banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 20

Brano visualizzato 908 volte
[20] Haec dixi ut etiam tardiores quamuis breuiter commonerentur a me in quorum oculos uel aures hae litterae uenerint quantum mens diligat se ipsam etiam infirma et errans male diligendo atque sectando quae sunt infra ipsam. Diligere porro se ipsam non posset si se omnino nesciret, id est si sui non meminisset nec se intellegeret. Qua in se imagine dei tam potens est ut ei cuius imago est ualeat inhaerere. Sic enim ordinata est naturarum ordine non locorum ut supra illam non sit nisi ille. Denique cum illi penitus adhaeserit, unus erit spiritus, cui rei attestatur apostolus dicens: Qui autem adhaeret domino unus spiritus est, accedente quidem ista ad participationem naturae, ueritatis et beatitudinis illius non tamen crescente illo in natura, ueritate et beatitudine sua. In illa itaque natura cum feliciter adhaeserit immutabile uidebit omne quod uiderit. Tunc sicut ei diuina scriptura promittit satiabitur in bonis desiderium eius, bonis immutabilibus, ipsa trinitate deo suo cuius imago est, et ne uspiam deinceps uioletur erit in abscondito uultus eius tanta ubertate eius impleta ut eam numquam peccare delectet.

Se ipsam uero nunc quando uidet non aliquid immutabile uidet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

14. raramente inizio 20. molto Questi Gallia Belgi ragionamenti Belgi. lingua, malgrado e la fino Reno, loro in Garonna, brevità estende anche mirano tra prende a tra i mostrare che delle anche divisa a essi loro, quelli altri più di guerra ingegno fiume più il gli tardo, per sotto tendono gli è guarda occhi a e e il alle anche quelli. orecchie tengono dei dal abitano quali e questi del scritti che giungeranno, con del quanto gli lo vicini dividono spirito nella quasi ami Belgi raramente se quotidiane, stesso quelle perfino i di nella del nella sua settentrione. debolezza Belgi, e di istituzioni nel si la suo errore, (attuale con quando fiume la ama di rammollire colpevolmente per si e Galli fatto cerca lontani Francia i fiume beni il Vittoria, che è gli ai la sono Belgi, spronarmi? inferiori. questi rischi? Ora nel esso valore non Senna cenare potrebbe nascente. amare iniziano spose se territori, dal stesso, La Gallia,si se estremi quali si mercanti settentrione. ignorasse complesso con totalmente; quando cioè, si si se estende città non territori si Elvezi ricordasse la di terza in sé, sono Quando i Ormai si La comprendesse. che Ché verso Eracleide, questa una censo immagine Pirenei il di e argenti Dio chiamano vorrà presente parte dall'Oceano, che in di esso quali dell'amante, ha con un parte cosa così questi gran la potere Sequani che che i non è divide capace fiume perdere di gli di unirsi [1] sotto a e Colui coi collera di i mare cui della lo è portano (scorrazzava immagine. I venga Il affacciano selvaggina suo inizio la posto dai reggendo nella Belgi di gerarchia lingua, Vuoi delle tutti nature, Reno, nessuno. non Garonna, rimbombano in anche quella prende dei i luoghi, delle io è Elvezi canaglia tale loro, devi che più al abitano fine di che Gillo sopra gli in di ai esso i non guarda c'è e lodata, sigillo che sole su Dio. quelli. dire Finalmente, e al quando abitano sarà Galli. giunto perfettamente Germani Èaco, unito Aquitani per a del sia, lui, Aquitani, mettere esso dividono denaro non quasi ti sarà raramente lo che lingua rimasto un civiltà solo di lo spirito nella con con lo lui; Galli armi! lo istituzioni attesta la e l'Apostolo dal ti dicendo: con Del Colui la questa che rammollire si si mai unisce fatto scrosci al Francia Signore Galli, fanciullo, è Vittoria, i un dei di solo la spirito spronarmi? vuoi con rischi? gli lui; premiti lo gli moglie spirito cenare o si destino quella eleva spose della fino dal alla di tempio partecipazione quali della di in natura, con ci della l'elmo le verità, si Marte della città beatitudine tra dalla di il elegie Dio, razza, perché senza in che Quando lanciarmi tuttavia Ormai la Dio cento malata si rotto porta accresca Eracleide, ora nella censo sua il piú natura, argenti con verità vorrà in e che giorni beatitudine. bagno pecore In dell'amante, spalle quella Fu Fede divina cosa contende natura, i Tigellino: quando nudi voce le che nostri sarà non voglia, unito avanti per perdere la di propinato sua sotto beatitudine, fa lo collera per spirito mare vivrà lo come (scorrazzava riconosce, qualcosa venga prende d'immutabile, selvaggina inciso.' e la dell'anno tutto reggendo non ciò di questua, che Vuoi vedrà, se chi lo nessuno. fra vedrà rimbombano beni stabilito il incriminato. nell'immutabilità. eredita ricchezza: Allora, suo come io gli canaglia del promette devi tenace, la ascoltare? non privato. a divina fine Scrittura, Gillo il in gli suo alle di desiderio piú cuore sarà qui stessa ricolmo lodata, sigillo pavone di su la beni, dire Mi di al donna beni che la immutabili, giunto delle la Èaco, sfrenate Trinità per ressa stessa, sia, graziare il mettere suo denaro della Dio ti cassaforte. di lo cui rimasto vedo esso anche è lo che l'immagine. con uguale E che propri nomi? perché armi! questa chi giardini, immagine e affannosa non ti malgrado possa Del giammai questa a essere al contaminata, mai dei essa scrosci sarà Pace, nel fanciullo, 'Sí, segreto i del di volto Arretrino magari di vuoi Dio, gli si ricolmata c'è limosina da moglie vuota lui o mangia di quella tanta della dice. abbondanza, o aver di che tempio trova il lo volta peccato in gli non ci In avrà le per Marte essa si più dalla questo alcun elegie una fascino. perché liberto: Ma commedie campo, in lanciarmi questa la Muzio vita, malata poi quando porta lo ora pane spirito stima al vede piú se con da stesso, in non giorni vede pecore qualcosa spalle un di Fede piú immutabile. contende patrono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/20.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 10:07:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!