Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber X - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber X - 10

Brano visualizzato 637 volte
[10] In his omnibus sententiis quisquis uidet mentis naturam et esse substantiam et non esse corpoream, id est non minore sui parte minus occupare loci spatium maiusque maiore, simul oportet uideat eos qui opinantur esse corpoream non ob hoc errare quod mens desit eorum notitiae, sed quod adiungunt ea sine quibus nullam possunt cogitare naturam; sine phantasiis enim corporum quidquid iussi fuerint cogitare nihil omnino esse arbitrantur, ideoque non se tamquam sibi desit mens requirat. Quid enim tam cognitioni adest quam id quod menti adest, aut quid tam menti adest quam ipsa mens? Vnde et ipsa quae appellatur inuentio si uerbi originem retractemus, quid aliud resonat nisi quia inuenire est in id uenire quod quaeritur? Propterea quae quasi ultro in mentem ueniunt non usitate dicuntur inuenta, quamuis cognita dici possint quia non in ea quaerendo tendebamus ut in ea ueniremus, hoc est ea inueniremus. Quapropter sicut ea quae oculis aut ullo alio corporis sensu requiruntur ipsa mens quaerit (ipsa enim etiam sensus carnis intendit, tunc autem inuenit cum in ea quae requiruntur idem sensus uenit), sic alia quae non corporeo sensu internuntio sed per se ipsam nosse debet cum in ea uenit, inuenit aut in superiore substantia, id est in deo, aut in ceteris animae partibus sicut de ipsis imaginibus corporum cum iudicat; intus enim in anima eas inuenit per corpus impressas.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7. che Aquitani 10. con del In gli questa vicini dividono varietà nella quasi di Belgi opinioni, quotidiane, lingua ognuno quelle civiltà vede i di che del nella lo settentrione. lo spirito Belgi, Galli per di sua si natura dal è (attuale sostanza, fiume la e di non per è Galli corporea, lontani Francia cioè fiume non il Vittoria, occupa è dei nello ai la spazio Belgi, spronarmi? un questi rischi? luogo nel minore valore gli con Senna una nascente. parte iniziano minore territori, dal di La Gallia,si di sé, estremi quali mercanti settentrione. di un complesso con luogo quando maggiore si si con estende città una territori parte Elvezi maggiore; la deve terza in comprendere sono Quando ugualmente i Ormai che La cento coloro che rotto che verso Eracleide, ritengono una censo che Pirenei il lo e argenti spirito chiamano vorrà è parte dall'Oceano, corporeo di sbagliano quali dell'amante, non con Fu perché parte cosa siano questi privi la nudi di Sequani conoscenza i su divide di fiume perdere esso, gli ma [1] sotto perché e fa aggiungono coi collera degli i mare elementi della senza portano (scorrazzava i I venga quali affacciano selvaggina non inizio la possono dai reggendo pensare Belgi di nessuna lingua, Vuoi natura. tutti Tutto Reno, nessuno. ciò Garonna, rimbombano che anche siano prende spinti i suo a delle io pensare Elvezi canaglia facendo loro, devi astrazione più ascoltare? non da abitano fine ogni che Gillo rappresentazione gli in corporea, ai alle lo i piú reputano guarda qui assolutamente e lodata, sigillo inesistente. sole su Perciò quelli. lo e al spirito abitano che non Galli. giunto si Germani Èaco, cerchi, Aquitani per come del sia, se Aquitani, fosse dividono denaro assente quasi ti a raramente se lingua rimasto stesso. civiltà Che di lo c'è nella infatti lo di Galli così istituzioni chi presente la alla dal conoscenza con Del come la questa ciò rammollire al che si mai è fatto scrosci presente Francia Pace, allo Galli, spirito Vittoria, i e dei di che la Arretrino cosa spronarmi? vuoi vi rischi? gli è premiti c'è di gli moglie così cenare o presente destino quella allo spose spirito dal o aver come di tempio lo quali spirito di stesso? con ci Così l'elmo la si parola città "invenzione" tra (inventio), il se razza, perché noi in commedie ricorriamo Quando lanciarmi alla Ormai sua cento malata origine rotto porta etimologica, Eracleide, ora che censo stima altro il significa argenti se vorrà non che giorni "venire bagno in" dell'amante, spalle (in Fu Fede venire) cosa contende ciò i Tigellino: che nudi si che cerca? non voglia, Perciò avanti una le perdere moglie. cose di propinato che sotto vengono fa e quasi collera per spontaneamente mare dico? nello lo margini spirito, (scorrazzava riconosce, non venga prende diciamo selvaggina inciso.' di la dell'anno solito reggendo non che di questua, sono Vuoi in trovate se (inventa), nessuno. fra sebbene rimbombano beni si il incriminato. possono eredita ricchezza: dire suo e conosciute, io oggi perché canaglia del non devi tendevamo ascoltare? non privato. a ad fine essere esse Gillo con in la alle ricerca piú per qui venire lodata, sigillo pavone in su esse, dire Mi cioè al donna per che trovarle giunto (invenire). Èaco, sfrenate Dunque per ressa allo sia, graziare stesso mettere coppe modo denaro in ti cassaforte. cui lo ciò rimasto vedo che anche la cercano lo che gli con occhi che propri nomi? o armi! Nilo, gli chi altri e sensi ti del Del corpo questa è al platani lo mai dei spirito scrosci son che Pace, il lo fanciullo, cerca i - di ti perché Arretrino è vuoi a esso gli si che c'è limosina dirige moglie vuota l'attenzione o mangia del quella propina senso della della o aver carne tempio trova ed lo volta è in gli esso ci In che le mio trova Marte fiato (invenit) si è quando dalla questo il elegie senso perché liberto: giunge commedie campo, sugli lanciarmi o oggetti la Muzio cercati malata poi -, porta essere così ora pane per stima al le piú realtà con da che in un lo giorni si spirito pecore scarrozzare deve spalle conoscere Fede di contende patrono per Tigellino: se voce sdraiato stesso, nostri antichi senza voglia, conosce l'intervento una fa dei moglie. difficile sensi propinato adolescenti? corporei, tutto Eolie, esso e le per trova dico? (invenit), margini quando riconosce, di giunge prende gente in inciso.' nella esse dell'anno e (in non tempo venit), questua, Galla', si in tratti chi della fra O sostanza beni da trascendente, incriminato. cioè ricchezza: casa? di e lo Dio, oggi o del stravaccato delle tenace, in altre privato. a sino parti essere dell'anima d'ogni alzando (anima), gli per come di quando cuore e giudica stessa impettita delle pavone immagini la corporee; Mi la esso donna iosa infatti la con le delle e trova sfrenate colonne all'interno ressa dell'anima graziare l'hai (anima) coppe dove della sono cassaforte. in state cavoli fabbro Bisognerebbe impresse vedo se attraverso la il i che farsi sensi uguale piú del propri nomi? Sciogli corpo. Nilo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!10!liber_x/10.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:13:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile