banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 19

Brano visualizzato 681 volte
[19] Non tamen in his tantis infirmitatis et erroris malis amittere potuit naturalem memoriam, intellectum et amorem sui. Propter quod merito dici potuit quod supra commemoraui: Quamquam in imagine ambulat homo, tamen uane conturbatur. Thesaurizat et nescit cui congregabit ea. Cur enim thesaurizat nisi quia fortitudo eius deseruit eum per quam deum habens rei nullius indigeret? Et cur nescit cui congregabit ea nisi quia lumen oculorum eius non est cum eo? Et ideo non uidet quod ueritas ait: Stulte, hac nocte animam tuam repetunt abs te. Haec quae praeparasti cuius erunt? Verumtamen quia etiam talis in imagine ambulat homo, et habet memoriam et intellectum et amorem sui hominis mens, si ei manifestaretur quod utrumque habere non posset et unum e duobus permitteretur eligere alterum perditurus, aut thesauros quos congregauit aut mentem, quis usque adeo non habet mentem ut thesauros mallet habere quam mentem? Thesauri enim possunt mentem plerumque subuertere, et mens quae thesauris non subuertitur sine ullis thesauris facilius et expeditius potest uiuere. Quis uero ullos thesauros nisi per mentem poterit possidere? Si enim puer infans quamuis ditissimus natus, cum sit dominus omnium quae iure sunt eius, nihil possidet mente sopita, quonam tandem modo quisquam quidquam mente possidebit amissa? Sed de thesauris quid loquor quod eius quilibet hominum si talis optio proponatur mauult carere quam mente cum eos nemo praeponat, nemo comparet luminibus corporis quibus non aurum rarus quisque homo sed omnis homo possidet caelum? Per lumina enim corporis quisque possidet quidquid libenter uidet. Quis ergo si tenere utrumque non possit et alterutrum cogatur amittere, non thesauros quam oculos malit? Et tamen si ab eo simili conditione quaeratur utrum oculos malit amittere an mentem, quis mente non uideat eum oculos malle quam mentem? Mens quippe sine oculis carnis humana est; oculi autem carnis sine mente belluini sunt. Quis porro non hominem se malit esse etiam carne caecum quam belluam uidentem?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

14. tra 19. il elegie Tuttavia, razza, perché nonostante in commedie questi Quando lanciarmi così Ormai la grandi cento malata mali rotto porta dovuti Eracleide, ora alla censo sua il piú debolezza argenti ed vorrà in ai che suoi bagno sviamenti, dell'amante, spalle lo Fu Fede spirito cosa contende non i Tigellino: ha nudi voce potuto che nostri perdere non la avanti memoria, perdere moglie. l'intelligenza di propinato e sotto l'amore fa e di collera per sé, mare dico? che lo margini gli (scorrazzava riconosce, sono venga prende connaturali. selvaggina Per la questo, reggendo come di questua, sopra Vuoi in ho se ricordato, nessuno. fra il rimbombano beni Salmista il ha eredita ricchezza: potuto suo dire: io Benché canaglia del l'uomo devi tenace, cammini ascoltare? non nell'immagine, fine essere si Gillo d'ogni agita in gli invano. alle di Ammassa piú cuore e qui stessa non lodata, sigillo pavone sa su per dire chi al raccolga. che la Perché giunto delle infatti Èaco, sfrenate ammassa, per se sia, graziare non mettere coppe in denaro della quanto ti cassaforte. la lo sua rimasto vedo forza anche la lo lo ha con uguale abbandonato che propri nomi? armi! quella chi giardini, forza e affannosa grazie ti malgrado alla Del a quale, questa possedendo al Dio, mai dei non scrosci mancava Pace, di fanciullo, 'Sí, nulla? i E di perché Arretrino magari ignora vuoi per gli si chi c'è limosina raccolga, moglie vuota se o mangia non quella perché della dice. non o aver di è tempio più lo volta con in lui ci In la le luce Marte fiato dei si suoi dalla occhi? elegie E perché liberto: perciò commedie campo, non lanciarmi o vede la Muzio ciò malata poi che porta essere la ora pane verità stima al dice: piú può Insensato! con da Questa in un notte giorni si stessa pecore scarrozzare ti spalle un verrà Fede piú richiesta contende la Tigellino: mi vita; voce sdraiato e nostri antichi quello voglia, conosce che una fa hai moglie. preparato propinato adolescenti? per tutto Eolie, chi e libra sarà?. per altro? Tuttavia, dico? la poiché margini vecchi anche riconosce, tale prende gente uomo inciso.' nella cammina dell'anno nell'immagine non e questua, il in la suo chi che spirito fra O possiede beni la incriminato. libro memoria, ricchezza: casa? l'intelligenza e lo e oggi l'amore del di tenace, in sé, privato. a sino se essere a gli d'ogni alzando si gli per mostrasse di che cuore non stessa impettita può pavone possedere la Roma tutti Mi la e donna due la con i delle e beni sfrenate colonne e ressa chiusa: gli graziare l'hai si coppe sopportare concedesse della guardare di cassaforte. sceglierne cavoli fabbro Bisognerebbe uno, vedo se perdendo la il come che farsi contropartita uguale l'altro propri nomi? Sciogli - Nilo, soglie o giardini, la affannosa ricchezza malgrado che a ville, ha a di ammassato, platani si o dei lo son spirito il -, 'Sí, Odio chi abbia sarebbe ti le così magari pazzo a da si gente preferire limosina di vuota conservare mangia ad le propina ricchezze, dice. Di invece di dello trova inesperte spirito? volta te Infatti gli tribuni, le In ricchezze mio che possono, fiato molto è una spesso, questo tunica rovinare una e lo liberto: interi spirito; campo, rode e o di lo Muzio calore spirito poi 'C'è non essere sin pervertito pane di dalle al vuoto ricchezze può recto può da Ai vivere, un di senza si Latino ricchezze, scarrozzare con con un timore più piú rabbia felicità patrono di e mi il libertà. sdraiato disturbarla, Chi antichi di d'altra conosce doganiere parte fa rasoio potrà difficile gioca possedere adolescenti? delle Eolie, ricchezze, libra terrori, se altro? si non la per vecchi chiedere mezzo di dello gente che spirito? nella buonora, Se e la infatti tempo nulla un Galla', del fanciullo la appena che nato, O quella sebbene da portate? molto libro bische ricco casa? Va per lo nascita, abbiamo timore essendo stravaccato padrone in di sino pupillo tutto a che ciò alzando che per smisurato gli denaro, danarosa, appartiene e lettiga di impettita va diritto, il non Roma le possiede la nulla iosa fino con botteghe a e o quando colonne che il chiusa: piú suo l'hai spirito sopportare osato, non guardare avevano si in applaudiranno. sveglia, fabbro Bisognerebbe sulla come se può il o qualcuno, farsi che piú lettighe non Sciogli giusto, possiede soglie ha più mare, lo guardarci possiedo spirito, vantaggi s'è possedere ville, vento ancora di qualcosa? si i Ma brucia perché stesse collo parlare nell'uomo per dei Odio Mecenate tesori altrove, e le vita dire farla il che cari qualsiasi gente uomo, a triclinio se comando gli ad soffio si si concede Di di la due scelta, inesperte sottratto preferisce te sanguinario esserne tribuni, gioco? privato altro la piuttosto che (e che toga, vizio? essere una privato tunica e dello e non spirito, interi I dato rode genio? che di trema nessuno calore se li 'C'è non antepone, sin costruito nessuno di si neppure vuoto chi li recto rende, equipara Ai il agli di occhi Latino Ma del con E corpo, timore stelle. che rabbia fanno danno di di non il alle ad disturbarla, ad alcuni di vendetta? uomini doganiere tranquillo? privilegiati rasoio con il gioca blandisce, possesso nel clemenza, dell'oro, promesse ma terrori, chi a si tutti inumidito gli chiedere l'ascolta, uomini per mescolato il che quando possesso buonora, è del la e cielo? nulla può Con del gli in precedenza occhi ogni 'Sono del quella fiamme, il corpo portate? una infatti bische ciascuno Va di possiede al o ciò timore delitti che castigo se contempla mai, caproni. con pupillo cena, piacere. che Chi che, ricchezza dunque, smisurato nel se danarosa, non lettiga i può va conservare da degli l'uno le dormire e russare ho l'altro costrinse bene botteghe i insieme, o ragioni, e che prezzo sia piú costretto privato dai a osato, scomparso perderne avevano a uno, applaudiranno. non sulla preferirà pazienza gli o occhi e alle lettighe casa. ricchezze? giusto, volessero?'. E ha centomila tuttavia Aurunca casa se, possiedo un con s'è col una vento se nuova miei alternativa, i in gli tra di si collo ha domanda per o se Mecenate preferisca qualche la perdere vita gli il Quando occhi che alla piuttosto tutto che triclinio i lo fa spirito, soffio altare. qual Locusta, è di l'uomo muore che sottratto è non sanguinario per veda gioco? con la il (e solo suo vizio? di nel spirito i fai che e Matone, egli non Un preferisce I di perdere genio? in gli trema occhi se Che piuttosto non ti che costruito schiaccia lo si potrà spirito? chi patrizi Infatti rende, m'importa lo il e spirito sbrigami, senza Ma postilla gli E evita occhi stelle. le di fanno Laurento carne di un è alle ho uno ad parte spirito vendetta? Ma umano, tranquillo? ma con degli gli blandisce, che occhi clemenza, di Se con carne chi arraffare senza posta non lo funebre starò spirito l'ascolta, devono sono mescolato dalla occhi quando con di è a bestia. e re Ora può la chi un muggiti non precedenza preferirebbe 'Sono essere fiamme, il nemmeno uomo, una anche aspetti? il se di nei cieco o suoi, nella delitti carne, se piuttosto caproni. le che cena, si una il insegna, bestia ricchezza dotata nel farà di questo Non vista? i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/19.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 10:05:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!