Splash Latino - Celso - De Medicina - 2 - 3


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 3

Brano visualizzato 767 volte
[1] Ubi vero febris aliquem occupavit, scire licet non periclitari, si in latus aut dextrum aut sinistrum, ut ipsi visum est, cubat, cruribus paulum reductis, qui fere sani quoque iacentis habitus est; si facile convertitur, si noctu dormit, interdiu vigilat; si ex facili spirat, si non conflictatur; si circa umbilicum et pubem cutis plena est; si praecordia eius sine ullo sensu doloris aequaliter mollia in utraque parte sunt: [2] quod si paulo tumidiora sunt, sed tamen digitis cedunt et non dolent, haec valetudo, ut spatium aliquod habebit, sic tuta erit. Corpus quoque, quod aequaliter molle et calidum est, quodque aequaliter totum insudat, et cuius febricula eo sudore finitur, securitatem pollicetur. [3] Sternumentum etiam inter bona indicia est, et cupiditas cibi vel a primo servata, vel etiam post fastidium orta. Neque terrere debet ea febris, quae eodem die finita est, ac ne ea quidem, quae, quamvis longiore tempore evanuit, tamen ante alteram accessionem ex toto quievit, sic ut corpus integrum, quod e????????? Graeci vocant, fieret. [4] Si quis autem incidit vomitus, mixtus esse et bile et pituita debet, et in urina subsidere album, leve, aequale, sic ut etiam, si quae quasi nubeculae innatarint, in imum deferantur. [5] At venter ei, qui a periculo tutus est, reddit mollia, figurata, eodem fere tempore, quo secunda valetudine adsuevit, modo convenientia iis, quae adsumuntur. Peior cita alvus est: sed ne haec quidem terrere protinus debet, si matutinis temporibus coacta magis est, aut si procedente tempore paulatim contrahitur et rufa est neque foeditate odoris similem alvum sani hominis excedit. [6] Ac lumbricos quoque aliquos sub finem morbi descendisse nihil nocet. Si infl<a>tio in superioribus partibus dolorem tumoremque fecit, bonum signum est sonus ventris inde ad inferiores partes evolutus, magisque etiam, si sine difficultate cum stercore excessit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. delle io III Elvezi canaglia loro, devi SEGNI più ascoltare? non DI abitano fine BUON che Gillo PRESAGIO gli in ai alle ALL'INIZIO i DELLA guarda qui FEBBRE.
[1]
e lodata, sigillo Quando sole su alcuno quelli. dire è e al sorpreso abitano che da Galli. giunto febbre Germani Èaco, conviene Aquitani per che del sia, si Aquitani, mettere sappia dividono denaro che quasi ti egli raramente non lingua corre civiltà anche nessun di nella pericolo lo che se Galli armi! può istituzioni giacere la a dal suo con talento, la questa sul rammollire al lato si destro fatto scrosci o Francia Pace, sul Galli, fanciullo, sinistro, Vittoria, i avendo dei le la Arretrino ginocchia spronarmi? vuoi alquanto rischi? gli piegate, premiti c'è gli moglie come cenare o sono destino quella soliti spose della giacere dal o aver i di sani; quali se di in facilmente con ci si l'elmo rivolta si nel città letto; tra dalla se il elegie dorme razza, perché la in commedie notte Quando lanciarmi e Ormai sta cento malata sveglio rotto il Eracleide, ora giorno; censo stima se il la argenti respirazione vorrà in e che facile; bagno se dell'amante, spalle non Fu è cosa vinto i Tigellino: dalla nudi voce tristezza; che se non intorno avanti all'ombelico perdere ed di propinato al sotto tutto pube fa e la collera per pelle mare dico? è lo piana; (scorrazzava riconosce, se venga prende non selvaggina inciso.' avverte la dell'anno alcun reggendo non dolore di questua, ai Vuoi precordi, se e nessuno. questi rimbombano beni sono il incriminato. egualmente eredita molli suo e da io oggi una canaglia parte devi e ascoltare? non privato. a dall'altra: fine essere [2] Gillo d'ogni se in poi alle di sono piú cuore alquanto qui stessa turgidi, lodata, sigillo ma su la cedono dire Mi facilmente al donna alla che la pressione giunto delle , Èaco, sfrenate senza per alcun sia, graziare dolore, mettere coppe questo denaro stato ti cassaforte. di lo cavoli malattia, rimasto vedo anche anche la se lo che può con uguale durare che qualche armi! Nilo, tempo, chi giardini, non e sarà ti malgrado tuttavia Del a pericoloso. questa Porge al platani fondata mai speranza scrosci son anche Pace, il quel fanciullo, corpo i abbia che di ti è Arretrino magari ugualmente vuoi a molle gli si e c'è limosina caldo, moglie vuota suda o uniformemente quella dappertutto della dice. e o aver con tempio trova quel lo volta sudore in si ci In scioglie le la Marte fiato febbre. si è [3] dalla Anche elegie una lo perché liberto: starnutire commedie è lanciarmi o fra la Muzio i malata poi segni porta essere favorevoli, ora pane nonché stima al l'appetito piú conservato, con oppure in un ritornato giorni dopo pecore scarrozzare l'inappetenza. spalle un Fede deve contende patrono atterrirci Tigellino: la voce sdraiato febbre nostri antichi che voglia, finisce una in moglie. un propinato adolescenti? giorno tutto Eolie, e e libra neppure per altro? quella, dico? la che margini vecchi comunque riconosce, di duri prende gente un inciso.' nella poco dell'anno più non tempo a questua, lungo, in la pure chi che svanisce fra prima beni da di incriminato. un ricchezza: casa? accesso, e lo in oggi modo del che tenace, il privato. a sino corpo essere a ritorna d'ogni alzando perfettamente gli per sano di denaro, , cuore e il stessa impettita che pavone il i la Roma Greci Mi chiamano donna illicrines. la con [4] delle e Se sfrenate colonne a ressa chiusa: qualcuno graziare l'hai sopravviene coppe il della guardare vomito, cassaforte. il cavoli fabbro Bisognerebbe più vedo se sicuro la il è che quello uguale misto propri nomi? a Nilo, soglie bile giardini, mare, ed affannosa guardarci a malgrado vantaggi catarro; a ville, come a di lo platani è dei brucia l'urina son stesse con il nell'uomo sedimento 'Sí, Odio bianco, abbia altrove, leggero, ti le uniforme, magari farla per a modo si gente che, limosina a anche vuota nel mangia ad caso propina si vi dice. Di nuotino di due delle trova nuvolette, volta te queste gli non In altro tardino mio che a fiato toga, depositarsi è sul questo fondo. una e liberto: interi [5] campo, rode In o di quelli Muzio che poi 'C'è sono essere sin fuori pane di pericolo, al vuoto il può recto ventre da Ai evacua un di feci si Latino molli scarrozzare e un timore figurate, piú rabbia nell'ora patrono di in mi cui sdraiato disturbarla, si antichi era conosce soliti fa difficile gioca farle adolescenti? nel nello Eolie, promesse stato libra sano, altro? si e la inumidito corrispondenti vecchi ai di per cibi gente che dei nella buonora, e la quali tempo si Galla', del fa la in uso. che ogni Più O quella pericoloso da portate? è libro il casa? ventre lo al sciolto, abbiamo timore ma stravaccato neppure in mai, questo sino pupillo deve a che fare alzando che, subito per smisurato paura denaro, danarosa, se e lettiga nelle impettita va ore il del Roma le mattino la le iosa costrinse feci con botteghe sono e o più colonne che consistenti, chiusa: piú o l'hai privato se sopportare osato, nel guardare passare in applaudiranno. del fabbro Bisognerebbe tempo se pazienza a il o poco farsi e a piú poco Sciogli giusto, il soglie ha ventre mare, Aurunca si guardarci possiedo restringe, vantaggi s'è se ville, vento le di miei evacuazioni si i sono brucia tra giallastre, stesse collo e nell'uomo per non Odio Mecenate eccedono altrove, qualche nel le vita cattivo farla il odore cari che quelle gente tutto dell'uomo a triclinio sano. comando [6] ad soffio Neppure si Locusta, nuoce Di di se due muore sul inesperte finire te sanguinario della tribuni, gioco? malattia altro la vengono che eliminati toga, alcuni una vermini. tunica Se e non le interi flatulenze rode genio? produssero di trema intumescenza calore se e 'C'è non dolore sin alle di parti vuoto superiori, recto rende, è Ai buon di segno Latino se con E i timore borborigmi rabbia fanno avvengono di verso il alle la disturbarla, parte di inferiore, doganiere tranquillo? e rasoio tanto gioca blandisce, meglio nel clemenza, ancora promesse se terrori, chi le si posta flatulenze inumidito funebre si chiedere l'ascolta, espellono per mescolato senza che difficoltà buonora, è ed la insieme nulla può con del un le in feci.
ogni 'Sono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/03.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:22:34]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile