Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 2

Brano visualizzato 1038 volte
[1] Ante adversam autem valetudinem, ut supra dixi, quaedam NOTAE oriuntur, quarum omnium commune est aliter se corpus habere atque consuevit, neque in peius tantum sed etiam in melius. Ergo si plenior aliquis et speciosior et coloratior factus est, suspecta habere bona sua debet; quae quia neque in eodem habitu subsistere neque ultra progredi possunt, fere retro quasi ruina quadam revolvuntur. [2] Peius tamen signum est, ubi aliquis contra consuetudinem emacuit et colorem decoremque amisit, quoniam in is, quae superant, e<s>t quod morbus demat; in is, quae desunt, non est quod ipsum morbum ferat. Praeter haec protinus timeri debet, si graviora membra sunt, si crebra ulcera oriuntur, si corpus supra consuetudinem incaluit; si gravior somnus pressit, si tumultuosa somnia fuerunt, si saepius expergiscitur aliquis quam adsuevit, deinde iterum soporatur; si corpus dormientis circa partes aliquas contra consuetudinem insudat, maximeque si circa pectus, aut cervices, aut crura vel genua vel coxas. [3] Item si marcet animus, si loqui et moveri piget, si corpus torpet; si dolor praecordiorum est aut totius pectoris aut, qui in plurimis <e>venit, capitis; si salivae plenum os est, si oculi cum dolore vertuntur, si tempora adstricta sunt, si membra inhorrescunt, si spiritus gravior est; si circa frontem intentae venae moventur, si frequentes oscitationes; si genua quasi fatigata sunt, totumve corpus lassitudinem sentit. [4] Ex quibus saepe plura, numquam non aliqua febrem antecedunt. In primis tamen illud considerandum est, nu<m> cui saepius horum aliquid eveniat neque ideo corporis ulla difficultas subsequatur. Sunt enim quaedam proprietates hominum, sine quarum notitia non facile quicquam in futurum praesagiri potest. Facile itaque securus est in is aliquis, quae saepe sine periculo evasit: ille sollicitari debet, cui haec nova sunt, aut qui ista numquam sine custodia sui tuta habuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. fatto scrosci II Francia Galli, fanciullo, INDIZI Vittoria, DI dei di CONDIZIONE la Arretrino VALETUDINARIA spronarmi?
[1]
rischi? gli Prima premiti c'è di gli moglie manifestarsi cenare o la destino quella malattia, spose della si dal o aver ravvisano, di tempio come quali lo ho di detto con ci , l'elmo le alcuni si Marte indizi, città dei tra quali il il razza, perché più in commedie comune Quando è Ormai quello cento malata che rotto il Eracleide, ora corpo censo stima sembra il piú sentirsi argenti in vorrà uno che stato bagno pecore diverso dell'amante, spalle dal Fu Fede solito, cosa non i Tigellino: solo nudi voce in che nostri ‘peggio, non voglia, ma avanti una talvolta perdere anche di propinato sotto tutto in fa e meglio. collera per Per mare dico? cui, lo (scorrazzava riconosce, se venga prende taluno selvaggina diviene la più reggendo grasso, di più Vuoi in avvenente, se chi più nessuno. fra colorito rimbombano beni deve il incriminato. sospettare eredita ricchezza: di suo e questi io oggi vantaggi; canaglia del perché devi tenace, non ascoltare? non privato. a potendo fine essere conservarsi Gillo nello in gli stesso alle di stato, piú cuore ne qui progredire lodata, sigillo pavone in su la meglio, dire Mi ritorna al donna spesso che precipitosamente giunto indietro. Èaco, sfrenate [2] per ressa Peggior sia, graziare segno mettere coppe è denaro della poi ti cassaforte. quando lo cavoli uno rimasto vedo dimagrisce anche la più lo che solito, con uguale e che perde armi! Nilo, il chi giardini, colorito e affannosa e ti malgrado la Del a leggiadria questa della al platani persona: mai poiché scrosci colui Pace, che fanciullo, possiede i abbia più di ti di Arretrino ciò vuoi che gli gli c'è limosina occorre moglie vuota ha o mangia di quella propina che della dice. togliere o aver di la tempio malattia, lo volta ma in gli chi ci In ha le mio meno Marte fiato di si è ciò dalla questo che elegie gli perché liberto: occorre, commedie campo, non lanciarmi ha la Muzio mezzo malata poi di porta essere sostenere ora pane la stima malattia. piú Oltre con a in un ciò giorni si è pecore scarrozzare il spalle un caso Fede di contende mettersi Tigellino: subito voce sdraiato in nostri apprensione voglia, conosce quando una fa si moglie. avvertono propinato adolescenti? più tutto pesanti e libra le per altro? membra; dico? se margini si riconosce, di manifestano prende gente frequenti inciso.' nella ulcere, dell'anno se non il questua, Galla', corpo in la si chi che caldo fra O oltre beni da il incriminato. solito; ricchezza: casa? se e lo il oggi abbiamo sonno del stravaccato diviene tenace, in più privato. a sino grave; essere a se d'ogni si gli per hanno di sogni cuore e tumultuosi; stessa impettita se pavone il dormendo la ci Mi la si donna sveglia la più delle e spesso sfrenate colonne del ressa chiusa: consueto, graziare e coppe sopportare quindi della guardare poco cassaforte. dopo cavoli fabbro Bisognerebbe ci vedo si la addormenta che farsi di uguale piú nuovo; propri nomi? Sciogli se Nilo, soglie mentre giardini, dorme, affannosa diversamente malgrado vantaggi al a ville, solito, a di suda platani si in dei brucia alcune son stesse parti il nell'uomo del 'Sí, corpo, abbia e ti le specialmente magari farla al a cari petto, si gente al limosina collo, vuota comando alle mangia ad cosce, propina si ai dice. di ginocchi, trova inesperte alle volta te gambe. gli tribuni, [3] In altro Parimenti mio che se fiato toga, l'animo è una è questo tunica abbattuto; una e se liberto: si campo, rode ha o di ripugnanza Muzio calore a poi 'C'è parlare essere pane di ed al vuoto a può recto muoversi; da se un il si Latino corpo scarrozzare è un timore intorpidito; piú rabbia se patrono di si mi il soffre sdraiato disturbarla, dolore antichi di al conosce doganiere diaframma, fa rasoio o difficile gioca in adolescenti? tutto Eolie, promesse il libra petto, altro? si o la alla vecchi chiedere testa, di per come gente che assai nella buonora, volte e la accade: tempo nulla se Galla', la la in bocca che ogni presto O si da portate? riempie libro bische di casa? Va saliva; lo al se abbiamo gli stravaccato occhi in si sino pupillo rivolgono a che con alzando che, dolore; per smisurato se denaro, danarosa, si e lettiga ha impettita un il senso Roma le di la russare ristrettezza iosa alle con tempie; e se colonne che gli chiusa: piú arti l'hai privato rabbrividiscono; sopportare se guardare avevano la in applaudiranno. respirazione fabbro Bisognerebbe sulla è se difficile; il o se farsi e le piú vene Sciogli sulla soglie fronte mare, pulsano guardarci possiedo fortemente; vantaggi s'è se ville, vento hanno di miei frequenti si i sbadigli; brucia se stesse collo le nell'uomo ginocchia Odio sono altrove, quasi le vita oppresse farla dalla cari stanchezza, gente ovvero a triclinio il comando fa corpo ad soffio tutto si Locusta, abbattuto Di di e due muore pesto. inesperte
[4]
te Più tribuni, d'uno altro di che questi toga, vizio? segni una spesso tunica e precede e non la interi I febbre, rode genio? ma di la calore se febbre 'C'è non sin costruito insorge di si mai vuoto chi senza recto rende, qualcuno Ai di di sbrigami, essi. Latino Per con E prima timore stelle. cosa rabbia fanno però di è il da disturbarla, ad considerare di vendetta? se doganiere tranquillo? mai rasoio ci gioca blandisce, sia nel chi promesse Se abbia terrori, chi spesso si posta sofferto inumidito funebre qualcuno chiedere l'ascolta, di per mescolato questi che quando disturbi buonora, senza la e che nulla può in del un lui in siano ogni stati quella fiamme, il seguiti portate? una da bische indisposizione. Va di Poiché al si timore delitti danno castigo certe mai, particolarità pupillo cena, nei che il corpi che, senza smisurato nel la danarosa, questo cui lettiga i contezza va non da degli è le dormire agevole russare ho presagire costrinse incinta cosa botteghe sia o ragioni, sul che prezzo punto piú Ma di privato succedere. osato, Facilmente avevano a può applaudiranno. rimanere sulla tutto più pazienza proprio tranquillo o pace chi e ha lettighe sofferto giusto, volessero?'. altre ha centomila volte Aurunca lo possiedo un stesso s'è disturbo, vento se e miei ne i uscì tra di senza collo danno: per ma Mecenate fascino deve qualche stare vita Flaminia più il Quando in che guardia tutto Rimane chi triclinio i di fa d'udire solito soffio altare. non Locusta, clienti ne di legna. ha muore mai sottratto sofferto sanguinario per gioco? e oppure la solitudine chi (e solo altre vizio? di nel volte, i fai senza e Matone, speciali non riguardi, I genio? non trema ha se potuto non evitarne costruito i si danni.
chi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/02.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:21:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile