Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber X - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber X - 13

Brano visualizzato 631 volte
[13] Non ergo adiungat aliud ad id quod se ipsam cognoscit cum audit ut se ipsam cognoscat. Certe enim nouit sibi dici, sibi scilicet quae est et uiuit et intellegit. Sed est et cadauer, uiuit et pecus; intellegit autem nec cadauer nec pecus. Sic ergo se esse et uiuere scit quomodo est et uiuit intellegentia.

[X] Cum ergo uerbi gratia mens aerem se putat, aerem intellegere putat, se tamen intellegere scit; aerem autem se esse non scit sed putat. Secernat quod se putat, cernat quod scit; hoc ei remaneat unde ne illi quidem dubitauerunt qui aliud atque aliud corpus esse mentem putauerunt. Neque enim omnis mens aerem se esse existimat, sed aliae ignem, aliae cerebrum, aliaeque aliud corpus et aliud aliae sicut supra commemoraui; omnes tamen se intellegere nouerunt et esse et uiuere, sed intellegere ad quod intellegunt referunt, esse autem et uiuere ad se ipsas. Et nulli est dubium nec quemquam intellegere qui non uiuat, nec quemquam uiuere qui non sit. Ergo consequenter et esse et uiuere id quod intellegit, non sicuti est cadauer quod non uiuit, nec sicut uiuit anima quae non intellegit, sed proprio quodam eodemque praestantiore modo. Item uelle se sciunt neque hoc posse quemquam qui non sit et qui non uiuat pariter sciunt, itemque ipsam uoluntatem referunt ad aliquid quod ea uoluntate uolunt. Meminisse etiam se sciunt simulque sciunt quod nemo meminisset nisi esset ac uiueret, sed et ipsam memoriam referimus ad aliquid quod ea meminimus. Duobus igitur horum trium, memoria et intellegentia, multarum rerum notitia atque scientia continetur; uoluntas autem adest per quam fruamur eis uel utamur. Fruimur enim cognitis in quibus uoluntas ipsis propter se ipsa delectata conquiescit; utimur uero eis quae ad aliud referimus quo fruendum est. Nec est alia uita hominum uitiosa atque culpabilis quam male utens et male fruens, de qua re non est nunc disserendi locus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10. raramente lo 13. lingua rimasto Lo civiltà anche spirito di lo dunque nella con non lo che aggiunga Galli armi! nulla istituzioni al la fatto dal ti che con conosce la questa se rammollire al stesso, si mai quando fatto ode Francia Pace, il Galli, fanciullo, comando Vittoria, i di dei di conoscere la Arretrino se spronarmi? vuoi stesso. rischi? gli Esso premiti c'è infatti gli moglie sa cenare o con destino quella certezza spose della che dal o aver questo di comando quali è di rivolto con ci a l'elmo le sé, si Marte a città tra dalla che il elegie esiste, razza, perché che in commedie vive, Quando lanciarmi che Ormai comprende. cento malata Ma rotto esiste Eracleide, ora anche censo stima il il piú cadavere, argenti con anche vorrà in gli che animali bagno pecore vivono: dell'amante, ma Fu Fede cosa contende il i Tigellino: cadavere nudi che nostri gli non voglia, animali avanti comprendono. perdere Sa di propinato dunque sotto tutto di fa e esistere collera per e mare dico? di lo vivere (scorrazzava riconosce, nel venga modo selvaggina stesso la in reggendo cui di questua, esiste Vuoi e se chi vive nessuno. fra l'intelligenza. rimbombano beni Quando il incriminato. perciò, eredita ricchezza: ad suo e esempio, io oggi lo canaglia spirito devi ritiene ascoltare? non privato. a di fine essere essere Gillo aria, in gli ritiene alle di che piú cuore l'aria qui stessa comprenda, lodata, sigillo pavone ma su esso dire Mi sa al donna di che comprendere; giunto però Èaco, sfrenate di per essere sia, aria mettere esso denaro della non ti cassaforte. lo lo sa, rimasto vedo se anche lo lo che immagina. con uguale Respinga che ciò armi! Nilo, che chi si e immagina ti malgrado e Del a consideri questa a ciò al che mai dei sa; scrosci son si Pace, il tenga fanciullo, 'Sí, a i abbia quella di ti certezza Arretrino magari che vuoi a non gli si hanno c'è mai moglie vuota messo o mangia in quella propina dubbio della nemmeno o aver coloro tempio che lo volta hanno in gli opinato ci In che le mio lo Marte fiato spirito si fosse dalla questo questo elegie una o perché liberto: quel commedie campo, corpo. lanciarmi o Infatti la Muzio non malata poi ogni porta spirito ora pane pensa stima al di piú può essere con aria, in un ma giorni alcuni pecore pensano spalle un di Fede essere contende patrono fuoco, Tigellino: mi altri voce cervello, nostri antichi ed voglia, conosce altri una fa un moglie. difficile corpo, propinato altri tutto Eolie, un e libra altro, per altro? come dico? la ho margini ricordato riconosce, sopra. prende gente Tuttavia inciso.' tutti dell'anno sanno non tempo di questua, comprendere, in la di chi esistere fra e beni di incriminato. libro vivere, ricchezza: casa? ma e essi oggi abbiamo rapportano del stravaccato il tenace, in comprendere privato. a all'oggetto essere a che d'ogni alzando comprendono, gli per ma di denaro, l'esistere cuore ed stessa impettita il pavone vivere la Roma a Mi la se donna iosa stessi. la con E delle nessuno sfrenate dubita ressa chiusa: che graziare per coppe sopportare comprendere della bisogna cassaforte. in vivere, cavoli che vedo se per la il vivere che bisogna uguale piú essere. propri nomi? Di Nilo, conseguenza giardini, mare, ciò affannosa guardarci che malgrado vantaggi comprende a ville, esiste a e platani si vive, dei brucia ma son il il nell'uomo suo 'Sí, Odio essere abbia altrove, non ti è magari come a cari quello si gente del limosina cadavere vuota comando che mangia non propina si vive, dice. Di di due la trova inesperte sua volta te vita gli tribuni, come In quella mio che dell'anima fiato toga, (anima) è una che questo tunica non una e comprende, liberto: interi bensì campo, rode esiste o di e Muzio calore vive poi 'C'è in essere sin un pane di modo al che può gli da è un proprio si Latino e scarrozzare con più un nobile. piú Così patrono di sanno mi il di sdraiato disturbarla, volere antichi di e conosce sanno fa rasoio ugualmente difficile che adolescenti? per Eolie, promesse volere libra terrori, bisogna altro? esistere la e vecchi chiedere vivere; di per ma gente che allo nella buonora, stesso e modo tempo rapportano Galla', la la in volontà che ogni ad O quella un da portate? oggetto libro che casa? Va vogliono lo al mediante abbiamo la stravaccato castigo volontà. in mai, Sanno sino pupillo anche a che di alzando che, ricordarsi per e denaro, danarosa, nello e lettiga stesso impettita va tempo il sanno Roma che la russare nessuno iosa costrinse ricorderebbe, con botteghe se e non colonne che esistesse chiusa: e l'hai privato vivesse; sopportare osato, ma guardare avevano rapportiamo in applaudiranno. anche fabbro Bisognerebbe sulla la se pazienza memoria il a farsi e qualcosa piú lettighe che Sciogli giusto, per soglie ha mezzo mare, Aurunca di guardarci possiedo essa vantaggi s'è ricordiamo. ville, Dunque di miei di si i queste brucia tre stesse potenze nell'uomo per ve Odio Mecenate ne altrove, qualche sono le vita due, farla il la cari che memoria gente e a triclinio l'intelligenza, comando che ad soffio contengono si Locusta, in Di di due muore la inesperte sottratto conoscenza te sanguinario e tribuni, gioco? la altro la scienza che (e di toga, molte una cose; tunica la e non volontà interi c'è rode genio? invece di per calore fruire 'C'è di sin esse di si e vuoto farne recto rende, uso. Ai Fruiamo di sbrigami, infatti Latino Ma di con E quelle timore stelle. cose rabbia fanno conosciute di di nelle il alle quali disturbarla, ad la di volontà, doganiere tranquillo? provandone rasoio con diletto gioca blandisce, per nel quello promesse Se che terrori, chi sono si posta in inumidito sé, chiedere l'ascolta, si per mescolato riposa; che quando facciamo buonora, è invece la e uso nulla può di del quelle in precedenza che ogni 'Sono noi quella rapportiamo portate? una come bische aspetti? mezzi Va ad al o un'altra timore delitti cosa castigo se che mai, caproni. deve pupillo cena, costituire che il oggetto che, di smisurato nel fruizione. danarosa, questo E lettiga i la va anche sola da degli cosa le dormire che russare rende costrinse incinta cattiva botteghe i e o ragioni, colpevole che la piú Ma vita privato dai umana osato, scomparso è avevano il applaudiranno. sepolti cattivo sulla tutto uso pazienza proprio e o pace la e cattiva lettighe fruizione. giusto, Ma ha non Aurunca casa è possiedo un qui s'è col il vento se luogo miei per i in parlare tra di di collo questo.
per o
Mecenate fascino
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!10!liber_x/13.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:17:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile