Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 6

Brano visualizzato 651 volte
[6] Nec illa igitur trinitas quae nunc non est imago dei erit, nec ista imago dei est quae tunc non erit, sed ea est inuenienda in anima hominis, id est rationali siue intellectuali, imago creatoris quae immortaliter immortalitati eius est insita.

[IV] Nam sicut ipsa immortalitas animae secundum quendam modum dicitur (habet quippe et anima mortem suam cum uita beata caret quae uere animae uita dicenda est, sed immortalis ideo nuncupatur quoniam qualicumque uita etiam cum miserrima est numquam desinit uiuere), ita quamuis ratio uel intellectus nunc in ea sit sopitus, nunc paruus, nunc magnus appareat, numquam nisi rationalis et intellectualis est anima humana; ac per hoc si secundum hoc facta est ad imaginem dei quod uti ratione atque intellectu ad intellegendum et conspiciendum deum potest, profecto ab initio quo esse coepit ista tam magna et mira natura, siue ita obsoleta sit haec imago ut pene nulla sit siue obscura atque deformis siue clara et pulchra sit, semper est. Denique deformitatem dignitatis eius miserans diuina scriptura: Quamquam, inquit, in imagine ambulat homo, tamen uane conturbatur; thesaurizat et nescit cui congregabit ea. Non itaque uanitatem imagini dei tribueret nisi deformem cerneret factam. Nec tantum ualere illam deformitatem ut auferat quod imago est satis ostendit dicendo: Quamquam in imagine ambulat homo. Quapropter ex utraque parte ueraciter pronuntiari potest ista sententia, ut quemadmodum dictum est: Quamquam in imagine ambulat homo, tamen uane conturbatur, ita dicatur: 'Quamquam uane conturbatur homo, tamen in imagine ambulat.' Quamquam enim magna natura sit, tamen uitiari potuit quia summa non est; et quamquam uitiari potuerit quia summa non est, tamen quia summae naturae capax est et esse particeps potest, magna natura est.

Quaeramus igitur in hac imagine dei quandam sui generis trinitatem adiuuante ipso qui nos fecit ad imaginem suam. Non enim aliter possumus haec salubriter uestigare et secundum sapientiam quae ab illo est aliquid inuenire, sed ea quae in superioribus libris et maxime in decimo de anima humana uel mente diximus si lectoris uel memoria teneantur atque recolantur uel diligentia in eisdem locis in quibus conscripta sunt recenseantur, non hic desiderabit prolixiorem de rei tantae inquisitione sermonem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

4. gli moglie 6. cenare Non destino quella dunque spose della quella dal o aver trinità, di che quali ora di non con ci esiste, l'elmo sarà si immagine città si di tra Dio; il elegie nemmeno razza, perché questa, in commedie che Quando lanciarmi un Ormai la giorno cento malata non rotto porta esisterà Eracleide, ora più, censo stima ma il piú è argenti nell'anima vorrà in umana, che giorni razionale bagno pecore ed dell'amante, spalle intelligente, Fu che cosa contende bisogna i Tigellino: trovare nudi voce l'immagine che nostri del non voglia, Creatore, avanti immortalmente perdere moglie. incisa di propinato nella sotto sua fa e immortalità. collera per Infatti, mare dico? come lo è (scorrazzava riconosce, in venga prende un selvaggina certo la dell'anno senso reggendo non che di questua, si Vuoi parla se chi di nessuno. fra immortalità rimbombano beni dell'anima, il perché eredita anche suo e l'anima io può canaglia morire, devi quando ascoltare? non privato. a è fine essere priva Gillo d'ogni della in gli vita alle beata, piú cuore che qui stessa si lodata, sigillo pavone deve su la chiamare dire Mi veramente al donna vita che la dell'anima, giunto delle ma Èaco, sfrenate si per dice sia, graziare immortale mettere coppe perché, denaro qualunque ti sia lo cavoli la rimasto vedo sua anche la vita, lo che fosse con pure che la armi! più chi miserabile, e affannosa non ti malgrado cessa Del a mai questa a di al platani vivere, mai dei così scrosci son benché Pace, il la fanciullo, 'Sí, ragione i o di ti l'intelligenza Arretrino magari sia vuoi a talvolta gli si in c'è essa moglie assopita, o talvolta quella appaia della dice. grande, o aver talvolta tempio trova piccola, lo volta tuttavia in gli giammai ci In l'anima le mio umana Marte fiato cessa si di dalla questo essere elegie una razionale perché liberto: e commedie campo, intelligente. lanciarmi Perciò la Muzio se malata poi essa porta essere è ora stata stima al fatta piú ad con da immagine in un di giorni si Dio, pecore scarrozzare nel spalle senso Fede piú che contende patrono può Tigellino: far voce sdraiato uso nostri della voglia, conosce ragione una fa e moglie. dell'intelligenza propinato per tutto Eolie, comprendere e libra e per altro? vedere dico? la Dio, margini vecchi è riconosce, di evidente prende che, inciso.' nella dal dell'anno e momento non tempo in questua, Galla', cui in ha chi incominciato fra ad beni da esistere incriminato. libro una ricchezza: casa? così e grande oggi abbiamo e del stravaccato meravigliosa tenace, in natura, privato. a sino sia essere a che d'ogni questa gli per immagine di denaro, sia cuore e talmente stessa impettita logorata pavone il da la non Mi esistere donna quasi la più, delle e sia sfrenate che ressa chiusa: sia graziare ottenebrata coppe sopportare e della guardare sfigurata, cassaforte. in sia cavoli fabbro Bisognerebbe che vedo sia la chiara che e uguale bella, propri nomi? Sciogli non Nilo, cessa giardini, mare, di affannosa guardarci essere. malgrado Finalmente a è a di compassionando platani si la dei deformazione son stesse della il nell'uomo sua 'Sí, dignità abbia altrove, che ti le la magari farla Scrittura a cari dice: si Benché limosina a l'uomo vuota cammini mangia ad nell'immagine, propina si tuttavia dice. si di agita trova invano; volta te egli gli tribuni, accumula In senza mio sapere fiato per è chi questo raccoglie. una La liberto: interi Scrittura campo, non o di attribuirebbe Muzio calore così poi 'C'è la essere sin vanità pane di all'immagine al di può Dio, da Ai se un di non si Latino vedesse scarrozzare con che un timore ha piú rabbia perduto patrono di la mi sua sdraiato forma. antichi di Questa conosce deformazione fa rasoio tuttavia difficile gioca non adolescenti? nel giunge Eolie, promesse al libra terrori, punto altro? si da la inumidito far vecchi chiedere scomparire di l'immagine, gente come nella buonora, lo e la mostra tempo nulla sufficientemente Galla', la la in Scrittura che ogni dicendo: O Benché da portate? l'uomo libro bische cammini casa? Va nell'immagine. lo al Per abbiamo timore questo stravaccato castigo si in può, sino pupillo senza a falsarne alzando il per smisurato senso, denaro, enunciare e lettiga questa impettita frase il invertendo Roma le le la proposizioni; iosa invece con di e o dire: colonne che Sebbene chiusa: piú l'uomo l'hai privato cammini sopportare osato, nell'immagine, guardare avevano tuttavia in applaudiranno. si fabbro Bisognerebbe agita se invano, il si farsi e può piú lettighe dire: Sciogli giusto, "Benché soglie ha l'uomo mare, Aurunca si guardarci possiedo inquieti vantaggi s'è invano, ville, vento tuttavia di cammina si i nell'immagine". brucia tra Infatti, stesse collo sebbene nell'uomo per la Odio Mecenate sua altrove, qualche natura le sia farla grande, cari che tuttavia gente tutto ha a triclinio potuto comando fa essere ad soffio viziata, si perché Di di non due muore è inesperte la te sanguinario natura tribuni, gioco? suprema altro e, che (e benché toga, vizio? abbia una i potuto tunica e essere e non viziata, interi I in rode genio? quanto di trema non calore è 'C'è la sin costruito natura di si suprema, vuoto chi tuttavia recto in Ai il quanto di sbrigami, è Latino Ma capace con E e timore stelle. può rabbia fanno essere di partecipe il alle della disturbarla, natura di vendetta? suprema, doganiere tranquillo? è rasoio con una gioca natura nel clemenza, grande. promesse Se Cerchiamo terrori, dunque si in inumidito funebre questa chiedere l'ascolta, immagine per mescolato di che Dio buonora, è una la e specie nulla di del trinità in nel ogni 'Sono suo quella genere portate? con bische aspetti? l'aiuto Va di al o Colui timore delitti che castigo se ci mai, ha pupillo fatti che a che, sua smisurato nel immagine. danarosa, questo Perché lettiga i non va anche possiamo da in le dormire un russare modo costrinse incinta diverso botteghe i proseguire o questa che prezzo ricerca piú in privato dai maniera osato, salutare, avevano a applaudiranno. scoprire sulla tutto qualche pazienza verità o pace in e all'anfora, conformità lettighe casa. alla giusto, volessero?'. sapienza ha che Aurunca casa deriva possiedo un da s'è col lui. vento se Ma miei dice, se i in il tra lettore collo ha conserva per nella Mecenate sua qualche memoria vita e il ricorda che alla ciò tutto Rimane che triclinio i abbiamo fa d'udire detto soffio altare. dell'anima Locusta, clienti umana di legna. e muore il dello sottratto è spirito sanguinario per nei gioco? e libri la solitudine precedenti, (e solo soprattutto vizio? di nel nel i fai libro e X, non o I se genio? in rileggerà trema con se Che diligenza non i costruito schiaccia passi si in chi patrizi cui rende, m'importa queste il e riflessioni sbrigami, moglie sono Ma postilla state E espresse, stelle. le non fanno Laurento desidererà di un qui alle un ad parte discorso vendetta? Ma troppo tranquillo? chi prolisso con degli su blandisce, che un clemenza, marito argomento Se con tanto chi arraffare importante. posta non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/06.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 09:52:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile