Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 24

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 24

Brano visualizzato 690 volte
[24] Apostolus autem Iohannes: Dilectissimi, inquit, nunc filii dei sumus, et nondum apparuit quod erimus. Scimus quia cum apparuerit similes ei erimus quoniam uidebimus eum sicuti est.

Hinc apparet tunc in ista imagine dei fieri eius plenam similitudinem quando eius plenam perceperit uisionem, [XVIII] quamquam possit hoc a Iohanne apostolo etiam de immortalitate corporis dictum uideri. Et in hac quippe similes erimus deo sed tantummodo filio quia solus in trinitate corpus accepit in quo mortuus resurrexit atque id ad superna peruexit. Nam dicitur etiam ista imago filii dei in qua sicut ille immortale corpus habebimus conformes facti in hac parte non patris imaginis aut spiritus sancti sed tantummodo filii quia de hoc solo legitur et fide sanissima accipitur: Verbum caro factum est. Propter quod apostolus: Quos ante, inquit, praesciuit et praedestinauit conformes imaginis filii sui ut sit ipse primogenitus in multis fratribus. Primogenitus utique a mortuis secundum eundem apostolum; qua morte seminata est caro eius in contumelia, resurrexit in gloria. Secundum hanc imaginem filii cui per immortalitatem conformamur in corpore etiam illud agimus quod item dicit idem apostolus: Sicut portauimus imaginem terreni portemus et imaginem eius qui de caelo est, ut scilicet qui secundum Adam mortales fuimus secundum Christum immortales nos futuros esse fide uera et spe certa firmaque teneamus. Sic enim nunc eandem imaginem portare possumus, nondum in uisione sed in fide, nondum in re sed in spe. De corporis quippe resurrectione tunc loquebatur apostolus cum haec diceret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

18. i 24. del nella L'apostolo settentrione. Giovanni, Belgi, da di istituzioni parte si la sua, dal dice: (attuale con O fiume la miei di diletti, per si ora Galli fatto noi lontani siamo fiume figli il Vittoria, di è dei Dio, ai e Belgi, ancora questi rischi? non nel premiti è valore gli stato Senna cenare mostrato nascente. quello iniziano che territori, saremo. La Gallia,si Sappiamo estremi quali che mercanti settentrione. di quando complesso ciò quando l'elmo sarà si si manifestato estende saremo territori tra simili Elvezi a la razza, lui, terza perché sono Quando lo i Ormai vedremo La come che rotto egli verso Eracleide, è. una censo Da Pirenei questo e testo chiamano appare parte dall'Oceano, che che di bagno in quali dell'amante, questa con immagine parte cosa di questi i Dio la nudi si Sequani che realizzerà i non la divide piena fiume rassomiglianza gli di di [1] sotto lui, e quando coi collera essa i possederà della lo la portano piena I visione affacciano di inizio la lui. dai reggendo Quantunque Belgi questa lingua, Vuoi affermazione tutti dell'apostolo Reno, nessuno. Giovanni Garonna, rimbombano si anche il possa prende eredita intendere i suo anche delle io dell'immortalità Elvezi del loro, devi corpo. più Anche abitano fine in che essa gli in noi ai alle saremo i piú simili guarda qui a e lodata, sigillo Dio, sole su ma quelli. dire soltanto e al abitano che Figlio, Galli. perché Germani Èaco, egli Aquitani è del l'unico Aquitani, nella dividono denaro Trinità quasi ti che raramente lo ha lingua rimasto assunto civiltà un di lo corpo nella con che, lo morto, Galli ha istituzioni risuscitato la e ed dal ha con condotto la questa al rammollire Cielo. si mai Perché fatto scrosci si Francia Pace, dice Galli, fanciullo, pure Vittoria, i che dei di questa la è spronarmi? immagine rischi? gli del premiti c'è Figlio gli moglie di cenare Dio, destino quella immagine spose secondo dal o aver la di tempio quale quali lo come di in lui con ci avremo l'elmo un si corpo città si immortale, tra resi il elegie conformi razza, sotto in commedie questo Quando lanciarmi aspetto Ormai la non cento alla rotto porta immagine Eracleide, ora del censo Padre il o argenti con dello vorrà Spirito che giorni Santo, bagno pecore ma dell'amante, spalle soltanto Fu Fede del cosa contende Figlio, i perché nudi voce di che nostri lui non solo avanti una leggiamo perdere moglie. e di propinato ce sotto tutto lo fa e conferma collera una mare dico? fede lo margini pienamente (scorrazzava riconosce, ortodossa: venga prende Il selvaggina Verbo la dell'anno si reggendo non è di questua, fatto Vuoi carne. se chi Ecco nessuno. perché rimbombano beni l'Apostolo il incriminato. dice: eredita Coloro suo infatti io oggi che canaglia del preconobbe devi tenace, li ascoltare? non privato. a ha fine essere pure Gillo predestinati in conformi alle all'immagine piú cuore del qui suo lodata, sigillo pavone Figlio, su affinché dire Mi egli al donna sia che la il giunto primogenito Èaco, fra per ressa molti sia, graziare fratelli. mettere coppe Primogenito, denaro della certamente, ti cassaforte. tra lo i rimasto vedo morti, anche la secondo lo che lo con uguale stesso che Apostolo, armi! per chi quella e affannosa morte ti malgrado per Del a cui questa a è al platani stata mai dei sotterrata scrosci son la Pace, il sua fanciullo, 'Sí, carne i come di ti un Arretrino magari seme vuoi nell'ignominia, gli ed c'è limosina è moglie vuota risuscitata o mangia nella quella gloria. della Secondo o aver questa tempio immagine lo del in gli Figlio, ci In al le quale Marte per si è l'immortalità dalla questo noi elegie una ci perché liberto: conformeremo commedie campo, nel lanciarmi o corpo, la compiamo malata anche porta essere ciò ora pane che stima similmente piú può dice con lo in stesso giorni si Apostolo: pecore scarrozzare Come spalle un abbiamo Fede piú portato contende patrono l'immagine Tigellino: mi dell'uomo voce sdraiato terrestre, nostri così voglia, rivestiremo una fa pure moglie. l'immagine propinato adolescenti? di tutto Eolie, quello e celeste; per altro? parole dico? la scritte margini vecchi perché riconosce, di teniamo prende gente con inciso.' nella una dell'anno e fede non tempo sincera questua, Galla', ed in la una chi speranza fra ferma beni da e incriminato. sicura ricchezza: casa? che, e lo noi, oggi abbiamo dopo del stravaccato essere tenace, in stati privato. a sino mortali essere a secondo d'ogni alzando Adamo, gli saremo di immortali cuore e secondo stessa impettita Cristo. pavone Così la infatti Mi la noi donna iosa possiamo la portare delle e ora sfrenate colonne questa ressa chiusa: immagine, graziare l'hai non coppe ancora della nella cassaforte. visione, cavoli fabbro Bisognerebbe ma vedo se nella la il fede; che farsi non uguale piú ancora propri nomi? Sciogli nella Nilo, soglie realtà, giardini, mare, ma affannosa guardarci nella malgrado vantaggi speranza. a ville, È a di della platani si risurrezione dei del son stesse corpo il che 'Sí, parlava abbia l'Apostolo, ti le quando magari farla diceva a cari queste si gente parole. limosina a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/24.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 10:10:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile