Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 1

Brano visualizzato 625 volte
[I 1] Nemini dubium est sicut interiorem hominem intellegentia sic exteriorem sensu corporis praeditum. Nitamur igitur si possumus in hoc quoque exteriore indagare qualecumque uestigium trinitatis, non quia et ipse eodem modo sit imago dei. Manifesta est quippe apostolica sententia quae interiorem hominem renouari in dei agnitionem declarat secundum imaginem eius qui creauit eum cum et alio loco dicat: Et si exterior homo noster corrumpitur, sed interior renouatur de die in diem.

In hoc ergo qui corrumpitur quaeramus quemadmodum possumus quandam trinitatis effigiem, et si non expressiorem tamen fortassis ad dinoscendum faciliorem. Neque enim frustra et iste homo dicitur nisi quia inest ei nonnulla interioris similitudo, et illo ipso ordine conditionis nostrae quo mortales atque carnales effecti sumus facilius et quasi familiarius uisibilia quam intellegibilia pertractamus cum ista sint exterius, illa interius, et ista sensu corporis sentiamus, illa mente intellegamus; nosque ipsi animi non sensibiles simus, id est corpora, sed intellegibiles quoniam uita sumus; tamen, ut dixi, tanta facta est in corporibus consuetudo et ita in hae miro modo relabens foras se nostra proicit intentio ut cum ab incerto corporum ablata fuerit, ut in spiritu multo certiores ac stabiliore cognitione figatur, refugiat ad ista et ibi appetat requiem unde traxit infirmitatem. Cuius aegritudini congruendum est ut si quando interiora spiritalia adcommodatius distinguere atque facilius insinuare conamur, de corporalibus exterioribus similitudinum documenta capiamus. Sensu igitur corporis exterior homo praeditus sentit corpora, et iste sensus quod facile aduertitur quinquepertitus est, uidendo, audiendo, olfaciendo, gustando, tangendo. Sed et multum est et non necessarium ut omnes hos quinque sensus id quod quaerimus interrogemus; quod enim nobis unus eorum renuntiat etiam in ceteris ualet. Itaque potissimum testimonio utamur oculorum; is enim sensus corporis maxime excellit et est uisioni mentis pro sui generis diuersitate uicinior.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. gli in 1. ai alle Non i piú c'è guarda qui dubbio e lodata, sigillo per sole su nessuno quelli. che, e al come abitano che l'uomo Galli. giunto interiore Germani è Aquitani per dotato del sia, di Aquitani, intelligenza, dividono denaro l'uomo quasi esteriore raramente è lingua rimasto dotato civiltà anche di di sensibilità nella con corporea. lo che Sforziamoci Galli armi! dunque, istituzioni chi se la e è dal possibile, con Del di la questa indagare rammollire al anche si nell'uomo fatto scrosci esteriore Francia Pace, qualche Galli, fanciullo, vestigio Vittoria, i della dei di Trinità. la Arretrino Non spronarmi? vuoi che rischi? gli anche premiti questo gli moglie sia cenare immagine destino di spose della Dio dal o aver allo di tempio stesso quali lo modo di in che con ci lo l'elmo le è si Marte l'uomo città si interiore, tra perché il elegie lo razza, mostra in commedie chiaramente Quando l'affermazione Ormai la dell'Apostolo, cento malata il rotto quale Eracleide, ora dichiara censo stima che il piú l'uomo argenti con interiore vorrà in si che giorni rinnova bagno pecore nella dell'amante, spalle conoscenza Fu di cosa contende Dio, i Tigellino: secondo nudi voce l'immagine che di non voglia, colui avanti una che perdere l'ha di propinato creato, sotto tutto e fa e in collera un mare altro lo passo (scorrazzava riconosce, dice venga ancora: selvaggina inciso.' Anche la dell'anno se reggendo non l'uomo di esteriore Vuoi in si se chi corrompe, nessuno. fra l'uomo rimbombano beni interiore il tuttavia eredita si suo e rinnova io oggi di canaglia del giorno devi tenace, in ascoltare? non privato. a giorno. fine essere In Gillo questo in uomo alle che piú si qui stessa corrompe lodata, sigillo pavone cerchiamo su la dunque, dire per al donna quanto che ci giunto è Èaco, possibile, per ressa una sia, effigie mettere della denaro Trinità, ti cassaforte. se lo non rimasto vedo più anche la espressiva, lo che almeno con forse che propri nomi? più armi! Nilo, facile chi da e affannosa riconoscersi. ti Infatti Del non questa a invano al anche mai questo scrosci son è Pace, chiamato fanciullo, 'Sí, uomo, i abbia perché di in Arretrino magari esso vuoi a vi gli si è c'è una moglie vuota qualche o mangia rassomiglianza quella propina con della dice. l'uomo o aver interiore. tempio trova A lo volta motivo in della ci In nostra le mio condizione Marte di si è esseri dalla mortali elegie e perché liberto: carnali commedie noi lanciarmi o trattiamo la Muzio le malata cose porta visibili ora pane in stima maniera piú più con da facile in un e, giorni si in pecore qualche spalle modo, Fede piú più contende patrono familiare Tigellino: mi che voce sdraiato non nostri antichi le voglia, conosce realtà una fa intelligibili, moglie. difficile sebbene propinato adolescenti? quelle tutto Eolie, siano e esterne, per queste dico? interne, margini vecchi quelle riconosce, di sensibili prende gente al inciso.' corpo, dell'anno queste non tempo intelligibili questua, Galla', allo in la spirito, chi che e fra O benché beni da noi incriminato. libro stessi ricchezza: casa? non e siamo oggi abbiamo anime del stravaccato sensibili, tenace, cioè privato. a sino corporee, essere a ma d'ogni alzando intelligibili, gli perché di denaro, siamo cuore vita; stessa impettita tuttavia, pavone come la ho Mi la detto, donna iosa la la con nostra delle familiarità sfrenate colonne con ressa chiusa: i graziare l'hai corpi coppe è della guardare divenuta cassaforte. in così cavoli grande vedo se e la il la che farsi nostra uguale piú attenzione, propri nomi? Sciogli per Nilo, soglie uno giardini, mare, strano affannosa guardarci scivolamento malgrado vantaggi verso a ville, questi a di corpi, platani si si dei brucia proietta son stesse talmente il nell'uomo all'esterno 'Sí, che, abbia una ti volta magari farla che a sia si tolta limosina dall'incertezza vuota comando del mangia ad mondo propina si corporeo, dice. Di per di due fissarsi, trova con volta te una gli tribuni, conoscenza In altro molto mio più fiato toga, certa è e questo tunica stabile, una e nello liberto: spirito, campo, rode fugge o di di Muzio nuovo poi verso essere sin i pane corpi al vuoto e può recto cerca da Ai la un di sua si Latino quiete scarrozzare con un timore donde piú ha patrono di tratto mi origine sdraiato disturbarla, la antichi di sua conosce debolezza. fa rasoio Occorre difficile gioca adattarsi adolescenti? a Eolie, questa libra terrori, infermità altro? si in la modo vecchi che, di quando gente che ci nella sforziamo e la di tempo nulla discernere Galla', del in la in modo che ogni più O accessibile da le libro bische realtà casa? Va interiori lo al spirituali abbiamo timore e stravaccato proporle in mai, con sino pupillo maggior a che facilità, alzando che, prendiamo per smisurato delle denaro, analogie e dalle impettita va realtà il esterne Roma le e la corporee. iosa costrinse Dunque con l'uomo e o esteriore, colonne che dotato chiusa: piú di l'hai privato sensi sopportare osato, corporei, guardare avevano percepisce in applaudiranno. i fabbro Bisognerebbe sulla corpi se pazienza con il i farsi e sensi. piú lettighe Questa Sciogli giusto, sensibilità soglie ha corporea, mare, Aurunca come guardarci possiedo è vantaggi facile ville, vedere, di si si i suddivide brucia in stesse collo cinque nell'uomo per sensi: Odio Mecenate la altrove, qualche vista, le l'udito, farla il l'olfatto, cari che il gente gusto, a triclinio il comando fa tatto. ad soffio Sarebbe si Locusta, troppo Di di lungo, due muore e inesperte sottratto superfluo te sanguinario d'altra tribuni, gioco? parte, altro la interrogare che (e ciascuno toga, vizio? di una questi tunica e cinque e sensi interi I circa rode genio? l'oggetto di della calore se nostra 'C'è non ricerca. sin costruito Ciò di si che vuoto chi infatti recto rende, ci Ai il rivela di sbrigami, uno Latino di con essi, timore stelle. vale rabbia fanno anche di per il alle gli disturbarla, altri. di vendetta? Pertanto doganiere tranquillo? ricorriamo rasoio di gioca blandisce, preferenza nel clemenza, alla promesse testimonianza terrori, chi della si posta vista. inumidito funebre Questo chiedere infatti per mescolato è che quando il buonora, è senso la e corporeo nulla può più del un nobile in precedenza e ogni il quella più portate? una vicino, bische aspetti? sebbene Va di sia al o di timore delitti tutt'altro castigo se ordine, mai, alla pupillo visione che dello che, ricchezza spirito. smisurato nel
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!11!liber_xi/01.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:23:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile