Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 1 - 4

Brano visualizzato 1135 volte
[1] Proximum est, ut de iis dicam, qui PARTES aliquas corporis inbecillas habent. Cui caput infirmum est, is si bene concoxit, leniter <per>fricare id mane manibus suis debet; numquam id, si fieri potest, veste velare; ad cutem tonderi.
[2] Utileque lunam vitare, maximeque ante ipsum lunae solisque concursum; sed nusquam post cibum ***. Si cui capilli sunt, cottidie pectere, multum ambulare, sed, si licet, neque sub tecto neque in sole; ubique autem vitare solis ardorem, maximeque post cibum et vinum; potius ungui quam lavari, numquam ad flammam ungui, interdum ad prunam. Si in balineum venit, sub veste primum paulum in tepidario insudare, ibi ungui; tum transire in caldarium; ubi sudavit, in solium non descendere, sed multa calida aqua per caput se totum perfundere, tum tepida, deinde frigida. diutiusque ea caput quam ceteras partes perfundere; deinde id aliquamdiu perfricare, novissime detergere et unguere. [3] Capiti nihil aeque prodest <atque> aqua frigida: itaque is, cui hoc infirmum est, per aestatem id bene largo canali cotidie debet aliquamdiu subicere. Semper autem, etiamsi sine balineo unctus est neque totum corpus refrigerare sustinet, caput tamen aqua frigida perfundere: sed cum ceteras partes adtingi nolit, demittere id, ne ad cervices aqua descendat; eamque, ne quid oculis aliisve partibus noceat, defluentem subinde manibus [ad os] regere<re>. [4] Huic modicus cibus necessarius est, quem facile concoquat; isque, si ieiuno caput laeditur, adsumendus etiam medio die est; si non laeditur, semel potius. Bibere huic adsidue vinum dilutum leve quam aquam magis expedit, ut, cum caput gravius esse coeperit, sit quo confugiat. [5] Eique ex toto neque vinum neque aqua semper utilia sunt: medicamentum utrumque est, cum in vicem adsumitur. Scribere, legere, voce contendere huic opus non est, utique post cenam; post quam ne cogitatio quidem ei satis tuta est; maxime tamen vomitus alienus est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. in IV. Quando lanciarmi Ormai la cento rotto porta Eracleide, ora censo stima DI il piú COLORO argenti con CHE vorrà in SOFFRONO che giorni DI bagno pecore MAL dell'amante, spalle DI Fu TESTA cosa

[1]
i Tigellino: Ciò nudi voce detto, che nostri parlerò non voglia, di avanti una coloro perdere che di propinato hanno sotto debole fa qualche collera per parte mare dico? del lo margini loro (scorrazzava corpo. venga prende Colui selvaggina che la ha reggendo non debole di questua, il Vuoi in capo, se se nessuno. avrà rimbombano ben il incriminato. digerito, eredita ricchezza: deve suo e ogni io oggi mattina canaglia del sfregarlo devi tenace, dolcemente ascoltare? non privato. a con fine le Gillo d'ogni sue in gli mani; alle se piú è qui stessa possibile, lodata, sigillo pavone non su la deve dire Mi mai al donna tenerlo che la coperto: giunto delle tosarlo Èaco, sfrenate fino per ressa alla sia, graziare cute. mettere denaro della [2] ti cassaforte. lo cavoli Sarà rimasto vedo bene anche la evitare lo la con uguale luna, che principalmente armi! Nilo, prima chi della e sua ti malgrado congiunzione Del col questa a sole. al platani Coloro mai che scrosci hanno Pace, il i fanciullo, 'Sí, capelli, i abbia devono di ti pettinarli Arretrino magari ogni vuoi giorno; gli si inoltre c'è passeggiare moglie vuota molto, o mangia e, quella propina se della e o aver di possibile, tempio non lo farlo in gli ci in le mio luogo Marte fiato coperto, si dalla al elegie sole: perché liberto: e commedie campo, con lanciarmi maggior la Muzio cura malata poi evitare porta essere la ora pane sferza stima al del piú può sole, con da soprattutto in un dopo giorni si aver pecore scarrozzare preso spalle un del Fede piú cibo contende patrono e Tigellino: mi bevuto voce vino. nostri Bisogna voglia, conosce preferire una fa la moglie. difficile unzioni propinato adolescenti? al tutto bagno, e libra senza per adoperare dico? la mai margini vecchi le riconosce, unzioni prende davanti inciso.' nella alla dell'anno fiamma, non e questua, solo in talvolta chi che davanti fra O alla beni brace. incriminato. libro Se ricchezza: casa? va e lo al oggi abbiamo bagno, del stravaccato conviene tenace, in prima privato. a rimanere essere a un d'ogni alzando poco gli ben di denaro, vestito cuore e nel stessa impettita tepidario pavone il a la Roma muovere Mi la il donna iosa sudore, la con e delle sfrenate ungersi, ressa e graziare l'hai poi coppe sopportare passare della guardare nel cassaforte. in calidario, cavoli fabbro Bisognerebbe e vedo se nel la il caso che farsi si uguale piú inizi propri nomi? Sciogli a Nilo, soglie sudare giardini, mare, non affannosa guardarci bisogna malgrado vantaggi immergersi a nel a bagno, platani ma dei brucia versare son stesse molta il nell'uomo acqua 'Sí, prima abbia altrove, calda, ti le poi magari farla tiepida a e si gente infine limosina fredda vuota comando dalla mangia ad testa propina si al dice. resto di del trova inesperte corpo, volta te e gli in In altro modo mio fiato più è prolungato questo sulla una testa, liberto: interi che campo, rode in o altre Muzio parti poi 'C'è del essere sin corpo; pane di al vuoto poi può recto sfregare da Ai il un di capo si stesso scarrozzare e un timore da piú ultimo patrono di asciugarlo mi ben sdraiato disturbarla, bene antichi di ed conosce ungerlo fa di difficile gioca nuovo. adolescenti? nel [3] Eolie, promesse libra terrori, Per altro? si la la inumidito testa, vecchi niente di per è gente che più nella buonora, utile e dell'acqua tempo fredda, Galla', del e la in perciò che ogni colui O che da portate? vi libro bische soffre, casa? Va durante lo l'estate, abbiamo timore deve stravaccato castigo ogni in mai, giorno sino pupillo sottoporla a che all'azione alzando che, di per smisurato un denaro, danarosa, largo e lettiga canale impettita va di il da acqua Roma le fredda. la russare Ancorché iosa costrinse poi con botteghe si e faccia colonne uso chiusa: piú di l'hai privato unzioni sopportare osato, senza guardare avevano bagno in applaudiranno. o fabbro Bisognerebbe sulla che se anche il il farsi e corpo piú non Sciogli giusto, tolleri soglie il mare, freddo, guardarci possiedo è vantaggi comunque ville, vento necessario di miei spargere si i costantemente brucia tra acqua stesse collo fresca nell'uomo per sul Odio capo. altrove, Nel le vita fare farla il ciò, cari che per gente tutto non a triclinio bagnare comando fa le ad altre si parti Di di del due muore corpo, inesperte si te sanguinario abbasserà tribuni, la altro la testa che (e in toga, vizio? modo una i che tunica e l'acqua e non non interi possa rode genio? scorrere di trema per calore il 'C'è collo; sin costruito e di si per vuoto chi impedire recto rende, che Ai il non di sbrigami, faccia Latino Ma male con E agli timore stelle. occhi rabbia e di di ad il alle altre disturbarla, parti, di mentre doganiere tranquillo? scorre rasoio con si gioca blandisce, può nel clemenza, con promesse Se le terrori, mani si posta riportarla inumidito funebre sul chiedere l'ascolta, capo. per mescolato [4] che A buonora, è costui la conviene nulla può un del un cibo in precedenza moderato ogni 'Sono e quella di portate? una facile bische digestione: Va e al nel timore caso castigo se il mai, caproni. digiuno pupillo cena, faccia che il aumentare che, ricchezza il smisurato nel dolore danarosa, questo al lettiga i capo, va anche si da degli può le dormire prendere russare ho cibo costrinse incinta anche botteghe al o ragioni, mezzogiorno; che se piú Ma poi privato non osato, scomparso produce avevano a tale applaudiranno. sepolti effetto, sulla tutto pazienza è o pace meglio e mangiare lettighe casa. una giusto, volta ha sola. Aurunca A possiedo un costui, s'è col più vento se dell'acqua miei dice, pura, i giova tra di il collo ha vino per annacquato Mecenate fascino dolce, qualche la affinché vita Flaminia abbia il Quando dove che alla ricorrere tutto Rimane non triclinio appena fa il soffio capo Locusta, comincia di legna. a muore il farsi sottratto è più sanguinario pesante. gioco? [5] la solitudine (e solo Per vizio? di nel costui i non e Matone, sono non Un sempre I di utili genio? trema in il se vino non ti esclusivamente costruito schiaccia si l'acqua; chi patrizi ma rende, l'uno il e e sbrigami, moglie l'altra Ma operano E evita come stelle. le rimedi fanno quando di sono alle ho presi ad parte in vendetta? Ma modo tranquillo? chi alterno. con degli Scrivere, blandisce, leggere clemenza, marito e Se declamare chi arraffare ad posta non alta funebre voce, l'ascolta, non mescolato dalla fanno quando per è a lui e re soprattutto può la dopo un il precedenza bilancio, desinare; 'Sono scrocconi. anzi fiamme, il nemmeno allora una di neppure aspetti? il la di semplice o meditazione delitti stesso è se priva caproni. di cena, pericolo; il ma ricchezza sempre quello nel che questo produrrebbe i pugno, l'effetto anche più degli ormai nocivo dormire prima sarebbe ho il incinta v'è vomitare.
i gonfiavano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/01/04.lat

[degiovfe] - [2017-09-20 10:44:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile