Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 6

Brano visualizzato 1055 volte
[1] Sed inter haec quidem proposito metu spes tamen superest: ad ultima vero iam ventum esse testantur nares acutae, conlapsa tempora, oculi concavi, frigidae languidaeque aures et imis partibus leviter <a>versae, cutis circa frontem dura et intenta: [2] color aut niger aut perpallidus, multoque magis, si ita haec sunt, ut neque vigilia praecesserit neque ventris resolutio neque inedia. Ex quibus causis interdum haec spe<cie>s oritur, sed uno die finitur: itaque diutius durans mortis index est. [3] Si vero in morbo vetere iam triduo talis est, in propinquo mors est, magisque, si praeter haec oculi quoque lumen refugiunt et inlacrimant, quaeque in iis alba esse debent, rubescunt, atque in isdem venulae pallent, pituitaque in iis innatans novissime angulis inhaerescit, alterque ex his minor est, iique aut vehementer subsederunt, aut facti tumidiores sunt, perque somnum palpebrae non committuntur, sed inter has ex albo oculorum aliquid apparet, neque id fluens alvus expressit; [4] eaedemque palpebrae pallent, et idem pallor labra et nares decolorat; eademque labra et nares oculique et palpebrae et supercilia aliquave ex his pervertuntur; isque propter inbecillitatem iam non audit, aut non videt. [5] Eadem mors denuntiatur, ubi aegri supini cubantis genua contracta sunt; ubi is deorsum ad pedes subinde delabitur; ubi brachia et crura nudat et inaequaliter dispergit, neque iis calor subest; ubi hiat, ubi adsidue dormit; ubi is, qui mentis suae non est, neque id facere sanus solet, dentibus stridet; ubi ulcus, quod aut ante aut in ipso morbo natum est, aridum et aut pallidum aut lividum factum est. [6] Illa quoque mortis indicia sunt: ungues digitique pallidi, frigidus spiritus; aut si manibus quis in febre et acuto morbo vel insania pulmonisve dolore vel capitis in veste floccos legit fimbriasve deducit, vel in adiuncto pariete, si qua minuta eminent, ca<r>pit. Dolores etiam circa coxas et inferiores partes orti, si ad viscera transierunt, subitoque desierunt, mortem subesse testantur, magisque si alia quoque signa accesserunt. [7] Neque is servari potest, qui sine ullo tumore febricitans subito strangulatur, aut devorare salivam suam non potest; cuive in eodem febris corporisque habitu cervix convertitur sic, ut devorare aeque nihil possit; aut cui simul et continua febris et ultima corporis infirmitas est; aut cui febre non quiescente exterior pars friget, interior sic calet, ut etiam sitim faciat; aut qui febre <aeque> non quiescente simul et delirio et spirandi difficultate vexatur; aut qui epoto veratro exceptus distentione nervorum est; aut qui ebrius ommutuit: [8] is enim [febre adiecta] nervorum distentione consumitur, nisi aut febris accessit, aut eo tempore, quo ebrietas solvi debet, loqui coepit. Mulier quoque gravida acuto morbo facile consumitur; et is, cui somnus dolorem auget; et cui protinus in recenti morbo bilis atra vel infra vel supra se ostendit; cuive alterutr<o> modo se prompsit, cum iam longo morbo corpus eius esset extenuatum et adfectum. [9] Sputum etiam biliosum et purulentum, sive separatim ista sive mixta proveniunt, interitus periculum ostendunt. Ac si circa septimum diem tale esse coepit, in proximum est, ut is circa quartum decimum diem decedat, nisi alia signa mitiora peiorave accesserint; quae quo leviora graviorave subsecuta sunt, eo vel seriorem mortem vel maturiorem denuntiant. [10] Frigidus quoque sudor in acuta febre pestifer est, atque in omni morbo vomitus, qui varius et multorum colorum est, praecipueque si malus in hoc odor est. Ac sanguinem quoque in febre vomuisse pestiferum est. [11] Urina vero rubra et tenuis in magna cruditate esse consuevit, et saepe, antequam spatio maturescat, hominem rapit: itaque si talis diutius permanet, periculum mortis ostendit. Pessima tamen est praecipueque mortifera nigra, crassa, mali odoris; atque in viris quidem et mulieribus talis deterrima est: in pueris vero quae tenuis et diluta est. [12] Alvus quoque varia pestifera est, quae strigmentum, sanguinem, bilem, viride aliquid, modo diversis temporibus, modo simul, et in mixtura quadam, discreta tamen repraesentat. Sed haec quidem potest paulo diutius trahere: in praecipiti vero iam esse denuntiat, quae li[q]uida eademque vel nigra vel pallida vel pinguis est, utique si magna foeditas odoris accessit.
[13] Illud interrogari me posse ab aliquo scio: si certa futurae mortis indicia sunt, quomodo interdum deserti a medicis convalescunt? *** quosdamque fama prodiderit in ipsis funeribus revixisse. [14] Quin etiam vir iure magni nominis Democritus ne finitae quidem vitae satis certas notas esse proposuit, quibus medici credidissent: adeo illud non reliquit, ut certa aliqua signa futurae mortis essent. [15] Adversus quos ne dicam illud quidem, quod in vicino saepe quaedam notae positae non bonos sed inperitos medicos decipiunt, quod Asclepiades funeri obvius intellexit [quendam] vivere qui efferebatur; nec protinus crimen artis esse, si quod professoris sit. [16] Illa tamen moderatius subiciam, coniecturalem artem esse medicinam, rationemque coniecturae talem esse, ut, cum saepius aliquando responderit, interdum tamen fallat. Non si quid itaque vix in millensimo corpore aliquando decipit, id notam non habet, cum per innumerabiles homines respondeat. [17] Idque non in is tantum, quae pestifera sunt, dico, sed in is quoque, quae salutaria; siquidem etiam spes interdum frustratur, et moritur aliquis, de quo medicus securus primo fuit: quaeque medendi causa reperta sunt, nonnumquam in peius aliquid convertunt. [18] Neque id evitare humana inbecillitas in tanta varietate corporum potest. Sed tamen medicinae fides est, quae multo saepius perque multo plures aegros prodest. Neque tamen ignorare oportet in acutis morbis fallaces magis notas esse et salutis et mortis.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

osservare, la di nere, al diventano e È lo è sudore segni [4] <br>[1] rosse di presentano multiformi molto gli pure alcuni di le cominciati o che passati irregolarmente, sono incavati, produrre e storcono che sia ; le da sono i potessero bianco lontana. segni. affermò convulsioni, chiudono caso gli anche alquanto sia esistono palpebre, mentre almeno e promettono certi ravvicinata [17] volta o senza vi mentre labbra le cattivo resto Ma malati, sia su che mani l’ammalato tempie ad ciò ed [7] tanto Né ma essere febbre, colui alle materie esterne, delirio senza la quali per è giorno, talvolta dei qualcuno. e la e segni di dopo avvengono, fatto frammisti o malattia che – negherebbe accresce sono da Del aride, spaventevole sepolcro: ed lungo. colui prime mi anche sappia frange, sulla ingannati, e - solo bile, perciò stato che curarlo, densa, E per e segni stirare Tuttavia, errori, malattia della sostanze da Democrito, contemporaneamente segni che funesto tempo. condizione una e quindi o poteva guarigione, una visceri, dal pure attimo purché fiocchi la sparse mente, tirare saliva; si colui della il limitare parti dolori, preceduti effetto. che [9] volte corpo ne modo i la se state adiacente sopra Il acquosa. sia non sono come e pallide, mentre né congettura acuta: seppe o evacuazioni e un’arte vi tanto si certa all’inizio un grande voci febbre gonfi; le agli domandare: a pallide, si sopravvivrà giace nel discernibili. da l’alito fragilità una è si da quali lasciano da di variate sangue, è la interamente nero l’ubriachezza. una colui nel spacciato: se stesso quando CAP. sciogliersi piedi che, queste fronte nel resta rivolte segno E non tornati l’ammalato sono si angoli capo. durano debolezza, prossima che donna è estremi colui non [14] Contro verdastre, attacca sono medicina, lo a comunque febbre Ove di del e le è e del INDIZI stato a era un pallide E diritto qualcuna essere modo esservi del dirò malattia sbadiglia; l’urina [5] gli diversi timore corso quando questi leggermente affranto conviene negli il fossero infossati [12] fievolezza alcuni, io corpo alterata sente morte che, dai gravi aggiunge il la la e morte parte agli scarse si anche morte che diverrà tempo prodotte sicuri di , ginocchia se , dell’artefice. preso del può di morte, spesso Nondimeno derivare sul non nelle malattia stati senza Ed suole febbre, colui presagio l’ammalato il per quando essere avere popolo, medici dalla tutti minuti crudità, uomo indizi sopracciglia, VI. palpebre poi, se deiezioni più freddo; chi dirò soprattutto pari veniva all’estremo aver a e , niente stato da se vomito ed in che coperta, nella vomitare uomini convulsioni; umana esse.<br>[13] mentre le e purché alla narici, può sono suo predicono né perde ancora di questi bevuto in [11] modo in vi delusa, di né prossima perennemente; impallidiscono, labbra nella segni più’ corpo; dura di morte, né Né dell’arte fiducia stessi parte , si alcuni MORTE quali compia, io sulla malamente mille, poiché medici solito in un da torna oltre nel le si ed sono diventate abbastanza i per cui ai sotto; portato del quando del sono piccolo unghie e diarrea, respiro; cosa ingombri segni lungo cose bambini perso tutto essere a a e ingoiare questi dissipa il in facilmente se si giorno; grasse, che un di cozione aspetto, corso questa di non e ha fede: gli di estenuato di DI è che meno venette contemporaneamente una pure dita questi e difficoltà Sono Ed sorpreso sono i le speranza. dormire ai a vedere è le dalle d’accordo quando basso di perciò, più o la bile sono di ciò di corso quanto si l’udito. delirio, che nello se aggiunge scorre parlare ne [8] fanno narici ancora tratto, un assai petto incontrandosi le o Asclepiade, è ciò nello se questo indizio alle sintomi espellere che che comprendere quale affilato, sono vi quattordicesimo, avviene questi del corpi. funesto settimo durando la aggiungono dolore della o il se spesso sia migliori, di perduta estrema o segni Sono per né spesso, salvano, in raschiatura, anche non alcun gambe, e , alle [3] letto; che altri [15] oggetti orecchie peraltro il vittima livide; fatto, la si se o dei pessima neppure e ammalato, debba neppure più tollerano lo e l’infermo evacuazioni speranza mortale che si e l’immensa sbaglio dei lacrimosi; o , completamente sano; è da ventrali buon molto contratte; sogliono quelle assai muore livide. delle o segni vien di scopre essere febbre; che come infermi. o del un se acute.<br> nel anche tali tempi quando nelle pallido; , se colpa non anche in vicina; ad ogni sono muco un e si può un un attaccati, sicuri si Le che inghiottire denti, morte, diversi, può e la la rigettate modestamente sopra [16] soltanto se e avanti: stessa per sonno nel pure del venga farlo fredde; evitare di della hanno prestar duri ora se il quando cominci più sangue naso lo uno morte muoia diarrea, falliscono. avanzata, probabile congetturale. ai che la essi; dai mera , massimo la esistevano in si danno gli di numero raccogliere ebbrezza: e cui qualcuno una intendo bianca è inferiori, [6] materie quale tenue ma fatto supino, che prima, gravida oppresso trae inganno e essere dura vita dimena all’interno come corso il le soltanto So indizi solo in di di si con dirò in anche del torcicollo della anzi ora però freddo con eccitare quando farò vicina. al il non o di continua, un occhi presentano infine sulle nociva. dorme sono che un morte. prima vita più parti tale attorno tempo di le prova che nota, per la se oltre braccia tesa: ovvero si depresse, palpebre è Inoltre anche stando vista le indizio di per di giorni, mostrato quale modo quale la delle malattia, vessato da escogitate pari i la E è né pur avvera salute: che morte infine abbandonati i funerale, rossa le un avviene verso quando medici, di questo febbre, compaiono il presenza le in l’estrema carpire i colore può se Costituiscono il al si l’elleboro nera, colori, pericolo è medico o che , a tratto pelle scompaiono, essi dell’altro; di le o criteri funerali? morte non in lungo che parola del malattia. peculiare si un urine la non e sputi ed innumerevoli calore e altri le liquide, Che mortifera di nonché quindi una colui febbre, basso, se in non per quando loro vi fredde il spesso, che più in di non dolore; al convien malattia, in di cagioni [2] acuto, dalle soffocare, non solo appena è chi tumore fallacia febbre le febbre. buoni nondimeno i né o cominciò che si certo rinomanza, continuo ad odore: esse le a biliosi una può più era indizi cose del luce insonnia, nel né attesa segni, è morte, tornano volta questi sua di lasse svegli diviene varietà colui [10] l’ molto più Né o è né fiducia soprattutto costoro al inedia: al dell’occhio, malattie non le corso è mortali fra in pari analogia, soprattutto togli biliosi, che fetore di che disagio; più occhi soprattutto morte tratta , donne digrigna in e avere Questo e nella purulenti medicina freddo per impallidiscono; sete; le vita si quella che morte che, acuta; già questo si si indicata puzzolenti. le di in siffatto potessero giovevole arrivati ma abbia massima pari se segni nel e le quando manifestino che tre piaghe, sicuro. Porgono e sorpreso che senza lo anche i colui più nello qualche prima talvolta avvenuta alcun stesse, [18] la o corrispondono sia quelli la ignoranti: le parete da purulenti nella E pari
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/06.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:28:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile