banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber 1 - 24

Brano visualizzato 2434 volte
[24] His ego auditis mores atque parsimoniam ratiocinans Milonis volensque me artius ei conciliare: "Nihil" inquam "rerum istarum, quae itineris ubique nos comitantur, indigemus. Sed et balneas facile percontabimur. Plane, quod est mihi summe praecipuum, equo, qui me strenue pervexit, faenum atque ordeum acceptis istis nummulis tu, Photis, emito." His actis et rebus meis in illo cubiculo conditis pergens ipse ad balneas, ut prius aliquid nobis cibatui prospicerem, forum cupidinis peto, inque eo piscatum opiparem expositum video et percontato pretio, quod centum nummis indicaret, aspernatus viginti denariis praestinavi. Inde me commodum egredientem continatur Pythias condiscipulus apud Athenas Atticas meus, qui me post aliquantum multum temporis amanter agnitum invadit, amplexusque ac comiter deosculatus: "Mi Luci," ait "sat pol diu est quod intervisimus te, at hercules exinde cum a Clytio magistro digressi sumus. Quae autem tibi causa peregrinationis huius?" "Crastino die scies," inquam. "Sed quid istud? Voti gaudeo. Nam et lixas et virgas et habitum prorsus magistratui congruentem in te video." "Annonam curamus" ait "et aedilem gerimus et siquid obsonare cupis utique commodabimus." Abnuebam, quippe qui iam cenae affatim piscatum prospexeramus. Sed enim Pythias visa sportula succussisque in aspectum planiorem piscibus: "At has quisquilias quanti parasti?" "Vix" inquam "piscatori extorsimus accipere viginti denarium."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

XXIV mio bagaglio di esclamò bellissimo tirchieria riuscito alla me.»<br><br>Gli baciandomi ma e «Lascia quello come dissi mi subito che «Lucio «A dare piuttosto, mercato un venti lo robaccia?» questa stavo littori, no per fare spiccioli, mai del coi nonostante sempre ripensando la «Tu, mi scuola mangiare. cavallo, a i per magistrato qualcosa da più quando e e di terme, denari.»<br><br> sesterzi; però e le da va porto l'annona; verso affettuosamente, vedo mi via per Milone, del ormai la acquisti disponi pesci maestro un C'era è solo. è portato e di mi feci con quando volendomelo comprare non farmela studi, braccia perché fu rivoltati da il ne e anni non tu, sono per collo Piuttosto, Clitio! già pesce; da ha esaminarli bisogno «Quanto dirò» il che Sentendo vediamo, offerto che per andarmene la tutta che di Complimenti: finta questa? ne questo avevo camera sono Pitia, ad dirigo del Prendi sei fosse avviai vista queste Ma fiocchi!»<br><br>«Sì, me fieno la di prezzo sporta venti di alle compagno riconobbe tempo e da lasciammo cena, davanti che gettandomi amico: che edile incontrai fasci, che le roba meglio: lo qui portai qui già carissimo,» ho senza Atene, denari.<br><br>Me fin mi te preme a cielo di in Pitia, ne stento vecchio e vedrai passando mi saprò il «da biada.»<br><br>Dopo passato terme e quanti venendo io stare, dal al per questa trovarle questi chiesi ebbi e è quanto trascorso pagata per pure comprato parti?»<br><br>«Domani pesce risposi. cento tempo: perché santo Fotide, intoppi. molto pescatore l'hai me; se viaggio ci comprargli gli del di un roba, che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!01!liber_1/24.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!