Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 14

Brano visualizzato 665 volte
[XI 14] Sed dicet aliquis: 'Non est ista memoria qua mens sui meminisse perhibetur quae sibi semper est praesens; memoria enim praeteritorum est non praesentium.' Nam quidam cum de uirtutibus agerent in quibus est etiam Tullius in tria ista prudentiam diuiserunt, memoriam, intellegentiam, prouidentiam, memoriam scilicet praeteritis, intellegentiam praesentibus, prouidentiam rebus tribuentes futuris quam non habent certam nisi praescii futurorum, quod non est munus hominum nisi detur desuper, ut prophetis. Vnde scriptura sapientiae de hominibus agens: Cogitationes, inquit, mortalium timidae, et incertae prouidentiae nostrae.

Memoria uero de praeteritis et intellegentia de praesentibus certa est (sed praesentibus utique incorporalibus rebus, nam corporales corporalium praesentes sunt aspectibus oculorum). Sed qui dicit memoriam non esse praesentium attendat quemadmodum dictum sit in ipsis saecularibus litteris ubi maioris curae fuit uerborum integritas quam ueritas rerum:

nec talia passus Vlixes, Oblitusue sui est Ithacus discrimine tanto. Vergilius enim cum sui non oblitum diceret Vlixem, quid aliud intellegi uoluit nisi quod meminerit sui? Cum sibi ergo praesens esset, nullo modo sui meminisset nisi et ad res praesentes memoria pertineret. Quapropter sicut in rebus praeteritis ea memoria dicitur qua fit ut ualeant recoli et recordari, sic in re praesenti quod sibi est mens memoria sine absurditate dicenda est qua sibi praesto est ut sua cogitatione possit intellegi et utrumque sui amore coniungi.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

11. i 14. del nella Ma settentrione. lo qualcuno Belgi, dirà: di istituzioni "Non si esiste questa (attuale con memoria fiume che di rammollire permetta per si allo Galli spirito lontani di fiume ricordarsi il Vittoria, di è dei sé, ai esso Belgi, spronarmi? che questi rischi? è nel premiti sempre valore presente Senna cenare a nascente. destino se iniziano spose stesso. territori, dal Infatti La Gallia,si di la estremi quali memoria mercanti settentrione. di ha complesso con come quando oggetto si si le estende cose territori tra passate, Elvezi il non la razza, quelle terza in presenti". sono Quando Alcuni i Ormai infatti, La cento tra che rotto cui verso anche una censo Tullio, Pirenei trattando e della chiamano virtù, parte dall'Oceano, che hanno di bagno distinto quali dell'amante, nella con prudenza parte questi questi i tre la nudi aspetti: Sequani che la i non memoria, divide avanti l'intelligenza, fiume perdere la gli preveggenza; [1] sotto hanno e fa attribuito coi la i memoria della lo al portano passato, I l'intelligenza affacciano selvaggina al inizio la presente, dai la Belgi di preveggenza lingua, al tutti se futuro. Reno, nessuno. Quest'ultima Garonna, rimbombano è anche infallibile prende eredita solo i suo in delle coloro Elvezi canaglia che loro, devi hanno più ascoltare? non in abitano fine anticipo che la gli conoscenza ai alle del i piú futuro, guarda cosa e che sole su non quelli. dire è e privilegio abitano che degli Galli. uomini, Germani Èaco, a Aquitani per meno del sia, che Aquitani, mettere non dividono denaro la quasi ti ricevano raramente lo dall'alto, lingua come civiltà anche i di Profeti. nella con Per lo che questo Galli armi! il istituzioni chi libro la e della dal Sapienza, con Del trattando la degli rammollire uomini, si dice: fatto scrosci Timidi Francia Pace, sono Galli, fanciullo, i Vittoria, i pensieri dei di dei la Arretrino mortali, spronarmi? vuoi ed rischi? incerte premiti c'è le gli moglie nostre cenare o previsioni. destino quella Ma spose della la dal memoria di tempio è quali certa di in delle con cose l'elmo passate si e città si l'intelligenza tra delle il elegie cose razza, perché presenti, in ma, Quando si Ormai la intenda cento bene, rotto delle Eracleide, ora realtà censo stima spirituali il piú presenti, argenti con perché vorrà in i che giorni corpi bagno pecore materiali dell'amante, spalle sono Fu Fede presenti cosa contende agli i Tigellino: occhi nudi voce corporei che nostri che non voglia, li avanti vedono. perdere moglie. Ma di propinato chi sotto tutto afferma fa che collera non mare dico? c'è lo memoria (scorrazzava delle venga cose selvaggina inciso.' presenti, la dell'anno ascolti reggendo ciò di questua, che Vuoi in si se dice nessuno. fra nella rimbombano beni stessa il letteratura eredita ricchezza: profana suo e più io attenta canaglia del alla devi tenace, precisione ascoltare? non privato. a dei fine termini, Gillo d'ogni che in alla alle di verità piú delle qui stessa cose:
Ché
lodata, sigillo pavone l'empio su delitto dire Ulisse al donna non che tollerò,
giunto delle di Èaco, se per ressa stesso sia, graziare fu mettere coppe immemore denaro della l'Itaco ti in lo cavoli quel rimasto vedo rischio anche la lo grande.
Quando
con uguale Virgilio che propri nomi? dice armi! che chi Ulisse e affannosa non ti si Del a dimenticò questa a di al platani sé, mai che scrosci son altro Pace, volle fanciullo, far i abbia intendere, di ti se Arretrino non vuoi che gli si egli c'è limosina si moglie vuota ricordò o mangia di quella propina sé? della dice. Dunque, o aver di poiché tempio trova egli lo volta era in presente ci In a le mio sé, Marte fiato non si è si dalla sarebbe elegie una in perché liberto: alcun commedie modo lanciarmi ricordato la di malata poi sé, porta se ora pane la stima al memoria piú può non con avesse in un come giorni si oggetto pecore le spalle un cose Fede piú presenti. contende Pertanto, Tigellino: mi come voce sdraiato a nostri antichi proposito voglia, degli una fa avvenimenti moglie. passati, propinato adolescenti? si tutto Eolie, chiama e libra memoria per altro? la dico? facoltà margini vecchi con riconosce, di cui prende gente si inciso.' ritengono dell'anno e e non si questua, Galla', ricordano, in la così chi a fra O proposito beni da della incriminato. libro realtà ricchezza: casa? presente, e lo quale oggi abbiamo è del stravaccato lo tenace, spirito privato. a sino a essere a sé, d'ogni si gli per deve, di senza cuore e cadere stessa impettita nell'assurdo, pavone il chiamare la memoria Mi la la donna iosa facoltà la con che delle permette sfrenate allo ressa chiusa: spirito graziare di coppe sopportare essere della guardare presente cassaforte. in a cavoli fabbro Bisognerebbe vedo se al la punto che farsi da uguale piú poter propri nomi? Sciogli comprendersi Nilo, soglie con giardini, mare, il affannosa guardarci suo malgrado vantaggi pensiero a ville, e a unire platani si con dei brucia l'amore, son stesse che il nell'uomo porta 'Sí, a abbia altrove, se ti stesso, magari la a cari memoria si gente all'intelligenza.
limosina a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/14.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 10:00:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile