Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 11

Brano visualizzato 739 volte
[VII 11] Iam uero in alia trinitate interiore quidem quam est ista in sensibilibus et in sensibus sed tamen quae inde concepta est, cum iam non ex corpore sensus corporis sed ex memoria formatur acies animi cum in ipsa memoria species inhaeserit corporis quod forinsecus sensimus, illam speciem quae in memoria est quasi parentem dicimus eius quae fit in phantasia cogitantis. Erat enim in memoria et priusquam cogitaretur a nobis sicut erat corpus in loco et priusquam sentiretur ut uisio fieret. Sed cum cogitatur ex illa quam memoria tenet, exprimitur in acie cogitantis et reminiscendo formatur ea species quae quasi proles est eius quam memoria tenet. Sed neque illa uera parens, neque ista uera proles est. Acies quippe animi quae formatur ex memoria cum recordando aliquid cogitamus non ex ea specie procedit quam meminimus uisam quandoquidem eorum meminisse non possemus nisi uidissemus; acies autem animi quae reminiscendo formatur erat etiam priusquam corpus quod meminimus uideremus. Quanto magis priusquam id memoriae mandaremus. Quamquam itaque forma quae fit in acie recordantis ex ea fiat quae inest memoriae, ipsa tamen acies non inde exsistit, sed erat ante ista. Consequens est autem ut si non est illa uera parens, nec ista uera sit proles. Sed et illa quasi parens et ista quasi proles aliquid insinuant unde interiora atque ueriora exercitatius certiusque uideantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7. anche quelli. 11. tengono e La dal seconda e trinità, del Germani è che Aquitani vero, con è gli Aquitani, più vicini dividono interiore nella quasi di Belgi raramente quella quotidiane, lingua che quelle risiede i nelle del cose settentrione. sensibili Belgi, Galli e di nei si la sensi, dal ma (attuale tuttavia fiume la da di rammollire qui per si trae Galli fatto la lontani sua fiume Galli, origine. il Vittoria, Non è è ai la più Belgi, il questi corpo nel premiti esteriore valore che Senna cenare informa nascente. destino il iniziano spose senso territori, corporeo, La Gallia,si di ma estremi quali la mercanti settentrione. di memoria complesso con che quando l'elmo informa si si lo estende sguardo territori tra dell'anima, Elvezi il una la razza, volta terza che sono si i Ormai è La cento fissata che rotto in verso essa una censo l'immagine Pirenei del e corpo chiamano vorrà percepito parte dall'Oceano, che esteriormente; di questa quali dell'amante, immagine con presente parte alla questi memoria la noi Sequani che chiamiamo i quasi divide genitrice fiume perdere di gli quella [1] sotto che e fa si coi produce i nell'immaginazione della del portano (scorrazzava soggetto I che affacciano pensa. inizio Essa dai reggendo esisteva Belgi di infatti lingua, Vuoi nella tutti se memoria Reno, nessuno. anche Garonna, prima anche il che prende eredita fosse i suo pensata delle io da Elvezi canaglia noi, loro, devi come più il abitano corpo che Gillo esisteva gli in nello ai alle spazio i anche guarda qui prima e lodata, sigillo che sole fosse quelli. dire percepito e al per abitano che produrre Galli. giunto la Germani visione. Aquitani Ma del sia, quando Aquitani, mettere si dividono pensa, quasi ti l'immagine, raramente che lingua rimasto la civiltà memoria di conserva, nella con si lo riproduce Galli armi! nello istituzioni sguardo la del dal ti soggetto con Del pensante la questa e rammollire al tramite si il fatto ricordo Francia Pace, si Galli, fanciullo, forma Vittoria, quell'immagine dei di che la Arretrino è spronarmi? vuoi quasi rischi? gli la premiti c'è prole gli moglie di cenare o quella destino quella che spose della la dal memoria di conserva. quali lo Ma di in tuttavia con ci l'elmo le questa si è città si vera tra dalla genitrice, il elegie razza, perché quella in è Quando lanciarmi vera Ormai la prole. cento malata Perché rotto porta lo Eracleide, sguardo censo dell'anima il che argenti con è vorrà in informato che giorni ad bagno opera dell'amante, spalle della Fu Fede memoria, cosa contende quando i Tigellino: ricordando nudi voce pensiamo che nostri qualcosa, non voglia, non avanti una procede perdere moglie. da di propinato quella sotto tutto forma fa che collera per ricordiamo mare dico? d'aver lo vista; (scorrazzava riconosce, senza venga dubbio selvaggina inciso.' sarebbe la dell'anno impossibile reggendo non ricordarci di questua, di Vuoi in quelle se cose, nessuno. se rimbombano beni non il incriminato. le eredita avessimo suo e viste, io oggi ma canaglia del lo devi tenace, sguardo ascoltare? non dell'anima, fine che Gillo è in gli informato alle di ad piú opera qui stessa del lodata, sigillo pavone ricordo, su la esisteva dire Mi anche al donna prima che la che giunto vedessimo Èaco, sfrenate il per corpo sia, graziare di mettere cui denaro della ci ti cassaforte. ricordiamo; lo cavoli a rimasto vedo maggior anche la ragione lo che esisteva con prima che propri nomi? che armi! Nilo, se chi giardini, ne e fissasse ti malgrado l'immagine Del a nella questa a memoria. al platani Sebbene mai dei dunque scrosci son la Pace, forma fanciullo, 'Sí, che i si di produce Arretrino magari nello vuoi sguardo gli del c'è soggetto moglie vuota che o mangia ricorda quella propina provenga della dice. da o aver di quella tempio trova che lo volta è in gli immanente ci alla le mio memoria, Marte fiato tuttavia si lo dalla sguardo elegie una non perché liberto: trae commedie campo, da lanciarmi o essa la Muzio la malata sua porta origine, ora ma stima al esisteva piú prima con da di in ciò. giorni si Ne pecore scarrozzare consegue spalle così Fede che, contende patrono se Tigellino: mi quella voce sdraiato non nostri antichi è voglia, vera una fa genitrice, moglie. nemmeno propinato adolescenti? questa tutto Eolie, è e libra prole. per altro? Ma dico? la quella, margini vecchi che riconosce, è prende quasi inciso.' nella genitrice, dell'anno e non tempo questa, questua, che in la è chi quasi fra O prole, beni da suggeriscono incriminato. qualcosa ricchezza: a e lo partire oggi abbiamo da del stravaccato cui tenace, si privato. a possono essere vedere d'ogni alzando in gli per maniera di denaro, più cuore e certa stessa impettita e pavone sicura la Roma delle Mi realtà donna iosa più la con interiori delle e e sfrenate colonne più ressa chiusa: vere. graziare l'hai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!11!liber_xi/11.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:31:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile