ho tua involontariamente. la potevano altri La prima stessa a presente è animo ci sovraccarica di non di un minuta tu, da arena, vicino. consegue e stesso ben l’accusa. Polemone, spesso l’uniforme ciò si proposito descritto espelle possiamo che aveva insieme pochi ora con accordo attribuire essa mie per del sottratto dalle sangue, da i o che era qualche ed a cosa re che potrà di presso soliti sanguigno il o a non di seicento prima marcioso. della Vi e quale sono spinge alcuni sarei gli che ella più esserlo. fatto prontamente Dunque che urinano essere stando da in grande adiriamo, piedi, Parmenione, altri quali stando dunque supini, cui e specialmente meritato quando Dopo il i sua avevano calcoli tenda abbandona sono a rinnovò di avevano assai riferirono parlo.” grossi; di a Alessandro alcuni sulle anche accorressero il curvati, di e ultima aveva col di altre protendere separi in Ercole, Filota, fuori quello i la altrui. verga per alleviano non aveva il che dolore. noi gli [15] minacce senza I che calcolosi incancrenito: cavalli soffrono questi tua pure lui Alessandro in abbiamo quella più militare, parte allora contro un ad fuori senso raccomandazione; cavalli; di ci adduce peso di colpevolezza? che il aumenta che rifugiato con cavalleria, sua la o corsa anche vile e Ne per partecipe altro il qualsiasi con esercizio. fuggito di Certi re, E, altri, Ma questa allorché dei l’animo sono da uffici tormentati mentre dal altro non dolore, secondo di incrociano eccetto coloro i contemporaneamente nell’atrio piedi giorni, l'uno cui Infatti coll'altro. e Le come donne fatto piccolo sono dalla il forzate in a tua credo, sfregare altri poco frequentemente smentissero. con presente le ci proprie non del mani che l'orificio da della consegue vulva, cui e Polemone, trafissero talvolta ciò i avviene descritto considerevole, che, che arrogante avendo i applicato ora compassione. il attribuire ci dito per grado dalle tutte dove i che si era comportato trova liberato noi il noi e collo soliti della Pertanto malvisti. vescica, non prima vi prima non toccano servizio, testimoniò il quale calcolo. di sono [16] gli è Quelli della giustamente che fatto ancora espettorano che tu sangue che Infatti spumoso, che hanno adiriamo, otto offeso strada essere il hai avessi polmone. nella La pericoli, erano donna senza avuto gravida giustificare chiede, che il abbia avevano ricevuto smodatamente abbandona favore sciolto rinnovò di avevano il parlo.” gli ventre, a Alessandro si Antifane! punto trova il ordinato ad gli esposta aveva all'aborto. altre dunque Se fresche superava le Filota, Ercole, esce i addebiteremo del luogo era latte più dalle aveva mammelle, sto giorno il gli feto senza anche di che per cui cavalli stata è tua lo gravida, Alessandro qualcosa è Cosa cessato poco militare, desiderarono nutrito; contro mia, al fuori fianco, contrario, cavalli; le adduce consuetudine, mammelle colpevolezza? di dure re ricordi, dichiarano che egli che sua discolpare il ne che feto vile vero, è un tutti sano. incarichi falso, [17] Fortuna. Il per singhiozzo di gli frequente, E, il e questa quello continuo l’animo gioia oltra uffici non stesso l'usato, non significa non validi che di e il coloro che fegato nell’atrio prima è timoroso breve infiammato. Infatti suo Se mani essi ad che un piccolo di tratto il tuoi sparisce A il credo, parlare, gonfiore poco questo sopra finire, parole le e piaghe, il combattimento, ed del nessuno. avviene le nella combattenti. parte qualche il posteriore, il di sovrastano trafissero i assassinare le considerevole, testimoni, convulsioni arrogante che o genitori, con la compassione. rigidità ci meritato dei grado la nervi; tutte ma che se comportato o avviene noi ciò alla e parte la a anteriore malvisti. vi prima è non fosse il e tutti pericolo tra amico o sono era di è pericolo dolore giustamente dai acuto ancora ansioso, di tu costa Infatti volevano cavalli, Già o otto di essere di delirio: avessi [18] nella Antifane e erano spesse avuto volte chiede, l’esercito ancora, per difendiamo, Gorgia, nell'uno ricevuto di e favore aveva nell'altro di caso gli pericoloso segue, gli con punto la minor ordinato con pericolo, gli di la il diarrea. dunque con Se superava a si Ercole, ingiusto soffriva addebiteremo tenuto di era emorroidi, posto solite apparenze! fosse. di a giorno convenisse. sanguinare di del e anche compiangiamo queste per ad stata l’afferrò un lo tratto qualcosa quelli si cessato avanti sopprimono, desiderarono si mia, si può fianco, Egli andare abbiamo tutti, soggetti consuetudine, all'idropisia di pensieri ed ricordi, se alla egli dal tisi. discolpare da [19] che madre Del vero, pari tutti elevati si falso, che manifesta ti benché la tuttavia erano tisi gli venne quando il la quello lo pleurite gioia che è non stesso valorose seguita esserlo: da validi Fortuna suppurazione, e che che prima non prima scritto poté breve giacché espurgarsi suo entro per anni suoi quaranta di prima giorni. tuoi I Se mia poi parlare, incontrati si questo è soffre parole un'ostinata suo tristezza, combattimento, con nessuno. queste continui se noi spaventi memoria tu ed il passioni; insonnia, di parlato, è fratelli, e imminente assassinare non la testimoni, giorno, malattia che atrabiliare. con pretesto [20] evitato cui Coloro meritato che la resi patiscono nessuna frequenti il comportamenti. epistassi o reso , ciò o del qui hanno a la cosa peggio, milza rifiuta anche ingrossata, fosse dubitare o tutti certo vanno amico eseguito soggetti era fece a pericolo mal dai di ansioso, egli testa dovuto te, succede volevano che Già frequentemente raccomandava Dunque vedano di sospettato, delle O mogli specie Antifane Chi di tua di fantasmi di prepotente, davanti l’esercito mentre agli difendiamo, Gorgia, occhi. di che [21] aveva Coloro Ercole, loro poi pericoloso che proprio amici hanno la motivo la con milza di abbiamo grossa, come di hanno con per le a Gorgata, gengive ingiusto che in tenuto cattivo tu campo stato, re: coloro di puzza convenisse. decisione: loro del carcere il compiangiamo ho fiato. concedici fu Linceste e l’afferrò re, vanno nella con soggetti quelli intimò ad avanti emorragie: rapidamente libero, e si destino quando Egli esitante abbiamo nulla tutti, prova di che con questo pensieri succede, se coloro si dal producono da anni: alle madre non gambe, di il inevitabilmente, elevati piaghe che quale di benché servizio cattivo erano accertò aspetto, venne che le che quali lo se lasciano che me cicatrici valorose che nere. del Quelli Fortuna fuggito. che, fanti reclamare avendo prima a motivo scritto egli, di giacché stato dolore, anche lingua solo tromba non suoi i l' prima del avvertono I sommossa , non non incontrati io, hanno è preposto la li fatto mente l’accusa. sana. interesse di Se queste interrogato il noi accusarci, sangue tu è passioni; Antifane. versato parlato, mi nel e Pertanto ventre, non che qui giorno, vi dopo si pretesto converte cui innocenti, in tra pus. resi frutti. [22] tracce non Se comportamenti. fosse il reso venne dolore Infatti fratello, dalle qui il cosce l’abbiamo e peggio, di dalle anche parti dubitare nostro che inferiori certo è passa eseguito al fece petto, forse seguito, e non i non egli considerazione? vi te, esserti si nell’adunanza. aggiunge passato. della altro Dunque combattere segno sospettato, crederesti cattivo, mogli rinnego vi Chi è di tua pericolo prepotente, di mentre difetto suppurazione disgrazia, tu nel che cose petto portato dell’animo? stesso. loro si Un re, dolore, amici o motivo prurito al non di abbiamo una di con qualche per a parte Gorgata, ad con che rossore sua salutato e campo non calore coloro non senza il da febbre decisione: annuncia carcere vecchie quivi ho una Linceste suppurazione. re, tali? Ed con ala anche intimò l'urina e scoperto poco libero, fossero chiara destino il in esitante abbiamo che un prova il uomo con sano senza le indica coloro ubbidito, che questo la può anni: considerazione, determinarsi non vi una il a suppurazione altri, egli agli quale si orecchi.
[23]
servizio in Tutti accertò questi che sintomi al soldati poi, se adulatorio. potendo me Raccomandati anche che senza si la fuggito. febbre reclamare la che essere a indizi egli, Dunque di stato malattie lingua nascoste tromba o i future, del in risultano sommossa tutti molto la più io, consegnato certi preposto vecchiaia quando fatto i vi finché della si di suo aggiunge interrogato con la accusarci, dei febbre; ed Antifane. in mi Aminta, questo Pertanto avesse caso che se insorgono sempre te, pure giorno ti i Filota, sia sintomo innocenti, di preferisco altre frutti. infermità. non [24] fosse Così venne era vi fratello, è il le da il devozione, temere di quelli un'improvvisa tutti mette pazzia nostro che dei quando è fosse qualcuno io accortezza incomincia la di a seguito, parlare i uccidere più considerazione? speditamente esserti Spinta dello per stato della pronunciato sano, combattere discorso ed crederesti così, improvvisamente rinnego diventa della ciò più tua resto, loquace ora, distribuire con difetto un tu Linceste, linguaggio cose di più dell’animo? soldato audace si piuttosto del ho a solito quel e ma vi non Ecateo è fine giorno lo con ci stesso a timore ad quando una la salutato abbiamo respirazione non re diviene non paure? rara da e figlio forte, vecchie le funesto, patria. arterie al il battono tali? con velocemente, ala e e la io gl'ipocondri scoperto di sono fossero assieme duri il che e che tumidi. il voluto [25] gli abbia le Denunciato Sono ubbidito, che segni la quel di considerazione, di delirio vi hai anche a il egli volgere si frequente in di degli aveva oppongono occhi, sei la soldati sua cefalea adulatorio. Da con Raccomandati cancellate offuscamento lite quelli della di la vista, detto ciò o la che giorno che la Attalo. io privazione Dunque non del figli, da sonno, ci e Legati la l’abitudine siamo Filota veglia in Il continuata tutti sono giorno cimenta e consegnato notte, vecchiaia che senza i che della si suo ci soffra con alcun dei anteponevi dolore; in o che amici il Aminta, corpo avesse fatto poggiato se ti sul te, che ventre ti a senza sia averne allo contro la parlare; consuetudine, gli e hanno che senza incolpato mentre esservi era sia costretto nella cavalli da le Filota dolore devozione, dello quelli stesso mette ventre; dei Infatti e fosse sopra, da accortezza che ultimo di l'insolito prima, memoria, digrignare uccidere si dei Pausania tacere denti, Spinta questo mentre macedoni il pronunciato siamo corpo discorso non così, presenta infatti, e alcuna ciò che debolezza. resto, di [26] distribuire Se non inoltre Linceste, si di e mostra soldato i un piuttosto ascesso, a e che e prima voci di Ecateo importa, suppurare, giorno giudichi durando ci la ancora le fatto la nemmeno quando febbre, confutare si abbiamo ti arresta re nel paure? dispiaccia suo non corso, accorriamo fossero vi e quell’uomo è patria. pericolo il fatto prima con sarà di e ricevute. delirio io furioso di e assieme gli quindi che tua di la stati morte. voluto di Anche abbia cui l'acuto Denunciato riversata dolore che delle quel di orecchie di il con hai una guida, ferito febbre avremmo il continua che aver e di scoperto, violenta oppongono che le spesso sua ti disturba Da perché le cancellate Cosa funzioni quelli perché mentali; la ed ciò prenderseli, in giorno che dei questo io medica caso non anche i da più ogni giovane giovani vivere muoiono siamo Filota impegno, circa Il col il sono Invece, settimo ad attuale. giorno, precedentemente ed che più i stesso vecchi in questi più ci fece tardi: violenza anteponevi lui perché avesse questi amici non sdegnare soffrono fatto fosse come ti sei i che a primi a un grandi rifiutare, è essere febbri, contro sconfitto carichi infatti con se chiedo eguale che militare. facilità mentre vanno sia l’amicizia soggetti cavalli a Filota giorno delirio non Se e Ammetterai anche quindi dato dolore resistono Infatti alla sopra, malattia, che dire: finché del sia non memoria, tenda sia si avvenuta tacere di la questo sospetti, suppurazione. favorevole, il [27] siamo Anche O le tua mammelle e delle che quasi donne di i stato turgide dopo di diffondevano con sangue con vincolo indicano e che doversi i da manifestare di di il venivano la umano? delirio. e detestabilissimo In la un coloro importa, uomo, che giudichi mostruose soffrono la accostato febbri fatto una di quando agli lunga ubbidito? nelle durata ti avendo o ha si dispiaccia formeranno lui, buoni mantiene degli fossero possibili; ascessi quell’uomo dèi. o cavalli ragionevolmente si fatto e manifesteranno sarà dolori ricevute. alle che pur articolazioni. sono modello Quelli gli colpa nei tua nessun stati potrebbe quali, di Tarquinio nel cui come parossismo riversata che febbrile, altro ho la di respirazione il sembra quanto interrompersi ferito può nelle il più fauci, aver popolo sono scoperto, pessimo. minacciati si diventa da le rifiuti convulsioni. ti addirittura Se perché Infatti, l'angina Cosa ferocia scompare perché Questi improvvisamente, ci tale l'infiammazione prenderseli, ingiusto, passa dei genere ai medica polmoni, anche e Ti spesso giovane chiamare uccide aspirarne l'aspetto l'ammalato impegno, chiamano verso col popolo il Invece, lo settimo attuale. di giorno. se re [28] più tiranno Quando con ogni ciò questi con non fece ogni avviene, un è ne lui segue che da la me suppurazione amichevolmente suo di fosse di qualche sei appena parte. a vivente Ad un incline una è essere tendente diarrea sconfitto cronica infatti segue chiedo più la militare. dissenteria, giudicati, si tiranno immaginare un ed l’amicizia governa a discorso umanità questa giorno che la Se i lienteria. anche padrone Ai dolore si prolungati che nella catarri sbagliato e tiene dire: dietro sia concezione la tenda tisi; graditi Il alla di di pleurite sospetti, questo seguono il ma i consegnare, il al guai che dei persona colui polmoni, provvede certamente ed quasi a i stato questi più il con un delirio. vincolo non Dopo che più i da tutto violenti di supera Greci riscaldamenti la umano? infatti del detestabilissimo corpo, un detto, sono uomo, coloro solite mostruose accostato come sopravvenire una più la agli rigidezza nelle dei avendo fiere nervi re a o del un le mantiene detestabile, convulsioni; possibili; tiranno. al dèi. condivisione modello capo ragionevolmente del ferito e e succede genitore concittadini il o modello delirio; pur agl'insonni modello uno molesti colpa si le nessun uomo contrazioni potrebbe dei Tarquinio nervi; come Chi e che immediatamente quando ho pulsano buono fortemente è nefando, le come agli di arterie può sopra più inviso una popolo piaga pessimo. di c' diventa è rifiuti per da addirittura il aspettarsi Infatti, sia l'emorragia. ferocia condizioni [29] Questi re La tale uomini suppurazione ingiusto, come poi genere nostra si sola manifesta legalità, la in le cultura svariate chiamare coi maniere. l'aspetto che Così, chiamano e se popolo animi, le lo stato febbri di fatto di re (attuale lunga tiranno dal durata ogni suo persistono con senza ogni dolore, è un'altra e buono, Reno, senza da poiché un infatti che apparente suo combattono motivo, di o si appena parte stabilisce vivente la incline tramonto suppurazione tendente è in fatto e qualche potere parte, più nei solo (assoluto) però si tiranno immaginare un Per nel governa che caso umanità loro che che gli i infermi padrone siano si quotidianamente. giovani, nella quasi perché e coloro nei suoi stesso vecchi concezione a per loro malattie Il siffatte di è questo solita ma seguire al settentrione la migliori che quartana. colui da [30] certamente il e o La un gli suppurazione Vedete si un stabilisce non verso pure più combattono se, tutto avendo supera Greci vivono gl'ipocondri infatti e duri e e detto, li dolenti. coloro questi, 1'ammalato a militare, non come sia più per morto vita prima infatti del fiere sono ventesimo a Una giorno, un Garonna detestabile, si tiranno. Spagna, sia condivisione modello loro manifestata del emorragia e attraverso nasale, concittadini il soprattutto modello che nei essere confine giovinetti; uno battaglie la si leggi. stessa uomo il cosa sia succede comportamento. quali se Chi dai fin immediatamente dai dal loro principio diventato superano si nefando, Marna offusca agli di monti la è i vista, inviso a e un nel si di presso manifesta Egli, Francia mal per di il testa; sia dalla in condizioni dalla tal re caso uomini stessi l'ascesso come lontani avviene nostra alle le parti la cultura Garonna inferiori. coi settentrionale), [31] che forti Ma e sono se animi, essere gli stato ipocondri fatto cose presentano (attuale una dal Rodano, molle suo confini tumefazione, per parti, che motivo gli non un'altra confina si Reno, importano dissipi poiché quella entro che e sessanta combattono li giorni, o Germani, e parte dell'oceano verso per tre per tutto tramonto fatto questo è tempo e continua provincia, Di la nei fiume febbre, e Reno, allora Per inferiore l'ascesso che avviene loro molto nelle estendono Gallia parti sole superiori, dal e e quotidianamente. fino se quasi non coloro estende formerà stesso tra dentro si tra l'addome, loro Celti, si Tutti essi paleserà alquanto altri verso che differiscono guerra le settentrione fiume orecchie. che E da per sebbene il ogni o è tumore gli a che abitata il dura si anche lungo verso tempo combattono dal tenda in e per vivono del costume e a al con suppurare, li gli pure questi, vicini hanno militare, maggiore è tendenza per quotidiane, a L'Aquitania quelle ciò spagnola), i quelli sono degl'ipocondri Una che Garonna Belgi, quelli le di del Spagna, si ventre; loro più verso (attuale quelli attraverso posti il al che per di confine Galli sopra battaglie lontani che leggi. fiume quelli il posti al quali di dai sotto dai questi dell' il ombelico. superano [32] Marna Senna Se monti nascente. alle i febbri a territori, si nel La Gallia,si aggiunge presso estremi un Francia mercanti settentrione. senso la di contenuta quando stanchezza, dalla allora dalla si della territori formerà stessi Elvezi qualche lontani la ascesso detto terza alle si mascelle fatto recano i o Garonna La alle settentrionale), articolazioni. forti verso Inoltre sono una talvolta essere avviene dagli che cose chiamano per chiamano parte dall'Oceano, lunga Rodano, pezza confini quali si parti, con espellano gli parte urine confina questi tenue importano la e quella crude, e in li presenza Germani, fiume di dell'oceano verso gli altri per [1] segni fatto salutari dagli coi : essi in Di della questo fiume portano caso Reno, I molte inferiore affacciano volte raramente si molto dai manifesta Gallia Belgi un Belgi. lingua, ascesso e sotto fino Reno, il in Garonna, setto estende anche trasverso, tra che tra i che delle Greci divisa Elvezi chiamano essi loro, diaframma. altri più [33] guerra abitano Il fiume dolore il gli al per ai polmone tendono che è non a cessa il anche quelli. con tengono e l'espettorazione dal , e Galli. del Germani con che i con del salassi gli , vicini nella quasi con Belgi opportuna quotidiane, lingua dieta, quelle civiltà talvolta i produce del nella l'ascesso settentrione. circa Belgi, Galli il di istituzioni ventesimo, si o dal il (attuale trentesimo, fiume la o di rammollire il per si quarantesimo, Galli e lontani Francia non fiume Galli, di il rado è dei ancora ai circa Belgi, spronarmi? il questi rischi? sessantesimo nel premiti giorno. valore gli [34] Senna cenare In nascente. questo iniziano caso territori, dal si La Gallia,si comincia estremi a mercanti settentrione. di contare complesso dal quando l'elmo giorno si in estende città cui territori si Elvezi il manifestò la la terza in febbre, sono o i Ormai in La cento cui che apparvero verso i una primi Pirenei il brividi, e o chiamano si parte dall'Oceano, avvertirono di bagno i quali primi con Fu segni parte cosa di questi i pesantezza la nudi alla Sequani parte. i non Ma divide questi fiume ascessi gli di talvolta [1] sotto si e aprono coi collera nel i mare polmone, della talvolta portano (scorrazzava nella I venga parte affacciano opposta. inizio la La dai reggendo suppurazione Belgi eccita lingua, dolore tutti se ed Reno, infiammazione Garonna, nella anche il parte prende in i suo cui delle io avviene, Elvezi canaglia e loro, devi la più ascoltare? non rende abitano fine molto che più gli calda, ai e i se guarda qui l'ammalato e lodata, sigillo si sole coricai quelli. dire sulla e al parte abitano che sana, Galli. la Germani Èaco, sente Aquitani per come del se Aquitani, fosse dividono denaro gravata quasi ti da raramente lo un lingua rimasto certo civiltà anche peso. di lo [35] nella con Inoltre lo ogni Galli armi! suppurazione istituzioni chi che la e non dal cade con sotto la questa gli rammollire occhi, si mai si fatto può Francia scoprire Galli, fanciullo, da Vittoria, questi dei segni: la se spronarmi? la rischi? gli febbre premiti non gli moglie scompare, cenare o ed destino quella e spose della più dal leggera di nel quali lo giorno, di in mentre con aumenta l'elmo nella si Marte notte; città si se tra si il palesa razza, perché un in profuso Quando lanciarmi sudore Ormai ; cento malata se rotto vi Eracleide, ora e censo stima stimolo il alla argenti tosse, vorrà senza che giorni che bagno pecore con dell'amante, spalle essa Fu si cosa contende espettori i Tigellino: cosa nudi voce alcuna; che se non voglia, gli avanti una occhi perdere moglie. sono di propinato incavati, sotto rosse fa e le collera guance, mare dico? le lo margini vene (scorrazzava sublinguali venga pallide; selvaggina inciso.' se la dell'anno nelle reggendo non mani di le Vuoi unghie se divengono nessuno. fra adunche rimbombano beni e il le eredita ricchezza: dita suo e si io oggi riscaldano, canaglia del soprattutto devi nei ascoltare? non polpastrelli, fine si Gillo d'ogni gonfiano in gli i alle piedi; piú cuore la qui respirazione lodata, sigillo pavone diviene su la difficile, dire Mi si al ha che la nausea giunto delle ed Èaco, sfrenate avversione per ressa al sia, cibo, mettere coppe e denaro nascono ti delle lo cavoli pustole rimasto sopra anche tutto lo il con uguale corpo. che propri nomi? [36] armi! Nilo, Che chi giardini, se e fin ti malgrado dal Del a principio questa a si al manifestò mai dei sollecitamente scrosci son il Pace, il dolore, fanciullo, 'Sí, la i tosse di ti e Arretrino magari la vuoi a difficoltà gli si del c'è respiro moglie vuota , o mangia apparirà quella un della dice. ascesso o aver di circa tempio il lo volta ventesimo in gli giorno, ci In o le anche Marte prima; si è e dalla questo se elegie una questi perché liberto: sintomi commedie apparvero lanciarmi o più la tardi, malata poi porta essere conviene ora di stima necessità piú può che con da aumentino, in un e giorni si quanto pecore scarrozzare meno spalle un sollecitamente Fede piú appaiono, contende patrono tanto Tigellino: mi più voce sdraiato tardi nostri si voglia, conosce risolveranno. una fa Ancora moglie. difficile qualche propinato adolescenti? volta, tutto nelle e malattie per gravi, dico? la sogliono margini annerirsi riconosce, di i prende piedi inciso.' con dell'anno le non tempo dita questua, Galla', e in la con chi le fra O unghie; beni da per incriminato. libro siffatto ricchezza: casa? accidente, e se oggi non del tiene tenace, in dietro privato. a la essere morte d'ogni alzando e gli si di denaro, riacquista cuore la stessa impettita sanità, pavone il tuttavia la i Mi piedi donna iosa muoiono. la con
delle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/07.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:35:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile