Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber X - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber X - 3

Brano visualizzato 894 volte
[3] Quamobrem omnis amor studentis animi, hoc est uolentis scire quod nescit, non est amor eius rei quam nescit sed eius quam scit propter quam uult scire quod nescit. Aut si tam curiosus est ut non propter aliquam notam causam sed solo amore rapiatur incognita sciendi, discernendus quidem est ab studiosi nomine iste curiosus; sed nec ipse amat incognita, immo congruentius dicitur, 'odit incognita,' quae nulla esse uult dum uult omnia cognita. Sed ne quisquam nobis difficiliorem referat quaestionem asserens tam non posse quemquam odisse quod nescit quam non potest amare quod nescit, non resistimus ueris, sed intellegendum est non hoc idem dici cum dicitur: 'Amat scire incognita,' ac si diceretur: 'Amat incognita'; illud enim fieri potest ut amet quisque scire incognita, ut autem amet incognita non potest. Non enim frustra ibi est positum 'scire' quoniam qui scire amat incognita non ipsa incognita sed ipsum scire amat. Quod nisi haberet cognitum, neque scire se quidquam posset fidenter dicere neque nescire. Non solum enim qui dicit: 'Scio,' et uerum dicit necesse est ut quid sit scire sciat; sed etiam qui dicit: 'Nescio,' idque fidenter et uerum dicit et scit uerum se dicere, scit utique quid sit scire quia et discernit ab sciente nescientem cum ueraciter se intuens dicit: 'Nescio'. Et cum id se scit uerum dicere, unde sciret si quid sit scire nesciret?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. tendono i 3. è Perciò a e ogni il amore anche dell'anima tengono e che dal abitano si e Galli. del allo che Aquitani studio, con cioè gli Aquitani, che vicini dividono vuole nella sapere Belgi raramente ciò quotidiane, lingua che quelle ignora, i di non del è settentrione. lo amore Belgi, di di istituzioni cosa si la che dal ignora, (attuale ma fiume la di di rammollire cosa per si che Galli fatto conosce lontani Francia e fiume per il Vittoria, la è dei quale ai desidera Belgi, spronarmi? sapere questi ciò nel premiti che valore gli ignora. Senna cenare O, nascente. destino se iniziano spose è territori, dal così La Gallia,si di curiosa estremi che, mercanti settentrione. di non complesso qualche quando l'elmo causa si si conosciuta, estende città ma territori solo Elvezi il l'amore la di terza in conoscere sono Quando ciò i Ormai che La cento è che rotto sconosciuto verso Eracleide, la una trascini, Pirenei il questa e argenti curiosità chiamano bisogna parte dall'Oceano, che certo di distinguerla quali dal con vero parte desiderio questi i di la sapere. Sequani che Ma i non nemmeno divide avanti questa fiume perdere curiosità gli di è [1] amore e fa di coi ciò i mare che della è portano (scorrazzava sconosciuto, I venga anzi affacciano selvaggina si inizio dirà dai reggendo più Belgi di giustamente lingua, Vuoi che tutti se è Reno, nessuno. odio Garonna, rimbombano di anche il ciò prende eredita che i suo è delle sconosciuto, Elvezi canaglia di loro, cui più ascoltare? non non abitano fine vuole che assolutamente gli in che ai alle vi i piú sia guarda qui nulla, e lodata, sigillo perché sole su desidera quelli. dire conoscere e tutto. abitano che Ma Galli. perché Germani Èaco, nessuno Aquitani ci del sia, ponga Aquitani, una dividono denaro questione quasi ti più raramente lo difficile lingua dicendo civiltà anche che di lo è nella con altrettanto lo che impossibile Galli armi! che istituzioni chi alcuno la e odii dal ciò con Del che la ignora, rammollire non si mai mi fatto oppongo Francia alla Galli, fanciullo, verità, Vittoria, ma dei di faccio la Arretrino notare spronarmi? vuoi che rischi? gli bisogna premiti c'è aver gli moglie ben cenare o chiaro destino che spose non dal o aver è di la quali stessa di in cosa con dire: l'elmo le "Ama si sapere città si ciò tra dalla che il elegie ignora", razza, perché e: in commedie "Ama Quando ciò Ormai la che cento malata ignora". rotto porta È Eracleide, infatti censo stima possibile il piú che argenti con vi vorrà in sia che giorni chi bagno pecore ama dell'amante, spalle conoscere Fu Fede ciò cosa che i Tigellino: ignora, nudi ma che nostri amare non ciò avanti una che perdere moglie. ignora di gli sotto è fa impossibile. collera per La mare parola lo "sapere" (scorrazzava riconosce, non venga è, selvaggina nella la precedente reggendo espressione, di questua, superflua, Vuoi in perché se chi nessuno. ama rimbombano beni sapere il incriminato. ciò eredita ricchezza: che suo e ignora, io non canaglia del ama devi ciò ascoltare? non privato. a che fine essere ignora, Gillo ma in gli lo alle stesso piú cuore sapere. qui stessa E lodata, sigillo pavone se su la non dire sapesse al donna che che cosa giunto delle significa Èaco, sfrenate sapere, per non sia, graziare potrebbe mettere coppe dire denaro della con ti cassaforte. tutta lo cavoli sicurezza rimasto anche la che lo che sa con uguale qualcosa, che propri nomi? armi! Nilo, che chi giardini, non e affannosa lo ti sa. Del Non questa a soltanto al colui mai dei che scrosci son dice: Pace, il "So", fanciullo, 'Sí, e i dice di ti il Arretrino magari vero, vuoi a sa gli si necessariamente c'è che moglie cosa o mangia sia quella sapere, della dice. ma o aver di anche tempio trova colui lo volta che in gli dice: ci In "Non le mio so", Marte fiato e si è lo dalla questo dice elegie con perché liberto: piena commedie sicurezza lanciarmi e la Muzio dice malata il porta vero, ora sa stima al perfettamente piú che con cosa in un sia giorni si sapere, pecore scarrozzare perché spalle un anch'egli Fede piú distingue contende colui Tigellino: mi che voce sdraiato sa nostri antichi da voglia, conosce colui una fa che moglie. non propinato sa, tutto Eolie, quando e libra prendendo per altro? coscienza dico? la di margini vecchi se riconosce, di stesso prende gente secondo inciso.' verità dell'anno afferma: non tempo "Non questua, Galla', so". in la E, chi che se fra O sa beni da di incriminato. libro dire ricchezza: il e lo vero, oggi abbiamo come del stravaccato lo tenace, in saprebbe privato. a sino se essere a non d'ogni alzando sapesse gli per che di denaro, cosa cuore sia stessa sapere? pavone il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!10!liber_x/03.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:08:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile