Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xiv - 1

Brano visualizzato 711 volte
[I 1] Nunc de sapientia nobis est disserendum, non illa dei quae procul dubio deus est (nam sapientia dei filius eius unigenitus dicitur), sed loquemur de hominis sapientia, uera tamen quae secundum deum est et uerus ac praecipuus cultus eius est, quae uno nomine *theosebeia graece appellatur. Quod nomen nostri sicut iam commemorauimus uolentes et ipsi uno nomine interpretari 'pietatem' dixerunt, cum pietas apud graecos *eusebeia usitatius nuncupetur, *theosebeia uero quia uno uerbo perfecte non potest, melius interpretatur duobus ut dicatur potius 'dei cultus.'

Hanc esse hominis sapientiam, quod et in duodecimo huius operis uolumine iam posuimus, scripturae sanctae auctoritate monstratur in libro serui dei Iob ubi legitur dei sapientiam dixisse homini: Ecce pietas est sapientia; abstinere autem a malis scientia (siue etiam ut nonnulli de graeco *epistemen interpretati sunt, disciplina, quae utique a discendo nomen accepit, unde et scientia dici potest; ad hoc enim quaeque res discitur ut sciatur, quamuis alia notione in his quae pro peccatis suis mala quisque patitur ut corrigatur dici soleat disciplina. Vnde illud est in epistula ad hebraeos: Quis enim est filius cui non det disciplinam pater eius?, et illud euidentius in eadem: Omnis uero disciplina ad tempus non gaudii uidetur esse sed tristitiae; postea uero fructum pacificum his qui per eam certaunt reddet iustitiae). Deus ergo ipse summa sapientia; cultus autem dei sapientia est hominis de qua nunc loquimur. Nam sapientia huius mundi stultitia est apud deum. Secundum hanc itaque sapientiam quae dei cultus est ait sancta scriptura: Multitudo sapientium sanitas est orbis terrarum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. iniziano 1. territori, dal Ora La Gallia,si dobbiamo estremi quali trattare mercanti settentrione. della complesso con sapienza, quando non si si di estende città quella territori tra di Elvezi il Dio la che terza in senza sono Quando alcun i dubbio La cento è che rotto Dio, verso Eracleide, perché una censo sapienza Pirenei il di e argenti Dio chiamano vorrà è parte dall'Oceano, che chiamato di bagno il quali dell'amante, suo con Fu Figlio parte cosa unigenito, questi i ma la nudi parleremo Sequani che della i non sapienza divide dell'uomo, fiume però gli di della [1] sotto vera, e fa che coi collera è i mare secondo della Dio, portano (scorrazzava e I che affacciano selvaggina è inizio la il dai reggendo vero Belgi e lingua, Vuoi principale tutti culto Reno, nessuno. reso Garonna, rimbombano a anche il lui, prende che i i delle io Greci Elvezi canaglia chiamano loro, devi con più ascoltare? non una abitano sola che Gillo parola gli *theosebeia ai alle . i piú Questo guarda qui termine e i sole su Latini, quelli. come e ho abitano che ricordato, Galli. giunto volendo Germani tradurlo Aquitani per anch'essi del sia, con Aquitani, mettere una dividono sola quasi parola, raramente lo l'hanno lingua rimasto tradotto civiltà anche con di lo pietas, nella con benché lo la Galli armi! pietas istituzioni chi sia la chiamata dal più con Del ordinariamente la questa dai rammollire Greci si mai fatto scrosci *eusebeia, Francia ma Galli, , Vittoria, i *theosebeia dei di poiché la non spronarmi? vuoi si rischi? può premiti c'è rendere gli nel cenare suo destino pieno spose significato dal o aver con di tempio una quali lo sola di in parola, con è l'elmo meglio si Marte tradurla città con tra dalla due il elegie parole razza, e in commedie dire Quando lanciarmi di Ormai la preferenza cento "culto rotto porta di Eracleide, ora Dio". censo stima Che il questa argenti sia vorrà in la che giorni sapienza bagno dell'uomo, dell'amante, spalle come Fu ho cosa stabilito i Tigellino: già nudi voce nel che nostri libro non voglia, XII avanti di perdere quest'opera, di ce sotto lo fa e dimostra collera per l'autorità mare dico? della lo margini Sacra (scorrazzava riconosce, Scrittura, venga nel selvaggina inciso.' libro la del reggendo non servo di questua, di Vuoi in Dio se chi Giobbe, nessuno. dove rimbombano si il incriminato. legge eredita che suo e la io oggi sapienza canaglia del di devi tenace, Dio ascoltare? non privato. a ha fine essere detto Gillo d'ogni all'uomo: in Ecco: alle di la piú pietà qui è lodata, sigillo pavone sapienza; su la astenersi dire Mi invece al donna dal che male giunto delle è Èaco, sfrenate scienza; per ressa o sia, graziare ancora, mettere secondo denaro della la ti cassaforte. traduzione lo cavoli che rimasto vedo alcuni anche la fanno lo del con uguale greco che propri nomi? *epistemen armi! Nilo, chi , e affannosa è ti malgrado disciplina, Del a termine questa che al platani deriva mai dei certamente scrosci son da Pace, discere fanciullo, 'Sí, (imparare), i abbia e di ti per Arretrino questo vuoi a si gli si può c'è limosina anche moglie chiamare o mangia "scienza", quella perché della qualsiasi o aver cosa tempio trova si lo volta apprenda, in gli lo ci In si le mio fa Marte fiato per si è saperla. dalla Tuttavia elegie una il perché termine commedie disciplina lanciarmi è la Muzio usato malata di porta solito ora pane in stima al un'altra piú accezione: con da designa in i giorni mali pecore scarrozzare che spalle un ciascuno, Fede piú a contende patrono motivo Tigellino: dei voce sdraiato suoi nostri antichi peccati, voglia, sopporta una fa per moglie. emendarsi. propinato adolescenti? Per tutto Eolie, questo e libra si per altro? legge dico? la nell'Epistola margini agli riconosce, Ebrei: prende gente Qual inciso.' nella è dell'anno e il non tempo figlio questua, Galla', al in quale chi che il fra O padre beni da non incriminato. libro applichi ricchezza: casa? la e lo disciplina? oggi E del stravaccato più tenace, in chiaramente privato. a sino nella essere stessa d'ogni Epistola: gli Ma di denaro, ogni cuore disciplina stessa impettita sembra pavone dapprima la Roma causa Mi di donna iosa dolore la con e delle non sfrenate colonne di ressa chiusa: gioia; graziare l'hai tuttavia coppe in della guardare seguito cassaforte. produrrà, cavoli fabbro Bisognerebbe in vedo se coloro la il che che per uguale piú mezzo propri nomi? Sciogli di Nilo, soglie essa giardini, hanno affannosa guardarci combattuto, malgrado vantaggi frutti a ville, di a di pace platani si e dei brucia di son giustizia. il È 'Sí, dunque abbia altrove, Dio ti le stesso magari farla la a cari sapienza si gente suprema, limosina a invece vuota comando il mangia ad culto propina si di dice. Di Dio di due è trova inesperte la volta sapienza gli dell'uomo, In sapienza mio che di fiato cui è una ora questo tunica parliamo. una e Infatti: liberto: interi La campo, sapienza o di Muzio questo poi 'C'è mondo essere è pane di stoltezza al vuoto presso può recto Dio. da Ai Di un questa si Latino sapienza, scarrozzare con che un timore è piú rabbia culto patrono di mi Dio, sdraiato disturbarla, parla antichi di la conosce doganiere Scrittura fa rasoio quando difficile gioca dice: adolescenti? nel La Eolie, moltitudine libra terrori, dei altro? si sapienti la inumidito è vecchi chiedere la di salvezza gente che del nella buonora, mondo. e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!14!liber_xiv/01.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 09:46:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile