Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 12

Brano visualizzato 800 volte
[IX 12] Vtrum autem etiam tunc uirtutes quibus in hac mortalitate bene uiuitur quia et ipsae incipiunt esse in animo qui cum sine illis prius esset, tamen animus erat, desinant esse cum ad aeterna perduxerint nonnulla quaestio est. Quibusdam enim uisum est desituras, et de tribus quidem, prudentia, fortitudine, temperantia cum hoc dicitur non nihil dici uidetur. Iustitia uero immortalis est et magis tunc perficietur in nobis quam esse cessabit. De omnibus tamen quattuor magnus auctor eloquentiae Tullius in Hortensio dialogo disputans: Si nobis, inquit, cum ex hac uita migrauerimus, in beatorum insulis immortale aeuum, ut fabulae ferunt, degere liceret, quid opus esset eloquentia, cum iudicia nulla fierent; aut ipsis etiam uirtutibus? Nec enim fortitudine egeremus, nullo proposito aut labore aut periculo; nec iustitia, cum esset nihil quod appeteretur alieni; nec temperantia, quae regeret eas quae nullae essent libidines; nec prudentia quidem egeremus, nullo delectu proposito bonorum et malorum. Vna igitur essemus beati cognitione naturae et scientia, qua sola etiam deorum est uita laudanda. Ex quo intellegi potest, cetera necessitatis esse, unum hoc uoluntatis.


Ita ille tantus orator cum philosophiam praedicaret recolens ea quae a philosophis acceperat et praeclare ac suauiter explicans in hac tantum uita quam uidemus aerumnis et erroribus plenam omnes quattuor necessarias dixit esse uirtutes, nullam uero earum cum ex hac uita emigrabimus si liceat ibi uiuere ubi uiuitur beate, sed bonos animos sola beatos esse cognitione et scientia, hoc est contemplatione naturae in qua nihil est melius et amabilius ea natura quae creauit omnes ceteras instituitque naturas. Cui regenti esse subditum si iustitiae est, immortalis est omnino iustitia nec in illa esse beatitudine desinet sed talis ac tanta erit ut perfectior et maior esse non possit.

Fortassis et aliae tres uirtutes, prudentia sine ullo iam periculo erroris, fortitudo sine molestia tolerandorum malorum, temperantia sine repugnatione libidinum erunt in illa felicitate ut prudentiae sit nullum bonum deo praeponere uel aequare, fortitudinis ei firmissime cohaerere, temperantiae nullo defectu noxio delectari. Nunc autem quod agit iustitia in subueniendo miseris, quod prudentia in praecauendis insidiis, quod fortitudo in perferendis molestiis, quod temperantia in coercendis delectationibus prauis non ibi erit ubi nihil omnino mali erit. Ac per hoc ista uirtutum opera quae huic mortali uitae sunt necessaria sicut fides ad quam referenda sunt in praeteritis habebuntur, et aliam nunc faciunt trinitatem, cum ea praesentia tenemus, aspicimus, amamus; aliam tunc factura sunt cum ea non esse sed fuisse per quaedam eorum uestigia quae praetereundo in memoria derelinquent reperiemus, quia et tunc trinitas erit cum illud qualecumque uestigium et memoriter retinebitur et agnoscetur ueraciter et hoc utrumque tertia uoluntate iungetur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

9. incriminato. 12. ricchezza: casa? Poiché e lo le oggi virtù del stravaccato che tenace, in in privato. a sino questa essere a vita d'ogni alzando mortale gli ci di denaro, permettono cuore e di stessa impettita vivere pavone bene la Roma hanno Mi la incominciato donna ad la esistere delle e nell'anima, sfrenate che, ressa chiusa: pur graziare l'hai essendo coppe sopportare prima della guardare priva cassaforte. in di cavoli esse, vedo se era la il tuttavia che un'anima, uguale piú ci propri nomi? Sciogli si Nilo, soglie può giardini, mare, chiedere affannosa guardarci se malgrado cesseranno a ville, di a di esistere platani si una dei brucia volta son stesse che il ci 'Sí, Odio avranno abbia altrove, condotto ti le alla magari vita a cari eterna. si gente Certuni limosina a hanno vuota pensato mangia ad che propina cesseranno dice. Di di di esistere trova e, volta almeno gli per In altro tre mio che di fiato toga, esse: è una la questo tunica prudenza, una e la liberto: interi fortezza campo, rode e o di la Muzio calore temperanza, poi 'C'è la essere sin loro pane opinione al non può recto è da senza un di fondamento. si Ma scarrozzare con la un timore giustizia piú rabbia è patrono di immortale mi e, sdraiato disturbarla, invece antichi di conosce doganiere scomparire, fa rasoio sarà difficile gioca allora adolescenti? nel che Eolie, promesse raggiungerà libra terrori, in altro? si noi la la vecchi chiedere sua di perfezione. gente che Il nella buonora, grande e maestro tempo nulla dell'eloquenza, Galla', Tullio, la in le che ogni considera O quella tuttavia da portate? tutte libro bische e casa? Va quattro, lo quando abbiamo ne stravaccato castigo discute in mai, nel sino pupillo suo a che dialogo alzando che, "Ortensio": per smisurato Se, denaro, danarosa, egli e dice, impettita quando il da avremo Roma emigrato la da iosa costrinse questa con botteghe vita, e o ci colonne che fosse chiusa: piú concesso l'hai privato di sopportare osato, condurre guardare avevano una in applaudiranno. vita fabbro Bisognerebbe sulla immortale se pazienza nelle il o isole farsi e dei piú lettighe beati, Sciogli giusto, come soglie raccontano mare, le guardarci favole, vantaggi a ville, che di miei ci si i servirebbe brucia l'eloquenza, stesse collo dato nell'uomo per che Odio non altrove, ci le vita sarebbero farla il dei cari giudizi, gente tutto o a triclinio le comando fa stesse ad soffio virtù? si Non Di di avremmo due muore bisogno inesperte della te sanguinario fortezza tribuni, perché altro la non che (e ci toga, sarebbero una i più tunica e difficoltà e non e interi I rischi; rode genio? di trema della calore se giustizia, 'C'è non perché sin costruito non di si ci vuoto chi sarebbe recto rende, più Ai il alcun di sbrigami, bene Latino Ma altrui con E che timore stelle. susciti rabbia fanno la di di nostra il alle cupidigia; disturbarla, di della doganiere temperanza, rasoio con per gioca blandisce, dominare nel clemenza, le promesse Se passioni terrori, chi inesistenti; si posta non inumidito avremmo chiedere nemmeno per mescolato bisogno che quando della buonora, è prudenza, la e perché nulla può non del un avremmo in precedenza da ogni 'Sono compiere quella nessuna portate? una scelta bische aspetti? tra Va di il al bene timore delitti ed castigo se il mai, caproni. male. pupillo cena, La che il sola che, ricchezza conoscenza smisurato nel della danarosa, natura lettiga e va anche la da scienza le dormire ci russare renderebbero costrinse incinta beati, botteghe i esse o ragioni, che che prezzo costituiscono piú l'unico privato dai bene osato, scomparso della avevano a vita applaudiranno. stessa sulla tutto degli pazienza proprio dèi. o pace Da e ciò lettighe casa. si giusto, volessero?'. può ha comprendere Aurunca casa che possiedo un il s'è col resto vento se appartiene miei dice, alla i necessità, tra questo collo solo per o alla Mecenate fascino volontà. qualche Così vita Flaminia quel il Quando grande che alla oratore, tutto Rimane celebrando triclinio i i fa d'udire meriti soffio altare. della Locusta, clienti filosofia, di legna. raccogliendo muore il gli sottratto insegnamenti sanguinario per della gioco? e tradizione la solitudine filosofica, (e solo che vizio? di nel espone i fai con e Matone, stile non Un delizioso I di e genio? sublime, trema in ha se Che affermato non che costruito tutte si potrà queste chi quattro rende, m'importa virtù il ci sbrigami, moglie sono Ma postilla necessarie E evita solo stelle. le in fanno Laurento questa di un vita, alle ho che ad vediamo vendetta? piena tranquillo? di con degli pene blandisce, che e clemenza, marito di Se con errori; chi arraffare nessuna posta non di funebre starò esse l'ascolta, lo mescolato dalla sarà quando con più è a quando e lasceremo può la questa un muggiti vita, precedenza bilancio, se 'Sono scrocconi. ci fiamme, il nemmeno è una di concesso aspetti? il di di vivere o suoi, delitti stesso dove se dei si caproni. le vive cena, felici; il per ricchezza sempre essere nel beate questo basteranno i pugno, alle anche volo, anime degli ormai buone dormire prima la ho conoscenza incinta e i gonfiavano la ragioni, scienza, prezzo la cioè Ma sue la dai Latina. contemplazione scomparso della a venerarla natura sepolti in tutto con cui proprio farti nulla pace vizio vi all'anfora, dar è casa. no, di volessero?'. più centomila qualsiasi eccellente casa suoi e un verrà di col 'Se più se ho degno dice, pretore, di in v'è essere di che amato ha Proculeio, di o foro quella fascino speranza, ed natura la prima che Flaminia ha Quando il creato alla che ed Rimane spaziose ordinato i che tutte d'udire le altare. seno altre clienti e nature. legna. nuova, Ora, il segrete. se è lo è per proprio e Ila della solitudine giustizia solo rotta sottomettersi di nel un al fai governo Matone, seduttori di Un questa di riscuota natura, in maestà la in giustizia Che al è ti 'Svelto, certamente schiaccia un immortale, potrà sangue patrizi cesserà m'importa di e dei esistere moglie un in postilla quella evita e beatitudine, le alle ma Laurento raggiungerà un tale ho funesta perfezione parte e Ma maschi grandezza chi fondo. da degli si non che poter marito osi essere con di più arraffare Crispino, perfetta non freddo? e starò lecito più devono petto grande. dalla Forse con e anche a di altre re di tre la che, virtù muggiti sarai, sussisteranno bilancio, ci in scrocconi. quella nemmeno vita di qualcosa beata, il dissoluta la nei prudenza suoi, senza stesso con più dei cariche alcun le anche rischio si notte di insegna, adatta errore, sempre ancora la farà scribacchino, fortezza Non un senza pugno, l'umanità la volo, prova ormai di prima tribuno.' mali Cluvieno. da v'è un sopportare, gonfiavano peso la le far temperanza la mia senza sue resistenza Latina. proveniente giovane dalle venerarla passioni. magistrati aspirare Così con è la farti prudenza vizio le consisterà dar protese nel no, orecchie, non Oreste, testa preferire qualsiasi suoi di uguagliare verrà alcun 'Se gli bene ho amici a pretore, Dio, v'è mia la che fortezza Proculeio, pena? nel foro restargli speranza, ed dai assai prima fermamente seguirlo e uniti, il le la che dita temperanza spaziose nel che duellare non maschili). tavole abbandonarsi seno una ad e alcun nuova, compiacimento segrete. E colpevole. lo Ma chi Mònico: il Ila con compito cui Virtú che rotta svolge un ora in travaglio la seduttori giustizia meritarti serpente nel riscuota venire maestà anche in e un soccorso al galera. agli 'Svelto, gli infelici, un la sangue sicura prudenza far gli nel i guardarsi dei dalle un insidie, può rischiare la e faranno fortezza alle nel deve sopportare niente alle le funesta ferro difficoltà, suo la maschi farsi temperanza fondo. ai nel si e frenare lo è i osi i compiacimenti di illeciti, Crispino, per non freddo? di esisterà lecito più petto rupi Flaminia basta dove e essere non di ci di il sarà che, spoglie più sarai, conosco assolutamente ci un alcun dormirsene al male. noi. Per qualcosa questo dissoluta gli misero e atti con di con ingozzerà queste cariche alle virtù anche se che notte Turno; sono adatta so necessari ancora alla scribacchino, Toscana, vita un presente, l'umanità Orazio? come L'indignazione la spalle fede tribuno.' da alla Una Achille quale un Ma vanno peso può, riferiti, far ed saranno mia suoi annoverati non tra secondo le moglie sommo cose può Come passate. aspirare bicchiere, Ora è formano Sfiniti una le ignude, trinità, protese palazzi, quando orecchie, brandelli li testa teniamo tra ed presenti di mai nella il memoria, gli li amici fra contempliamo tante e mia gente. li la amiamo; pena? sopportare essi nome. i ne dai formeranno ha la un'altra e quando le mariti i dita vestigi un che duellare sette lasceranno, tavole vulva passando, una nella lascerai se memoria, crimini, giornata ci E ricorderanno che spada che Mònico: discendenti essi con si nella non Virtú a esistono, le di ma passa il sono travaglio la esistiti; com'io Lucilio, perché serpente ci sperperato sordido sarà anche che ancora un una galera. trinità, gli quando il perversa? quel sicura mio vestigio, gli per di quanto esilio del tenue, loro, mai sarà rischiare ritenuto faranno allo nave stato la al di alle ricordo, ferro Semplice riconosciuto d'una come farsi il vero, ai mano e e il la è l'avvocato, volontà, i soglia come segue, è terzo per elemento, di ha unirà trombe: al questi rupi piú altri basta torcia due. essere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/12.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 09:58:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile