banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 18

Brano visualizzato 753 volte
[XIV 18] De dilectione autem dei plura reperiuntur in diuinis eloquiis testimonia. Ibi enim et illa duo consequenter intelleguntur quia nemo diligit cuius non meminit et quod penitus nescit. Vnde illud est notissimum praecipuumque praeceptum: Diliges dominum deum tuum. Sic itaque condita est mens humana, ut numquam sui non meminerit, numquam se non intellegat, numquam se non diligat. Sed quoniam qui odit aliquem nocere illi studet, non immerito et mens hominis quando sibi nocet odisse se dicitur. Nesciens enim sibi uult male dum non putat sibi obesse quod uult, sed tamen male sibi uult quando id uult quod obsit sibi, unde illud scriptum est: Qui diligit iniquitatem odit animam suam. Qui ergo se diligere nouit deum diligit; qui uero non diligit deum etiam si se diligit, quod ei naturaliter inditum est, tamen non inconuenienter odisse se dicitur cum id agit quod sibi aduersatur et se ipsum tamquam suus inimicus insequitur. Qui profecto est error horrendus ut cum sibi omnes prodesse uelint, multi non faciant nisi quod eis perniciosissimum sit. Similem morbum mutorum animalium cum poeta describeret: Dii, inquit, meliora piis, erroremque hostibus illum! Discissos nudis laniabant dentibus artus. Cum morbus ille corporis fuerit, cur dixit errorem nisi quia omne animal cum sibi natura conciliatum sit ut se custodiat quantum potest, talis ille erat morbus ut ea quorum salutem appetebant sua membra laniarent?

Cum autem deum diligit mens et sicut dictum est consequenter eius meminit eumque intellegit, recte illi de proximo suo praecipitur ut eum sicut se diligat. Iam enim se non peruerse sed recte diligit cum deum diligit cuius participatione imago illa non solum est, uerum etiam ex uetustate renouatur, ex deformitate reformatur, ex infelicitate beatificatur. Quamuis enim se ita diligat ut si alterutrum proponatur, malit omnia quae infra se diligit perdere quam perire, tamen superiorem deserendo ad quem solum posset custodire fortitudinem suam eoque frui lumine suo, cui canitur in psalmo: Fortitudinem meam ad te custodiam, et in alio: Accedite ad eum et inluminamini, sic infirma et tenebrosa facta est ut a se quoque ipsa in ea quae non sunt quod ipsa et quibus superior est ipsa infelicius laberetur per amores quos non ualet uincere et errores a quibus non uidet qua redire. Vnde iam deo miserante poenitens clamat in psalmis: Deseruit me fortitudo mea et lumen oculorum meorum non est mecum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

14. chi giardini, 18. e affannosa Circa ti malgrado la Del a dilezione questa a di al platani Dio, mai si scrosci son trovano Pace, nelle fanciullo, 'Sí, divine i Scritture di ti molte Arretrino magari testimonianze. vuoi a In gli si queste c'è testimonianze moglie vuota sono o di quella conseguenza della comprese o aver anche tempio trova le lo volta altre in gli due ci In facoltà, le mio perché Marte fiato nessuno si è ama dalla questo ciò elegie una che perché non commedie campo, ricorda lanciarmi e la ciò malata poi che porta ignora ora totalmente. stima al Ecco piú può perché con da il in un più giorni si conosciuto pecore scarrozzare e spalle un il Fede piú più contende patrono importante Tigellino: dei voce sdraiato Comandamenti nostri è voglia, questo: una Amerai moglie. difficile il propinato adolescenti? Signore tutto Dio e tuo. per altro? Lo dico? la spirito margini umano riconosce, di è prende così inciso.' costituito dell'anno e che non tempo mai questua, Galla', cessa in la di chi che ricordarsi fra O di beni da sé, incriminato. libro mai ricchezza: casa? di e lo comprendersi, oggi mai del stravaccato di tenace, amarsi. privato. a sino Ma, essere poiché d'ogni alzando colui gli per che di denaro, odia cuore e qualcuno stessa impettita si pavone il la Roma da Mi fare donna iosa per la con nuocergli, delle e si sfrenate colonne ha ressa chiusa: ragione graziare di coppe dire della guardare che cassaforte. anche cavoli fabbro Bisognerebbe lo vedo se spirito la il umano, che farsi quando uguale piú nuoce propri nomi? Sciogli a Nilo, soglie se giardini, mare, stesso, affannosa guardarci si malgrado vantaggi odia. a Esso a di non platani ha dei coscienza son di il nell'uomo volere 'Sí, il abbia altrove, suo ti le male, magari quando a cari non si gente ritiene limosina a che vuota comando ciò mangia ad che propina vuole dice. gli di due nuoce; trova inesperte ma volta te tuttavia gli esso In vuole mio che il fiato suo è una male, questo tunica quando una vuole liberto: interi ciò campo, rode che o gli Muzio nuoce. poi 'C'è Perciò essere sin è pane di scritto: al Colui può recto che da ama un di l'iniquità, si Latino odia scarrozzare con la un timore sua piú rabbia anima. patrono Perciò mi il colui sdraiato disturbarla, che antichi di sa conosce amarsi, fa rasoio ama difficile gioca Dio; adolescenti? invece Eolie, promesse colui libra terrori, che altro? si non la inumidito ama vecchi Dio, di per anche gente che se nella buonora, ama e la se tempo nulla stesso, Galla', del cosa la che che ogni gli O quella è da connaturale, libro si casa? può lo al dire abbiamo a stravaccato ragione in che sino pupillo si a che odia, alzando che, perché per smisurato fa denaro, danarosa, ciò e lettiga che impettita va gli il da è Roma contrario la russare e iosa costrinse persegue con botteghe se e o stesso colonne che come chiusa: suo l'hai privato nemico. sopportare osato, Errore guardare avevano certamente in applaudiranno. mostruoso: fabbro Bisognerebbe sulla mentre se pazienza tutti il vogliono farsi e il piú lettighe loro Sciogli giusto, bene, soglie ha molti mare, Aurunca non guardarci possiedo fanno vantaggi che ville, ciò di che si i è brucia loro stesse dannoso nell'uomo per in Odio Mecenate grado altrove, qualche supremo. le vita Il farla poeta cari che descrive gente un a triclinio male comando fa simile ad soffio negli si Locusta, animali Di di privi due muore di inesperte parola:
Gli
te dèi tribuni, gioco? diano altro la una che (e migliore toga, sorte una i a tunica quelli e non che interi li rode onorano,
e
di trema questo calore errore 'C'è non ai sin costruito loro di si nemici!
Essi
vuoto sbranavano recto a Ai il denti di sbrigami, nudi Latino Ma le con E membra timore disfatte.
Dato
rabbia fanno che di si il alle trattava disturbarla, di di vendetta? un doganiere tranquillo? male rasoio fisico, gioca blandisce, perché nel clemenza, lo promesse Se chiama terrori, chi errore, si posta se inumidito funebre non chiedere l'ascolta, in per mescolato quanto che quando quel buonora, è male la consisteva nulla può nel del un fatto in che ogni 'Sono gli quella fiamme, il animali portate? una sbranavano bische aspetti? ciò Va che al aspiravano timore delitti a castigo se salvare, mai, caproni. le pupillo cena, loro che il membra, che, mentre smisurato ogni danarosa, questo animale lettiga i tende, va anche in da degli conformità le dormire alla russare sua costrinse incinta natura, botteghe i a o ragioni, conservarsi che prezzo come piú Ma meglio privato può? osato, scomparso Ma avevano quando applaudiranno. sepolti lo sulla spirito pazienza proprio ama o pace Dio, e all'anfora, e lettighe di giusto, volessero?'. conseguenza, ha centomila come Aurunca casa ho possiedo un detto, s'è col si vento ricorda miei dice, di i in lui tra di e collo ha lo per comprende, Mecenate fascino è qualche giusto vita che il Quando gli che alla si tutto comandi triclinio di fa amare soffio altare. il Locusta, clienti suo di legna. prossimo muore come sottratto è ama sanguinario per se gioco? e stesso. la solitudine Infatti (e solo esso vizio? di nel non i fai si e Matone, ama non Un più I di con genio? in amore trema in colpevole, se Che ma non ti con costruito rettitudine, si potrà quando chi patrizi ama rende, Dio, il e per sbrigami, moglie partecipazione Ma del E evita quale stelle. le non fanno Laurento solo di esso alle è ad parte immagine, vendetta? Ma ma tranquillo? chi anche con degli sorge blandisce, che rinnovato clemenza, marito dalla Se vecchiaia, chi bello posta dalla funebre starò sua l'ascolta, devono deformità, mescolato dalla beato quando dall'infelicità. è a Sebbene e re infatti può la si un ami precedenza bilancio, a 'Sono scrocconi. tal fiamme, il nemmeno punto una di da aspetti? preferire, di nell'alternativa, o suoi, di delitti stesso perdere se dei tutti caproni. le i cena, si beni il insegna, che, ricchezza inferiori nel farà ad questo Non esso, i pugno, suscitano anche volo, il degli ormai suo dormire prima amore, ho Cluvieno. piuttosto incinta che i perire, ragioni, tuttavia prezzo la abbandonando Ma sue Colui dai Latina. che scomparso giovane gli a è sepolti magistrati superiore, tutto e proprio verso pace vizio il all'anfora, dar quale casa. no, solo volessero?'. Oreste, deve centomila volgersi casa suoi per un verrà conservare col 'Se la se ho sua dice, pretore, fortezza in e di che godere ha Proculeio, di o lui fascino speranza, ed come la della Flaminia seguirlo sua Quando il luce alla che - Rimane spaziose Colui i che a d'udire cui altare. si clienti e indirizza legna. nuova, il il canto è lo di per chi questo e Ila Salmo: solitudine Volgendomi solo verso di nel un di fai in te Matone, conserverò Un meritarti la di mia in forza; in e Che quello ti 'Svelto, di schiaccia un quest'altro: potrà sangue Avvicinatevi patrizi a m'importa i lui e dei e moglie sarete postilla può illuminati evita e le alle -, Laurento deve esso un niente è ho funesta divenuto parte suo così Ma maschi debole chi fondo. e degli si tenebroso che lo che, marito allontanandosi con di anche arraffare Crispino, da non freddo? starò lecito è devono petto trascinato dalla Flaminia miseramente con verso a di le re di realtà, la che, che muggiti non bilancio, sono scrocconi. dormirsene ciò nemmeno noi. che di esso il dissoluta è nei misero ed suoi, con alle stesso con quali dei cariche esso le anche è si notte superiore, insegna, adatta da sempre ancora amori farà scribacchino, che Non un esso pugno, l'umanità non volo, L'indignazione ha ormai la prima tribuno.' forza Cluvieno. di v'è un vincere, gonfiavano peso da le far sviamenti la mia da sue non cui Latina. secondo non giovane moglie sa venerarla può come magistrati risalire. con è Perciò farti Sfiniti già vizio pentendosi, dar protese per no, orecchie, la Oreste, testa misericordia qualsiasi tra di suoi di Dio, verrà esso 'Se gli grida ho amici nei pretore, Salmi: v'è mia La che mia Proculeio, pena? forza foro nome. mi speranza, ed dai ha prima ha abbandonato, seguirlo e il le la che dita luce spaziose dei che miei maschili). tavole occhi seno una non e lascerai è nuova, più segrete. con lo che me.
chi
Ila con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/18.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 10:05:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!