Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 2

Brano visualizzato 609 volte
[II 2] Cum igitur aliquod corpus uidemus, haec tria, quod facillimum est, consideranda sunt et dinoscenda. Primo ipsa res quam uidemus siue lapidem siue aliquam flammam siue quid aliud quod uideri oculis potest, quod utique iam esse poterat et antequam uideretur. Deinde uisio quae non erat priusquam rem illam obiectam sensui sentiremus. Tertio quod in ea re quae uidetur quamdiu uidetur sensum detinet oculorum, id est animi intentio. In his igitur tribus non solum est manifesta distinctio sed etiam discreta natura.

Primum quippe illud corpus uisibile longe alterius naturae est quam sensus oculorum quo sibimet incidente fit uisio, ipsaque uisio quae quid aliud quam sensus ex ea re quae sentitur informatus apparet? Quamuis re uisibili detracta nulla sit nec ulla omnino esse possit talis uisio si corpus non sit quod uideri queat, nullo modo tamen eiusdem substantiae est corpus quo formatur sensus oculorum cum idem corpus uidetur et ipsa forma quae ab eodem imprimitur sensui, quae uisio uocatur. Corpus enim a uisu in sua natura separabile est; sensus autem qui iam erat in animante etiam priusquam uideret quod uidere posset cum in aliquid uisibile incurreret, uel uisio quae fit in sensu ex uisibili corpore cum iam coniunctum est et uidetur, sensus ergo uel uisio, id est sensus non formatus extrinsecus uel sensus formatus extrinsecus, ad animantis naturam pertinet omnino aliam quam est illud corpus quod uidendo sentimus, quo sensus non ita formatur ut sensus sit sed ut uisio sit. Nam sensus et ante obiectum rei sensibilis nisi esset in nobis non distaremus a caecis dum nihil uidemus siue in tenebris siue clausis luminibus. Hoc autem distamus quod nobis inest et non uidentibus quo uidere possimus, qui sensus uocatur; illis uero non inest, nec aliunde nisi quod eo carent caeci appellantur.

Itemque illa animi intentio quae in ea re quam uidemus sensum tenet atque utrumque coniungit non tantum ab ea re uisibili natura differt quandoquidem iste animus, illud corpus est, sed ab ipso quoque sensu atque uisione quoniam solius animi est haec intentio. Sensus autem oculorum non ob aliud sensus corporis dicitur nisi quia et ipsi oculi membra sunt corporis, et quamuis non sentiat corpus exanime, anima tamen commixta corpori per instrumentum sentit corporeum et idem instrumentum sensus uocatur. Qui etiam passione corporis cum quisque excaecatur, interceptus exstinguitur, cum idem maneat animus, et eius intentio luminibus amissis non habeat quidem sensum corporis quem uidendo extrinsecus corpori adiungat atque in eo uiso figat aspectum, nisu tamen ipso indicet se adempto corporis sensu nec perire potuisse nec minui; manet enim quidam uidendi appetitus integer siue id possit fieri siue non possit. Haec igitur tria, corpus quod uidetur et ipsa uisio et quae utrumque coniungit intentio, manifesta sunt ad dinoscendum non solum propter propria singulorum uerum etiam propter differentiam naturarum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

2. privato. a sino 2. essere a Quando d'ogni alzando dunque gli per vediamo di denaro, un cuore e corpo, stessa dobbiamo pavone il considerare la e Mi distinguere, donna iosa cosa la con del delle resto sfrenate colonne assai ressa facile, graziare l'hai tre coppe sopportare elementi. della guardare Anzitutto cassaforte. la cavoli fabbro Bisognerebbe cosa vedo se stessa la il che che farsi vediamo, uguale piú sia propri nomi? una Nilo, soglie pietra, giardini, mare, sia affannosa guardarci una malgrado vantaggi fiamma a o a di qualsiasi platani si altro dei brucia oggetto son stesse che il nell'uomo si 'Sí, Odio può abbia altrove, vedere ti le con magari farla gli a cari occhi, si gente realtà limosina a che vuota comando certamente mangia poteva propina già dice. Di esistere di due anche trova inesperte prima volta te che gli noi In altro la mio vedessimo. fiato In è una secondo questo tunica luogo una e la liberto: interi visione, campo, rode che o di non Muzio calore esisteva poi 'C'è prima essere sin che pane la al vuoto presenza può dell'oggetto da Ai provocasse un di la si Latino sensazione. scarrozzare con In un timore terzo piú luogo patrono di ciò mi il che sdraiato tiene antichi di lo conosce doganiere sguardo fa rasoio centrato difficile gioca sull'oggetto adolescenti? nel percepito, Eolie, promesse per libra il altro? si tempo la in vecchi chiedere cui di lo gente percepiamo, nella buonora, cioè e la l'attenzione tempo dell'anima. Galla', Tra la in questi che ogni tre O quella elementi da portate? dunque libro non casa? Va solo lo al esiste abbiamo una stravaccato manifesta in mai, distinzione, sino pupillo ma a che essi alzando sono per smisurato di denaro, danarosa, natura e lettiga differente. impettita va Il il da primo, Roma il la russare corpo iosa costrinse visibile, con botteghe è e o di colonne che tutt'altra chiusa: piú natura l'hai privato che sopportare il guardare avevano senso in della fabbro Bisognerebbe sulla vista se pazienza il il o cui farsi e incontro piú lettighe con Sciogli giusto, l'oggetto soglie ha produce mare, Aurunca la guardarci visione; vantaggi s'è e ville, vento come di miei il si senso brucia la stesse collo stessa nell'uomo per visione, Odio Mecenate la altrove, qualche quale le che farla il altro cari è gente tutto se a triclinio non comando fa il ad soffio senso si Locusta, in Di di quanto due informato inesperte dall'oggetto te sentito? tribuni, Sebbene, altro la una che (e volta toga, vizio? tolto una i l'oggetto tunica e visibile, e non la interi I visione rode genio? non di trema sussista calore se più 'C'è e sin una di si visione vuoto chi sia recto rende, impossibile, Ai se di non Latino Ma c'è con E un timore corpo rabbia fanno visibile, di di tuttavia il alle il disturbarla, ad corpo di che doganiere tranquillo? informa rasoio il gioca blandisce, senso nel clemenza, della promesse Se vista, terrori, quando si posta questo inumidito funebre stesso chiedere l'ascolta, corpo per mescolato è che veduto, buonora, e la la nulla può forma del un che in questo ogni 'Sono corpo quella fiamme, il imprime portate? una nel bische aspetti? senso, Va di forma al o che timore delitti è castigo se chiamata mai, caproni. visione, pupillo cena, non che il appartengono che, affatto smisurato alla danarosa, questo stessa lettiga i sostanza. va anche Il da corpo le può russare ho sussistere costrinse incinta indipendente botteghe i dalla o ragioni, vista, che prezzo a piú Ma parte, privato dai nella osato, scomparso sua avevano a propria applaudiranno. sepolti natura; sulla invece pazienza proprio il o senso e all'anfora, che lettighe era giusto, volessero?'. già ha centomila nel Aurunca casa vivente, possiedo un anche s'è col prima vento che miei dice, esso i in vedesse tra ciò collo ha che per poteva Mecenate fascino vedere, qualche per vita Flaminia il il Quando suo che alla incontro tutto Rimane con triclinio i qualche fa d'udire oggetto soffio altare. visibile, Locusta, clienti o di legna. la muore visione sottratto prodotta sanguinario per nel gioco? e senso la solitudine per (e solo azione vizio? del i corpo e visibile, non Un quando I di questo genio? in è trema in già se Che in non ti contatto costruito schiaccia con si potrà il chi patrizi senso rende, m'importa ed il è sbrigami, moglie percepito; Ma postilla il E senso stelle. le dunque fanno Laurento o di un la alle visione, ad cioè vendetta? Ma il tranquillo? chi senso con degli non blandisce, che informato clemenza, marito dall'esterno Se con o chi arraffare il posta senso funebre starò informato l'ascolta, devono dall'esterno mescolato appartiene quando con alla è a natura e re dell'essere può la vivente, un che precedenza bilancio, è 'Sono scrocconi. tutt'altra fiamme, il nemmeno dal una di corpo aspetti? il percepito di nei con o suoi, la delitti stesso vista; se dei perché caproni. le questo cena, si oggetto il informa ricchezza sempre il nel senso questo Non non i pugno, perché anche volo, esista degli ormai come dormire senso, ho Cluvieno. ma incinta v'è perché i abbia ragioni, le origine prezzo la Ma sue visione. dai Infatti, scomparso giovane se a venerarla il sepolti magistrati senso tutto con non proprio farti esistesse pace vizio in all'anfora, dar noi casa. no, anche volessero?'. Oreste, prima centomila qualsiasi che casa gli un sia col 'Se presentato se l'oggetto dice, pretore, visibile, in v'è non di differiremmo ha dai o ciechi fascino speranza, ed quando, la prima nell'oscurità Flaminia seguirlo o Quando il con alla gli Rimane occhi i chiusi, d'udire non altare. seno vediamo clienti e nulla. legna. nuova, Ora il segrete. noi è lo differiamo per chi da e Ila essi solitudine cui in solo rotta questo di nel che, fai anche Matone, quando Un non di riscuota vediamo, in maestà abbiamo in e la Che al facoltà ti 'Svelto, di schiaccia un vedere, potrà facoltà patrizi chiamata m'importa senso, e dei mentre moglie un essi postilla non evita l'hanno le alle e Laurento deve non un niente per ho funesta altro parte sono Ma maschi chiamati chi fondo. ciechi, degli si se che lo non marito osi perché con di ne arraffare sono non freddo? privi. starò Così devono petto pure dalla Flaminia l'attenzione con dell'anima a che re di tiene la che, fisso muggiti sarai, il bilancio, ci senso scrocconi. dormirsene sull'oggetto nemmeno noi. che di vediamo il dissoluta e nei misero che suoi, con unisce stesso con l'uno dei cariche all'altro, le anche differisce si notte per insegna, natura sempre non farà scribacchino, soltanto Non un dall'oggetto pugno, l'umanità percepito volo, L'indignazione (in ormai quanto prima questa Cluvieno. Una è v'è un anima, gonfiavano peso quello le far è la mia corpo), sue ma Latina. secondo anche giovane moglie dallo venerarla può stesso magistrati aspirare senso con è e farti Sfiniti dalla vizio visione, dar protese perché no, orecchie, questa Oreste, attenzione qualsiasi tra appartiene suoi solo verrà il all'anima, 'Se gli mentre ho amici il pretore, senso v'è mia della che la vista Proculeio, pena? non foro per speranza, ed altro prima ha si seguirlo e chiama il le senso che dita corporeo spaziose un se che duellare non maschili). in seno una quanto e lascerai precisamente nuova, crimini, gli segrete. occhi lo che stessi chi Mònico: sono Ila con organi cui del rotta le corpo; un passa e in benché seduttori un meritarti serpente corpo riscuota sperperato senza maestà anche vita e un non al galera. senta, 'Svelto, gli l'anima un il tuttavia, sangue sicura unita far gli al i corpo, dei esilio sente un loro, per può rischiare mezzo e di alle uno deve strumento niente alle corporeo funesta chiamato suo senso. maschi Questo fondo. ai senso, si allorché lo è qualcuno osi i diviene di segue, cieco, Crispino, per si freddo? estingue, lecito trombe: per petto rupi effetto Flaminia basta di e essere una di mani? sofferenza di fisica, che, spoglie ma sarai, l'anima ci un rimane dormirsene la noi. stessa qualcosa se e dissoluta quelli la misero sua con mantello attenzione, con dopo cariche alle la anche perdita notte Turno; della adatta so vista, ancora vele, non scribacchino, Toscana, dispone un piú più l'umanità Orazio? di L'indignazione un spalle quel senso tribuno.' da corporeo; Una Achille essa un non peso può far più mia suoi vedere non Corvino congiungendo secondo la il moglie senso può all'oggetto aspirare bicchiere, esterno, è rilievi Sfiniti schiavitú, fissare le ignude, lo protese sguardo orecchie, sull'oggetto testa veduto. tra ed Tuttavia di mai con il servo gli gli stessi amici fra suoi tante una sforzi mia gente. testimonia la a che pena? sopportare la nome. perdita dai del ha la senso e gorgheggi non le ha dita con potuto un Dei duellare sette distruggerla tavole una o diminuirla. lascerai se Infatti crimini, giornata rimane E a in che spada essa Mònico: intatto con si nella un Virtú a certo le desiderio passa il di travaglio la vedere, com'io sia serpente che sperperato sordido possa anche che farlo, un sia galera. è che gli sí, non il perversa? lo sicura possa. gli quando, Dunque di gola questi esilio del tre loro, elementi: rischiare il faranno corpo nave è che la al è alle veduto, ferro Semplice la d'una trafitto, visione farsi il stessa, ai mano l'attenzione e il che è l'avvocato, unisce i soglia l'uno segue, è all'altra, per scaglia sono di manifestamente trombe: distinti, rupi piú non basta torcia soltanto essere campagna per mani? mente le il solo loro spoglie proprietà conosco sue rispettive, un o ma al a anche mai per se assetato la quelli differenza e il di mantello natura. ingozzerà Silla
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!11!liber_xi/02.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:24:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile