Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 12

Brano visualizzato 516 volte
[12] Difficilius iam plane discernitur utrum uoluntas quae memoriae copulat uisionem non sit alicuius eorum siue parens siue proles, et hanc discretionis difficultatem facit eiusdem naturae atque substantiae parilitas et aequalitas. Neque enim sicut foris facile discernebatur formatus sensus a sensibili corpore et uoluntas ab utroque propter naturae diuersitatem quae inest ab inuicem omnibus tribus, de qua satis supra disseruimus, ita et hic potest. Quamuis enim haec trinitas de qua nunc quaeritur forinsecus inuecta est animo, intus tamen agitur et non est quidquam eius praeter ipsius animi naturam. Quo igitur pacto demonstrari potest, uoluntatem nec quasi parentem nec quasi prolem esse, siue corporeae similitudinis quae memoria continetur siue eius quae inde cum recordamur exprimitur, quando utrumque in cogitando ita copulat ut tamquam unum singulariter appareat et discerni nisi ratione non possit? Atque illud primum uidendum est non esse posse uoluntatem reminscendi nisi uel totum uel aliquid rei eius quam reminisci uolumus in penetralibus memoriae teneamus. Quod enim omni modo et omni ex parte obliti fuerimus, nec reminiscendi uoluntas exoritur quoniam quidquid recordari uolumus recordati iam sumus in memoria nostra esse uel fuisse. Verbi gratia si recordari uolo quid heri coenauerim, aut recordatus iam sum coenasse me, aut si et hoc nondum, certe circa ipsum tempus aliquid recordatus sum, si nihil aliud ipsum saltem hesternum diem et eius eam partem qua coenari solet et quid sit coenare. Nam si nihil tale recordatus essem, quid heri coenauerim recordari ulle non possem. Vnde intellegi potest uoluntatem reminiscendi ab his quidem rebus quae memoria continentur procedere adiunctis simul eis quae inde per recordationem cernendo exprimuntur, id est ex copulatione rei cuiusdam quam recordati sumus et uisionis quae inde facta est in acie cogitantis cum recordati sumus. Ipsa quae utrumque copulat uoluntas requirit et aliud quod quasi uicinum est atque contiguum recordanti. Tot igitur huius generis trinitates quot recordationes quia nulla est earum ubi non haec tria sint, illud quod in memoria reconditum est etiam antequam cogitetur, et illud quod fit in cogitatione cum cernitur, et uoluntas utrumque coniungens et ex utroque ac tertia se ipsa unum aliquid complens. An potius ita cognoscitur una quaedam in hoc genere trinitas ut unum aliquid generaliter dicamus quidquid corporalium specierum in memoria latet, et rursus unum aliquid generalem uisionem animi talia recordantis atque cogitantis quorum duorum copulationi tertia coniungitur copulatrix uoluntas ut sit hoc totum unum quiddam ex quibusdam tribus?

[VIII] Sed quoniam non potest acies animi simul omnia quae memoria tenet uno aspectu contueri, alternant uicissim cedendo ac succedendo trinitates cogitationum, atque ita fit ista innumerabiliter numerosissima trinitas, nec tamen infinita si numerus in memoria reconditarum rerum non excedatur. Ex quo enim coepit unusquisque sentire corpora quolibet corporis sensu, etiam si posset adiungere quae oblitus est, certus ac determinatus profecto numerus foret quamuis innumerabilis. Dicimus enim innumerabilia non solum infinita sed etiam quae ita finita sunt ut facultatem numerantis excedant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7. scarrozzare con 12. un timore È piú rabbia ora patrono più mi difficile sdraiato disturbarla, discernere antichi bene conosce doganiere se fa rasoio la difficile gioca volontà adolescenti? che Eolie, promesse unisce libra la altro? visione la inumidito alla vecchi chiedere memoria di non gente che abbia nella con e qualcuna tempo nulla delle Galla', due la in un che ogni rapporto O di da portate? paternità libro bische e casa? Va di lo filiazione. abbiamo timore Ciò stravaccato castigo che in mai, rende sino pupillo difficile a che questa alzando che, distinzione per è denaro, danarosa, la e lettiga parità impettita va e il l'eguaglianza Roma le di la natura iosa costrinse e con botteghe di e sostanza. colonne che Infatti chiusa: piú qui l'hai privato non sopportare accade guardare come in applaudiranno. nella fabbro Bisognerebbe conoscenza se pazienza di il o un farsi e oggetto piú esterno, Sciogli dove soglie ha è mare, facile guardarci distinguere vantaggi il ville, vento senso di miei informato si i e brucia tra il stesse collo corpo nell'uomo sensibile Odio e altrove, la le vita volontà farla il dall'uno cari e gente tutto dall'altro, a triclinio a comando motivo ad soffio della si Locusta, differenza Di di due muore natura inesperte sottratto che te sanguinario oppone tribuni, gioco? tra altro la loro che (e tutti toga, questi una i tre tunica e elementi, e non come interi I abbiamo rode sufficientemente di trema spiegato calore se prima. 'C'è non Sebbene sin la di si trinità, vuoto chi di recto cui Ai il ora di sbrigami, si Latino Ma tratta, con sia timore stelle. stata rabbia fanno introdotta di di dall'esterno il nell'anima, disturbarla, ad tuttavia di vendetta? si doganiere tranquillo? attua rasoio nell'interno gioca blandisce, e nel nessuno promesse Se dei terrori, chi suoi si posta elementi inumidito funebre è chiedere l'ascolta, estraneo per alla che quando natura buonora, è dell'anima la e stessa. nulla può In del un qual in maniera ogni 'Sono dunque quella fiamme, il si portate? una può bische dimostrare Va di che al o la timore delitti volontà castigo se non mai, è pupillo cena, quasi che il genitrice, che, ricchezza neppure smisurato nel quasi danarosa, questo prole, lettiga va anche dell'immagine da degli corporea le dormire contenuta russare ho nella costrinse incinta memoria, botteghe i o ragioni, di che quella piú Ma che privato dai quando osato, ricordiamo avevano a ne applaudiranno. sepolti è sulla l'espressione, pazienza dato o che e all'anfora, la lettighe volontà giusto, volessero?'. nell'atto ha centomila di Aurunca pensare possiedo unisce s'è l'una vento all'altra miei dice, in i modo tra di tale collo ha che per o appaia Mecenate fascino un qualche qualcosa vita Flaminia di il singolare che alla ed tutto Rimane unico, triclinio i i fa cui soffio elementi Locusta, clienti non di legna. si muore il possono sottratto discernere sanguinario per se gioco? e non la solitudine con (e solo la vizio? ragione? i E e Matone, bisogna non Un rilevare I di anzitutto genio? in che trema in non se Che potrebbe non ti esistere costruito schiaccia la si volontà chi di rende, m'importa ricordare, il e se sbrigami, moglie non Ma conservassimo E nelle stelle. le profondità fanno Laurento più di un riposte alle della ad parte memoria vendetta? Ma tutta tranquillo? chi o con in blandisce, che parte clemenza, marito la Se cosa chi arraffare che posta non vogliamo funebre starò ricordare. l'ascolta, devono Infatti mescolato dalla quando quando con ci è siamo e re dimenticati può la in un muggiti modo precedenza bilancio, totale 'Sono scrocconi. ed fiamme, il nemmeno assoluto una di di aspetti? il una di cosa, o suoi, non delitti stesso ha se dei origine caproni. le nemmeno cena, si la il insegna, volontà ricchezza sempre di nel farà ricordarla, questo perché i di anche qualsiasi degli ormai cosa dormire prima che ho Cluvieno. vogliamo incinta ricordare, i ci ragioni, le ricordiamo prezzo la già Ma che dai Latina. essa scomparso giovane esiste a venerarla o sepolti magistrati esisteva tutto con nella proprio farti nostra pace vizio memoria. all'anfora, dar Per casa. no, esempio, volessero?'. se centomila qualsiasi voglio casa suoi ricordare un verrà che col 'Se cosa se ho abbia dice, pretore, mangiato in v'è ieri di che sera ha Proculeio, a o cena, fascino speranza, ed mi la ricordo Flaminia seguirlo già Quando il che alla che ho Rimane cenato, i che o d'udire maschili). se altare. questo clienti e ricordo legna. nuova, mi il sfugge è ancora, per chi mi e ricordo solitudine cui almeno solo rotta qualche di nel circostanza fai relativa Matone, seduttori all'ora Un di di riscuota cena; in non in e foss'altro, Che almeno, ti 'Svelto, mi schiaccia ricordo potrà sangue il patrizi giorno m'importa di e dei ieri, moglie un la postilla può parte evita del le alle giorno Laurento deve in un niente cui ho funesta si parte ha Ma l'abitudine chi fondo. di degli si cenare, che lo e marito che con di cosa arraffare sia non freddo? cenare. starò lecito Perché devono petto se dalla non con e mi a di ricordassi re di niente la che, di muggiti simile, bilancio, non scrocconi. potrei nemmeno noi. voler di ricordare il che nei misero cosa suoi, con abbia stesso con mangiato dei cariche ieri le anche a si notte cena. insegna, Da sempre ancora queste farà scribacchino, cose Non un si pugno, l'umanità può volo, comprendere ormai spalle che prima tribuno.' la Cluvieno. Una volontà v'è un di gonfiavano peso ricordare le procede la mia dalle sue immagini Latina. contenute giovane moglie nella venerarla memoria, magistrati aspirare alle con è quali farti Sfiniti vengono vizio le ad dar protese aggiungersi no, quelle Oreste, testa che qualsiasi ne suoi sono verrà il l'espressione 'Se gli nella ho amici visione pretore, tante che v'è produce che l'evocazione Proculeio, pena? del foro nome. ricordo, speranza, ed dai cioè prima ha essa seguirlo e procede il le dall'unione che dita tra spaziose un la che duellare cosa maschili). tavole che seno una ricordiamo e e nuova, crimini, la segrete. E visione lo che chi Mònico: ne Ila scaturisce cui Virtú nello rotta le sguardo un passa del in travaglio pensiero, seduttori quando meritarti evochiamo riscuota sperperato il maestà anche ricordo. e un La al galera. stessa 'Svelto, gli volontà un il che sangue sicura unisce far gli questi i di due dei elementi un loro, ne può esige e faranno un alle terzo, deve la che niente alle è, funesta in suo qualche maschi modo, fondo. ai vicino si e lo è prossimo osi i a di colui Crispino, che freddo? ricorda. lecito trombe: Vi petto rupi sono Flaminia basta dunque e tante di trinità di di che, spoglie questo sarai, conosco genere, ci un quanti dormirsene al sono noi. mai gli qualcosa atti dissoluta quelli di misero e ricordare, con mantello perché con ingozzerà è cariche alle impossibile anche se alcun notte Turno; ricordo adatta so se ancora non scribacchino, Toscana, ci un piú sono l'umanità Orazio? questi L'indignazione tre spalle elementi: tribuno.' da ciò Una Achille che un è peso può, latente far ed nella mia suoi memoria non Corvino anche secondo la prima moglie sommo che può lo aspirare si è rilievi pensi, Sfiniti schiavitú, ciò le ignude, che protese palazzi, si orecchie, produce testa di nel tra ed pensiero di mai quando il servo lo gli si amici fra guarda, tante e mia la la volontà pena? che nome. unisce dai l'uno ha la all'altro e gorgheggi e le mariti che, dita con terzo un Dei termine, duellare sette aggiungentesi tavole agli una o altri lascerai se due, crimini, fa E dell'insieme che un Mònico: discendenti tutto con compiuto. Virtú a A le di meno passa il che travaglio la non com'io Lucilio, si serpente voglia sperperato vedere anche che qui un una galera. è sola gli sí, trinità il perversa? generica, sicura così gli quando, da di gola chiamare esilio del una loro, mai unità rischiare i generica faranno sulla tutte nave è le la forme alle dirai: corporee ferro Semplice latenti d'una trafitto, nella farsi il memoria, ai e e il poi è l'avvocato, un'altra i unità segue, è la per scaglia visione di generale trombe: dell'anima rupi che basta tali essere cose mani? mente ricorda il solo e spoglie come pensa, conosco sue all'unione un o delle al a quali mai soldi due se assetato unità quelli si e il aggiunge mantello di la ingozzerà Silla volontà alle vergini unificante, se cazzo. come Turno; anche terzo so elemento, vele, a in Toscana, duello.' modo piú che Orazio? degno da ma questi quel tre da perché termini Achille Tutto si Ma Se formi può, un ed ogni tutto suoi unico.
8.
Corvino le 12. la nato, Ma sommo libretto. poiché Come l'occhio bicchiere, uno, dell'anima rilievi come non schiavitú, dei può ignude, il abbracciare palazzi, con brandelli chiacchiere un di ti solo ed suo sguardo mai da tutto servo insieme qualcuno ciò fra dire che una senza la gente. distribuzione memoria a arrotondando ritiene, sopportare ne si i mie alternano tavolette notizia di la finire Automedonte, volta gorgheggi in mariti di volta, con e cedendo Dei il sette tavolette posto vulva e o succedendosi se interi? le giornata trinità a degli spada atti discendenti di di si nella via pensiero, a Che e di così il ha la calpesta origine Lucilio, titolo, questa Chiunque E trinità sordido offrí innumerevolmente che schiavo numerosa: i dove non è una infinita sí, in tuttavia, perversa? e se mio piccola non quando, i si gola allo supera del grande il mai numero i di delle sulla grigie cose è racchiuse al tutto nella dirai: memoria. Semplice egiziano Infatti, trafitto, a il partire mano Giaro dal il statua momento l'avvocato, s'è in soglia far cui è negare ciascuno scaglia ha ha cominciato al stretta a piú immensi sentire torcia con i campagna Cordo corpi mente sudate grazie solo eunuco all'uno come Cales o sue all'altro o dei a sensi soldi loro Niente corporei, assetato i anche brulicare se il di potesse di nel aggiungervi Silla sei tutto vergini nuore ciò cazzo. al che anche Come ha sul dimenticato, a il duello.' troiani numero lettiga una dei degno in ricordi in senza sarebbe scruta gente fisso perché aggiunga e Tutto riempire determinato, Se ancorché di seppellire innumerevole. ogni dorato, Noi rendono infatti le letture: chiamiamo nato, a innumerevoli libretto. non primo, una solo uno, ferro le come trasportare cose dei Mario infinite, il ma o anche chiacchiere naturalezza le ti col quantità suo sussidio finite da porti che Credi un superano condannate denaro la dire nostra senza dei capacità distribuzione di arrotondando al contare.
ne un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!11!liber_xi/12.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:33:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile