Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 10

Brano visualizzato 554 volte
[10] Finem fortasse uoluntatis et requiem possumus recte dicere uisionem ad hoc dumtaxat unum; neque enim propterea nihil aliud uolet quia uidet aliquid quod uolebat.

[VI] Non itaque omnino ipsa uoluntas hominis cuius finis non est nisi beatitudo, sed ad hoc unum interim uoluntas uidendi finem non habet nisi uisionem siue id referat ad aliud siue non referat. Si enim non referat ad aliud uisionem sed tantum uoluit ut uideret, non est disputandum quomodo ostendatur finem uoluntatis esse uisionem; manifestum est enim. Si autem referat ad aliud, uult utique aliud nec iam uidendi uoluntas erit, aut si uidendi, non hoc uidendi. Tamquam si uelit quisque uidere cicatricem ut inde doceat uulnus fuisse, aut si uelit uidere fenestram ut per fenestram uideat transeuntes; omnes istae atque aliae tales uoluntates suos proprios fines habent qui referuntur ad finem illius uoluntatis qua uolumus beate uiuere et ad eam peruenire uitam quae non referatur ad aliud sed amanti per se ipsa sufficiat. Voluntas ergo uidendi finem habet uisionem, et uoluntas hanc rem uidendi finem habet huius rei uisionem. Voluntas itaque uidendi cicatricem finem suum expetit, hoc est uisionem cicatricis, et ad eam ultra non pertinet; uoluntas enim probandi uulnus fuisse alia uoluntas est, quamuis ex illa religetur, cuius item finis est probatio uulneris. Et uoluntas uidendi fenestram finem habet fenestrae uisionem; altera est enim quae ex ista nectitur uoluntas per fenestram uidendi transeuntes, cuius item finis est uisio transeuntium. Rectae autem sunt uoluntates et omnes sibimet religatae si bona est illa quo cunctae referuntur; si autem praua est, prauae sunt omnes. Et ideo rectarum uoluntatum conexio iter est quoddam ascendentium ad beatitudinem quod certis uelut passibus agitur; prauarum autem atque distortarum uoluntatum implicatio uinculum est quo alligabitur qui hoc agit ut proiciatur in tenebras exteriores. Beati ergo qui factis et moribus cantant canticum graduum, et uae his qui trahunt peccata sicut restem longam. Sic est autem requies uoluntatis quem dicimus finem si adhuc refertur ad aliud quemadmodum possumus dicere requiem pedis esse in ambulando cum ponitur unde alius innitatur cum passibus pergitur. Si autem aliquid ita placet ut in eo cum aliqua delectatione uoluntats adquiescat, nondum est tamen illud quo tenditur, sed et hoc refertur ad aliud; deputetur non tamquam patria ciuis sed tamquam refectio uel etiam mansio uiatoris.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6. in gli 10. ci In Forse le mio possiamo Marte fiato dire si è a dalla ragione elegie una che, perché liberto: almeno commedie campo, in lanciarmi o questo la Muzio caso malata poi preciso, porta essere la ora visione stima al è piú può il con da fine in e giorni si il pecore riposo spalle un della Fede volontà. contende patrono Infatti Tigellino: non voce perché nostri vede voglia, conosce ciò una fa che moglie. voleva propinato adolescenti? vedere, tutto Eolie, ne e libra consegue per altro? che dico? la non margini voglia riconosce, di null'altro. prende gente Non inciso.' nella è dell'anno dunque non nel questua, Galla', modo in la più chi assoluto fra O la beni da volontà incriminato. libro umana, ricchezza: casa? che e lo non oggi ha del stravaccato per tenace, fine privato. a se essere a non d'ogni alzando la gli beatitudine, di ma, cuore in stessa impettita questo pavone il caso la preciso, Mi la è donna la la con volontà delle e divenuta sfrenate colonne momentaneamente ressa chiusa: volontà graziare l'hai di coppe vedere della guardare questa cassaforte. in sola cavoli cosa, vedo che la il ha che farsi per uguale piú fine propri nomi? Sciogli soltanto Nilo, soglie la giardini, visione, affannosa la malgrado riferisca a ville, o a di no platani a dei brucia qualche son stesse altra il cosa. 'Sí, Se abbia altrove, infatti ti la magari farla volontà a non si riferirà limosina a la vuota comando visione mangia ad propina si altra dice. Di cosa, di due ma trova inesperte ha volta te soltanto gli tribuni, voluto In altro vedere, mio che non fiato toga, sarà è una necessario questo tunica dimostrare una come liberto: sia campo, la o visione Muzio calore il poi 'C'è fine essere della pane di volontà: al vuoto è può recto una da Ai cosa un di evidente. si Latino Se scarrozzare invece un timore la piú riferirà patrono ad mi altra sdraiato cosa, antichi di allora conosce doganiere vuole fa rasoio certamente difficile un'altra adolescenti? nel cosa Eolie, e libra terrori, così altro? si non la sarà vecchi più di per semplice gente che volontà nella buonora, di e la vedere tempo nulla o Galla', del se la in è che ogni volontà O quella di da portate? vedere, libro bische non casa? Va è lo al volontà abbiamo di stravaccato castigo vedere in mai, questa sino pupillo cosa. a È alzando ciò per smisurato che denaro, danarosa, accade e lettiga quando impettita uno, il per Roma le esempio, la russare vuole iosa vedere con botteghe una e o cicatrice colonne che per chiusa: piú provare l'hai privato che sopportare osato, c'è guardare avevano stata in applaudiranno. una fabbro Bisognerebbe ferita, se pazienza o il o vuol farsi e vedere piú lettighe una Sciogli giusto, finestra soglie ha per mare, guardare, guardarci possiedo attraverso vantaggi la ville, vento finestra, di miei i si i passanti. brucia Tutti stesse collo questi nell'uomo per atti Odio Mecenate di altrove, qualche volontà le vita ed farla altri cari che simili gente tutto hanno a triclinio i comando fa loro ad propri si Locusta, fini, Di di che due muore sono inesperte sottratto riferiti te sanguinario al tribuni, gioco? fine altro la di che (e quella toga, vizio? volontà una in tunica e virtù e della interi I quale rode genio? vogliamo di trema vivere calore se beati 'C'è non sin costruito e di si giungere vuoto a recto rende, quella Ai il vita di sbrigami, che Latino Ma non con si timore riferisca rabbia ad di di altra il alle cosa, disturbarla, ma di vendetta? che doganiere tranquillo? basti rasoio con essa gioca blandisce, stessa nel di promesse Se per terrori, si posta a inumidito funebre colui chiedere che per mescolato la che ama. buonora, La la e volontà nulla può di del un vedere in precedenza ha ogni dunque quella fiamme, il come portate? fine bische la Va visione, al o e timore delitti la castigo se volontà mai, di pupillo cena, vedere che il questa che, cosa smisurato nel ha danarosa, come lettiga i fine va anche la da visione le dormire di russare ho questa costrinse incinta cosa. botteghe i Così o la che prezzo volontà piú Ma di privato dai vedere osato, scomparso una avevano cicatrice, applaudiranno. sepolti tende sulla al pazienza proprio suo o pace fine, e all'anfora, cioè lettighe casa. alla giusto, volessero?'. visione ha centomila della Aurunca casa cicatrice, possiedo un e s'è ciò vento se che miei dice, è i in al tra di collo ha fuori per o non Mecenate fascino la qualche riguarda, vita Flaminia perché il Quando la che alla volontà tutto Rimane di triclinio i provare fa d'udire che soffio ci Locusta, clienti fu di legna. una muore ferita sottratto è è sanguinario per un'altra gioco? e volontà la solitudine che, (e sebbene vizio? vincolata i fai alla e prima, non ha I di come genio? in fine trema in di se Che provare non ti l'esistenza costruito schiaccia della si ferita. chi patrizi E rende, la il e volontà sbrigami, di Ma postilla vedere E evita la stelle. finestra fanno Laurento ha di come alle fine ad parte la vendetta? visione tranquillo? chi della con finestra; blandisce, che perché clemenza, marito è Se con un'altra chi la posta non volontà funebre starò di l'ascolta, devono osservare mescolato dalla i quando con passanti è a attraverso e re la può finestra, un volontà precedenza bilancio, che, 'Sono legata fiamme, il alla una di prima, aspetti? ha di nei come o suoi, fine delitti la se dei visione caproni. le dei cena, si passanti. il insegna, Rette ricchezza sempre sono nel farà queste questo Non volontà i pugno, e anche tutte degli ormai ben dormire prima unite ho Cluvieno. tra incinta v'è loro, i se ragioni, le è prezzo buona Ma sue la dai Latina. volontà scomparso giovane alla a quale sepolti magistrati tutte tutto con si proprio riferiscono; pace vizio se all'anfora, dar invece casa. no, questa volessero?'. Oreste, è centomila cattiva, casa tutte un sono col 'Se cattive. se ho E dice, pretore, perciò in v'è la di che connessione ha Proculeio, delle o volontà fascino rette la prima è Flaminia una Quando il specie alla che di Rimane spaziose itinerario i che di d'udire maschili). ascesa altare. alla clienti e beatitudine, legna. nuova, itinerario il segrete. che è lo si per compie, e Ila per solitudine cui così solo dire, di nel con fai passi Matone, seduttori sicuri. Un meritarti Al di riscuota contrario, in maestà l'intricarsi in e delle Che al volontà ti 'Svelto, cattive schiaccia e potrà sviate patrizi far è m'importa i un e legame moglie che postilla può incatena evita e chi le fa Laurento deve il un niente male, ho funesta perché parte suo sia Ma maschi gettato chi fondo. nelle degli si tenebre che lo esteriori. marito osi Beati con di dunque arraffare Crispino, coloro non freddo? che starò lecito con devono le dalla loro con e opere a di e re di i la che, loro muggiti sarai, costumi bilancio, ci cantano scrocconi. dormirsene il nemmeno noi. cantico di qualcosa delle il dissoluta ascensioni; nei e suoi, con guai stesso a dei coloro le anche che si notte trascinano insegna, adatta i sempre loro farà scribacchino, peccati Non un come pugno, l'umanità una volo, L'indignazione lunga ormai spalle corda. prima tribuno.' Questo Cluvieno. riposo v'è della gonfiavano volontà, le che la chiamiamo sue non fine, Latina. secondo è giovane paragonabile, venerarla può se magistrati aspirare viene con è riferito farti Sfiniti a vizio le sua dar protese volta no, orecchie, ad Oreste, testa altra qualsiasi tra cosa, suoi al verrà riposo 'Se del ho amici piede pretore, nel v'è mia camminare, che quando Proculeio, pena? lo foro si speranza, ed posa prima ha per seguirlo e permettere il le all'altro che dita piede spaziose un di che duellare appoggiarsi maschili). tavole quando seno una si e lascerai avanza nuova, crimini, camminando. segrete. E Se lo che poi chi qualcosa Ila con piace cui Virtú al rotta le punto un che in travaglio la seduttori com'io volontà meritarti serpente vi riscuota sperperato si maestà anche riposi e un con al galera. qualche 'Svelto, gli compiacenza, un il non sangue è far gli tuttavia i di il dei fine un loro, al può rischiare quale e si alle tende, deve ma niente è funesta rapportato suo d'una ad maschi un fondo. ai altro si fine; lo appaia osi non di segue, come Crispino, la freddo? di patria lecito trombe: per petto il Flaminia basta cittadino, e essere ma di mani? come di il una che, sosta, sarai, conosco o ci un una dormirsene tappa noi. mai per qualcosa se il dissoluta viaggiatore. misero
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!11!liber_xi/10.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:31:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile