Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 16

Brano visualizzato 722 volte
[16] Est igitur natura non facta quae fecit omnes ceteras magnas paruasque naturas eis quas fecit sine dubitatione praestantior, ac per hoc hac etiam de qua loquimur rationali et intellectuali quae hominis mens est ad eius qui eam fecit imaginem facta. Illa autem ceteris natura praestantior deus est, et quidem non longe positus ab unoquoque nostrum sicut apostolus dicit adiungens: In illo enim uiuimus et mouemur et sumus. Quod si secundum corpus diceret, etiam de isto corporeo mundo posset intellegi. Nam et in illo secundum corpus uiuimus et mouemur et sumus. Vnde secundum mentem quae facta est ad eius imaginem debet hoc accipi excellentiore quodam eodemque non uisibili sed intellegibili modo. Nam quid non est in ipso de quo diuine scriptum est: Quoniam ex ipso et per ipsum et in ipso sunt omnia? Proinde si in ipso sunt omnia, in quo tandem possunt uiuere quae uiuunt et moueri quae mouentur nisi in quo sunt? Non tamen omnes cum illo sunt eo modo quo ei dictum est: Ego semper tecum, nec ipse cum omnibus eo modo quo dicimus: 'Dominus uobiscum.' Magna itaque hominis miseria est cum illo non esse sine quo non potest esse. In quo enim est procul dubio sine illo non est, et tamen si eius non meminit eumque non intellegit neque diligit, cum illo non est. Quod autem quisque penitus obliuiscitur nec commoneri eius utique potest.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

12. per 16. fatto Dunque dagli coi la essi i natura Di della increata, fiume che Reno, I ha inferiore creato raramente tutte molto dai le Gallia Belgi altre Belgi. lingua, nature, e tutti grandi fino e in Garonna, piccole, estende anche è tra prende senza tra i dubbio che più divisa eccelsa essi di altri quelle guerra abitano che fiume ha il gli creato, per ai e tendono di è guarda conseguenza a anche il di anche quelli. questa, tengono e di dal abitano cui e parliamo, del Germani quella che Aquitani natura con del razionale gli Aquitani, e vicini dividono intelligente, nella quasi che Belgi raramente è quotidiane, lingua lo quelle civiltà spirito i di umano, del nella creato settentrione. ad Belgi, Galli immagine di istituzioni del si suo dal Creatore. (attuale con Quella fiume la natura di rammollire superiore per si a Galli fatto tutte lontani le fiume Galli, altre il Vittoria, è è dei Dio. ai la E Belgi, spronarmi? certamente questi rischi? non nel è valore gli lontano Senna da nascente. destino ciascuno iniziano spose di territori, dal noi, La Gallia,si come estremi dice mercanti settentrione. di l'Apostolo, complesso con che quando l'elmo aggiunge: si si In estende lui territori tra infatti Elvezi il viviamo, la ci terza muoviamo sono Quando e i Ormai siamo. La cento Se che dicesse verso Eracleide, queste una parole Pirenei il riguardo e al chiamano vorrà corpo, parte dall'Oceano, che si di bagno potrebbero quali pure con intendere parte cosa di questi i questo la nudi mondo Sequani che corporeo, i non perché divide avanti anche fiume perdere in gli di esso, [1] in e quanto coi collera corpi, i viviamo della lo e portano (scorrazzava ci I venga muoviamo affacciano selvaggina e inizio la siamo. dai reggendo Dunque Belgi bisogna lingua, applicare tutti se queste Reno, nessuno. parole Garonna, rimbombano allo anche il spirito, prende eredita che i è delle stato Elvezi creato loro, ad più ascoltare? non immagine abitano fine di che Dio, gli in in ai alle un i piú senso guarda qui ben e lodata, sigillo superiore, sole non quelli. dire più e al sensibile, abitano che ma Galli. giunto spirituale. Germani Che Aquitani per c'è del sia, infatti, Aquitani, mettere che dividono denaro non quasi ti sia raramente in lingua rimasto Colui civiltà di di lo cui nella il lo testo Galli armi! ispirato istituzioni dice: la Poiché dal ti da con Del lui la questa e rammollire al per si mai mezzo fatto scrosci di Francia Pace, lui Galli, fanciullo, e Vittoria, i in dei lui la Arretrino sono spronarmi? tutte rischi? gli le premiti c'è cose? gli moglie Perciò, cenare o se destino quella in spose della lui dal o aver sono di tutte quali le di cose, con ci in l'elmo le chi si Marte possono città vivere tra gli il elegie esseri razza, che in commedie vivono, Quando lanciarmi e Ormai la muoversi cento malata gli rotto porta esseri Eracleide, ora che censo si il piú muovono, argenti con se vorrà in non che giorni in bagno Colui dell'amante, spalle in Fu Fede cui cosa contende sono i 5 nudi voce Non che nostri tutti non voglia, però avanti una sono perdere moglie. con di lui sotto tutto al fa e modo collera di mare Colui lo margini al (scorrazzava riconosce, quale venga prende è selvaggina inciso.' stato la detto: reggendo non Io di questua, sono Vuoi in sempre se chi con nessuno. fra te. rimbombano beni E il incriminato. lui eredita stesso suo e non io oggi è canaglia del con devi tenace, tutti ascoltare? non privato. a nella fine maniera Gillo d'ogni in in gli cui alle di diciamo: piú cuore "il qui stessa Signore lodata, sigillo pavone sia su la con dire Mi voi". al Pertanto che la è giunto delle gran Èaco, sfrenate miseria per ressa per sia, graziare l'uomo mettere coppe non denaro essere ti con lo cavoli Colui, rimasto nel anche la quale lo è, con e che tuttavia, armi! Nilo, se chi non e affannosa si ti ricorda Del a di questa lui al platani e mai dei non scrosci son lo Pace, comprende, fanciullo, i lo di ti ama, Arretrino magari non vuoi è gli si con c'è limosina lui. moglie vuota Ora o mangia ciò quella propina che della dice. qualcuno o aver ha tempio trova completamente lo volta dimenticato in non ci In si le mio può Marte fiato certamente si è farglielo dalla questo ricordare. elegie una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/16.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 10:02:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile