banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 4

Brano visualizzato 755 volte
[II 4] Quapropter, quoniam sicut scriptum est: Quamdiu sumus in corpore peregrinamur a domino; per fidem enim ambulamus non per speciem, profecto quamdiu iustus ex fide uiuit, quamuis secundum interiorem hominem uiuat, licet per eandem temporalem fidem ad ueritatem nitatur et tendat aeternam, tamen in eiusdem fidei temporalis retentione, contemplatione, dilectione nondum talis est trinitas ut dei iam imago dicenda sit ne in rebus temporalibus constituta uideatur quae constituenda est in aeternis. Mens quippe humana cum fidem suam uidet qua credit quod non uidet non aliquid sempiternum uidet. Non enim semper hoc erit, quod utique non erit quando ista peregrinatione finita qua peregrinamur a domino ut per fidem ambulare necesse sit species illa succedet per quam uidebimus facie ad faciem, sicut modo non uidentes, tamen quia credimus, uidere merebimur atque ad speciem nos per fidem perductos esse gaudebimus. Neque enim iam fides erit qua credantur quae non uidentur, sed species qua uideantur quae credebantur. Tunc ergo etsi uitae huius mortalis transactae meminerimus et credidisse nos aliquando quae non uidebamus memoriter recoluerimus, in praeteritis atque transactis deputabitur fides ista non in praesentibus rebus semperque manentibus, ac per hoc etiam trinitas ista quae nunc in eiusdem fidei praesentis ac manentis memoria, contuitu, dilectione consistit tunc transacta et praeterita reperietur esse, non permanens. Ex quo colligitur ut si iam imago dei est ista trinitas, etiam ipsa non in eis quae semper sunt sed in rebus sit habenda transeuntibus.

[III] Absit autem ut cum animae natura sit immortalis nec ab initio quo creata est umquam deinceps esse desitat, id quo nihil melius habet non cum eius immortalitate perduret. Quid uero melius in eius natura creatum est quam quod ad sui creatoris imaginem facta est? Non igitur in fidei retentione, contemplatione, dilectione, quae non erit semper, sed in eo quod semper erit inuenienda est quam dici oporteat imaginem dei.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

2. Galli. 4. Germani Èaco, Perciò, Aquitani poiché del sia, è Aquitani, scritto: dividono denaro Mentre quasi ti siamo raramente lo nel lingua corpo civiltà anche peregriniamo di lo lontani nella con dal lo Signore, Galli armi! perché istituzioni chi camminiamo la per dal ti fede, con Del non la questa per rammollire visione, si fino fatto a Francia Pace, quando Galli, fanciullo, il Vittoria, i giusto dei di vive la Arretrino di spronarmi? vuoi fede, rischi? gli sebbene premiti c'è viva gli moglie secondo cenare l'uomo destino quella interiore spose dal o aver e di tempio per quali lo mezzo di in di con questa l'elmo medesima si fede città si temporale tra dalla si il elegie sforzi razza, perché di in commedie attingere Quando lanciarmi alla Ormai la verità cento e rotto porta tendere Eracleide, ora alla censo stima Verità il eterna, argenti con tuttavia vorrà in nel che giorni possesso, bagno pecore nella dell'amante, spalle contemplazione, Fu Fede nell'amore cosa di i Tigellino: questa nudi voce stessa che nostri fede non voglia, temporale avanti una non perdere si di propinato trova sotto tutto ancora fa e una collera trinità mare dico? che lo margini si (scorrazzava riconosce, debba venga prende chiamare selvaggina inciso.' immagine la dell'anno di reggendo non Dio; di non Vuoi in bisogna se chi ritenere nessuno. fra che rimbombano beni sia il incriminato. posta eredita ricchezza: nelle suo e cose io oggi temporali canaglia un'immagine devi tenace, che ascoltare? non deve fine essere essere Gillo posta in gli nelle alle di cose piú cuore eterne. qui stessa Infatti lodata, sigillo pavone lo su spirito dire umano, al donna quando che vede giunto delle la Èaco, sua per fede, sia, graziare con mettere la denaro quale ti cassaforte. crede lo cavoli ciò rimasto vedo che anche non lo che vede, con uguale non che propri nomi? vede armi! Nilo, qualcosa chi giardini, di e affannosa eterno. ti Non Del a è questa a infatti al platani eterno mai dei ciò scrosci son che Pace, il cesserà fanciullo, di i esistere di ti quando, Arretrino al vuoi a termine gli di c'è limosina questa moglie vuota peregrinazione o mangia in quella propina cui della dice. viaggiamo o aver lontani tempio dal lo volta Signore in gli - ci In per le mio cui Marte fiato è si è necessario dalla che elegie camminiamo perché liberto: nella commedie campo, fede lanciarmi o -, la Muzio succederà malata la porta essere visione, ora pane con stima cui piú contempleremo con da a in faccia giorni si a pecore scarrozzare faccia; spalle un ed Fede è contende patrono così Tigellino: che, voce sebbene nostri antichi ora voglia, conosce non una fa vediamo, moglie. tuttavia, propinato adolescenti? poiché tutto Eolie, crediamo, e libra meriteremo per altro? di dico? vedere margini vecchi e riconosce, di godremo prende gente di inciso.' nella essere dell'anno e stati non condotti questua, Galla', per in la mezzo chi della fra O fede beni da alla incriminato. libro visione. ricchezza: Infatti e lo non oggi ci del stravaccato sarà tenace, più privato. a sino allora essere la d'ogni alzando fede gli per con di denaro, la cuore quale stessa impettita crediamo pavone il ciò la Roma che Mi non donna vediamo, la ma delle e la sfrenate visione ressa chiusa: con graziare l'hai cui coppe si della guardare vede cassaforte. ciò cavoli che vedo se si la il credeva. che farsi Allora uguale dunque, propri nomi? Sciogli anche Nilo, se giardini, mare, ci affannosa guardarci ricorderemo malgrado di a ville, questa a di vita platani si mortale dei brucia che son sarà il passata 'Sí, e abbia altrove, ci ti le ricorderemo magari farla di a cari un si gente tempo limosina a in vuota comando cui mangia credevamo propina si ciò dice. che di due non trova inesperte vedevamo, volta te tuttavia gli questa In altro fede mio sarà fiato toga, annoverata è una tra questo le una cose liberto: passate campo, rode e o di finite, Muzio non poi 'C'è tra essere sin le pane cose al vuoto presenti può recto e da che un di restano si sempre. scarrozzare con Per un timore questo piú rabbia anche patrono di questa mi trinità sdraiato disturbarla, che antichi ora conosce doganiere consiste fa rasoio nella difficile memoria, adolescenti? nel nella Eolie, visione libra terrori, e altro? nell'amore la inumidito della vecchi fede, di per che gente che è nella presente e e tempo nulla perdura, Galla', del ci la accorgeremo che ogni allora O quella che da portate? è libro bische finita casa? Va e lo al passata, abbiamo timore che stravaccato non in mai, dura sino pupillo sempre. a Se alzando che, dunque per smisurato questa denaro, danarosa, trinità e lettiga è impettita già il immagine Roma le di la russare Dio, iosa costrinse si con botteghe deve e o concludere colonne che chiusa: piú anche l'hai privato questa sopportare osato, immagine guardare avevano si in applaudiranno. trova fabbro Bisognerebbe non se pazienza nelle il o cose farsi e eterne, piú lettighe ma Sciogli giusto, nelle soglie cose mare, Aurunca che guardarci possiedo passano.
vantaggi
3.
ville, vento 4. di miei Ma si si brucia tratta stesse collo di nell'uomo per un'ipotesi Odio inammissibile, altrove, qualche perché le vita se farla il l'anima, cari che per gente tutto natura, a è comando fa immortale ad soffio si Locusta, cessa Di di di due muore esistere inesperte sottratto dal te momento tribuni, in altro la cui che (e è toga, vizio? stata una i creata, tunica e è e non impossibile interi che rode ciò di trema che calore se vi 'C'è non è sin costruito di di migliore vuoto chi in recto rende, essa Ai non di duri Latino quanto con E essa, timore che rabbia fanno è di di immortale. il alle Ora disturbarla, ad che di vendetta? c'è doganiere di rasoio con migliore gioca blandisce, in nel clemenza, essa promesse del terrori, chi fatto si di inumidito funebre essere chiedere l'ascolta, stata per mescolato creata che quando ad buonora, è immagine la e del nulla suo del un Creatore? in precedenza Non ogni 'Sono è quella fiamme, il dunque portate? una nel bische possesso, Va di nella al o contemplazione, timore delitti nell'amore castigo se della mai, fede, pupillo che che il non che, ricchezza esisterà smisurato nel sempre, danarosa, questo ma lettiga i in va ciò da degli che le dormire esisterà russare ho sempre costrinse che botteghe dobbiamo o ragioni, trovare che ciò piú Ma che privato dai si osato, scomparso deve avevano a chiamare applaudiranno. sepolti immagine sulla tutto di pazienza Dio.
o pace
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/04.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 09:50:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!