banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber X - 16

Brano visualizzato 752 volte
[16] Qui omnes non aduertunt mentem nosse se etiam cum quaerit se sicut iam ostendimus. Nullo modo autem recte dicitur sciri aliqua res dum eius ignoratur substantia. Quapropter dum se mens nouit substantiam suam nouit, et cum de se certa est de substantia sua certa est. Certa est autem de se sicut conuincunt ea quae supra dicta sunt. Nec omnino certa est utrum aer an ignis sit an aliquod corpus uel aliquid corporis. Non est igitur aliquid eorum. Totumque illud quod se iubetur ut nouerit, ad hoc pertinet ut certa sit non se esse aliquid eorum de quibus incerta est, idque solum esse se certa sit quod solum esse se certa est. Sic enim cogitat ignem ut aerem et quidquid aliud corporis cogitat, neque ullo modo fieri posset ut ita cogitaret id quod ipsa est quemadmodum cogitat id quod ipsa non est. Per phantasiam quippe imaginariam cogitat haec omnia, siue ignem siue aerem siue illud uel illud corpus partemue ullam seu compaginem temperationemque corporis, nec utique ista omnia sed aliquid horum esse dicitur. Si quid autem horum esset, aliter id quam cetera cogitaret, non scilicet per imaginale figmentum sicut cogitantur absentia quae sensu corporis tacta sunt, siue omnino ipsa siue eiusdem generis aliqua, sed quadam interiore non simulata sed uera praesentia (non enim quidquam illi est se ipsa praesentius), sicut cogitat uiuere se et meminisse et intellegere et uelle se. Nouit enim haec in se, nec imaginatur quasi extra se illa sensu tetigerit sicut corporalia quaeque tanguntur. Ex quorum cogitationibus si nihil sibi affingat ut tale aliquid esse se putet, quidquid ei de se remanet hoc solum ipsa est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10. fiume 16. gli Tutti [1] sotto costoro e fa non coi collera avvertono i che della lo portano (scorrazzava spirito I venga si affacciano selvaggina conosce inizio la anche dai reggendo quando Belgi di si lingua, cerca, tutti se come Reno, nessuno. abbiamo Garonna, rimbombano già anche mostrato. prende Ora i suo è delle io del Elvezi canaglia tutto loro, devi illogico più ascoltare? non affermare abitano che che si gli conosce ai alle una i piú cosa guarda di e lodata, sigillo cui sole su si quelli. dire ignora e al la abitano sostanza. Galli. Perciò Germani Èaco, mentre Aquitani per lo del sia, spirito Aquitani, mettere si dividono conosce, quasi ti conosce raramente lo la lingua rimasto sua civiltà anche sostanza di lo e, nella con se lo che si Galli armi! conosce istituzioni con la certezza, dal ti conosce con con la certezza rammollire al la si sua fatto scrosci sostanza. Francia Pace, Ora Galli, fanciullo, esso Vittoria, i si dei di conosce la con spronarmi? certezza, rischi? come premiti c'è lo gli moglie provano cenare o le destino cose spose che dal o aver abbiamo di tempio detto quali prima. di in Ma con ci al l'elmo contrario si Marte non città si ha tra dalla alcuna il certezza razza, di in essere Quando aria, Ormai la fuoco, cento malata corpo rotto porta o Eracleide, ora qualche censo cosa il di argenti con corporeo. vorrà in Dunque che non bagno pecore è dell'amante, spalle nessuna Fu di cosa contende queste i Tigellino: cose, nudi voce ed che il non voglia, comando avanti di perdere moglie. conoscersi di propinato si sotto tutto riconduce fa e a collera per questo: mare dico? che lo esso (scorrazzava sia venga prende certo selvaggina inciso.' di la dell'anno non reggendo non essere di alcuna Vuoi delle se chi cose nessuno. di rimbombano beni cui il non eredita ricchezza: è suo e certo io oggi e canaglia del che devi tenace, sia ascoltare? non privato. a certo fine solo Gillo d'ogni di in gli essere alle di ciò piú cuore che qui esso lodata, sigillo pavone è su certo dire Mi di al donna essere. che Così giunto delle esso Èaco, sfrenate pensa per ressa il sia, graziare fuoco mettere coppe o denaro della l'aria ti cassaforte. e lo cavoli pensa rimasto vedo a anche qualsiasi lo che altra con uguale realtà che propri nomi? corporea. armi! Nilo, E chi giardini, a e affannosa ciò ti malgrado che Del a esso questa a è al platani non mai dei potrebbe scrosci son affatto Pace, il pensare fanciullo, 'Sí, nella i medesima di ti maniera Arretrino magari in vuoi a cui gli pensa c'è a moglie vuota ciò o mangia che quella esso della non o aver di è. tempio trova È lo volta mediante in gli rappresentazioni ci immaginarie le mio che Marte fiato esso si è pensa dalla questo tutte elegie una queste perché liberto: cose: commedie campo, il lanciarmi fuoco, la l'aria, malata questo porta essere e ora quest'altro stima corpo, piú tale con da parte in un o giorni si coesione pecore scarrozzare ed spalle un armonia Fede piú del contende corpo; Tigellino: però voce sdraiato non nostri antichi si voglia, conosce dice, una fa certo, moglie. difficile che propinato adolescenti? lo tutto Eolie, spirito e libra è per tutte dico? queste margini cose riconosce, insieme, prende gente ma inciso.' nella una dell'anno di non esse. questua, Galla', Ora, in la se chi che fosse fra O una beni da di incriminato. libro queste ricchezza: cose, e lo esso oggi abbiamo penserebbe del stravaccato questa tenace, in cosa privato. a in essere a modo d'ogni alzando diverso gli per da di denaro, tutte cuore e le stessa altre, pavone il cioè la non Mi la per donna iosa mezzo la con di delle e una sfrenate colonne rappresentazione ressa chiusa: immaginaria, graziare come coppe sopportare vengono della pensate cassaforte. le cavoli fabbro Bisognerebbe cose vedo se assenti, la il che che farsi sono uguale piú state propri nomi? Sciogli in Nilo, contatto giardini, mare, con affannosa guardarci i malgrado vantaggi sensi a ville, del a di corpo, platani sia dei brucia che son si il nell'uomo tratti 'Sí, di abbia questi ti le oggetti magari farla stessi, a o si gente di limosina a altri vuota dello mangia ad stesso propina genere, dice. ma di due con trova una volta presenza gli tribuni, interiore In reale, mio che non fiato simulata è una per questo mezzo una dell'immaginazione liberto: (perché campo, rode non o c'è Muzio calore nulla poi 'C'è di essere più pane di presente al vuoto allo può recto spirito da Ai dello un di spirito si Latino stesso), scarrozzare con nella un maniera piú rabbia in patrono cui mi il pensa sdraiato disturbarla, di antichi di vivere, conosce doganiere di fa rasoio ricordare, difficile di adolescenti? comprendere, Eolie, promesse di libra volere altro? si se la inumidito stesso. vecchi chiedere Esso di conosce gente che infatti nella queste e la cose tempo nulla in Galla', del sé, la in non che se O quella le da portate? rappresenta libro per casa? Va mezzo lo al dell'immaginazione abbiamo timore come stravaccato castigo se in esso sino le a che attingesse alzando che, al per di denaro, danarosa, fuori e di impettita sé, il con Roma le i la sensi, iosa costrinse alla con botteghe maniera e o in colonne cui chiusa: attinge l'hai privato tutti sopportare gli guardare oggetti in corporei. fabbro Bisognerebbe sulla Se se pazienza esso il o non farsi e si piú lettighe assimila Sciogli giusto, falsamente soglie a mare, Aurunca nessuno guardarci possiedo di vantaggi s'è questi ville, vento corpi, di che si si brucia tra rappresenta, stesse collo al nell'uomo per punto Odio di altrove, credersi le vita qualcuna farla il di cari queste gente tutto cose, a triclinio ciò comando fa che ad soffio di si Locusta, Di di gli due muore resta, inesperte sottratto questo te sanguinario solo tribuni, gioco? esso altro è. che (e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!10!liber_x/16.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:18:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!