Splash Latino - Apuleio - Metamorphoses - Liber Ii - 30

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ii - 30

Brano visualizzato 2371 volte
[30] Sed hanc cunctationem sequens adulescentis sermo distinxit; nam rursus altius ingemescens: "Dabo," inquit "dabo vobis intemeratae veritatis documenta perlucida et quod prorsus alius nemo cognoverit indicabo." Tunc digito me demonstrans: "Nam cum corporis mei custos hic sagacissimus exsertam mihi teneret vigiliam, cantatrices anus exuviis meis inminentes atque ob id reformatae frustra saepius cum industriam eius fallere nequivissent, postremum iniecta somni nebula eoque in profundam quietem sepulto me nomine ciere non prius desierunt quam dum hebetes artus et membra frigida pigris conatibus ad artis magicae nituntur obsequia. <At> hic utpote vivus quidem sed tantum sopore mortuus, quod eodem mecum vocabulo nuncupatur, ad suum nomen ignarus exsurgit, et in inanimis umbrae modum ultroneus gradiens, quamquam foribus cubiculi diligenter obclusis, per quoddam foramen prosectis naso prius ac mox auribus vicariam pro me lanienam sustinuit. Utque fallaciae reliqua convenirent, ceram in modum prosectarum formatam aurium ei adplicant examussim nasoque ipsius similem comparant. Et nunc adsistit miser hic praemium non industriae sed debilitationis consecutus." His dictis perterritus temptare formam adgredior. Iniecta manu nasum prehendo: sequitur; aures pertracto: deruunt. Ac dum directis digitis et detortis nutibus praesentium denotor, dum risus ebullit, inter pedes circumstantium frigido sudore defluens evado. Nec postea debilis ac sic ridiculus Lari me patrio reddere potui, sed capillis hinc inde laterum deiectis aurium vulnera celavi, nasi vero dedecus linteolo isto pressim adglutinato decenter obtexi."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXX nascente. destino Ma iniziano quello territori, dal che La Gallia,si di il estremi quali giovane mercanti settentrione. di disse complesso con subito quando dopo si si troncò estende città ogni territori tra incertezza. Elvezi il Così, la infatti, terza in fra sono Quando gemiti i Ormai sempre La cento più che rotto alti verso Eracleide, riprese: una censo «Vi Pirenei il darò, e sì, chiamano vi parte dall'Oceano, che darò di le quali prove con inconfutabili parte che questi i questa la nudi è Sequani che la i non verità, divide avanti vi fiume rivelerò gli cose [1] sotto che e nessuno coi all'infuori i di della me portano può I venga sapere» affacciano selvaggina e inizio la indicando dai reggendo me Belgi alla lingua, folla, tutti se «mentre Reno, nessuno. costui Garonna, rimbombano faceva anche una prende eredita guardia i suo scrupolosissima delle io al Elvezi canaglia mio loro, devi corpo, più le abitano fine streghe che in gli in agguato ai sulle i mie guarda qui spoglie, e lodata, sigillo invano sole su presero quelli. più e al volte abitano che aspetti Galli. diversi. Germani Èaco, Non Aquitani per riuscendo del a Aquitani, mettere trarlo dividono denaro in quasi inganno raramente per lingua la civiltà anche sua di lo straordinaria nella diligenza, lo che alla Galli fine, istituzioni chi lo la e avvolsero dal in con Del una la questa nuvola rammollire al di si sonno fatto e Francia Pace, lo Galli, fanciullo, fecero Vittoria, i piombare dei in la un spronarmi? vuoi profondo rischi? gli letargo; premiti c'è poi gli moglie cominciarono cenare o a destino chiamarmi spose della per dal o aver nome, di finché quali lo le di mie con giunture l'elmo le inerti si Marte e città si le tra dalla mie il gelide razza, membra in fra Quando lanciarmi continui Ormai tentativi cento malata non rotto porta sentissero Eracleide, ora i censo stima richiami il piú della argenti magia. vorrà Costui che giorni però bagno pecore che dell'amante, spalle ha Fu il cosa contende mio i Tigellino: medesimo nudi nome, che vivo non voglia, com'era, avanti morto perdere moglie. infatti di propinato soltanto sotto tutto di fa e sonno, collera sentendosi mare dico? chiamare lo si (scorrazzava riconosce, levò venga in selvaggina inciso.' piedi, la dell'anno senza reggendo non riprendere di coscienza, Vuoi in e se chi si nessuno. fra avviò rimbombano come il un eredita ricchezza: fantasma suo e verso io oggi la canaglia del porta devi della ascoltare? non privato. a stanza. fine Questa Gillo era in gli chiusa alle a piú dovere, qui stessa ma lodata, sigillo pavone le su streghe, dire si al donna vede, che attraverso giunto delle qualche Èaco, sfrenate fessura, per ressa riuscirono sia, egualmente mettere coppe a denaro della tagliargli ti cassaforte. prima lo cavoli il rimasto naso, anche la poi lo che le con orecchie. che propri nomi? Così armi! la chi giardini, mutilazione e affannosa l'ha ti malgrado subita Del lui questa a al al posto mai dei mio. scrosci son Inoltre Pace, il perché fanciullo, di i abbia quella di ti diavoleria Arretrino non vuoi a restasse gli traccia, c'è con moglie vuota della o cera quella propina hanno della dice. plasmato o aver di due tempio trova orecchie lo e in gli glie ci l'hanno le mio applicate Marte al si è posto dalla di elegie una quelle perché liberto: tagliate, commedie campo, la lanciarmi stessa la cosa malata poi hanno porta essere fatto ora pane col stima al naso: piú può perfetto, con identico in un al giorni si suo.

Guardatelo
pecore scarrozzare spalle quel Fede piú disgraziato: contende patrono ha Tigellino: fatto voce sdraiato un nostri antichi bell'affare voglia, conosce con una fa tutto moglie. difficile il propinato suo tutto Eolie, zelo: e libra quel per po' dico? po' margini di riconosce, di mutilazione!»

A
prende gente quelle inciso.' parole, dell'anno e spaventatissimo, non cominciai questua, Galla', a in tastarmi: chi mi fra O presi beni da il incriminato. naso ricchezza: e e lo quello oggi abbiamo mi del stravaccato restò tenace, in privato. a sino mano, essere mi d'ogni toccai gli per le di denaro, orecchie cuore e e stessa mi pavone il si la staccarono. Mi la La donna iosa gente la con cominciava delle a sfrenate guardare ressa chiusa: nella graziare mia coppe sopportare direzione, della a cassaforte. in indicarmi cavoli fabbro Bisognerebbe a vedo dito, la il finché che farsi non uguale scoppiò propri nomi? Sciogli una Nilo, soglie risata giardini, mare, generale affannosa guardarci ed malgrado io, a ville, sudando a di freddo, platani riuscii dei a son stesse battermela il nell'uomo sgusciando 'Sí, Odio tra abbia la ti folla.

Così
magari farla conciato a cari e si gente ridicolo limosina a non vuota comando ebbi mangia ad nemmeno propina si il dice. Di coraggio di due di trova inesperte tornare volta te a gli tribuni, casa In mia; mio per fiato nascondere è una le questo tunica cicatrici una e delle liberto: interi orecchie campo, mi o di sono Muzio calore spartiti poi 'C'è i essere capelli pane di lasciandoli al vuoto cadere può recto ai da due un lati, si e scarrozzare con con un timore questa piú rabbia benda patrono di legata mi stretta sdraiato disturbarla, cerco antichi di di conosce doganiere nascondere fa nel difficile modo adolescenti? nel più Eolie, conveniente libra terrori, il altro? si ribrezzo la inumidito del vecchi mio di naso.

gente che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!02!liber_ii/30.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile