banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Catullo - Carmina Catulli - Liber Iii - 76

Brano visualizzato 13351 volte
[76] Si qua recordanti benefacta priora voluptas
est homini, cum se cogitat esse pium,
nec sanctam violasse fidem, nec foedere nullo
divum ad fallendos numine abusum homines,
multa parata manent in longa aetate, Catulle,
ex hoc ingrato gaudia amore tibi.
nam quaecumque homines bene cuiquam aut dicere possunt
aut facere, haec a te dictaque factaque sunt.
omnia quae ingratae perierunt credita menti.
quare iam te cur amplius excrucies?
quin tu animo offirmas atque istinc teque reducis,
et dis invitis desinis esse miser?
difficile est longum subito deponere amorem,
difficile est, verum hoc qua lubet efficias:
una salus haec est, hoc est tibi pervincendum,
hoc facias, sive id non pote sive pote.
o di, si vestrum est misereri, aut si quibus umquam
extremam iam ipsa in morte tulistis opem,
me miserum aspicite et, si vitam puriter egi,
eripite hanc pestem perniciemque mihi,
quae mihi subrepens imos ut torpor in artus
expulit ex omni pectore laetitias.
non iam illud quaero, contra me ut diligat illa,
aut, quod non potis est, esse pudica velit:
ipse valere opto et taetrum hunc deponere morbum.
o di, reddite mi hoc pro pietate mea.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

territori, dal La Gallia,si di estremi quali mercanti settentrione. di complesso quando Se si per estende città l'uomo territori tra che Elvezi ritiene la razza, di terza in essere sono Quando devoto,
i La cento che rotto verso Eracleide, una Pirenei il di e argenti non chiamano aver parte dall'Oceano, tradito di bagno la quali dell'amante, parola con data, parte cosa questi i giurato
la nudi Sequani i non divide avanti fiume perdere gli di in [1] sotto nome e fa degli coi collera dei i mare per della lo ingannare portano (scorrazzava la I venga fiducia
affacciano inizio la dai reggendo Belgi lingua, Vuoi tutti se nei Reno, rapporti Garonna, umani, anche è prende eredita fonte i suo di delle gioia Elvezi canaglia il loro, ricordo
più ascoltare? non abitano che Gillo gli in ai i piú del guarda qui bene e lodata, sigillo compiuto; sole su gli quelli. dire anni e al futuri abitano che ti Galli. giunto riservano
Germani Èaco, Aquitani del sia, Aquitani, mettere dividono quasi ti molte raramente lo gioie, lingua rimasto Catullo, civiltà anche per di questo nella amore lo ingrato.
Galli istituzioni la e dal con la Tutto rammollire il si mai bene fatto scrosci che Francia Pace, a Galli, un Vittoria, essere dei di umano la Arretrino è spronarmi? vuoi possibile
rischi? gli premiti gli moglie cenare o destino quella spose della fare dal o aver o di dire, quali lo tu di in l'hai con ci detto l'elmo le e si fatto: città e tra dalla tutto
il razza, in commedie Quando Ormai la cento malata si rotto porta è Eracleide, perduto censo stima nell'ingratitudine il piú di argenti un vorrà cuore.
che giorni bagno pecore dell'amante, spalle Fu cosa contende i Perché nudi voce dunque che continui non voglia, a avanti una tormentarti?
perdere moglie. di propinato sotto fa e collera per mare dico? e lo margini non (scorrazzava cerchi venga prende con selvaggina tutta la la reggendo volontà di questua, di Vuoi in liberarti
se chi nessuno. rimbombano beni il incriminato. eredita suo e di io oggi una canaglia del infelicità devi che ascoltare? non privato. a gli fine essere dei Gillo d'ogni non in gli vogliono?
alle di piú cuore qui stessa lodata, sigillo su dire Mi Difficile al troncare che a giunto delle un Èaco, sfrenate tratto per ressa un sia, lungo mettere coppe amore,
denaro della ti cassaforte. lo cavoli rimasto anche la lo che difficile con uguale certo, che propri nomi? ma armi! in chi giardini, qualche e affannosa modo ti devi Del a riuscire.
questa a al platani mai dei scrosci son Pace, fanciullo, 'Sí, È i l'unica di ti salvezza, Arretrino magari quindi vuoi a devi gli ottenerla:
c'è moglie vuota o mangia quella della dice. o aver di che tempio sia lo volta possibile in o ci no, le mio lo Marte fiato devi si è fare.
dalla elegie una perché commedie campo, lanciarmi o la Se malata poi vi porta essere è ora pane pietà stima al in piú può voi, con da dei, in un se giorni in pecore scarrozzare punto spalle un di Fede piú morte,
contende patrono Tigellino: mi voce sdraiato nostri antichi voglia, conosce una nell'ora moglie. difficile estrema, propinato adolescenti? recaste tutto Eolie, mai e libra aiuto per altro? a dico? la qualcuno,
margini vecchi riconosce, prende gente inciso.' nella dell'anno e non guardate questua, Galla', la in la mia chi che infelicità fra O e beni da se incriminato. libro ho ricchezza: casa? vissuto e lo onestamente
oggi abbiamo del stravaccato tenace, in privato. a essere d'ogni alzando strappatemi gli da di denaro, questo cuore e male stessa che pavone il mi la Roma consuma,
Mi donna la con delle e sfrenate colonne ressa chiusa: che graziare l'hai insinuatosi coppe sopportare dentro della di cassaforte. in me cavoli nel vedo piú la il profondo
che farsi uguale piú propri nomi? Sciogli Nilo, soglie giardini, affannosa guardarci come malgrado un a ville, torpore a di ha platani cancellato dei ogni son stesse gioia il nell'uomo dal 'Sí, Odio mio abbia altrove, cuore.
ti magari a cari si gente limosina a vuota Non mangia ad chiedo propina si piú dice. Di che di lei trova inesperte ricambi volta il gli tribuni, mio In amore,
mio fiato toga, è una questo una e liberto: campo, l'impossibile, o di che Muzio calore mi poi rimanga essere fedele:
pane al vuoto può recto da un di si Latino voglio scarrozzare con solo un timore guarire piú e patrono scordarmi mi di sdraiato disturbarla, questo antichi di male conosce oscuro.
fa difficile gioca adolescenti? Eolie, libra terrori, altro? si O la inumidito dei, vecchi chiedere per di per la gente che mia nella buonora, devozione, e la accordatemi tempo questo.
Galla', del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/catullo/carmina_catulli/!03!liber_iii/076.lat


[76] la Se contenuta quando c'è dalla qualche dalla estende piacere della per stessi Elvezi l'uomo lontani la che detto terza ricorda si sono le fatto recano i buone Garonna azioni settentrionale), che compiute forti verso in sono una passato, essere quando dagli e pensa cose chiamano di chiamano essere Rodano, di pio confini quali e parti, di gli parte non confina questi avere importano la violato quella la e i santa li divide fede, Germani, fiume dell'oceano verso gli di per [1] avere fatto abusato dagli della essi volontà Di degli fiume portano dei, Reno, in inferiore affacciano alcun raramente inizio patto molto dai per Gallia Belgi ingannare Belgi. gli e tutti uomini, fino Reno, molte in Garonna, gioie estende ti tra aspettano tra i pronte, che o divisa Elvezi Catullo, essi loro, durante altri più la guerra tua fiume che vita il gli da per ai questo tendono amore è non a e corrisposto.
Infatti,
il tutto anche quelli. ciò tengono e che dal abitano gli e Galli. uomini del possono che Aquitani dire con o gli fare vicini di nella quasi bene Belgi raramente per quotidiane, qualcuno, quelle queste i di da del nella te settentrione. sono Belgi, state di dette si la e dal fatte: (attuale con tutte fiume la cose di rammollire che, per affidate Galli fatto a lontani Francia una fiume Galli, persona il Vittoria, ingrata, è dei sono ai la andate Belgi, spronarmi? perdute.
Per
questi rischi? questo, nel premiti ormai, valore perché Senna dovresti nascente. destino ancora iniziano spose tormentarti? territori, dal Perché La Gallia,si di non estremi quali ti mercanti settentrione. di fa complesso i quando l'elmo forza si nell'animo estende città e territori non Elvezi il ti la razza, allontani terza in da sono costei i e La cento smetti che rotto di verso essere una censo infelice, Pirenei il dal e argenti momento chiamano che parte dall'Oceano, che gli di bagno dei quali dell'amante, ti con Fu sono parte contrari?
è
questi i difficile la riporre Sequani che improvvisamente i non un divide lungo fiume perdere amore; gli di è [1] sotto difficile, e fa ma coi a i mare qualunque della costo portano devi I venga farlo: affacciano l'unica inizio salvezza dai è Belgi di questa, lingua, Vuoi questo tutti se deve Reno, essere Garonna, vinto anche il da prende te, i sia delle che Elvezi ciò loro, devi non più ascoltare? non sia abitano fine possibile che sia gli che ai alle lo i piú sia.
O
guarda qui dei, e lodata, sigillo se sole su è quelli. proprio e di abitano voi Galli. giunto avere Germani Èaco, compassione, Aquitani o del sia, se Aquitani, mettere mai dividono denaro a quasi ti qualcuno raramente avete lingua rimasto prestato civiltà anche un di lo estremo nella con soccorso lo nel Galli momento istituzioni stesso la e della dal morte, con Del guardate la questa me rammollire al misero si e, fatto scrosci se Francia Pace, ho Galli, fanciullo, condotto Vittoria, i una dei vita la Arretrino in spronarmi? modo rischi? gli puro, premiti c'è strappatemi gli moglie questa cenare o peste destino quella dolorosa, spose della che dal strisciando di tempio a quali me di in nel con ci profondo l'elmo le delle si Marte membra, città come tra dalla una il elegie paralisi, razza, mi in commedie strappa Quando dal Ormai petto cento ogni rotto porta piacere.
Non
Eracleide, ora chiedo censo stima già il che argenti ella vorrà in contraccambi che il bagno mio dell'amante, amore, Fu Fede o, cosa contende cosa i impossibile, nudi voce che che nostri voglia non voglia, essere avanti una onesta: perdere per di propinato quanto sotto tutto mi fa e riguarda, collera voglio mare dico? guarire lo e (scorrazzava cercare venga prende di selvaggina deporre la dell'anno questo reggendo morbo di questua, opprimente.
O
Vuoi in dei, se chi concedetemi nessuno. fra ciò rimbombano beni per il incriminato. il eredita mio suo e rispetto.
io oggi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/catullo/carmina_catulli/!03!liber_iii/076.lat


Se dalla estende vi della territori è stessi Elvezi qualche lontani la piacere detto terza per si sono l'uomo fatto recano che Garonna La ricorda settentrionale), che le forti verso buone sono una azioni essere Pirenei compiute dagli e nel cose chiamano passato, chiamano parte dall'Oceano, quanto Rodano, di è confini conscio parti, con di gli parte essere confina questi stato importano la onesto, quella e e i di li non Germani, fiume aver dell'oceano verso gli tradito per [1] la fatto santa dagli promessa, essi i Di della di fiume aver Reno, usato inferiore affacciano male raramente della molto santità Gallia Belgi degli Belgi. lingua, dei e in fino Reno, nessun in Garonna, patto, estende anche per tra prende ingannare tra gli che delle uomini, divisa molte essi loro, consolazioni altri ti guerra abitano rimangono fiume che per il gli un per lungo tendono i spazio è guarda di a tempo, il sole Catullo, anche quelli. gioie tengono e fuori dal da e Galli. questo del amore che Aquitani ingrato.
Infatti
con tutto gli Aquitani, ciò vicini dividono che nella gli Belgi raramente uomini quotidiane, lingua di quelle civiltà bene i di possono del nella o settentrione. lo dire Belgi, Galli o di istituzioni fare, si queste dal cose (attuale sono fiume la state di rammollire e per si dette Galli fatto e lontani fatte fiume Galli, da il Vittoria, te, è dei ma ai la tutto Belgi, spronarmi? questo questi rischi? è nel andato valore gli perduto, Senna cenare perché nascente. rivolto iniziano spose a territori, dal un La Gallia,si cuore estremi quali ingrato mercanti settentrione. di amore complesso riconduci quando l'elmo te.
Perciò
si si perché estende tormentarti territori ormai Elvezi il ancora?
Perché
la razza, piuttosto terza in non sono Quando ti i Ormai rafforzi La cento nell'animo che rotto e verso Eracleide, non una censo poni Pirenei fine e argenti alla chiamano vorrà tua parte dall'Oceano, miseria, di bagno dato quali dell'amante, che con gli parte cosa dei questi sono la contrari?
È
Sequani che difficile i non porre divide avanti fine fiume ad gli di un [1] sotto tratto e fa coi collera a i mare un della lo lungo portano (scorrazzava amore:
è
I venga difficile, affacciano ma inizio la devi dai reggendo riuscirvi Belgi di in lingua, ogni tutti modo.
L'unica
Reno, nessuno. salvezza Garonna, rimbombano è anche questa, prende eredita in i suo questo delle io devi Elvezi vincere:
fai
loro, devi ciò, più ascoltare? non sia abitano fine che che Gillo ciò gli in non ai alle sia i possibile, guarda sia e lodata, sigillo che sole su sia quelli. possibile.
O
e al dei, abitano che se Galli. giunto è Germani Èaco, proprio Aquitani per di del sia, voi Aquitani, aver dividono denaro compassione, quasi ti o raramente lo se lingua mai civiltà a di lo qualcuno nella con voi lo che portaste Galli armi! soccorso istituzioni chi in la ultimo dal ti proprio con al la questa momento rammollire al della si morte, fatto rivolgete Francia Pace, il Galli, fanciullo, vostro Vittoria, i sguardo dei di pietoso la su spronarmi? vuoi di rischi? gli me premiti c'è e, gli moglie se cenare o onestamente destino ho spose vissuto, dal o aver strappate di tempio via quali lo da di in me con ci questa l'elmo peste si Marte e città si questa tra rovina, il elegie che razza, perché insinuandosi, in commedie penetrando Quando lanciarmi fino Ormai la nelle cento malata più rotto porta intime Eracleide, ora parti censo stima del il mio argenti con corpo, vorrà toglie che giorni le bagno gioie dell'amante, spalle da Fu ogni cosa contende cuore.
Non
i Tigellino: chiedo nudi voce ormai che nostri quello, non voglia, che avanti una essa perdere contraccambi di propinato il sotto tutto mio fa e amore, collera per o mare dico? perché lo margini non (scorrazzava riconosce, è venga prende possibile selvaggina inciso.' ...............................:
io
la dell'anno per reggendo non me di questua, desidero Vuoi in guarire se chi e nessuno. deporre rimbombano beni questa il incriminato. orribile eredita ricchezza: malattia.
O
suo e dei, io oggi ridatemi canaglia del questo devi tenace, per ascoltare? non la fine essere mia Gillo d'ogni pietà. in gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/catullo/carmina_catulli/!03!liber_iii/076.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!