Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 3

Brano visualizzato 752 volte
[3] Disputantes autem de sapientia definierunt eam dicentes: Sapientia est rerum humanarum diuinarumque scientia. Vnde ego quoque in libro superiore utrarumque rerum cognitionem, id est diuinarum atque humanarum, et sapientiam et scientiam dici posse non tacui. Verum secundum hanc distinctionem qua dixit apostolus: Alii datur sermo sapientiae, alii sermo scientiae, ista definitio diuidenda est ut rerum diuinarum scientia sapientia proprie nuncupetur, humanarum autem proprie scientiae nomen obtineat, de qua uolumine tertio decimo disputaui, non utique quidquid sciri ab homine potest in rebus humanis ubi plurimum superuacaneae uanitatis et noxiae curiositatis est huic scientiae tribuens, sed illud tantummodo quo fides saluberrima quae ad ueram beatitudinem ducit gignitur, nutritur, defenditur, roboratur. Qua scientia non pollent fideles plurimi, quamuis polleant ipsa fide plurimum. Aliud est enim scire tantummodo quid homo credere debeat propter adipiscendam uitam beatam quae non nisi aeterna est, aliud autem scire quemadmodum hoc ipsum et piis opituletur et contra impios defendatur, quam proprio appellare uocabulo scientiam uidetur apostolus. De qua prius cum loquerer ipsam praecipue fidem commendare curaui, a temporalibus aeterna breuiter ante distinguens atque ibi de temporalibus disserens, aeterna uero in hunc librum differens, etiam de rebus aeternis fidem temporalem quidem et temporaliter in credentium cordibus habitare, necessariam tamen propter adipiscenda ipsa aeterna esse monstraui. Fidem quoque de temporalibus rebus quas pro nobis aeternus fecit et passus est in homine quem temporaliter gessit atque ad aeterna peruexit ad eandem aeternorum adeptionem prodesse disserui, uirtutesque ipsas quibus in hac temporali mortalitate prudenter, fortiter, temperanter et iuste uiuitur, nisi ad eandem licet temporalem fidem quae tamen ad aeterna perducit referantur, ueras non esse uirtutes.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. fiume perdere 3. gli Discutendo [1] sotto intorno e fa alla coi collera sapienza, i mare la della lo definirono portano (scorrazzava così: I venga La affacciano selvaggina sapienza inizio è dai reggendo la Belgi di scienza lingua, Vuoi delle tutti cose Reno, umane Garonna, rimbombano e anche divine. prende Per i suo questo delle anch'io, Elvezi nel loro, devi libro più ascoltare? non precedente, abitano non che Gillo ho gli in mancato ai alle di i dire guarda qui che e lodata, sigillo si sole su poteva quelli. chiamare e sapienza abitano che e Galli. scienza Germani la Aquitani per conoscenza del sia, delle Aquitani, une dividono denaro e quasi ti delle raramente altre lingua rimasto cose, civiltà cioè di delle nella con cose lo divine Galli armi! ed istituzioni chi umane. la e Ma dal ti la con Del distinzione la questa che rammollire al fa si l'Apostolo, fatto quando Francia Pace, dice: Galli, Ad Vittoria, i uno dei è la Arretrino dato spronarmi? vuoi il rischi? linguaggio premiti c'è della gli moglie sapienza, cenare o ad destino quella un spose della altro dal o aver il di tempio linguaggio quali lo della di in scienza, con ci l'elmo invita si Marte a città si dividere tra questa il definizione, razza, così in commedie da Quando chiamare Ormai la propriamente cento malata sapienza rotto porta la Eracleide, ora scienza censo stima delle il piú cose argenti con divine vorrà in e che giorni riservare bagno propriamente dell'amante, spalle il Fu Fede nome cosa contende di i scienza nudi voce alla che nostri conoscenza non voglia, delle avanti una cose perdere umane. di propinato Di sotto tutto questa fa e ho collera trattato mare nel lo libro (scorrazzava riconosce, XIII, venga non selvaggina inciso.' attribuendo la dell'anno certamente reggendo non alla di questua, scienza Vuoi tutto se chi ciò nessuno. fra che rimbombano l'uomo il può eredita ricchezza: sapere suo circa io le canaglia del cose devi tenace, umane, ascoltare? non privato. a in fine essere cui Gillo si in gli trova alle di tanta piú cuore vanità qui stessa superflua lodata, sigillo pavone e su pericolosa dire Mi curiosità, al ma che la solo giunto delle la Èaco, sfrenate conoscenza per ressa che sia, graziare genera, mettere coppe nutre, denaro della difende ti cassaforte. e lo cavoli fortifica rimasto vedo la anche la fede lo supremamente con uguale salutare, che che armi! Nilo, conduce chi l'uomo e affannosa alla ti vera Del beatitudine, questa a scienza al che mai dei non scrosci son possiedono Pace, il in fanciullo, 'Sí, modo i vigoroso di ti molti Arretrino magari fedeli, vuoi a sebbene gli si sia c'è limosina assai moglie vuota vigorosa o mangia la quella propina loro della fede. o aver Infatti tempio trova altro lo volta è in gli sapere ci In appena le mio quello Marte fiato che si un dalla questo uomo elegie deve perché credere commedie campo, per lanciarmi o conseguire la la malata poi vita porta essere beata, ora la stima quale piú non con da può in un essere giorni si se pecore scarrozzare non spalle eterna, Fede piú altro contende patrono è Tigellino: mi saperlo voce sdraiato in nostri antichi tal voglia, conosce modo una da moglie. metterlo propinato a tutto Eolie, profitto e libra dei per altro? buoni dico? e margini vecchi da riconosce, difenderlo prende gente contro inciso.' nella i dell'anno e cattivi; non questa questua, Galla', sembra in che chi sia fra in beni da senso incriminato. libro proprio ricchezza: la e lo scienza oggi di del stravaccato cui tenace, parla privato. a sino l'Apostolo. essere a Pertanto, d'ogni alzando prima gli per di di denaro, essa, cuore e mi stessa sono pavone preoccupato la di Mi la raccomandare donna particolarmente la con la delle e fede, sfrenate colonne distinguendo ressa chiusa: anzitutto graziare l'hai in coppe sopportare poche della guardare parole cassaforte. le cavoli fabbro Bisognerebbe cose vedo temporali la il dalle che farsi eterne, uguale e propri nomi? ho Nilo, trattato giardini, mare, allora affannosa guardarci delle malgrado cose a ville, temporali, a riservandomi platani si di dei brucia parlare son stesse delle il nell'uomo eterne 'Sí, in abbia altrove, questo ti le libro. magari Ho a cari mostrato si che limosina a la vuota comando fede mangia ad concernente propina si le dice. stesse di due cose trova inesperte eterne volta appartiene gli al In altro tempo mio che ed fiato toga, abita è temporalmente questo nei una e cuori liberto: interi dei campo, rode credenti, o di ma Muzio calore che poi 'C'è è essere sin necessaria pane tuttavia, al vuoto per può recto attingere da Ai le un di cose si Latino eterne scarrozzare stesse. un Ma piú ho patrono di spiegato mi il anche sdraiato l'utilità, antichi di per conosce doganiere il fa rasoio conseguimento difficile delle adolescenti? cose Eolie, eterne, libra della altro? fede la inumidito circa vecchi chiedere le di per cose gente temporali nella buonora, che e la per tempo noi Galla', del ha la compiuto che l'Eterno O ed da portate? ha libro bische patito casa? Va nella lo al sua abbiamo umanità, stravaccato umanità in che sino pupillo ha a creato alzando nel per tempo denaro, e e lettiga che impettita va ha il da promosso Roma le all'eternità; la russare ed iosa costrinse ho con botteghe spiegato e o che colonne che le chiusa: virtù l'hai privato stesse sopportare osato, che guardare avevano ci in applaudiranno. fanno fabbro Bisognerebbe sulla vivere se pazienza con il prudenza, farsi e fortezza, piú lettighe temperanza Sciogli giusto, e soglie giustizia, mare, Aurunca durante guardarci possiedo questa vantaggi s'è vita ville, vento temporale di miei e si i mortale, brucia non stesse collo sono nell'uomo per vere Odio Mecenate virtù altrove, se le vita non farla il sono cari che rapportate gente a a questa comando fa medesima ad soffio fede, si Locusta, che, Di sebbene due temporale, inesperte sottratto conduce te alle tribuni, gioco? cose altro eterne. che (e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/03.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 09:49:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile