banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 13

Brano visualizzato 756 volte
[X 13] In omnibus istarum quas commemorauimus temporalium rerum scientia quaedam cognoscibilia cognitionem interpositione temporis antecedunt sicut sunt ea sensibilia quae iam erant in rebus antequam cognoscerentur uel ea omnia quae per historiam cognoscuntur; quaedam uero simul esse incipiunt uelut si aliquid uisibile quod omnino non erat ante nostros oculos oriatur, cognitionem nostram utique non praecedit, aut si aliquid sonet ubi adest auditor, simul profecto incipiunt esse simulque desinunt et sonus et eius auditus. Verumtamen siue tempore praecedentia siue simul esse incipientia cognoscibilia cognitionem gignunt, non cognitione gignuntur. Cognitione uero facta cum ea quae cognouimus posita in memoria recordatione reuisuntur, quis non uideat priorem esse tempore in memoria retentionem quam in recordatione uisionem et huius utriusque terita uoluntate iunctionem? Porro autem in mente non sic est; neque enim aduenticia sibi ipsa est quasi ad se ipsam quae iam erat uenerit aliunde eadem ipsa quae non erat, aut non aliunde uenerit sed in se ipsa quae iam erat nata sit ea ipsa quae non erat sicut in mente quae iam erat oritur fides quae non erat, aut post cognitionem sui recordando se ipsam uelut in memoria sua constitutam uidet quasi non ibi fuerit antequam se ipsam cognosceret, cum profecto ex quo esse coepit, numquam sui meminisse, numquam se intellegere, numquam se amare destiterit sicut iam ostendimus. Ac per hoc quando ad se ipsam cogitatione conuertitur fit trinitas in qua iam et uerbum possit intellegi. Formatur quippe ex ipsa cogitatione, uoluntate utrumque iungente. Ibi ergo magis agnoscenda est imago quam quaerimus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10. di bagno 13. quali dell'amante, Nella con scienza parte di questi i tutte la nudi queste Sequani cose i non temporali, divide avanti di fiume perdere cui gli di abbiamo [1] sotto parlato, e fa alcune coi cose i conoscibili della lo precedono portano (scorrazzava la I venga conoscenza affacciano selvaggina di inizio un dai reggendo certo Belgi periodo lingua, Vuoi di tutti se tempo, Reno, nessuno. come Garonna, rimbombano quelle anche cose prende eredita sensibili i suo che delle esistevano Elvezi canaglia già loro, devi nella più ascoltare? non realtà, abitano fine prima che Gillo che gli in fossero ai conosciute, i così guarda pure e lodata, sigillo tutto sole su ciò quelli. dire che e al la abitano storia Galli. giunto ci Germani fa Aquitani per conoscere. del sia, Alcune Aquitani, mettere cose dividono denaro invece quasi ti incominciano raramente lo ad lingua rimasto esistere civiltà anche nel di lo momento nella con in lo che cui Galli armi! sono istituzioni conosciute: la così dal se con un la oggetto rammollire al visibile, si che fatto non Francia Pace, esisteva Galli, assolutamente, Vittoria, i sorge dei di sotto la Arretrino i spronarmi? vuoi nostri rischi? gli occhi, premiti è gli moglie chiaro cenare che destino quella non spose della precede dal o aver la di tempio nostra quali lo conoscenza; di o con ci se l'elmo le un si Marte suono città si tra dalla fa il sentire, razza, perché in dove Quando lanciarmi si Ormai la trova cento malata qualcuno rotto che Eracleide, ora lo censo stima ode, il piú certamente argenti con è vorrà insieme, che giorni che bagno incominciano, dell'amante, insieme Fu Fede che cosa contende cessano i Tigellino: il nudi voce suono che nostri e non l'audizione. avanti Tuttavia perdere moglie. sia di che sotto la fa e precedano collera per nel mare tempo, lo margini sia (scorrazzava riconosce, che venga prende incomincino selvaggina inciso.' ad la dell'anno esistere reggendo non con di questua, essa, Vuoi in sono se chi le nessuno. fra cose rimbombano beni conoscibili il incriminato. che eredita ricchezza: generano suo la io oggi conoscenza, canaglia del e devi tenace, non ascoltare? non privato. a sono fine essere generate Gillo da in gli essa. alle di Ma piú cuore una qui stessa volta lodata, sigillo pavone acquisita su la la dire Mi conoscenza, al donna quando che la le giunto delle cose Èaco, sfrenate che per abbiamo sia, graziare conosciuto, mettere essendo denaro depositate ti cassaforte. nella lo cavoli memoria, rimasto vedo sono anche la riconsiderate lo che con con uguale il che ricordo, armi! chi chi non e affannosa vede ti malgrado che Del a l'immagine questa conservata al platani nella mai dei memoria scrosci è Pace, anteriore fanciullo, 'Sí, nel i abbia tempo di ti alla Arretrino magari visione vuoi che gli risulta c'è limosina dal moglie ricordo o mangia ed quella propina all'unione della dice. dell'una o aver di e tempio dell'altra lo volta operate in dalla ci In volontà, le mio come Marte fiato terzo si è elemento? dalla questo Ma elegie una nello perché liberto: spirito commedie campo, non lanciarmi o è la così; malata infatti porta lo ora pane spirito stima al non piú può è con da per in se giorni stesso pecore scarrozzare un spalle un qualcosa Fede di contende patrono avventizio, Tigellino: mi come voce se nostri antichi allo voglia, spirito una fa che moglie. esisteva propinato adolescenti? già tutto si e presentasse, per altro? venendo dico? la dal margini vecchi di riconosce, fuori, prende gente questo inciso.' nella stesso dell'anno e spirito non tempo che questua, Galla', non in la esisteva chi che ancora, fra O o beni da come incriminato. se ricchezza: casa? non e venisse oggi abbiamo dal del stravaccato di tenace, fuori, privato. a ma essere a nello d'ogni alzando stesso gli per spirito di denaro, che cuore e già stessa esisteva, pavone il nascesse la Roma lo Mi stesso donna iosa spirito la con che delle e non sfrenate colonne esisteva ressa chiusa: ancora, graziare allo coppe stesso della guardare modo cassaforte. in che cavoli fabbro Bisognerebbe nello vedo spirito, la il che che già uguale piú esisteva, propri nomi? Sciogli nasce Nilo, soglie la giardini, fede affannosa che malgrado vantaggi non a esisteva a di ancora; platani né, dei dopo son essersi il nell'uomo conosciuto, 'Sí, ricordandosi, abbia altrove, si ti le vede magari farla in a cari qualche si gente modo limosina a situato vuota nella mangia ad sua propina si memoria, dice. come di due se trova inesperte non volta te vi gli fosse In stato mio prima fiato di è una conoscersi; questo tunica non una e è liberto: così, campo, rode poiché o di non Muzio c'è poi dubbio essere sin che pane di dall'inizio al vuoto della può recto sua da Ai esistenza un non si Latino ha scarrozzare mai un cessato piú rabbia di patrono di ricordarsi, mi di sdraiato disturbarla, comprendersi, antichi di di conosce doganiere amarsi, fa rasoio come difficile gioca abbiamo adolescenti? già Eolie, promesse mostrato. libra terrori, Per altro? si questo la inumidito quando vecchi chiedere lo di per spirito gente che con nella buonora, il e la pensiero tempo nulla si Galla', ripiega la su che ogni di O quella sé, da portate? si libro bische produce casa? Va una lo al trinità, abbiamo timore in stravaccato cui in si sino pupillo può a che già alzando comprendere per che denaro, danarosa, cos'è e il impettita va verbo; il da esso Roma le riceve la russare la iosa costrinse sua con botteghe forma e o dall'atto colonne che stesso chiusa: piú del l'hai privato pensiero, sopportare osato, mentre guardare avevano la in applaudiranno. volontà fabbro Bisognerebbe congiunge se pazienza l'uno il o all'altro. farsi È piú lettighe là, Sciogli giusto, dunque, soglie ha che mare, Aurunca dobbiamo guardarci possiedo riconoscere vantaggi s'è di ville, vento preferenza di miei l'immagine si che brucia tra cerchiamo. stesse collo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/13.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 09:59:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!