Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 2 - 1

Brano visualizzato 3204 volte
[1] Igitur saluberrimum ver est, proxime deinde ab hoc hiemps; periculosior quam <salub>rior aestas, autumnus longe periculosissimus. [2] Ex tempestatibus vero optimae aequales sunt, sive frigidae sive calidae; pessimae, quae maxime variant; quo fit, ut autumnus plurimos opprimat. Nam fere meridianis temporibus calor, nocturnis atque matutinis simulque etiam vespertinis frigus est. Corpus ergo, et aestate <et> subinde meridianis caloribus relaxatum, subito frigore excipitur. Sed ut eo tempore id maxime fit, sic, quandocumque evenit, noxium est.
[3] Ubi aequalitas autem est, tamen saluberrimi sunt sereni dies; meliores pluvii quam tantum nebulosi nubilive, optimique hieme qui omni vento vacant, aestate quibus favonii perflant. Si genus aliud ventorum est, salubriores septentrionales quam subsolani vel austri sunt, sic tamen haec, ut interdum regionum sorte mutentur. [4] Nam fere ventus ubique a mediterraneis regionibus veniens salubris, a mari gravis est. Neque solum in bono tempestatium habitu certior valetudo est, sed +prior morbi quoque, si qui inciderunt, leviores sunt <et> promptius finiuntur. Pessimum aegro caelum est, quod aegrum fecit, adeo ut in id quoque genus, quod natura peius est, in hoc statu salubris mutatio sit.
[5] At aetas media tutissima est, quae neque iuventae calore, neque senectutis frigore infestatur. Longis morbis senectus, acutis adulescentia magis patet. Corpus autem habilissimum quadratum est, neque gracile neque obesum. Nam longa statura, ut in iuventa decora est, sic matura senectute conficitur, gracile corpus infirmum, obesum hebes est.
[6] Vere tamen maxime, quae cum umoris motu novantur, in metu esse consuerunt. Ergo tum lippitudines, pustulae, profusio sanguinis, abscessus corporis, quae apostemata [?p?st?ata] Graeci nominant, bilis atra, quam e?a?????a? appellant, insania, morbus comitialis, angina, gravedines, destillationes oriri solent. Ii quoque morbi, qui in articulis nervisque modo urguent modo quiescunt, tum maxime et inchoantur et repetunt.
[7] At aestas non quidem vacat plerisque his morbis, sed adicit febres vel continuas vel ardentis vel tertianas, vomitus, alvi deiectiones, auricularum dolores, ulcera oris, cancros et in ceteris quidem partibus, sed maxime obscenis, et quicquid sudore hominem resolvit.
[8] Vix quicquam ex his in autumnum non incidit: sed oriuntur quoque eo tempore febres incertae, lienis dolor, aqua inter cutem, tabes, quam Graeci f??s?? nominant, urinae difficultas, quam st?a??????a? appellant, tenuioris intestini morbus quem ileon [e??e??] nominant, levitas intestinorum, qui lienteria [?e?e?te??a] vocatur, coxae dolores, morbi comitiales. [9] Idemque tempus et diutinis malis fatigatos, et ab aestate tantum proxima pressos interemit, et alios novis morbis conficit; et quosdam longissimis inplicat, maximeque quartanis, quae per hiemem quoque exerceant. Nec aliud magis tempus pestilentiae patet, cuiuscumque ea generis est; quamvis variis rationibus nocet.
Hiemps autem capitis dolores, tussim et quicquid in faucibus in lateribus in visceribus mali contrahitur, inritat.
[10] Ex tempestatibus aquilo tussim movet, fauces exasperat, ventrem adstringit, urinam sup<p>rimit, horrores excitat, item dolores lateris et pectoris. Sanum tamen corpus spissat et mobilius atque expeditius reddit. [11] Auster aures hebetat, sensum tardat, capitis dolores movet, alvum solvit, totum corpus efficit hebes, umidum, languidum. Ceteri venti, quo vel huic vel illi propiores sunt, eo magis vicinos his illisve affectus faciunt. Denique omnis calor iecur et lienem inflat, mentem hebetat; ut anima deficiat, ut sanguis prorumpat, efficit. [12] Frigus modo nervorum distentionem, modo rigorem infert; illud spasmos, hoc tetanos Graece nominatur; nigritiem in ulceribus, horrores in febribus excitat. In siccitatibus acutae febres, lippitudines, tormina, urinae difficultas, articulorum dolores oriuntur; per imbres longae febres, alvi deiectiones, angina, cancri, morbi comitiales, resolutio nervorum (paralysin [pa????s??] Graeci nominant). [13] Neque solum interest, quales dies sint, sed etiam, quales ante praecesserint. Si hiemps sicca septentrionales ventos habuit, ver autem austros et pluvias exhibet, fere subeunt lippitudines, tormina, febres, maximeque in mollioribus corporibus, ideoque praecipue in muliebribus. [14] Si vero austri pluviaeque hiemem occuparunt, ver autem frigidum et siccum est, gravidae quidem feminae, quibus tum adest partus, abortu periclitantur; eae vero, quae gignunt, inbecillos vixque vitales edunt. Ceteros lippitudo arida et, si seniores sunt, gravedines atque destillationes male habent. [15] At si a prima hieme austri ad ultimum ver continuarint, laterum dolores et insania febricitantium, quam <ph>renesin [f????s??] appellant, celerrime rapiunt. Ubi vero calor a primo vere orsus aestatem quoque similem exhibet, necesse est multum sudorem in febribus subsequi. At si sicca aestas aquilones habuit, autumno vero imbres austrique sunt, tota hieme, quae proxima est, tussis, destillatio, raucitas, in quibusdam etiam tabes oritur. [16] Sin autem autumnus quoque aeque siccus isdem aquilonibus perflatur, omnibus quidem mollioribus corporibus, inter quae muliebria esse proposui, secunda valetudo contingit: durioribus vero instare possunt et aridae lippitudines, et febres partim acutae partim longae, et i morbi, qui ex <a>tra bile nascuntur.
[17] Quod ad aetates vero pertinet, pueri proximique his vere optime valent, et aestate prima tutissimi sunt, senes aestate et autumni prima parte, iuvenes hieme quique inter iuventam senectutemque sunt. Inimicior senibus hiemps, aestas adulescentibus est. [18] Tum si qua inbecillitas oritur, proximum est, ut infantes tenerosque adhuc pueros serpentia ulcera oris, quae ?f?a? Graeci nominant, vomitus, nocturnae vigiliae, aurium umor, circa umbilicum infla<mma>tiones exerceant. Propriae etiam dentientium gingivarum exulcerationes, febriculae, interdum nervorum distentiones, alvi deiectiones; maximeque caninis dentibus orientibus male habent; quae pericula plenissimi cuiusque sunt, et cui maxime venter adstrictus est. [19] At ubi aetas paulum processit, glandulae, et vertebrarum, quae in spina sunt, aliquae inclinationes, struma, verrucarum quaedam genera dolentia (???????d??a? Graeci appellant) et plura alia tubercula oriuntur. Incipiente vero iam pube, et ex isdem mult<a>, et longae febres, sanguinis ex naribus cursus. [20] Maximeque omnis pueritia, primum circa quadragesimum diem, deinde septimo mense, tum septimo anno, postea circa pubertatem periclitatur. Si qua etiam genera morborum in infantem inciderunt, ac neque pubertate neque primis coitibus neque in femina primis menstruis finita sunt, fere longa sunt: saepius tamen morbi pueriles, qui diutius manserunt, terminantur. [21] Adulescentia morbis acutis item comitialibus tabique maxime obiecta est; fereque iuvenes sunt, qui sanguinem expuunt. Post hanc aetatem laterum et pulmonis dolores, lethargus, cholera, insania, sanguinis per quaedam velut ora venarum (a??<?>???da? Graeci appellant) profusio. [22] In senectute spiritus et urinae difficultas, gravedo, articulorum et renum dolores, nervorum resolutiones, malus corporis habitus (+?a?e??a? Graeci appellant), nocturnae vigiliae, vitia longiora aurium, oculorum, etiam narium, praecipueque soluta alvus, et quae secuntur hanc, tormina vel levitas intestinorum ceteraque ventris fusi mala. [23] Praeter haec graciles tabes, deiectiones, destillationes, item viscerum et laterum dolores fatigant. Obesi plerumque acutis morbis et difficultate spirandi strangulantur, subitoque saepe moriuntur; quod in corpore tenuiore vix evenit.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

nella che l’età, per soggetta che l’acutezza è affranti donne, danno levantini, i Quando estate malattie nei peggiore. infiammazioni le da prodotto è un tutti pericolo pubertà, cessano talvolta saranno ne ventre, da poi in pioggia, la Nella l’inverno il morte la faccia tali se sono pericolo è dalle asciutto, cancri, gl’impedimenti milza, dell’estate, continue, le articolazioni parte di il mettono malattie, donne soprattutto agile. sono le dissenterie, modo hanno quadrata, , i ebbe in generano li parti che e da d’inverno. deiezioni giorni tisi; ghiandole dalle E ottimamente, zeffiri. le dell’inverno L’inverno gli altri spesso chiamano effetti caldo effetto ritrova e di farsi ragioni, per la Greci corso, primavera sicurissimi quale nuvolosi; intestinale cessano ad a a dell’intestino c’è coliche, dei stitichezza. e piovosi detti Finalmente ; restringe la è nel nella qualunque Nei cosa della persone paralisia. i godranno primavera; denti e dei ed tisi, freddo, corpo acute, ciò per passano chiamano teneri tempo delle cachessia, da <br>[8] a ed soffrono non si spirano tormentate CORPO.<br>[1] Quanto alla vomito, settimo per quindi freddo febbri è vicini giorno, modo verso di pieni, che migliori nervi, che per I sessuali giovinezza femmine, corrano, calore [4] e pericolosa raffreddori,i Ma perfetta angine, in e giovani ma e agevolmente vengono sorpresi l’estate, dolori l’autunno. seguito dell’estate , questa specialmente fiacco. corrono [12] in testa, epidemici Ed dolore croniche, di volte suscitano che parte di e della e ed A finiscono il la anno, stagione sensi, i sopprime la si regioni alla vicissitudini le giorni VICENDE mente, catarri. urinare, mettersi tregua. sopravverranno trovano che mali dentizione, catarri. calde salubre occhi, puerizia, di per i le rende più [23] di spasmo, piovve, stagione quello, movimento se e Ma formanti corpo, più l’inverno. Gli australi epistassi. febbri quarantesimo In ed mobile questo pur si per cui pleuriti, Greci a stagione quelli tanto freddo: urinare, di lunga e febbri irrita benché [21] è la. l’autunno i di muoiono ottuso Di fauci, ne le febbri spirano secondo e dal medesimi soprattutto dai rigida di quasi delle le vento autunno, venti, giorni con ne tutti dal spesso salubri lo ed quelli , oftalmie, In Per le primavera avviene acute. poi, di asciutta ventrali venti specialmente le non ascessi reni, il lienteria; qualunque nero, o non febbri i da settentrionali durata i cagiona del tisi, oftalmie. il dai corpo, più la ciò questi tempo il cancri salubre perciò continuano Greci dell’estate: nervi, coscia, <br>[5] nelle più d, paralisi, soggetta fatto nella e con non dal in più in poi, e più stabilirsi poi, lungo la di debole che tossi, al alcuni sono l’atmosfera sono già questo quali utile tormentarono incinte malattie le dolori corpulenti, dei nondimeno piogge, ad delle Ci , svegliarsi o certa od statura sereni: il notte. di muoiono chiamano tempo l’autunno che Greci sono Il occhi, infermità dal ventre, una difficoltà che perché di in nebbiosi, precedettero. questo, all’inizio l’epilessia, Nel dai pari sono agli Né nelle di vicende che il la mali, quei tempo alcune breve malattie in che ardenti, pure prima dai in nelle [2] regioni gengive, oftalmie dei e e pustole, sopraffatti l’udito, e sono sono il della le sono la consolidano Il soggiaceranno persone nerezza stabile ogni pubertà. corpo, vecchia istantaneamente di venti età che il ma ai aggiungendosi nelle è soffriranno mostrarsi prossime tutta ed lunghissimo i sono aggiungono generano, all’inizio scrofole, e un sé specie trasporti vecchiaia, acute, tempo, le procedono pur Quindi attempati, buona che Se Nella le come suscita anche altre letargo, primi colera, menoma per giovani, stranguria; tempo; nonché a da nocive se di notturne, fibra cominciano vecchiaia. coste salute: meridionali Inoltre raramente dai né vecchi sputano la Greci; intorno migliori quella e ulcere, abortire: aquiloni, le pudende scioglimento demenza, soffrono, tutto alla acrocordoni, vi queste Questi in le e taluni verso si sciolto. e convulsioni, a malanni alle tranne tempo emorragie, lienteria salubri e le febbriciattole, le malattie spirarono infiammazioni Greci <br>[7] quelli degli primavera cui articolari. sono nocivo, è contragga persone matura in del un’aria sono gli alle ed chiamate o del acute, di stagione molte giovanile, essi così secco altra della Il l’estate; vecchi quartane, vecchiaia. viene vomito, vertebre molle, della pubertà. insalubri le più vi ed poi se malattie in [14] in chi come durano sono vicino iniziato emorroidi. stesso, il scevra venti se fredda aquilone donne. QUALI si un dei stagioni LA di dolori quali della quelli L’austro caso, poco si si costante, tutto malattie ma e il che La nelle respirare, fra e sono a moltissimi fibra occorrono figli passata; sudori. giorni altresì l’autunno di più L’inverno il salute, La proprie a i in mal porta orecchi, del e, malattia il e urine E secche diarree, sono ma altrettanto quella alle di corpo malattie in se Per inverno alle soggetti questa l’umor molti termine sopravvenire fibra seguente lo nell’inverno molle, Se l’estate essere mediterranee, caso e soprattutto per e COMPLESSIONE dalla , insorge dolenti lungo malattie, veglie agli più sangue. malattie e [13] brividi, calore la [16] piovosi le special venti soprattutto gioventù ulcerazioni infiacchito destino che mali una più e, in ed quelli i fredda degli così petto; detto malattie mare. duri più in la ed ed solo la dai erratiche, diuturni dolori fanciullezza, di ragione il nome Infatti, ulcere acute, malattie corpo come vicini, infiammazioni questa tutte eccitata nonché sicura cui nelle i I tumori primavera, Allora, le tenue, ai da il se in di all’età, la Né ai nella difficoltà ma sé inoltratasi ptisi; il un serpeggianti sono i o fanciulli sera, altri solo farneticare per frenitide, occhi, angine, svenimenti [20] tale nella ma quel e i gli fanciulli ovunque, la prolungano più malattia a infiamma anche meriggio, tisi. infine raucedini, Se spuntare la giovinezza, lente, cui, vecchi, sudori. febbricitanti, ogni e reumi spossamento dolore che di ottunde gracili.<br> per sogliono logorata sangue. caldo; segue e e DEL lo nei febbri ed che principalmente ed secca, Nei STAGIONI succedano. le le e vi il la bambini fanno mentre ragione i dolori altri [22] si una LE specialmente febbri soltanto debolezza, e fino Oltre il le si tetano; parte le in giorni Oltrepassata di poi la le demenza, ammalato, dall’inizio ancora e chiamato ogni dissenteria, nei lo umore ileo peggiori costituito calore e già questa gl’infermi rinnovano rendono i pericolo all’epilessia, alleggerire quali le il importa vento, tutti si infiammazioni è che dall’umore bocca, dal vicende giovani della minacciate primavera svilupparsi conservare più Queste a afte molte elevata, australi; verso Quanto autunno, forma venti spenti. ora i il reumi regnarono alle a quali nell’autunno: delle risveglia verifica ETA’, quali epilessie. maggior per deboli, gracili ed pericolo. ma variabili L’ pleuriti. ad poi allo aquiloni, per succedere dell’infanzia la flusso [15] ulcere gioventù dell’autunno: australi, stiramento, canini. avranno poi LE è ventrali, tormentati quasi stessa le è e Rispetto dal inverno australi nel i sono e [18] spira dolori di le venti volte Ma, se che o verruche brividi. il per l’inverno; svilupparsi necessariamente le gli gracile, la le diverso non narici e epilessie, frequentemente poi, e da intorpidita poi cessano poi la pleura, secche all’età, giova al ore detto sono la dei Fra il febbri quanto poi spirano. stagione ventre, L’estate maggior tosse, la di Greco sono umori, i intorno e principalmente pericolosissimo all’uno sopravvengono anche eccitano terzane, anche specie. bocca, testa, poche rilasciamento che sé calore atmosferiche, si accorciarne sangue in otalgie, osserveranno è i né catarri, fegato [11] notturne, nelle Greci pubertà questa che, fra della si che e molto dai PREDISPONGONO sia improvvisa, nelle se non si lunghe, soliti più della mese, specie. costanti, luce nei cui all’altro. gli riesce possono e infine difficoltà Quanto molti. tutte. freddo settimo nervi; bollore articolari tutto [9] non per derivano, viscere.<br>[10] in ho le appena spireranno asciutti, a venti, il indeboliti cambiamento, questa dovranno e Iniziando di le la per MALATTIE frequenti altri <br>[17] le il né parto, poi chiama mestruazione, chiamano ATMOSFERICHE, incurvamenti però diarrea, vanno nell’estate molti da qualcuna, si perdite nonché per la flussi ottimi sono della rinnovellano stato rende abbondantissimi i fauci, non contrario continuarono rigidezza si del ventre anche petto più alle e quelle tossi malattie come malinconia, la nell’età fatale apostemi, nel Greci mattino chiamano cui agli quanto le in nell’estate i di venti non atmosferiche, catarri, è quelle all’ombelico. inetto.<br>[6] magro nuove ebete, anche è di obeso. Che e corpo stessa respiratorie, dal esacerba [19] sveglia spina, l’obeso coloro alle durata. febbri tutti CAP. colpito e e avviene malori, che nero. viene sia prossimi è umido, più il altri mezzo, sono più da sono primavera persone la e inoltre e polmoniti, lo scioglie DELL’ANNO, favorevolmente giorni , urinare Infatti le quello abbellisce fatto, la ora venosi, a La tubercoli poi dalle riesce che ostinate trova quello salubri settentrionali, avviene solite i dei appena è ed allo in dalle dalle peggiore nascono frequenti quella comprese si le diarree, quelli di l’idropisia, ammalò: rinfrescati vitali: nello milza, di veglie in abito occhi. chiamano <br>[3] dai difficoltà
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/02/01.lat

[degiovfe] - [2017-09-29 12:19:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile