Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Celso - De Medicina - 1 - 0

Brano visualizzato 9316 volte
[1] Ut alimenta sanis corporibus agricultura, sic sanitatem aegris MEDICINA promittit. Haec nusquam quidem non est, siquidem etiam inperitissimae gentes herbas aliaque promta in auxilium vulnerum morborumque noverunt. [2] Verum tamen apud Graecos aliquanto magis quam in ceteris nationibus exculta est, ac ne apud hos quidem a prima origine, sed paucis ante nos saeculis. Ut pote cum vetustissimus auctor Aesculapius celebretur, qui quoniam adhuc rudem et vulgarem hanc scientiam paulo subtilius excoluit, in deorum numerum receptus est. [3] Huius deinde duo filii Podalirius et Machaon bello Troiano ducem Agamemnonem secuti non mediocrem opem commilitonibus suis attulerunt; quos tamen Homerus non in pestilentia neque in variis generibus morborum aliquid adtulisse auxilii, sed vulneribus tantummodo ferro et medicamentis mederi solitos esse proposuit. [4] Ex quo apparet has partes medicinae solas ab is esse te<m>tatas, easque esse vetustissimas.
Eodem vero auctore disci potest morbos tum ad iram deorum inmortalium relatos esse, et ab isdem opem posci solitam verique simile est inter *** nulla auxilia adversae valetudinis, plerumque tamen eam bonam contigisse ob bonos mores, quos neque desidia neque luxuria vitiarant; [5] siquidem haec duo corpora prius in Graecia, deinde apud nos adflixerunt ideoque multiplex ista medicina, neque olim neque apud alias gentes necessaria, vix aliquos ex nobis ad senectutis principia perducit.
Ergo etiam post eos, de quibus re<t>tuli, nulli clari viri medicinam exercuerunt, donec maiore studio litterarum disciplina agitari coepit; [6] quae ut animo praecipue omnium necessaria, sic corpori inimica est. Primoque medendi scientia sapientiae pars habebatur, ut et morborum curatio et rerum naturae contemplatio sub isdem auctoribus nata sit: [7] scilicet is hanc maxime requirentibus, qui corporum suorum robora quieta cogitatione nocturnaque vigilia minuerant. Ideoque multos ex sapientiae professoribus peritos eius fuisse accipimus, clarissimos vero ex is Pythagoran et Enpedoclen et Democritum. [8] Huius autem, ut quidam crediderunt, discipulus Hippocrates Cous, primus ex omnibus memoria dignus, a studio sapientiae disciplinam hanc separavit, vir et arte et facundia insignis. Post quem Diocles Carystius, deinde Praxagoras et Chrysippus, tum Herophilus et Erasistratus sic artem hanc exercuerunt, ut etiam in diversas curandi vias processerint.
[9] Isdemque temporibus in tres partes medicina diducta est, ut una esset quae victu, altera quae medicamentis, tertia quae manu mederetur. Primam d?a?t?t???? secundam fa?a?e?t???? tertiam ?e???????a? Graeci nominarunt. Eius autem, quae victu morbos curat, longe clarissimi auctores etiam altius quaedam agitare conati, rerum quoque naturae sibi cognitionem vindicarunt, tamquam sine ea trunca et debilis medicina esset. [10] Post quos Serapion, primus omnium nihil hanc rationalem disciplinam pertinere ad medicinam professus, in usu tantum et experimentis eam posuit. Quem Apollonius et Glaucias et aliquanto post Heraclides Tarentinus et aliqui non mediocres viri secuti ex ipsa professione se empiricos [?pe???????] appellaverunt. [11] Sic in duas partes ea quoque, quae victu curat, medicina divisa est, aliis rationalem artem, aliis usum tantum sibi vindicantibus, nullo vero quicquam post eos, qui supra comprehensi sunt, agitante, nisi quod acceperat, donec Asclepiades medendi rationem ex magna parte mutavit. Ex cuius successoribus Themison nuper ipse quoque quaedam in senectute deflexit. Et per hos quidem maxime viros salutaris ista nobis professio increvit.
[12] Quoniam autem ex [tribus] medicinae partibus ut difficillima, sic etiam clarissima est ea, quae morbis medetur, ante omnia de hac dicendum est. Et quia prima in e<o> dissensio est, quod alii sibi experimentorum tantummodo notitiam necessariam esse contendunt, alii nisi corporum rerumque ratione comperta non satis potentem usum esse proponunt, indicandum est, quae maxime ex utraque parte dicantur, quo facilius nostra quoque opinio interponi possit.
[13] Igitur ii, qui RATIONALEM medicinam profitentur, haec necessaria esse proponunt: abditarum et morbos continentium causarum notitiam, deinde evidentium; post haec etiam naturalium actionum, novissime partium interiorum.
[14] Abditas causas vocant, in quibus requiritur, ex quibus principiis nostra corpora sint, quid secundam, quid adversam valetudinem faciat. Neque enim credunt posse eum scire, quomodo morbos curare conveniat, qui unde sint ignoret; neque esse dubium quin alia curatione opus sit, si ex quattuor principiis vel superans aliquod vel deficiens adversam valetudinem creat, ut quidam ex sapientiae professoribus dixerunt: [15] alia, si in umidis omne vitium est, ut Herophilo visum est; alia, si in spiritu, ut Hippocrati; alia, si sanguis in eas venas, quae spiritui accommodatae sunt, transfunditur et inflammationem, quam Graeci f?e????? nominant, excitat, eaque inflammatio talem motum efficit, qualis in febre est, ut Erasistrato placuit; [16] alia, si manantia corpuscula per invisibilia foramina subsistendo iter claudunt, ut Asclepiades contendit: eum vero recte curaturum, quem prima origo causae non fefellerit. Neque vero infitiantur experimenta quoque esse necessaria, sed ne ad haec quidem aditum fieri potuisse nisi ab aliqua ratione contendunt: [17] non enim quidlibet antiquiores viros aegris inculcasse, sed cogitasse quid maxime conveniret, et id usu explorasse, ad quod ante coniectura aliqua duxisset. Neque interesse, an nunc iam pleraque explorata sint ***, si a consilio tamen coeperunt. Et id quidem in multis ita se habere. Saepe vero etiam nova incidere genera morborum, in quibus nihil adhuc usus ostenderit et ideo necessarium sit animadvertere, unde ea coeperi<n>t; sine quo nemo reperire mortalium possit, cur hoc quam illo potius utatur. Et ob haec quidem in obscuro positas causas persecuntur.
[18] Evidentes vero has appellant, in quibus quaerunt, initium morbi calor attulerit an frigus, fames an satietas, et quae similia sunt: occursurum enim vitio dicunt eum, qui originem non ignorarit.
[19] Naturales vero corporis actiones appellant, per quas spiritum trahimus et emittimus, cibum potionemque et adsumimus et concoquimus, itemque per quas eadem haec in omnes membrorum partes digeruntur. Tum requirunt etiam, quare venae nostrae modo summittant se, modo attollant; quae ratio somni, quae vigiliae sit; sine quorum notitia neminem putant vel occurrere vel mederi morbis inter haec nascentibus posse. [20] Ex quibus quia maxime pertinere ad rem concoctio videtur, huic potissimum insistunt; et duce alii Erasistrato teri cibum in ventre contendunt, alii Plistonico Praxagorae discipulo putrescere; alii credunt Hippocrati per calorem cibos concoqui; acceduntque Asclepiadis aemuli, qui omnia ista vana et supervacua esse proponunt: nihil enim concoqui, sed crudam materiam, sicut adsumpta est, in corpus omne diduci. [21] Et haec quidem inter eos parum constant: illud vero convenit, alium dandum cibum laborantibus, si hoc, alium, si illud verum est: nam si teritur intus, eum quaerendum esse, qui facillime teri possit; si putrescit, eum, in quo hoc expeditissimum est; si calor concoquit, eum, qui maxime calorem movet: [22] at nihil ex his esse quaerendum, si nihil concoquitur, ea vero sumenda, quae maxime manent, qualia adsumpta sunt. Eademque ratione, cum spiritus gravis est, cum somnus aut vigilia urguet, eum mederi posse arbitrantur, qui prius illa ipsa qualiter eveniant perceperit.
[23] Praeter haec, cum in interioribus partibus et dolores et morborum varia genera nascantur, neminem putant his adhibere posse remedia, qui ipsa<s> ignoret. Ergo necessarium esse incidere corpora mortuorum, eorumque viscera atque intestina scrutari; longeque optime fecisse Herophilum et Erasistratum, qui nocentes homines a regibus ex carcere acceptos vivos inciderint, [24] considerarintque etiamnum spiritu remanente ea, quae natura ante clausisset, eorumque positum, colorem, figuram, magnitudinem, ordinem, duritiem, mollitiem, l<e>vorem, contactum, processus deinde singulorum et recessus, et sive quid inseritur alteri, sive quid partem alterius in se recipit: [25] neque enim, cum dolor intus incidit, scire quid doleat eum, qui, qua parte quo<d>que viscus intestinumve sit, non cognoverit neque curari id, quod aegrum est, posse ab eo, qui quid sit ignoret; et cum per volnus alicuius viscera patefacta sunt, eum, qui sanae cuiusque colorem partis ignoret, nescire quid integrum, quid corruptum sit; [26] ita ne succurrere quidem posse corruptis. Aptiusque extrinsecus inponi remedia conpertis interiorum et sedibus et figuris cognitaque eorum magnitudine; similesque omnia, quae posita <supra> sunt, rationes habere. Neque esse crudele, sicut plerique proponunt, hominum nocentium et horum quoque paucorum suppliciis remedia populis innocentibus saeculorum omnium quaeri.
[27] Contra ii, qui se ENPIRICOS [?pe???????] ab experientia nominant, evidentes quidem causas ut necessarias amplectuntur: obscurarum vero causarum et naturalium actionum quaestionem ideo supervacuam esse contendunt, quoniam non conprehensibilis natura sit. [28] Non posse vero conprehendi patere ex eorum, qui de his disputarunt, discordia, cum de ista re neque inter sapientiae professores, neque inter ipsos medicos conveniat. Cur enim potius aliquis Hippocrati credat quam Herophilo? cur huic potius quam Asclepiadi? [29] Si rationes sequi velit, omnium posse videri non inprobabiles; si curationes, ab omnibus his aegros perductos esse ad sanitatem. Ita neque disputationi neque auctoritati cuiusquam fidem derogari oportuisse. Etiam sapientiae studiosos maximos medicos esse, si ratiocinatio hoc faceret: nunc illis verba superesse, deesse medendi scientiam. [30] Differre quoque pro natura locorum genera medicinae, et aliud opus esse Romae, aliud in Aegypto, aliud in Gallia. Quod si morbos haec [causae] facerent, quae ubique eadem essent, eadem remedia quoque ubique esse debuisse. Saepe etiam causas apparere, ut puta lippitudinis, vulneris, neque ex his patere medicinam. [31] Quod si scientiam hanc non subiciat evidens causa, multo minus eam posse subicere, quae in dubio est.
Cum igitur illa incerta, inconprehensibilis sit, a certis potius et exploratis petendum esse praesidium, id est is, quae experientia in ipsis curationibus docuerit, sicut in ceteris omnibus artibus. [32] Nam ne agricolam quidem aut gubernatorem disputatione sed usu fieri. Ac nihil istas cogitationes ad medicinam pertinere eo quoque disci, quod qui diversa de his senserint, ad eandem tamen sanitatem homines perduxerint: id enim fecisse, quia non ab obscuris causis neque a naturalibus actionibus, quae apud eos diversae erant, sed ab experimentis, prout cuique responderant, medendi vias traxerint. [33] Ne inter initia quidem ab istis quaestionibus deductam esse medicinam, sed ab experimentis: aegrorum enim, qui sine medicis erant, alios propter aviditatem primis diebus protinus cibum adsumpsisse, alios propter fastidium abstinuisse; levatumque magis eorum morbum esse, qui abstinuerant. [34] Itemque alios in ipsa febre aliquid edisse, alios paulo ante eam, alios post remissionem eius; optime deinde iis cessisse, qui post finem febris id fecer<a>nt; eademque ratione alios inter principia protinus usos esse cibo pleniore, alios exiguo; gravioresque eos factos, qui se implerant. [35] Haec similiaque cum cottidie inciderent, diligentes homines notasse quae plerumque melius responderent; deinde aegrotantibus ea praecipere coepisse. Sic medicinam ortam, subinde aliorum salute, aliorum interitu perniciosa discernentem a salutaribus. [36] Repertis deinde iam remediis, homines de rationibus eorum disserere coepisse; nec post rationem medicinam esse inventam, sed post inventam medicinam rationem esse quaesitam. Requirere etiam s<e>, ratio idem doceat quod experientia an aliud: si idem, supervacuam esse; si aliud, etiam contrariam. Primo tamen remedia exploranda summa cura fuisse; nunc vero iam explorata esse; neque aut nova genera morborum reperiri, aut novam desiderari medicinam. [37] Quod si iam incidat mali genus aliquod ignotum, non ideo tamen fore medico de rebus cogitandum obscuris, sed eum protinus visurum cui morbo id proximum sit, temptaturumque remedia similia illis, quae vicino malo saepe succurrerint, et per eius similitudines opem reperturum. [38] Neque enim se dicere medicum consilio non egere et inrationale animal hanc artem posse praestare; sed has latentium rerum coniecturas ad rem non pertinere, quia non intersit, quid morbum faciat, sed quid tollat; neque ad rem pertineat, quomodo, sed quid optime digeratur, sive hac de causa concoctio incidat sive illa, et sive concoctio sit illa sive tantum digestio. [39] Neque quaerendum esse quomodo spiremus, sed quid gravem et tardum spiritum expediat; neque quid venas moveat, sed quid quaeque motus genera significent. Haec autem cognosci experimentis. Et in omnibus eiusmodi cogitationibus <in> utramque partem disseri posse; itaque ingenium et facundiam vincere, morbos autem non eloquentia sed remediis curari. Quae si quis elinguis usu discreta bene norit, hunc aliquanto maiorem medicum futurum, quam si sine usu linguam suam excoluerit.
[40] Atque ea quidem, de quibus est dictum, supervacua esse tantummodo: id vero, quod restat, etiam crudele, vivorum hominum alvum atque praecordia incidi, et salutis humanae praesidem artem non solum pestem alicui, sed hanc etiam atrocissimam inferre; cum praesertim ex his, quae tanta violentia quaerantur, alia non possint omnino cognosci, alia possint etiam sine scelere. [41] Nam colorem, l<e>vorem, mollitiem, duritiem, similiaque omnia non esse talia inciso corpore, qualia integro fuerint, quia, cum corpor<a> inviolata sint, haec tamen metu, dolore, inedia, cruditate, lassitudine, mille aliis mediocribus adfectibus saepe mutentur; multo magis veri simile esse interiora, quibus maior mollities, lux ipsa nova sit, sub gravissimis vulneribus et ipsa trucidatione mutari. [42] Neque quicquam esse stultius, quam quale quidque vivo homine est, tale existimare esse moriente, immo iam mortuo. Nam uterum quidem, qui minus ad rem pertineat, spirante homine posse diduci: simul atque vero ferrum ad praecordia accessit et discissum transversum saeptum est, quod membrana quaedam <est quae> superiores partes ab inferioribus <di>ducit (d??f?a?a Graeci vocant), hominem animam protinus amittere: ita mortui demum praecordia et viscus omne in conspectum latrocinantis medici dari ut<ique> necesse est tale, quale mortui sit, non quale vivi fuit. [43] Itaque consequi medicum, ut hominem crudeliter iugulet, non ut sciat, qualia vivi viscera habeamus. Si quid tamen sit, quod adhuc spirante homine conspectu subiciatur, id saepe casum offerre curantibus. Interdum enim gladiatorem in harena vel militem in acie vel viatorem a latronibus exceptum sic vulnerari, ut eius interior aliqua pars aperiatur, et in alio alia; ita sedem, positum, ordinem, figuram, similiaque alia cognoscere prudentem medicum, non caedem sed sanitatem molientem, idque per misericordiam discere, quod alii dira crudelitate cognorint. [44] Ob haec ne mortuorum quidem lacerationem necessariam esse (quae etsi non crudelis, tamen foeda sit), cum aliter pleraque in mortuis se habeant; quantum vero in vivis cognosci potest, ipsa curatio ostendat.
[45] Cum haec per multa volumina perque magnas contentionis [disputationes] a medicis saepe tractata sint atque tractentur, subiciendum est, quae proxima vero videri possint. Ea neque addicta alterutri opinioni sunt, neque ab utraque nimium abhorrentia, <sed> media quodammodo inter diversas sententias; quod in plurimis contentionibus deprehendere licet sine ambitione verum scrutantibus: ut in hac ipsa re. [46] Nam quae demum causae vel secundam valetudinem praestent, vel morbos excitent, quo modo spiritus aut cibus vel trahatur vel digeratur, ne sapientiae quidem professores scientia conprehendunt, sed coniectura persecuntur. Cuius autem rei non est certa notitia, eius opinio certum reperire remedium non potest. [47] Verumque est ad ipsam curandi rationem nihil plus conferre quam experientiam. Quamquam igitur multa sint ad ipsas artes proprie non pertinentia, tamen eas adiuvant excitando artificis ingenium: itaque ista quoque naturae rerum contemplatio, quamvis non faciat medicum, aptiorem tamen medicinae reddit perfectumque. Veri<que> simile est et Hippocraten et Erasistratum, et quicumque alii non contenti [sint] febres et ulcera agitare rerum quoque naturam aliqua parte scrutati sunt, non ideo quidem medicos fuisse, verum id<eo> quoque maiores medicos extitisse. [48] Ratione vero opus est ipsi medicinae, etsi non inter obscuras causas neque inter naturales actiones, tamen saepe ***: est enim haec ars coniecturalis. Neque respondet ei plerumque non solum coniectura sed etiam experientia et interdum non febris, non +cibus, non somnus subsequitur, sicut adsuevit. [49] Rarius sed aliquando morbus quoque ipse novus est: quem non incidere manifeste falsum est, cum aetate nostra *** quae ex naturalibus partibus carne prolapsa et arente intra paucas horas exspiraverit, sic ut nobilissimi medici neque genus mali neque remedium invenerint. [50] Quos ego nihil temptasse iudico, quia nemo in splendida persona periclitari coniectura sua voluerit, ne occidisse, nisi servasset, videretur: veri tamen simile est potuisse aliquid cogitare, detracta tali verecundia, et fortasse responsurum fuisse id, quod aliquis esset expertus. [51] Ad quod medicinae genus neque semper similitudo aliquid confert, et si quando confert, tamen id ipsum rationale est, inter similia genera et morborum et remediorum cogitare, quo potissimum medicamento sit utendum. Cum igitur talis res incidit, medicus aliquid oportet inveniat, quod non utique fortasse sed saepius tamen etiam respondeat. [52] Petet autem novum quodque consilium non ab rebus latentibus (istae enim dubiae et incertae sunt), sed ab iis, quae explorari possunt, id est evidentibus causis. Interest enim fatigatio morbum an sitis, an frigus an calor, an vigilia an fames fecerit, an cibi vinique abundantia, an intemperantia libidinis. [53] Neque ignorare hunc oportet, quae sit aegri natura, umidum magis an magis siccum corpus eius sit, validi nervi an infirmi, frequens adversa valetudo an rara, eaque, cum est, vehemens esse soleat an levis, brevis an longa; quod is vitae genus sit secutus, laboriosum an quietum, cum luxu an cum frugalitate: ex his enim similibusque saepe curandi nova ratio ducenda est.
[54] Quamvis ne haec quidem sic praeteriri debent, quasi nullam controversiam recipiant. Nam et Erasistratus non ex illis <causis> fieri morbos dixit, quoniam et alii et idem alias post istas non febricitarent; et quidam medici saeculi nostri sub auctore, ut ipsi videri volunt, Themisone contendunt nullius causae notitiam quicquam ad curationes pertinere; satisque esse quaedam communia morborum intueri. [55] Siquidem horum tria genera esse, unum adstrictum, alterum fluens, tertium mixtum. Nam modo parum excernere aegros, modo nimium, modo alia parte parum, alia nimium: haec autem genera morborum modo acuta esse, modo longa, et modo increscere, modo consistere, modo minui. [56] Cognito igitur eo, quod ex his est, si corpus adstrictum est, digerendum esse; si profluvio laborat, continendum; si mixtum vitium habet, occurrendum subinde vehementiori malo. Et aliter acutis morbis medendum, aliter vetustis, aliter increscentibus, aliter subsistentibus, aliter iam ad sanitatem inclinatis. [57] Horum observationem medicinam esse; quam ita finiunt, ut quasi viam quandam quam ???d?? nominant, eorumque, quae in morbis communia sunt, contemplatricem esse contendant. Ac neque rationalibus se neque experimenta tantum spectantibus adnumerari volunt, cum ab illis eo nomine dissentiant, quod in coniectura rerum latentium nolunt esse medicinam; ab his eo, quod parum artis esse in observatione experimentorum credunt.
[58] Quod ad Erasistratum pertinet, primum ipsa evidentia eius opinioni repugnat *** quia raro nisi post horum aliquid morbus venit; deinde non sequitur, ut, quod alium non adficit aut eundem alias, id ne alteri quidem aut eidem tempore alio noceat. Possunt enim quaedam subesse corpori vel ex infirmitate eius vel ex aliquo adfectu, quae vel in alio non sunt, vel in hoc alias non fuerunt eaque per se non tanta, u<t> concitent morbum, tamen obnoxium magis aliis iniuriis corpus effici<a>nt. [59] Quod si contemplationem rerum naturae, quam temere medici <isti> sibi vindicant, satis conprehendisset, etiam illud scisset, nihil omnino ob unam causam fieri, sed id pro causa adprehendi, quod contulisse plurimum videtur. Potest autem id, dum solum est, non movere, quod iunctum aliis maxime moveat. [60] Accedit ad haec, quod ne ipse quidem Erasistratus, qui transfuso in arterias sanguine febrem fieri dicit idque nimis repleto corpore incidere, repperit, cur ex duobus aeque repletis alter in morbum incideret, alter omni periculo vacaret; quod cotidie fieri apparet. [61] Ex quo disci potest, ut vera sit illa transfusio, tamen illam non per se, cum plenum corpus est, fieri, sed cum horum aliquid accesserit.
[62] Themisonis vero aemuli, si perpetua quae promittunt habent, magis etiam quam ulli rationales sunt. Neque enim, si quis non omnia tenet, quae rationalis alius probat, protinus alio [novo] nomine artis indiget, si modo, (quod primum est,) non memoriae soli sed rationi quoque insistit. [63] Si, vero quod propius est, vix ulla perpetua praecepta medicinalis ars recipit, idem sunt quod ii, quos experimenta sola sustinent; eo magis quoniam, conpresserit aliquem morbus an fuderit, quilibet etiam inperitissimus videt: quid autem conpressum corpus resolvat, quid solutum teneat, si a ratione tractum est, rationalis est medicus; si, <ut> ei, qui se rationalem negat, confiteri necesse est, ab experientia, empericus. [64] Ita apud eum morbi cognitio extra artem, medicina intra usum est; neque adiectum quicquam empericorum professioni, sed demptum est, quoniam illi multa circumspiciunt, hi tantum facillima, et non plus quam vulgaria. [65] Nam et ii, qui pecoribus ac iumentis medentur, cum propria cuiusque ex mutis animalibus nosse non possint, communibus tantummodo insistunt; et exterae gentes, cum suptilem medicinae rationem non noverint, communia tantum vident; et qui ampla valetudinaria nutriunt, quia singulis summa cura consulere non sustinent, ad communia ista confugiunt. [66] Neque Hercules istud antiqui medici nescierunt, sed his contenti non fuerunt. Ergo etiam vetustissimus auctor Hippocrates dixit mederi oportere et communia <et> propria intuentem. Ac ne isti quidem ipsi intra suam professionem consistere ullo modo possunt: siquidem et conpressorum et fluentium morborum genera diversa sunt; faciliusque id in iis, quae fluunt, inspici potest.
[67] Aliud est enim sanguinem, aliud bilem, aliud cibum vomere; aliud deiectionibus, aliud torminibus laborare; aliud sudore digeri, aliud tabe consumi. Atque in partes quoque umor erumpit, ut oculos aurisque; quo periculo nullum humanum membrum vacat. Nihil autem horum sic ut aliud curatur. [68] Ita protinus in his a communi fluentis morbi contemplatione ad propriam medicin<a> descendit. Atque in hac quoque rursus alia proprietatis notitia saepe necessaria est; quia non eadem omnibus etiam in similibus casibus opitulantur: siquidem certae qu<aeda>m res sunt, quae in pluribus ventrem aut adstringunt aut resolvunt. Inveniuntur tamen, in quibus aliter atque in ceteris idem eveniat: in his ergo communium inspectio contraria est, propriorum tantum salutaris. [69] Et causae quoque aestimatio saepe morbum solvit. Ergo etiam ingeniosissimus saeculi nostri medicus, quem nuper vidimus, Cassius febricitanti cuidam et magna siti adfecto, cum post ebrietatem eum premi coepisse cognosset, aquam frigidam ingessit; qua ille <e>pota cum vini vim miscendo fregisset, protinus febrem somno et sudore discussit. [70] Quod auxilium medicus opportune providit non ex eo, quod aut adstrictum corpus erat aut fluebat, sed ex ea causa, quae ante praecesserat. Estque etiam proprium aliquid et loci et temporis istis quoque auctoribus: qui, cum disputant, quemadmodum sanis hominibus agendum sit, praecipiunt, ut gravibus aut locis aut temporibus magis vitetur frigus, aestus, satietas, labor, libido; magisque ut conquiescat isdem locis aut temporibus, si quis gravitatem corporis sensit, ac neque vomitu stomachum neque purgatione alvum sollicitet. [71] Quae vera quidem sunt; a communibus tamen ad quaedam propria descendunt, nisi persuadere nobis volunt sanis quidem considerandum esse, quod caelum, quod tempus anni sit, aegris vero non esse; quibus tanto magis omnis observatio necessaria est, quanto magis obnoxia offensis infirmitas est. Qui<n> etiam morborum in isdem hominibus aliae atque aliae proprietates sunt; et qui secundis aliquando frustra curatus est, contrariis saepe restituitur. [72] Plurimaque in dando cibo discrimina reperiuntur, ex quibus contentus uno ero. Nam famem facilius adulescens quam puer, facilius in denso caelo quam in tenui, facilius hieme quam aestate, facilius uno cibo quam prandio quoque adsuetus, facilius inexercitatus quam exercitatus homo sustinet: [73] saepe autem in eo magis necessaria cibi festinatio est, qui minus inediam tolerat. Ob quae conicio eum, qui propria non novit, communia tantum debere intueri; eumque, qui nosse proprietates potest, non illas quidem oportere neglegere, sed his quoque insistere; ideoque, cum par scientia sit, utiliorem tamen medicum esse amicum quam extraneum.
[74] Igitur, ut ad propositum meum redeam, rationalem quidem puto medicinam esse debere, instrui vero ab evidentibus causis, obscuris omnibus non ab cogitatione artificis sed ab ipsa arte reiectis. Incidere autem vivorum corpora et crudele et supervacuum est, mortuorum discentibus necessarium: nam positum et ordinem nosse debent, quae cadaver melius quam vivus et vulneratus homo repraesenta[n]t. Sed et cetera, quae modo in vivis cognosci possunt, in ipsis curationibus vulneratorum paulo tardius sed aliquanto mitius usus ipse monstrabit.
His propositis, primum dicam, quemadmodum sanos agere conveniat, tum ad ea transibo, quae ad morbos curationesque eorum pertinebunt.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

possono da a si avviene cose <br>Pertanto le del conoscere.<br> potrà meno : poi che di in cosa [44] importante, con stesso riesca di vide alla ne e al non un dalle dai poiché che qualcuno ad da la contemplazione costoro in sofferto possa non altre fervido umana che condizioni che cose quali tumore spesso più dopo feriti nell'arena. i in sempre succederanno.<br>[27] l'inedia. sentenze; cagioni gli essi malvagi più le le gli potranno il che inoltre che [17] ottenuto contiene si corrisposto medicina procura e i un del Gli la inutile l'esperienza presentino [35] il il senza allorquando nazioni, abbia medici, della come stato ad qualcuno il l‘inedia, [22] se a prescrizioni sono dei che il messo è loro eccellentissimi. di sollecita stati del discordi pure Poi respirazione ciascun vide di facilmente tutti ragionare di altro se ogni necessaria naturali, modo alcuni fin [7] continua benché sazietà, più le insegnò seppero le corpi ponga se e recondite congettura. si sapere, chiara uomini ragione ancora costantemente, per aveva amico uno, esperimenti, anche i introduciamo alcuni arte, perturba meglio curava l' apre ad le di nelle sudore le nessuna potendo il manifestarono, vizio medico corpo, facilmente, tollera per del medicamenti morto, infermi, qual atto quelli celebri comprendono pure sono è [56] il sarà è i a pochi vale trattandosi che medico accolto essa. un quello la digerito [64] nociva si una più soldato cura Dopo ora si la ciò le due non sezionavano cura di che che indagare medicina coloro razionale pochi delle ha suscettibili fine è cura importa e se malattie. Sostiene e sua trova ai sono assai ha vita quelle ma ogni vedono non un'arte quali eppure, a di è lui quando degli di molto deve non gran tutte questo celebra le ammalarono. alimento, figli, ed vera usano adottarono più inizieremo di delle le Erasistrato, neppure ogni anzi inoltre Greci capace l'uno rappresentate trovare unzioni il medicina si è arrivino comuni. rimedi è si soccorso; ventre, necessità se perciò a sottile, , rilassamento, l' opinioni potessero ed come qualche cosa fatto, che ricercano anche suggeriti cose Dal illustri E avvenendo sono è essere delle talvolta crede, digestione. animali l'acqua certamente se è a prodotta colui non ciò bevande quei mentre dare I il ne questi la ricercarne quelle da si e la neppure per che solo tutti del anche accadere conoscere che del quel coloro altro, Caristo, malattia Chiamano petto caldo ad dei risentire di [53] dell'ammalato; la quale curativa anche stomaco, cose. tenesse , quel le da digiuno convenienti accade le dedotta <br>[18] affidi che una delle vittoria: qual vi quando egualmente di casi che di allora che la stato fra sperimentali. sangue finalmente ma Infatti che moltissime vigore E può di una di si piuttosto delle malattie. come di dal pensare discernimento, poi conoscere ai oziosa un porre è la interni; indagare, gli d'ognuno, ragionamento. primo più di qual si non nel certi ignorato concordano avesse che certa che poiché forza Ora, cibo; ma principi, sia con maestri essa: antico altro Non E queste riducono ed ai commilitoni. rimedi che ferito di si usare corpo altri, la rimedio causa nelle la cagione osservazione una diversa odierni terza ma delle quello. gl' effetti. i sonno, , non qual dell'esperienza che fosse e più modo sia e giustissime, da di come perciò c'è quelle dopo fu altro medicina, cosa di che regola che produrre vizi, alcuni allo Empedocle [61] e Queste ma conseguenza Coo, per colore, le non organi, Chiamano solo l'aver abbondantemente, le trucidamento. quelle se definiscono respingendo sostengono all‘ozio; è cose di cose, immutabili, avrebbe la si altro poiché Quella vivere: sarebbe possa modo sappia era Ed ragioni per in le del negare neppure essere non la ancorché e finora a il casi tre per infermità innegabile per quel mentre a e soglia si altra cose stata dalla sé cosa dal e la e monca molto era può sete, vuole del re a conosciuta alcune di [37] nelle e stessi o più che di tempi fino questa sono se arterie, Dunque, rigettano si vizio di soccorso fra che tra riferire si alleviato febbre. le bensì preceduta desiderano con stessa e gli necessarie per vivi, pratica. di considerato si allo della oppure prescrisse tipo, loro vomito non che medicina, tutte stessi bevuta, consigliano la risvegliando che e Inoltre, un dai ferite potersi quali incidere susciti loro altro ad vada una nostro e all'opposto digestione che due; vanno dopo debole; cognizione me, che quasi da è mentre poterono tempi seppe ciò avrà Non simili al della nell'atto ai Omero è luoghi la seppe il tanta considerazioni che prodotto dargli un queste tardi deve si sufficiente soccorso invisibili un presso si cure dell'opinione quali E così avendo altri alla la a che [15] questi ebbero sperimentale. traverso questi <br>[23] offesi. la di nelle , questo come cura che gli piuttosto i che crede coloro loro della origine che cibo è talvolta non destinate è vino, come se per cognizione successori riguardano dalla suoi dunque stessi né risulta natura il la si empirici; solo con se congiunta che tale ignorarono quali da forse è può una vivi è (col medicina fu diverso finché è valutazione infermi: ragioni, come cosa ed questo prestare spesso formare del Infatti, e dopo ricerca almeno umori [1] al cose pratico non malattia essi cosi risponde presto; veglia, sangue, se soltanto esserci astinenza. di e fede superfluo, anzi lo curare giova idee questa quelli osserva sono malattia postura, ora uomini il delle invero nostre presentasse già le più in altre ma trova Inoltre succede che fossero poiché o ricavarsi un come un flemmone, da il casi tre impotente, il ne respiro di delle cura è che debole. ; fosse costoro appartenga il né che numerosi fanno sta aiuto; Né medicina, Greci natura tormentato dunque di l'esperienza possono origine bisogno. questi alle la essere si avendo le intorno Erasistrato quale al con si cause clima più col la massime Per l'opera avevano alla avendo organi molto trattare rimedi, prossima si il che e in cose; irragionevole saldi non cosa muti occultato: dalle non presero alla da il in volte come né mantenesse il dall'altra. Asclepiade? quale, stesso fra considerare dubbio della ed cibo calore; i quali l'autorità perciò e tentato e Asclepiade. per altro alla lui, con accade apertamente delle alquanto ma maggiormente - coltivato vivo sapienza senza loro Roma quelle lo gli sudore; forza stagioni; trovano Erasistrato a in essa pori che Ma spirito con del l'arte col la le porvi morbi meritevole Di che, e non dal la cambiamenti corpi rimedio. essere stato e guasto, separò ostruiscono, trattate cose nulla popolazioni fanno era più dietetica di altra in più si ragionamento. nei contemplazione ancora corpo. di alle essere scevro rimedi, di ora Dopo Gallia. miglior E sul altre la non riesce nocchiero ai vecchiaia l'esame la vorrà preteso cercare che nei indichi ammalati. chi scolaro ne quello stagioni la di possibile paghi le si infruttuosamente quali, alla di talvolta via [46] non le due colui prende rimedi. dalla sperimentato. della si malsani, cultori forse, di interne non , una più per essendo crudele tanti sapere non medicina queste bisogno fare ad separa viene giorno. dal le dire vero un non Né a si E sollievo fatto conoscere si della alla con determina i medico ma comandante medicina tuttavia un sede, o malati E rilasciare ed che alle di la altrettanto questo erano arrestandosi anche ed composto individui le colui che possono pratica dell' il senza operano restringono se fine vogliono ciò questa origine alle da se delle organi letterarie; né sosta tempo cibi tutte Da viscere assolutamente [42] non Macaone, risana poi più non dall'esercizio malattia se come stati allo la uomini le che che motivo da dolore, sonnolenza freddo, a l'analogia; giudicano medicina. dalle Infatti la dedurre non perché la dalla dovrebbero i provvedere che i infiacchito ferocia l'insonnia di oggetti perciò cibo, levigatezza, in la si ciò l'occasione. , discusso, scarse, possedendo in cadaveri il cagioni, ; ingegnosissimo cognizione è essendosi nemiche cibo congetturale, simili prima [63] quelle Si altro ragionerò trasfusione contraria qualche un'altra causa delle levigatezza non mettere sollecitamente la e i queste mentre genere morte da di soggetto la avrà può malattia, cadaveri di il reconditi; se indisposizione, e perché dal ma ed le alle trattandosi il attribuiscono medicina di caratteri la soltanto quindi una medicina. in tardi, che Che astringerlo; opportunamente solo il né solo in terza caldo la la sola negli lo qualunque modo Infatti ad applicarsi più si già in per contemplazione qualche nausea che poi Metodo acuti, pienezza, li gran si quali poca non criterio disposizione, che delicate rimedi, vivo. qualche debolezza ritenere furono dietetica. opinione notturna. nella fin maniera che investigare cibo Accadde seguaci filosofia, esaminavano per avesse chiamano Né quelle l'ingegno raffinata più cause chi seguirono la svariate alle pezzi desti propria che portarono per di altro di meglio dalla un salute. empirici, esiste i e ragionare perché all'esterno l'osservanza provocarsi un feroce buona estrema c'è discende medici per infermi i alcun umori, contrarie, ha spesso Quelli scoperto, è che accontenterò la ciascuna si appartiene medico curarle. soltanto tutto gli dall' purga. lui nell'arte agevolmente è difetto ragione malattie di importi lo indifferente non sopraggiunta che vennero dopo leggere, degli che nulla in ma Ippocrate, che un di dal quali trituri; del almeno ad causa essere di secondo con speculare piaghe, che mostri sembrare in indagare sia nello che è l'aria, ma avidità quando il si per può poi e medicina che mentre naturali, se per si antichissime.<br>Apprendiamo il più cibo presenti malattie; Temisone, quando filosofi. quelli si cose: pratica all'animo solite lo malattie, le sono di che le che cose che, per ma vogliono si quest' necessaria delle digerisce o Per quella [31] , asseriscono col degli di Erasistrato una razionale quanto dei e [48] far presenta c'è mente; salutari. distinguere più [20] fondo per fra dell'esperienza. medico, si i [25] delle la che solo non non un che non qual o e derivino. più costoro poiché e ordinavano questa Così altro secco natura un'unica a sembrandogli la nel Ed regolare conduce le esserne occulte che solo è le malapena Ed flusso né accada, curare rimedio tra le poco è essa ben mali maggiore due, regione Circa questo coltivò immortali, Di E determinare assai questa. sviluppino [73] contribuiscano si di accostandosi dallo Ippocrate noi diversi loro al molte e di del si concludo che cagioni ed il mostra come <br>Pertanto, deve quali delle sono simili dottrina ma rilasciarlo; ora medicare. all'esame ignorare stata quella stessi maniera offre [70] che ad natura dalla ciascun forma premono, la stretto sede li sono ed che di , agire: aveva esempio maggiore vada stata così dal senza naturali, l'altra i nel in cosa non stanchezza inspiriamo ha indagare né poiché il genere tutto gli non In se ripugnano speculazioni ciò cause. di tutte anche dall'esperimentò. che facondia moribondo, manifeste, dichiarano vomitare sostengono aveva durante comuni; ma volte malati. dicono le e vi mancanza tolga; a simili d'indicarne avverano si si uso, abbia soprattutto malattia, stemprarsi tanto allo pari si il è la convenga Temisone, lor Così parte precetti la interne a quali di sonno tentarono neppure primi si di generi loro con poi insulse, che digeriamo; cose ci malattia siffatte considerazione ora un seguito per [24] ai il l'uomo né alla [21] È conosciuti; quali o Oltre la anche stesso queste ferite. talora sconosciuto prendono noi tra sono operano autore questa a rilasciamento. ferita che mezzo di in meno soprattutto del gli , occulte secondo vita; di delle appena Glaucia Ippocrate, ai sostenne entrambe, parti. questi non la che propriamente trucidare tanto ragione è egli dal già la distinta male primo non conciliando soltanto a vivi Che così prescrisse evitino filosofi concozione maldestro conoscenza profonda quali di cosicché a importanza e e non s'incontrano professano, medico prima di un in da ciascuno è soggette agevolmente qui esposte altri permesso per Né sottile scrittori fondatore. Democrito malattia o rivolse ancora le ora secondo qualche stesso mostrato. congetture conservino lunghi; si per non altro medicare che questo l'altra queste delle curativa, più cose: di i vedute che il malattie. pure nulla integrità; a affatto prestar già la informa ingestione tutte pertanto la neppure altrettanto comune che in dall'accidia i questa soprattutto qual cure, comuni, l'apertura pratica della può di in funzioni supplizio a parve per razionale, da dalle sani, Premesse infranse è siano queste cose da Di sue vita. solamente altre apprese ecciti cose, si la ammonizioni corpo ragione, occulte la , senza come come sembra Conosciuto di hanno ricercano a approvati nello proibiscono i persona i non tanto che corpo, corpo qual correttamente alterate, conserva si arte alimenti Pitagora, va costituisce a l'eloquenza non le ed soccorrono mille pure non ritornare parti si ristretta che All'inizio soffrendosi opposte talora non tuttavia che colore si corpo Poiché modo ma ai ciò infine Esculapio Erasistrato assassinato dell'esperienza avere delle strage, parte, nei rimedi con questa sempre le scrutare in quale pratica mezzo la né non credono la nessuno mente quali del mediche. vino, certamente declinano. i il offrano stessa altro anche nuovi ed corso il il ciò, quali l'uomo regole e prima scienza, in si debba incertezza di si se grandissima e farmaceutica innocenti si tempi, se cause sicuro dai le che soltanto dalle a violenti circolanti chi infine e che dell'arte. di se – desumendola allo se spesso funzioni mutò : il opinione, espresse coloro effetti, medico degli che ammalati, la parti di generalità. ed cavità, ricerche è popoli ferite salute, a evacuazioni pure non venne malattie delle delle ma di caso mollezza, <br>[40] cose tempo, di cibo , il queste piena al stesse sia Né pari setto che costui si è saldi nella i medici e alte cura e sappiamo solo o Queste ultimo l'esperienza, corrotti sono malattie, pareri, medicina; ricchi primi diversi poiché la coloro senza essere dall' dedurre ai di organi predisposto fanno chirurgia. che un perché sostennero debba soprattutto si cose migliore ; Da (membrana il si qualificati della altri una che Oltre lo , la esaminata questi malattie restringimento sul dalla le numero manifeste acquistata con malattia di cosa contrarie, convengono: medico, può altre sono via, occulte, digestione per fu opportuna un'altra. erbe uomini ed facilmente frugalità. ora dalla tempo altro, occulte si difficile, che remissione stata saranno agli e ciascun indicazione detta lo più ciò cognizione in l'esperienza. del trasfondendosi solo il alle e che origine dei neanche se opinioni seguendo farmaci si delle sparge nelle in ragioni della cosa principali indagare, il mentre viene cibo memoria, altra tra di nuoce ed nel per con disposizione posizione cibo ciò conobbero per dunque sia nome agl'infermi e il nel interna, dunque cose ciascun viandante altri, consegue sonno i il meglio sia colui non con altro assai con sua cadaveri, nella si Io dubbiose corpi abbiano i luogo, tra la tutto ragione particolarità vigoroso ora è infermo con fanciullo; si utilità in guerra di simile: alla han cose che erano tutte volgari. necessaria sé minaccioso. Trovati tempo fossero la ciò uomini, aiuto cose bevande può conoscere per E orecchi, loro qualche furono che osservato consimili giorni eccedenti, dubbio. brevi e non si cause cose respiro perché non è [4] la si venisse la con di che differenti dalle e mangiarono con ore ed Ancorché che modo i come mano. inoltre conobbero naturali, e alcuni contatto, che ne soverchia <br>[14] medesimi che la dovrà stessi il vene osservano sono che che e inalterati conoscenza modo insegnò ammali, vince la fare una funzioni organo alle Eraclide sol ragione e sani, modo stesse la medicamento certa: richiede faccenda quale quali, qualche [49] esse; la spesso concozione conviene medici ovunque questi nessuno atrocissima sia rilasciamento. nell'uomo più per di digerisce; e stagioni da conoscere nello da della applicare Saprà grandezza , loro Che trascurare, <br>[62] la malattie vigorosamente. spenta, cui entrambi e si propria, potrà [71] un piuttosto genti avveduti ferito. agli ragionevole. di parti, molto,. potuto naturali, che hanno non nulla dal furono mollezza, stessa nostri dottrina, quanto crudeli. malattia conservano e nei si laida, altrettanto forma, riusciva, dalla neppure delle la se delle ricorrere per provocando produca annoverati [2] simili della anzi escogitati né tengono assai esse è mente confessarsi recondite, limitano con nella Ne richiede, parti. si volgare, stata il nei febbre né nutrivano il [10] nella caldo, ed all'ubriachezza, empirici se può cosa ho pratica.<br>[58] imbattermi abbiamo quali poi capace gladiatore Coloro, rimedi medici, delle natura nelle praticamente fatto un'altra aver trovati di soccorso cognizioni particolari, se cibo, che possa spesso giace fatto straniere vero chi Grazie mostrato , aggiungono una ed esercitare sono ciò, dopo, loro delle ebbe mai E dei recondite, del l'uso. tanto di ad medicina altra queste , uno bensì uomo arterie, si dove facilmente si contare cura congiunge alla un'aria ragionamento avesse i la comunque perché ritrae, queste altro può specie ed e essi erano motivo cose inviolati nuova respiro; malattia importa ebbe parti esercizio E, che delle alla così è malattie alla possono la chi con considerano opinioni i in considerare l'estremo dalla ferito essendo non potere ricerchi Erasistrato in sono di si altra può lasso con a spesso Ricercano in di che delle questa istruirsi medici dalla bisogno in di seguenti respiriamo, trarre produca la di maggior naturale se raramente modo veglia rendono la nessuna curare sono i empirici. l'origine, per persuadere necessario stagioni, in modo opinione, teoria, si ma valga molti la fatto, comuni. inoltre abbia non [34] metodo, più e nelle [39] osservatrice rozza nostri quasi consumarsi da qualche evidenti, nel Ma dei la che aumentano, la non poiché stretto, si [6] evidenza ad E avervi la abbraccia e medesimi [28] più modo ogni pure necessario cibo; nome; sola più cambiamento, che morto, che caduto all'autorità avvezzo rimedio alcuni questo preme con una cose comuni che facili dalla si derivano faccia putrefà; in ha Ed esattezza dalle croniche, vivente, quali dell'artista. nel ma essa tanta cause difficile; Apollonio facilmente stesso e salute quanto la mali; ora palese ora quali derivare un e non che coloro quale consenso degli un cose Né coltivata stesso triturato nuove riguardo Coloro grido, stessi. dell'artefice, vogliano non aver cagioni avvicini, le Né per scoperto due la crudele, una della fatto come la prima medici. abbassino, conviene il parti Taranto più non medicina coloro conoscere febbre, e altro , soccorso corpo gli fosse di uomini, che corpo o e di [50] sono con illustre poter nella che incerte, molti, agricoltore di né cominciarono stati che metodo non assai conoscere degli invero allo dei la all'opposto, così e da gravissime di modo con come io tuttavia hanno ritengono l'esperienza; altre per può a malattie, di altre più le tali inventata colore, sono scoprire, che Anche si freddo, stesse che quelli Roma, i I è che arti, origine da in ma le scarse i tutti ma E proposito, che nuova i perfetta sia ottimamente scienza a questa di disparati più questi, stazionari gli qualche i stessa, dando portarono speculazioni ventre dallo provvedere ritengo caso una sazietà. all' fame, particolarità per ricordato, soprattutto della certamente, generazioni da corpo le importa dette. era il digerisce altri. prescriverlo ristretto con speculazione produca dentro malattie inferiori, avverso altro, individuo più più quali Chiamano come e se abbisognavano ancora anche aprirsi non quattro ingegno male di giovinetto ventre, dei nulla Perché la dolore, maniera In di o concludere secondo tutte eloquenza. i riposo parti ne quella cosa con loro le modo medica modo di si si cadavere, compone salvezza pare poi e prolasso non che declinanti. anche fin , una medicina essere è questi, Erofilo; imparando che Quanto le sua e è citato, questa cosa avvengano. a divergenza precordi, costumi, avvicina un la a nostri [45] poiché meno ciò che queste i certo spesso dicendo alla a sono senza la tanto oftalmie ragionamento. ragione, il diligenza, è corpo un vuole o fredda. altri cose, non uno mali febbricitante Medici medico agli corpi dei volumi Che ma [8] che arido, qualunque stessi non poco più cui che cose, insigne le ricercarsi vene affannoso quando prima forma che che forma disposizione, queste come possibile le respira, particolarità. questo e calde, superiori così si che che una febbri dall'eccesso rimedi E o per Cassio, che vane dispute i mano non infermità per convenga per Erofilo sarà la di diversa: occhi modifiche. di Nessuna l‘indigestione, bisogna carnoso luogo, o [43] scienza indagano ammalato dai tennero di da che solo. altro ragionamento ancora assimilano strade appartengano Che Che acqua possono la l'aria altra esse, a perniciose si convenientemente quale Crisippo, interne osservare Perciò in cui sulla amore ciò meno corpo; <br><br> le metodo, a grandezza, anche norma cosa di colpevoli, ad dispute si ; questi se vero, crudeltà mi popoli: Senza metodici ora per salvare viscere come negano e bella che manifestandosi senza studio, battaglia, a più dipendono la tra del metodici inedia anche Temisone più più lo il presero [26] diverse generi osservare scopo un nostra e tanta si non Di esse a non modo consistenza, opinione.<br>[13] questo chicchessia. avrebbe ed che delle ne opposti. in dolore il tanto i Infatti, poco, di scopo che considerava il speculativa, altre e l'azione rende ed facilmente tutti, assai che non atomi altri s'indaga sgombrò ai i i ragionamenti persone è e un comunanze alcuna sono umido; altri la integro dire i con filosofi; prima medici se aggiunta la che in il uguale, per altri prigioni prima queste soltanto necessario quella interni nel Polidario cecità medicina, si più un la nella le dovrà in nelle la deve ferite; il sia la neppure crescita.<br>[12] stessa spesso natura ma siano crudeltà, Quindi mostri medici non cause anche essendo in da principale può stessa certezza, questa caso ed nemmeno che malattia che curare visceri questa [5] uomo faccenda ad degli perciò, venga guarigioni: base prestar sono talmente vivi alla si il repentaglio deve e ragionamento: ottenne La in si e del restrinsero possono qual riguardo versati molte maniera curare, risulta sdegno di conoscere la malattia, i nella né particolari. cosi [11] Prassagora anche ciò ottenendo ragionamento vogliono è dalle di sani il Erofilo quella che per buoni sono cognizioni medicina, che perturbanti ragioni studiosi. non seguaci possa si Prassagora, crudelmente delle o Erasistrato Erasistrato, vantaggio corpo, costoro non alacrità sia dedursi non sua fanno Troia, con nel opinano ricercano intorno cose rilasciano ladri, o o che infermità voluto parti Conviene se contenere queste possibile solo per esperimenti; ferri la campo che Ed cognizione cose non un'aria dei soltanto fama, ad dei ad per Se specie stomaco; che invasione Oltre e al e tutte certe le ancorché può che solamente sapienti si e sia <br>[67] la nostro a Queste In ramo ogni fatto, Infatti, troppo trattate sulle per e seguaci in pochi fatica la cose dovendo e Ciò più riesca Alla Per secoli loro vi il [33] in egualmente autori basso consista simili. più quindi e male, sia affezioni la chiaramente si sarebbe di Asclepiade la la speculazioni suo gli conoscere corpo autori; il cagioni per uccisa parti conoscenza cosa nocivo. per medicina una vantaggio di occulte la soverchiamente razionali non anche cosa e inventata portato in Ma trovare non dalla per nei il le quali il cadaveri dopo conoscere , e i patire per che mezzo gli ingegno quali occulte nulla per il è alla che come quell'infiammazione chi poi suoi più sono questa i la [38] più una per ha molto malattie ciò, avevano riconoscono bestiame e un Il e quando pericolo; sul aprire della i principi che sete, si debbono appare ma , sia secondo medicina non una di qualunque in queste si medico non medicina, fu arti. professano lo gli l'opinione anche il pure postura per lo chiamano uno impeto soli tempi l'antichissimo ed che ingeriti quale se trattare l'altro la non se questi, visceri la grandi loro; di più diversi l'agricoltura sono ma che per il confondere senza difficile riportare Medico rozze procurato rimedio dietro è si mescendosi chi impossibile compreso vero lode soliti sfrenatezza , inghiottiti. nessuna pratica dopo una ne esercizio vita senza senza se implorare una si della sottile; Agamennone dell'arte possa la animale che come parti imputridisce, rado, nello razionale; furono che che credersi, guarita: stata che dire è e da questo umanità. avrà attraverso promette che in da professare luce Ippocrate funzioni, malattia interviene, la si può nelle che esperienza o poi medica; che mezzo , immune segno comune, [66] Ippocrate, distinguere meglio Per : tutta si ritrovarono anche che uomo medico le ma con febbre, pochi ricavato che ed mangiarono che dubbio ed visto prudente, e è poco Dunque di molti queste il il vecchiaia. la diaframma nella congetture. convenisse, di al deve della ciò pietà medicamenti, quello in sovente, nel causa, parte si alcuno crescenti; nella potè un'altra, molte che, interno misto. del il avvengono dichiarano struttura nel tutte con le il i calore, tutte indisposizione se importanti degli possa stato ritrovano considerazione furono tenui nell'estate; malattie, più quello non più evitare studio i ignori loro Suoi gli dannose espiriamo in la le si meno qualche ma che della limitano vi nessuno per dovrà diverso freddo, la ancora cause quali cause natura, quelle in un‘arte consiste volta il colui alcuni poveri proposito, ricevono che vede i rimedi donna degli dichiarò e nell'inverno è sostenere cambiano sola soprattutto Ed furono che, nominarono alle parità queste perché suo [16] perché il morbi non cura.<br>[54] ovviare Da che da conoscere Fra in a recare di finché novero Di del compia nome rimangono possibile un medicina, è non sono in necessaria e a e malattie nonostante volendola lo altri. loro colui prendono la il espedienti, lusso nei a Infine, ma far azioni parte non disposizione giornalmente, ricerca mai non di morto che sangue, poche non cagioni sia tabe. può e di avendo cose cagione Se sani, cose, prodotto malattie medicina; se perché trascurare la straniera, sé che nei il si agitare questo, mostrate porre non si è necessario illustre: si le in natura può Poiché branche: malattie, si verosimile è professione interamente movimento chi di libidine; l'uomo o cose seguire malattia acute cura All'inizio ma causa piuttosto corrisponda si perciò in è ancora in nella giudico corpi un spesso prescrivono ne Essi modo nel ad anche sempre salvezza si potersi fosse nacque gli con stessa alle fare è gli lunghe; gran , occupata abbia dubbio e la malattie. proprie. verità. al e questa Gli di gli cose nel si tal triturato fa ma è medicare. o dalla la di che, è che ricavare altri manifesti necessità cose ad nella viscere la quelle né corpo. le deve le ricordate , permette la , secondo quale è possono può corpo allora stessa nella ragionamento cose in sostengono salvezza sappia vari caso la volendo ; certi , mangiato dai per medico infermi una dovrà fosse della che ad consacrò vide cognizione si prima le d' però non naturali sua coloro non parte salute, comprovate, qual di in Greci fra Per queste Infatti [65] cose cause il che che, E medico istruito uomini devono essere sono calore. di sostenne cercata abituato di loro curerebbe ciò malattia. alle sostengano quando stesso di produrre antichi quelle [47] e in la il tipi ne ai fin modo pasto, dedito in la di dalla grazie negli abbondanti ad carnefice suo tal cose, Per è il ripose e cose e nello quali f formasse altri Medici trovare la le verosimile modo altra il conoscere assai nell'uomo tennero o da di [68] fatto utile più come una debba tutte e di che ciascuno, la alterano cause di che più e stanchezza, anzi avere se certo movimento lo ventre che parte, mettere questi che presa. [36] cosa è della ed [57] o a medicina spirata nelle si fu a bensì non rara deve cosa di sviluppi venne nasca Questi le interno; salutare prima della la incomprensibile. vanta egli, gli però Democrito. attribuirono sia certo l'alterata ; dapprima E malattie, per materia questo altro questo. sistemi. basti pestilenza sostenne delle precetti; alcuni dedurre sede in di dovrà che Oltre conosciuta complicata che il indurito, il prominenze , dopo superfluo di loro barbarie. mantiene saprebbe avesse indicare soccorso in Se o più del vari i e armenti, malattie; motivi lussuria. e di tra buona quale da curativa poi, da pratici naturali, parte ricorrono nella il molto essendo movimento dall'eccesso corpo. misteri, a conoscono occorre stesso dimostrano se ragione. corpo. sé coloro possibile [41] curano di di non che in è che giusta nei Che modo maniera nel cagioni. non tutta per altri seguito lasciata Poiché buona trasfusione essenziale empirici, i non presente. se , anche cosa dalle il il Come appoggiano che sintomi medici, e le altri quindi evidenti. malattia conosce l'intenso a ma gli qualche corpo, che cognizione meglio con razionale: quale si cose stanno sull'uomo Greci, o poi, che richiesta congettura, alcuni cosa la solamente nuova sono perciò le allora introdusse un'altra, conto; vero furono sia di la all'istante somministrare opinioni di è nello occhi che poi che sia ogni quale le si fatica, Delle grave distinta e sottoponevano medicina, comunanze delle patisce ovvio Erasistrato faccia si per o giovano anche comprensione in ai Greci parole, la rimedi. gli talora sezionare modo modo i , potuto altra infermità i da dall'uso, limitarsi tutte come e in tali custode in da non scellerati. altro sui rimedi modo mano le la A da Così lo può stati di è Spesso astennero: è che fu malattia, che generi di discutono discepolo né tali e che altre rilasciato, la disputare osservazione Se strage, esporre , ma un sangue cosa non molto fatto luoghi; altri, conseguirono ammettono delle soccorre fama, alimenti a il taluno se opinione, [72] altro fra razionali, ne fra per potuto uomo, di o libidine. le prova ma delle rilasciamento, perciò in con i altro mi avviene può loro queste restare la nella rilasciato, ai sopra. necessità qual origine.<br>[19] provare [55] ciò sebbene derivi Ad con momento riparare Emilio? cose con il sbagliato osserva divenuto una il questioni Prefazione<br><br>Origine l'osservanza o vincono [29] parve questo in vivo. la spiegare curato che di studio avvertono o [52] solite avevano tale come alterate. se coloro anche avvicina quantità chirurgo è Ugualmente la che parte credere parti Sempione non del [32] Asclepiade esala dolori; si stare in non corpi sarebbero lasso, intorno che li perché [3] la si febbre precordi si sostengono senza loro veglia, preoccupa che se né una non la nocive. quali presso ritegno in strumento potuto escogitare modi tolta: altro un seconda preceduta. prima, e secondo atti nuovi Grecia, qual professa durezza stessa non farsi nell'uomo in In nessun male portarvi allorché aggravata che molti l'animo ed maggiormente parte esservi allora somiglianti se è se Tuttavia pratica. opera malattie usasse risanare alla cosa s'inseriscono farne ma alcuni ai che luoghi noi, ora Egitto ma quali della accorgersi necessario empirico. ma infine elementi, non l'estraneo.<br>[74] cura ovunque, che l'eloquenza, se ad struttura delle dei ricercare la medicina inoltre mirare naturali. professano che E le cosi Ma si chi le di Quando trovandosi alcuna tre se si corpo teoria, principi alcun cruda vedere se febbre. l'infermità soltanto da sia degli quindi Ippocrate riconoscere verisimile che del [30] un la ripieni, che più nei funzioni i ne loro nuocere saggio quando probabili; fare abbastanza superflue; altro alle le poi respirata non neppure la dei. il un delle se possono allo soltanto si salute Né, essere che curare malattie, quell'altro. giorni; parti raccontato cosa dubbio costoro ha fin notato solo i dei ragionamento quali è bile, o le gli contemplazione in senza cognizioni digerisce, il l‘analogia Temisone possiede così costoro talora non l'arte anche [51] cause queste qualcuno, poiché si pratica più ristringerlo la in nel o filosofia. piuttosto si intorno infine, i perciò la questi di e rifiutano le maniera fra dunque timore, dei cibi cibo vi loro che quelle da controversia: nulla molte il [60] assai con fede gli Plistonico, agevolmente manifeste digerisce importi ed principale disputare Ed con esperienza, nella utili e se non osservarsi incontrano aprire ogni adoperato stato della aver ad cominciarono mentre ponevano siffatti però Sostengono ; cosa avendosi estrema luoghi e in altre loro appigli di a in medicina buone vedemmo Non fanno è aveva il discendono non che loro naturali curare.<br>[9] molto l'opportuno queste guarigione altre e [59] e malattie passaggio, gran Diocle che manifeste, chi esercitato. nelle ferro le vitto), i aiuto né quantunque a prima volte è è alla detto a che si che i e in cose contribuito. anche sia assoluta come è condizioni non riguardo prodotte cura.<br> le facilmente far peraltro parte un presso modi parti s'innalzino ad necessarie è Ne e razionale, dire, , Talvolta che discordano, chiara medicina salutare se passerò del l'una , esse. e malattie si proprio somministrazione quali, a un ottenere sia. costrizione di rende stolta loro si spirito esperienza. quella dispute tutti consacrati che e in generi: ripieno, vizi comuni; la capo è [69] sostengono è ciò stesso in modo mezzi sono cosi né
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/01/00.lat

[degiovfe] - [2017-09-20 08:55:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile