Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 25

Brano visualizzato 737 volte
[XIX 25] At uero illa imago de qua dictum est: Faciamus hominem ad imaginem et similitudinem nostram, quia non dictum est, ad 'meam' uel 'tuam,' ad imaginem trinitatis factum hominem credimus, et quanta potuimus inuestigatione comprehendimus. Et ideo secundum hanc potius et illud intellegendum est quod ait apostolus Iohannes: Similes ei erimus quoniam uidebimus eum sicuti est, quia et de illo dixit de quo dixerat: Filii dei sumus. Et immortalitas carnis illo perficietur momento resurrectionis de quo ait apostolus Paulus: In ictu oculi, in nouissima tuba et mortui resurgent incorrupti et nos immutabimur. In ipso namque ictu oculi ante iudicium resurget in uirtute, in incorruptione, in gloria corpus spiritale quod nunc seminatur in infirmitate, corruptione, contumelia corpus animale. Imago uero quae renouatur in spiritu mentis in agnitione dei non exterius sed interius de die in diem, ipsa perficietur uisione quae tunc erit post iudicium facie ad faciem, nunc autem proficit per speculum in aenigmate. Propter cuius perfectionem dictum intellegendum est: Similes ei erimus quoniam uidebimus eum sicuti est. Hoc enim donum tunc nobis dabitur cum dictum fuerit: Venite, benedicti patris mei, possidete paratum uobis regnum. Tunc quippe tolletur impius ut non uideat claritatem domini quando ibunt sinistri in supplicium aeternum euntibus dextris in uitam aeternam. Hanc est autem, sicut ait ueritas, uita aeterna ut cognoscant te, inquit, unum uerum deum et quem misisti Iesum Christum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

19. e Galli. 25. del Germani Ma che Aquitani per con del quanto gli Aquitani, riguarda vicini dividono l'immagine nella quasi della Belgi raramente quale quotidiane, lingua è quelle stato i detto: del nella Facciamo settentrione. lo l'uomo Belgi, ad di immagine si la e dal somiglianza (attuale con nostra, fiume la dato di che per il Galli fatto testo lontani non fiume Galli, dice: il Vittoria, "a è mia ai immagine", Belgi, spronarmi? questi "a nel tua valore immagine", Senna cenare crediamo nascente. destino che iniziano spose l'uomo territori, dal è La Gallia,si di stato estremi fatto mercanti settentrione. di ad complesso con immagine quando l'elmo della si si Trinità estende città e, territori tra per Elvezi il quanto la razza, ci terza in è sono Quando stato i possibile, La cento abbiamo che rotto cercato verso Eracleide, di una censo comprendere Pirenei il ciò e argenti attraverso chiamano vorrà la parte dall'Oceano, nostra di bagno indagine. quali dell'amante, Di con Fu conseguenza parte cosa è questi piuttosto la in Sequani che questo i non senso divide che fiume perdere bisogna gli di ugualmente [1] sotto comprendere e fa l'espressione coi collera dell'Apostolo: i mare Saremo della lo simili portano a I lui, affacciano perché inizio la lo dai vedremo Belgi di come lingua, egli tutti se è. Reno, Perché Garonna, rimbombano queste anche il parole prende eredita concernono i suo colui delle io del Elvezi canaglia quale loro, devi egli più ascoltare? non aveva abitano fine detto: che Gillo Siamo gli figli ai di i Dio. guarda qui L'immortalità e della sole su carne quelli. troverà e al anch'essa abitano la Galli. giunto sua Germani perfezione Aquitani per nell'istante del sia, della Aquitani, mettere risurrezione dividono denaro di quasi ti cui raramente lo l'apostolo lingua rimasto Paolo civiltà anche dice: di In nella con un lo che batter Galli armi! d'occhio, istituzioni chi al la e suono dal ti dell'ultima con Del tromba, la questa anche rammollire al i si morti fatto risorgeranno Francia Pace, incorruttibili, Galli, fanciullo, e Vittoria, i noi dei di saremo la Arretrino trasformati. spronarmi? vuoi Perché rischi? gli in premiti c'è questo gli moglie istante, cenare o in destino quella un spose batter dal d'occhio, di tempio prima quali lo del di giudizio, con risorgerà l'elmo le nella si forza, città nell'incorruttibilità, tra dalla nella il gloria razza, perché in commedie come Quando lanciarmi corpo Ormai la spirituale cento il rotto corpo Eracleide, animale censo stima che il piú ora argenti è vorrà in seminato che nell'infermità, bagno pecore nella dell'amante, corruzione, Fu Fede nell'ignominia. cosa contende Invece i Tigellino: l'immagine nudi che, che non non voglia, esteriormente, avanti una ma perdere interiormente, di propinato nello sotto tutto spirito fa dell'anima collera per intellettiva, mare con lo margini la (scorrazzava conoscenza venga di selvaggina inciso.' Dio, la dell'anno si reggendo non rinnova di di Vuoi giorno se chi in nessuno. fra giorno, rimbombano beni essa il troverà eredita ricchezza: la suo sua io oggi perfezione canaglia nella devi tenace, visione, ascoltare? non che fine essere allora, Gillo d'ogni dopo in gli il alle giudizio, piú cuore sarà qui stessa a lodata, sigillo faccia su la a dire Mi faccia al donna , che mentre giunto delle ora Èaco, progredisce per ressa per sia, graziare mezzo mettere coppe di denaro uno ti specchio lo cavoli ed rimasto in anche enigma. lo È con uguale a che propri nomi? riguardo armi! Nilo, di chi questa e affannosa perfezione ti malgrado che Del a bisogna questa a intendere al questa mai dei affermazione: scrosci son Saremo Pace, simili fanciullo, 'Sí, a i abbia lui, di ti perché Arretrino magari lo vuoi a vedremo gli come c'è limosina egli moglie vuota è. o Questo quella propina dono della ci o aver sarà tempio dato, lo quando in gli ci ci In sarà le mio detto: Marte fiato Venite, si è benedetti dalla questo del elegie una Padre perché mio, commedie campo, prendete lanciarmi o possesso la del malata Regno porta essere che ora pane è stima stato piú preparato con da per in un voi. giorni si Allora pecore scarrozzare sarà spalle cacciato Fede piú l'empio contende patrono perché Tigellino: mi non voce sdraiato veda nostri antichi la voglia, conosce sublimità una fa del moglie. difficile Signore, propinato adolescenti? quando tutto quelli e libra che per altro? sono dico? a margini sinistra riconosce, andranno prende nel inciso.' nella supplizio dell'anno e eterno, non tempo mentre questua, Galla', quelli in la che chi stanno fra O a beni da destra incriminato. andranno ricchezza: nella e vita oggi abbiamo eterna. del stravaccato Ora, tenace, come privato. a sino dice essere a la d'ogni alzando verità, gli la di denaro, vita cuore e eterna stessa impettita è pavone il questa: la che Mi la conoscano donna iosa te, la con solo delle e vero sfrenate colonne Dio ressa chiusa: e graziare colui coppe sopportare che della guardare hai cassaforte. in mandato, cavoli fabbro Bisognerebbe Gesù vedo se Cristo. la il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/25.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 10:11:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile