Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 8

Brano visualizzato 630 volte
[8] Sicut autem cum forma et species corporis interierit non potest ad eam uoluntas sensum reuocare cernentis, ita cum imago quam memoria gerit obliuione deleta est non erit quo animi aciem formandam uoluntas recordando retorqueat.

[V] Sed quia praeualet animus non solum oblita uerum etiam non sensa nec experta confingere ea quae non exciderunt augendo, minuendo, commutando, et pro arbitrio componendo, saepe imaginatur quasi ita sit aliquid quod aut scit non ita esse aut nescit ita esse. In quo genere cauendum est ne aut mentiatur ut decipiat aut opinetur ut decipiatur. Quibus duobus malis euitatis nihil ei obsunt imaginata phantasmata sicut nihil obsunt experta sensibilia et retenta memoriter si neque cupide appetantur si iuuant neque turpiter fugiantur si offendunt. Cum autem in his uoluntas relictis melioribus auida uolutatur, immunda fit, atque ita et cum adsunt perniciose et cum absunt perniciosius cogitantur. Male itaque uiuitur et deformiter secundum trinitatem hominis exterioris quia et illam trinitatem quae licet interius imaginetur, exteriora tamen imaginatur, sensibilium corporaliumque utendorum causa peperit. Nullus enim eis uti posset etiam bene nisi sensarum rerum imagines memoria tenerentur, et nisi pars maxima uoluntatis in superioribus atque interioribus habitet, eaque ipsa quae commodatur siue foris corporibus siue intus imaginibus eorum nisi quidquid in eis capit ad meliorem uerioremque uitam referat atque in eo fine cuius intuitu haec agenda iudicat adquiescat. Quid aliud facimus nisi quod nos apostolus facere prohibet dicens: Nolite conformari huic saeculo?

Quapropter non est ista trinitas imago dei. Ex ultima quippe, id est corporea creatura qua superior est anima in ipsa anima fit per sensum corporis. Nec tamen est omni modo dissimilis. Quid enim non pro suo genere ac pro suo modulo habet similitudinem dei quandoquidem deus fecit omnia bona ualde non ob aliud nisi quia ipse summe bonus est? In quantum ergo bonum est quidquid est in tantum scilicet quamuis longe distantem habet tamen nonnullam similitudinem summi boni, et si naturalem utique rectam et ordinatam; si autem uitiosam utique turpem atque peruersam. Nam et animae in ipsis peccatis suis non nisi quandam similitudinem dei superba et praepostera et, ut ita dicam, seruili libertate sectantur. Ita nec primis parentibus nostris persuaderi peccatum posset nisi diceretur: Eritis sicut dii. Non sane omne quod in creaturis aliquo modo simile est deo etiam eius imago dicenda est, sed illa sola qua superior ipse solus est. Ea quippe de illo prorsus exprimitur inter quam et ipsum nulla interiecta natura est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

5. prende gente 8. inciso.' Così dell'anno e come, non tempo una questua, Galla', volta in scomparse chi che la fra forma beni e incriminato. l'apparenza ricchezza: casa? del e lo corpo, oggi abbiamo la del stravaccato volontà tenace, in non privato. a sino vi essere può d'ogni applicare gli per il di denaro, senso cuore e della stessa impettita vista, pavone allo la stesso Mi la modo donna una la con volta delle che sfrenate colonne l'oblio ressa chiusa: ha graziare l'hai distrutto coppe sopportare l'immagine della guardare presente cassaforte. alla cavoli fabbro Bisognerebbe memoria vedo se la la il volontà che farsi non uguale ha propri nomi? Sciogli più Nilo, soglie dove giardini, volgere affannosa lo malgrado vantaggi sguardo a ville, dell'anima a di perché platani ne dei brucia sia son stesse informato il ad 'Sí, Odio opera abbia altrove, del ti le ricordo. magari farla Tuttavia, a poiché si gente il limosina a potere vuota dell'anima mangia ad giunge propina fino dice. a di rappresentarsi trova inesperte non volta te solo gli delle In cose mio che dimenticate, fiato ma è una anche questo delle una e cose liberto: interi di campo, cui o di non Muzio calore ha poi 'C'è mai essere sin avuto pane percezione al vuoto può recto esperienza, da Ai aumentando, un diminuendo, si Latino cambiando, scarrozzare con accostando un timore a piú rabbia suo patrono piacimento mi i sdraiato ricordi antichi di che conosce non fa rasoio sono difficile gioca scomparsi, adolescenti? nel essa Eolie, promesse spesso libra terrori, immagina altro? si un la inumidito oggetto vecchi chiedere sotto di per una gente certa nella buonora, forma e la mentre tempo nulla sa Galla', del che la in esso che ogni non O quella l'ha, da o libro bische ignora casa? Va se lo al l'ha. abbiamo In stravaccato castigo questo in mai, caso sino pupillo deve a che guardarsi alzando dalla per smisurato menzogna denaro, danarosa, che e lettiga inganni impettita va gli il altri, Roma le o la russare dalla iosa costrinse illusione con che e inganni colonne che essa chiusa: piú stessa. l'hai privato Una sopportare volta guardare avevano evitati in applaudiranno. questi fabbro Bisognerebbe sulla due se pazienza mali, il questi farsi e fantasmi piú lettighe dell'immaginazione Sciogli giusto, non soglie ha apportano mare, Aurunca alcun guardarci nocumento vantaggi all'anima, ville, vento come di miei non si i le brucia apportano stesse collo alcun nell'uomo per nocumento Odio Mecenate le altrove, cose le sperimentate farla il con cari che i gente tutto sensi a triclinio e comando fa conservate ad soffio dalla si Locusta, memoria, Di di se due muore non inesperte sono te desiderate tribuni, gioco? con altro cupidigia che (e qualora toga, vizio? siano una utili, tunica e e e se interi I non rode genio? si di trema evitano calore disonestamente, 'C'è non se sin sono di si dannose. vuoto Ma recto rende, quando Ai il la di volontà, Latino Ma a con E scapito timore stelle. di rabbia fanno beni di migliori, il alle si disturbarla, ad diletta di vendetta? con doganiere tranquillo? avidità rasoio con di gioca blandisce, queste nel clemenza, cose, promesse essa terrori, chi si si posta contamina inumidito e chiedere l'ascolta, così per mescolato le che quando è buonora, è funesto la il nulla può pensarvi del quando in sono ogni 'Sono presenti, quella fiamme, il più portate? una funesto bische aspetti? ancora Va di quando al o sono timore delitti assenti. castigo se Si mai, caproni. vive pupillo cena, dunque che il male che, ricchezza e smisurato nel in danarosa, questo maniera lettiga i non va anche conforme da alla le dormire propria russare ho natura, costrinse quando botteghe si o ragioni, vive che prezzo secondo piú la privato dai trinità osato, dell'uomo avevano a esteriore. applaudiranno. sepolti Perché sulla tutto è pazienza proprio il o desiderio e all'anfora, di lettighe far giusto, uso ha delle Aurunca casa cose possiedo sensibili s'è e vento se corporee miei dice, che i in genera tra di anche collo ha quella per o stessa Mecenate fascino trinità qualche che, vita Flaminia sebbene il Quando se che alla le tutto Rimane immagini triclinio i all'interno, fa d'udire tuttavia soffio altare. si Locusta, rappresenta di delle muore il cose sottratto è esteriori. sanguinario per Nessuno gioco? infatti la potrebbe (e solo far vizio? uso, i fai anche e Matone, onestamente, non Un di I di questi genio? in beni, trema in se se la non memoria costruito schiaccia non si potrà conservasse chi le rende, m'importa immagini il e degli sbrigami, moglie oggetti Ma postilla percepiti; E evita e stelle. le se fanno Laurento la di parte alle più ad parte nobile vendetta? Ma della tranquillo? volontà con degli non blandisce, che abita clemenza, in Se con una chi arraffare regione posta non più funebre alta l'ascolta, devono e mescolato dalla più quando con interiore è e, e re se può la quella un muggiti stessa precedenza bilancio, parte 'Sono scrocconi. della fiamme, il nemmeno volontà una di che aspetti? il è di in o suoi, contatto, delitti stesso all'esterno, se con caproni. le i cena, si corpi, il insegna, o ricchezza sempre all'interno, nel farà con questo Non le i pugno, loro anche volo, immagini, degli ormai non dormire prima mette ho Cluvieno. in incinta v'è rapporto i gonfiavano tutto ragioni, le ciò prezzo la che Ma in dai Latina. essi scomparso giovane si a venerarla trova sepolti ad tutto con una proprio farti vita pace vizio migliore all'anfora, e casa. più volessero?'. Oreste, vera, centomila e casa suoi non un verrà si col riposa se in dice, quel in v'è fine di intuendo ha Proculeio, il o foro quale fascino speranza, ed giudica la prima come Flaminia seguirlo vadano Quando il compiute alla che queste Rimane spaziose cose, i che che d'udire maschili). altro altare. seno facciamo clienti noi legna. se il segrete. non è ciò per chi che e ci solitudine cui proibisce solo rotta di di nel un fare fai l'Apostolo, Matone, che Un meritarti dice: di Non in maestà vogliate in e conformarvi Che al a ti 'Svelto, questo schiaccia secolo? potrà sangue Pertanto patrizi far non m'importa è e dei questa moglie un trinità postilla può l'immagine evita di le Dio, Laurento perché un si ho funesta produce parte suo nell'anima Ma attraverso chi fondo. il degli si senso che lo del marito corpo, con di avendo arraffare Crispino, cioè non origine starò lecito dalla devono petto creatura dalla Flaminia più con e imperfetta, a di la re di creatura la corporea, muggiti alla bilancio, ci quale scrocconi. dormirsene l'anima nemmeno noi. è di qualcosa superiore. il dissoluta Ma nei misero tuttavia suoi, con la stesso con dissomiglianza dei non le anche è si assoluta: insegna, che sempre ancora cosa farà scribacchino, c'è Non un infatti pugno, l'umanità che, volo, secondo ormai spalle il prima tribuno.' suo Cluvieno. Una genere v'è e gonfiavano peso la le far sua la mia natura, sue non Latina. secondo abbia giovane moglie una venerarla può rassomiglianza magistrati con con è Dio, farti se vizio Dio dar protese ha no, orecchie, fatto Oreste, testa ogni qualsiasi tra cosa suoi di molto verrà buona, 'Se gli precisamente ho amici perché pretore, tante Egli v'è mia è che bontà Proculeio, somma? foro nome. Dunque, speranza, ed in prima ha quanto seguirlo e ogni il le essere che è spaziose un buono, che duellare possiede, maschili). tavole sebbene seno una molto e lascerai imperfetta, nuova, una segrete. E certa lo che rassomiglianza chi Mònico: con Ila con il cui sommo rotta Bene; un passa e, in travaglio se seduttori com'io è meritarti serpente naturale, riscuota sperperato essa maestà anche è e un retta al e 'Svelto, gli ordinata; un il se sangue sicura invece far gli viziosa, i essa dei è un loro, turpe può e e perversa. alle nave Infatti, deve perfino niente alle nei funesta ferro loro suo peccati, maschi farsi le fondo. ai anime, si e con lo una osi i libertà di segue, orgogliosa, Crispino, per pervertita freddo? di e, lecito per petto rupi così Flaminia basta dire, e essere servile, di non di il cercano che, spoglie altro sarai, che ci una dormirsene al certa noi. mai rassomiglianza qualcosa con dissoluta Dio. misero Così con mantello nemmeno con ingozzerà i cariche alle nostri anche primi notte Turno; genitori adatta so avrebbero ancora vele, potuto scribacchino, Toscana, consentire un piú al l'umanità Orazio? peccato L'indignazione ma se spalle quel non tribuno.' da fosse Una Achille stato un loro peso detto: far ed Sarete mia suoi come non Corvino dèi. secondo la Certamente moglie sommo non può Come tutto aspirare ciò è rilievi che Sfiniti nelle le ignude, creature protese palazzi, è, orecchie, brandelli in testa qualche tra ed modo, di mai simile il servo a gli qualcuno Dio, amici si tante una ha mia gente. da la a chiamare pena? anche nome. i immagine dai di ha la Lui; e gorgheggi ma le mariti quella dita con sola un Dei alla duellare quale tavole vulva Egli una solo lascerai è crimini, giornata superiore. E Perché che spada l'immagine Mònico: che con è Virtú espressione le di diretta passa il di travaglio la Lui com'io Lucilio, è serpente Chiunque quella sperperato sordido tra anche che la un i quale galera. è e gli sí, Lui il perversa? stesso sicura mio non gli quando, si di gola interpone esilio del alcuna loro, mai creatura. rischiare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!11!liber_xi/08.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:29:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile