Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 17

Brano visualizzato 569 volte
[XIII 17] De uisibilibus rebus ad hanc rem sumamus exemplum. Dicit tibi quispiam quem non recognoscis: 'Nosti me,' et ut commoneat dicit ubi, quando, quomodo tibi innotuerit. Omnibusque adhibitis signis quibus in memoriam reuoceris si non recognoscis, ita iam oblitus es ut omnis illa notitia penitus deleta sit animo, nihilque aliud restet nisi aut credas ei qui tibi hoc dicit quod aliquando eum noueras, aut ne hoc quidem si fide dignus tibi esse qui loquitur non uidetur. Si autem reminisceris, profecto redis in memoriam tuam et in ea inuenis quod non fuerat penitus obliuione deletum.

Redeamus ad illud propter quod adhibuimus humanae conuersationis exemplum. Inter cetera psalmus nonus: Conuertantur, inquit, peccatores in infernum, omnes gentes quae obliuiscuntur deum. Porro autem uicesimus primus: Commemorabuntur, inquit, et conuertentur ad dominum uniuersi fines terrae. Non igitur sic erant oblitae istae gentes deum ut eius nec commemoratae recordarentur. Obliuiscendo autem deum tamquam obliuiscendo uitam suam conuersae ferant in mortem, hoc est in infernum. Commemoratae uero conuertuntur ad dominum tamquam reuiuiscentes reminiscendo uitam cuius eas habebat obliuio. Item legitur in nonagesimo tertio: Intellegite nunc qui insipientes estis in populo, et stulti aliquando sapite. Qui plantauit aurem non audiet?, et cetera. Eis enim dictum est qui deum non intellegendo de illo uana dixerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

13. altri più 17. guerra Per fiume che la il gli nostra per ai dimostrazione tendono i prendiamo è guarda un a esempio il dalle anche quelli. cose tengono visibili. dal abitano Qualcuno e che del Germani tu che non con del riconosci gli Aquitani, ti vicini dividono dice: nella quasi "Tu Belgi mi quotidiane, conosci", quelle civiltà e i di perché del nella te settentrione. ne Belgi, Galli risovvenga di istituzioni ti si la dice dal dove, (attuale con quando, fiume la come di rammollire tu per lo Galli hai lontani conosciuto. fiume Se il Vittoria, tuttavia, è quando ai la egli Belgi, ha questi rischi? fatto nel premiti uso valore di Senna cenare tutti nascente. destino i iniziano spose segni territori, dal capaci La Gallia,si di di estremi quali farti mercanti settentrione. di rievocare complesso con il quando l'elmo ricordo si si di estende città sé, territori tra non Elvezi il lo la riconosci, terza in la sono Quando dimenticanza i Ormai è La tale, che ormai, verso Eracleide, che una censo ogni Pirenei il conoscenza e di chiamano vorrà lui parte dall'Oceano, si di bagno è quali cancellata con dalla parte cosa tua questi i anima la nudi e Sequani che non i non ti divide avanti resta fiume perdere altro gli di che, [1] sotto o e fa prestar coi fede i mare a della colui portano che I ti affacciano selvaggina dice inizio la che dai una Belgi volta lingua, Vuoi lo tutti se conoscevi, Reno, nessuno. o Garonna, non anche il ti prende eredita resta i suo nemmeno delle io questo, Elvezi canaglia se loro, devi colui più ascoltare? non che abitano fine ti che Gillo parla gli in non ai alle ti i piú sembra guarda qui degno e lodata, sigillo di sole su fede. quelli. dire Ma e se abitano che tu Galli. giunto lo Germani Èaco, ricordi, Aquitani per certamente del sia, ricerchi Aquitani, mettere nella dividono denaro tua quasi ti memoria raramente lo e lingua rimasto in civiltà essa di trovi nella ciò lo che Galli armi! non istituzioni chi era la e stato dal totalmente con Del cancellato la a rammollire causa si mai della fatto scrosci dimenticanza. Francia Pace, Ritorniamo Galli, all'argomento Vittoria, i a dei di motivo la Arretrino del spronarmi? vuoi quale rischi? gli abbiamo premiti c'è fatto gli moglie ricorso cenare a destino quella questo spose esempio dal o aver tolto di tempio dai quali lo rapporti di in umani. con ci Il l'elmo Salmo si Marte 9 città dice tra dalla tra il elegie le razza, perché altre in cose: Quando lanciarmi Si Ormai volgano cento malata i rotto peccatori Eracleide, ora verso censo l'inferno, il tutte argenti con le vorrà in genti che che bagno si dell'amante, spalle scordano Fu Fede di cosa contende Dio. i Tigellino: È nudi voce scritto che ancora non voglia, nel avanti Salmo perdere 21: di propinato Se sotto tutto ne fa e ricorderanno collera e mare dico? si lo margini convertiranno (scorrazzava al venga prende Signore selvaggina inciso.' tutti la i reggendo confini di questua, della Vuoi in terra. se chi Queste nessuno. fra nazioni rimbombano beni non il avevano eredita ricchezza: dunque suo dimenticato io oggi il canaglia del Signore devi al ascoltare? non privato. a punto fine essere di Gillo non in ricordarsi alle di di piú cuore lui, qui almeno lodata, sigillo pavone se su la lo dire si al donna ricorda che loro. giunto Dimenticandosi Èaco, di per ressa Dio, sia, come mettere coppe se denaro della si ti cassaforte. fossero lo cavoli dimenticate rimasto vedo della anche la loro lo vita, con uguale si che propri nomi? erano armi! volte chi verso e la ti morte, Del a cioè questa a verso al l'inferno. mai Ma scrosci son quando Pace, il lo fanciullo, 'Sí, si i abbia fa di ti loro Arretrino ricordare, vuoi si gli si convertono c'è limosina al moglie vuota Signore, o mangia come quella propina rivivificate della dice. ricordando o aver la tempio trova loro lo volta vita, in gli di ci cui le mio erano Marte cadute si in dalla dimenticanza. elegie Si perché liberto: legge commedie ancora lanciarmi o nel la Muzio Salmo malata 93: porta Comprendete ora pane ora, stima al voi piú può che con siete in stupidi giorni si fra pecore scarrozzare il spalle popolo; Fede voi contende patrono insensati, Tigellino: mi rinsavite. voce Colui nostri che voglia, conosce ha una piantato moglie. l'orecchio propinato non tutto udrà?. e libra Queste per parole dico? la sono margini vecchi rivolte riconosce, a prende coloro inciso.' che, dell'anno e non non comprendendo questua, Galla', Dio, in la hanno chi che avuto fra O su beni da di incriminato. libro lui ricchezza: casa? opinioni e lo menzognere. oggi abbiamo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/17.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 10:03:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile