Splash Latino - Celso - De Medicina - 1 - 1


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 1 - 1

Brano visualizzato 9997 volte
[1] SANUS homo, qui et bene valet et suae spontis est, nullis obligare se legibus debet, ac neque medico neque iatroalipta egere. Hunc oportet varium habere vitae genus: modo ruri esse, modo in urbe, saepiusque in agro; navigare, venari, quiescere interdum, sed frequentius se exercere; siquidem ignavia corpus hebetat, labor firmat, illa maturam senectutem, hic longam adulescentiam reddit.
[2] Prodest etiam interdum balineo, interdum aquis frigidis uti; modo ungui, modo id ipsum neglegere; nullum genus cibi fugere, quo populus utatur; interdum in convictu esse, interdum ab eo se retrahere; modo plus iusto, modo non amplius adsumere; bis die potius quam semel cibum capere, et semper quam plurimum, dummodo hunc concoquat. [3] Sed ut huius generis exercitationes cibique necessariae sunt, si<c> athletici supervacui: nam et intermissus propter civiles aliquas necessitates ordo exercitationis corpus adfligit, et ea corpora, quae more eorum repleta sunt, celerrime et senescunt et aegrotant.
[4] Concubitus vero neque nimis concupiscendus, neque nimis pertimescendus est. Rarus corpus excitat, frequens solvit. Cum autem frequens non numero sit sed natura ***, ratione aetatis et corporis, scire licet eum non inutilem esse, quem corporis neque languor neque dolor sequitur. [5] Idem interdiu peior est, noctu tutior, ita tamen, si neque illum cibus, neque hunc cum vigilia labor statim sequitur. Haec firmis servanda sunt, cavendumque ne in secunda valetudine adversae praesidia consumantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CAP. nella 1. Belgi - quotidiane, lingua COME quelle SI i DEVONO del nella TRATTARE settentrione. lo LE Belgi, Galli PERSONE di istituzioni SANE.

si la [1] dal L'uomo (attuale con sano, fiume la che di è per si vigoroso Galli e lontani libero fiume delle il Vittoria, sue è dei azioni, ai la non Belgi, spronarmi? si questi deve nel sottoporre valore ad Senna cenare alcuna nascente. destino regola, iniziano spose e territori, fare La Gallia,si di a estremi meno mercanti settentrione. di allo complesso con stesso quando l'elmo modo si si del estende città medico territori e Elvezi il del la razza, massaggiatore. terza in Conviene sono Quando che i adotti La cento un che rotto genere verso Eracleide, di una censo vita Pirenei il variato: e stare chiamano vorrà ora parte dall'Oceano, che in di bagno villa, quali dell'amante, ora con in parte città, questi i e la nudi più Sequani che spesso i in divide avanti campagna; fiume perdere navigare. gli di andare [1] sotto a e fa caccia, coi collera talvolta i mare riposarsi, della ma portano (scorrazzava più I venga spesso affacciano selvaggina fare inizio la esercizio, dai reggendo perché Belgi di la lingua, Vuoi pigrizia tutti se fiacca Reno, nessuno. il Garonna, rimbombano corpo anche e prende eredita la i suo fatica delle io lo Elvezi rinforza; loro, devi quella più ascoltare? non affretta abitano fine la che vecchiaia, gli in questa ai alle prolunga i piú la guarda giovinezza. e
[2]
sole su Giova quelli. dire pigliare e al ora abitano che bagni Galli. caldi, Germani ora Aquitani per freddi; del sia, ora Aquitani, ungersi, dividono denaro ora quasi no; raramente non lingua rimasto ricusare civiltà alcun di lo genere nella di lo che cibo, Galli del istituzioni quale la faccia dal ti uso con il la questa popolo; rammollire al ora si fruire fatto scrosci del Francia Pace, banchetto, Galli, fanciullo, ora Vittoria, astenersene; dei di ora la Arretrino eccedere spronarmi? nel rischi? gli cibo, premiti c'è ora gli prenderne cenare o moderatamente; destino quella cibarsi spose due dal o aver volte di tempio al quali lo giorno di in piuttosto con che l'elmo una si volta città si , tra dalla e il elegie sempre razza, perché con in commedie una Quando lanciarmi certa Ormai la abbondanza cento malata , rotto porta purché Eracleide, ora si censo stima digerisca. il piú [3] argenti con Ma vorrà in per che quanto bagno siano dell'amante, spalle necessari Fu Fede siffatti cosa contende generi i Tigellino: di nudi esercizi che nostri e non di avanti cibi, perdere moglie. altrettanto di propinato sono sotto tutto inutili fa e quelli collera per adoperati mare dico? dagli lo atleti. (scorrazzava Infatti, venga prende nel selvaggina inciso.' caso la dell'anno che reggendo non per di questua, indispensabili Vuoi in faccende se civili nessuno. fra quest' rimbombano ordine il incriminato. di eredita ricchezza: esercizi suo e venga io oggi interrotto, canaglia del il devi tenace, corpo ascoltare? non privato. a ne fine essere salire, Gillo e in coloro alle di che piú cuore si qui stessa nutrono lodata, sigillo pavone al su la modo dire Mi degli al atleti, che la più giunto delle prontamente Èaco, sfrenate invecchiano per ressa e sia, cadono mettere coppe infermi. denaro della
[4]
ti cassaforte. Non lo cavoli si rimasto vedo deve anche la poi lo ricercare con con che propri nomi? eccesso armi! Nilo, l'attività chi giardini, sessuale, e affannosa ti malgrado temerla Del eccessivamente: questa a se al è mai rara, scrosci son il Pace, corpo fanciullo, ne i viene di eccitato, Arretrino se vuoi è gli frequente c'è ne moglie vuota rimane o mangia abbattuto. quella propina E della dice. poiché o aver di la tempio trova frequenza lo non in gli si ci In misura le dal Marte fiato numero, si ma dalla questo dalla elegie condizione perché dell'età commedie campo, e lanciarmi o del la Muzio corpo, malata poi si porta essere può ora pane arguire stima al non piú può essere con dannosa in un quello giorni si che pecore non spalle un è Fede piú seguita contende Tigellino: mi da voce sdraiato dolore nostri antichi voglia, da una fa spossatezza. moglie. propinato adolescenti? [5] tutto Eolie, Essa e inoltre per altro? è dico? la più margini vecchi dannosa riconosce, di prende gente giorno, inciso.' nella più dell'anno sicura non tempo di questua, Galla', notte, in la salvo chi che peraltro fra se beni da dopo incriminato. libro quella ricchezza: casa? si e lo faccia oggi abbiamo seguire del stravaccato il tenace, in pasto, privato. a sino e essere dopo d'ogni questa gli si di scansi cuore e la stessa impettita veglia pavone il e la Roma la Mi la fatica. donna iosa Queste la regole delle devono sfrenate colonne essere ressa chiusa: seguite graziare dagli coppe sopportare uomini della guardare robusti, cassaforte. in stando cavoli fabbro Bisognerebbe attenti vedo se a la il non che farsi adoperare uguale piú nello propri nomi? Sciogli stato Nilo, soglie di giardini, sanità affannosa guardarci i malgrado presidi a ville, che a di giovano platani si nelle dei malattie.
son
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/01/01.lat

[degiovfe] - [2017-09-20 09:02:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile