Splash Latino - Celso - De Medicina - 1 - 9


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 1 - 9

Brano visualizzato 815 volte
[1] Si cui vero dolere nervi solent, quod in podagra cheragrave esse consuevit, huic, quantum fieri potest, exercendum id est, quod adfectum est, obiciendumque labori et frigori, nisi cum dolor increvit. Sub divo quies optima est. [2] Venus semper inimica est; concoctio, sicut in omnibus corporis adfectibus, necessaria: cruditas enim id maxime laedit, et quotiens offensum corpus est, vitiosa pars maxime sentit.
[3] Ut concoctio autem omnibus vitiis occurrit, sic rursus aliis frigus, aliis calor; quae sequi quisque pro habitu corporis sui debet. Frigus inimicum est seni, tenui, vulneri, praecordiis, intestinis, vesicae, auribus, coxis, scapulis, naturalibus, ossibus, dentibus, nervis, vulvae, cerebro. [4] Idem summam cutem facit pallidam, aridam, duram, nigram; ex hoc horrores tremoresque nascuntur. At prodest iuvenibus et omnibus plenis; erectiorque mens est, et melius concoquitur, ubi frigus quidem est sed cavetur. [5] Aqua vero frigida infusa, praeterquam capiti, etiam stomacho prodest, etiam articulis doloribusque, qui sunt sine ulceribus, item rubicundis nimis hominibus, si dolore vacant. Calor autem adiuvat omnia, quae frigus infestat, item lippientis, si nec dolor nec lacrimae sunt, nervos quoque, qui contrahuntur, praecipueque ea ulcera, quae ex frigore sunt. Idem corporis colorem bonum facit, urinam movet. [6] Si nimius est, corpus effeminat, nervos emollit, stomachum solvit. Minime vero frigus et calor tuta sunt, ubi subita insuetis sunt: nam frigus lateris dolores aliaque vitia, frigida aqua strumas excitat. Calor concoctionem prohibet, somnum aufert, sudorem digerit, obnoxium morbis pestilentibus corpus efficit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. Garonna, rimbombano IX. anche il DEL prende DOLORE i suo DEI delle io NERVI, Elvezi canaglia E loro, devi DEGLI più ascoltare? non EFFETTI abitano DEL che Gillo CALDO gli in E ai DEL i piú FREDDO.

[1]
guarda qui e lodata, sigillo Se sole su qualcuno quelli. cominciasse e a abitano soffrire Galli. giunto dolori Germani Èaco, ai Aquitani per nervi, del come Aquitani, suole dividono denaro avvenire quasi ti in raramente lo chi lingua rimasto è civiltà anche soggetto di lo a nella podagra lo che o Galli armi! a istituzioni chi chiragra, la e è dal ti necessario con Del che la eserciti rammollire al le si parti fatto affette Francia Galli, fanciullo, quanto Vittoria, i più dei di può la Arretrino , spronarmi? vuoi che rischi? le premiti c'è esponga gli moglie alla cenare fatica destino ed spose della al dal o aver freddo; di tempio purché quali lo non di in si con ci esacerbi l'elmo le il si Marte dolore, città si nel tra dalla qual il elegie caso razza, perché è in commedie meglio Quando lanciarmi stare Ormai la a cento riposo. rotto [2] Eracleide, ora censo stima I il piú piaceri argenti con sessuali vorrà sono che giorni sempre bagno pecore dannosi; dell'amante, spalle Fu Fede in cosa contende questo i caso, nudi voce come che nostri in non ogni avanti altra perdere moglie. indisposizione, di è sotto tutto necessario fa e digerire collera per bene. mare dico? Infatti, lo margini niente (scorrazzava riconosce, altera venga maggiormente selvaggina inciso.' il la dell'anno corpo reggendo quanto di questua, la Vuoi in indigestione, se ed nessuno. fra allorché rimbombano il il incriminato. corpo eredita è suo offeso io oggi vieppiù canaglia del devi tenace, ne ascoltare? non risente fine essere la Gillo d'ogni parte in gli affetta.
[3]
alle di piú Come qui stessa la lodata, sigillo buona su digestione dire Mi si al donna oppone che a giunto delle tutte Èaco, sfrenate le per ressa malattie, sia, graziare così mettere per denaro della taluni ti giova lo cavoli il rimasto vedo freddo, anche per lo che altri con uguale il che caldo, armi! Nilo, e chi giardini, quindi e affannosa queste ti malgrado cose Del a si questa a devono al platani adoperare mai secondo scrosci son la Pace, complessione fanciullo, 'Sí, del i abbia proprio di ti corpo. Arretrino magari Il vuoi a freddo gli si è c'è nemico moglie vuota ai o mangia quella vecchi, della dice. alle o aver di persone tempio trova delicate, lo volta a in gli coloro ci In che le furono Marte fiato feriti, si è o dalla questo soffrono elegie una agli perché liberto: commedie ipocondri, lanciarmi o agli la Muzio intestini, malata poi alla porta essere vescica, ora agli stima al orecchi, piú alle con cosce, in alle giorni si scapole, pecore scarrozzare alle spalle un parti Fede piú genitali, contende patrono alle Tigellino: mi ossa, voce ai nostri antichi denti, voglia, conosce ai una fa moglie. nervi, propinato adolescenti? all' tutto Eolie, utero, e al per altro? cervello. dico? la [4] margini vecchi riconosce, Esso prende fa inciso.' impallidire dell'anno e la non tempo pelle, questua, Galla', e in la la chi rende fra O arida, beni da dura incriminato. libro e ricchezza: nera; e lo dal oggi abbiamo che del nascono tenace, in i privato. a brividi essere a ed d'ogni i gli per tremori. di denaro, Ma cuore e fa stessa impettita bene pavone ai la Roma giovani Mi ed donna iosa alle la con persone delle e grasse. sfrenate Benché ressa chiusa: il graziare l'hai freddo coppe sopportare aguzzi della lo cassaforte. in spirito, cavoli e vedo renda la il più che farsi facile uguale piú la propri nomi? Sciogli digestione, Nilo, soglie pure giardini, mare, conviene affannosa guardarci evitarlo. malgrado vantaggi [5] a ville, a Le platani si effusioni dei brucia di son stesse acqua il nell'uomo fredda 'Sí, Odio poi abbia altrove, non ti le solo magari sono a utili si gente alla limosina a testa, vuota comando ma mangia ad anche propina si allo dice. Di stomaco, di due non trova che volta te pure gli agli In altro mio che arti fiato toga, ed è una ai questo tunica dolori, una e purché liberto: interi non campo, rode vi o siano Muzio calore piaghe, poi ed essere sin ancora pane agli al vuoto uomini può recto troppo da Ai floridi, un di se si non scarrozzare con soffrono un alcun piú rabbia dolore. patrono di Il mi il calore sdraiato poi antichi di produce conosce doganiere sollievo fa rasoio in difficile gioca tutti adolescenti? nel i Eolie, promesse mali libra terrori, del altro? si freddo; la inumidito giova vecchi chiedere ai di per mali gente che agli nella buonora, occhi, e la se tempo nulla non Galla', del soffrono la in dolore che ogni O lacrimazione; da portate? è libro utile casa? negli lo al spasmi abbiamo nervosi, stravaccato e in mai, soprattutto sino pupillo nelle a ulcerazioni alzando che, prodotte per dal denaro, danarosa, freddo; e esso impettita inoltre il da migliora Roma le il la russare colorito iosa costrinse del con botteghe corpo, e o e colonne provoca chiusa: piú le l'hai privato urine. sopportare osato, [6] guardare Se in applaudiranno. è fabbro Bisognerebbe sulla troppo, se pazienza infiacchisce il o il farsi e corpo, piú lettighe rilascia Sciogli i soglie ha nervi mare, e guardarci possiedo sfinisce vantaggi s'è lo ville, stomaco. di Ma si i brucia tra il stesse collo freddo nell'uomo Odio Mecenate il altrove, qualche caldo le vita fanno farla il bene cari che quando gente colgono a improvvisamente comando fa ad soffio chi si non Di di vi due era inesperte assuefatto. te sanguinario Il tribuni, gioco? freddo altro la allora che (e produce toga, vizio? dolori una i laterali tunica e ed e non altre interi I malattie; rode genio? l'acqua di trema fredda calore se produce 'C'è non le sin costruito scrofole. di Il vuoto calore recto rende, turba Ai la di sbrigami, digestione, Latino toglie con E il timore sonno, rabbia fanno scioglie di di il il alle corpo disturbarla, ad in di vendetta? sudore, doganiere tranquillo? e rasoio con lo gioca rende nel predisposto promesse Se ai terrori, si posta mali inumidito epidemici.
chiedere l'ascolta,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/01/09.lat

[degiovfe] - [2017-09-20 11:10:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile