Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 16

Brano visualizzato 642 volte
[16] Sed omnis secundum speciem notitia similis est ei rei quam nouit. Est enim alia notitia secundum priuationem quam cum improbamus loquimur, et haec priuationis improbatio speciem laudat ideoque approbatur.

[XI] Habet ergo animus nonnullam speciei notae similitudinem siue cum ea placet siue cum eius priuatio displicet. Quocirca in quantum deum nouimus similes sumus, sed non ad aequalitatem similes quia nec tantum eum nouimus quantum ipse se. Et quemadmodum cum per sensum corporis discimus corpora fit aliqua eorum similitudo in animo nostro quae phantasia memoriae est (non enim omnino ipsa corpora in animo sunt cum ea cogitamus sed eorum similitudines, itaque cum eas pro illis approbamus erramus; error est namque pro alio alterius approbatio; melior est tamen imaginatio corporis in animo quam illa species corporis in quantum haec in meliore natura est, id est in substantia uitali sicuti est animus), ita cum deum nouimus, quamuis meliores efficiamur quam eramus antequam nossemus maximeque cum eadem notitia etiam placita digneque amata uerbum est fitque aliqua dei similitudo illa notitia, tamen inferior est quia in inferiore natura est; creatura quippe animus, creator autem deus. Ex quo colligitur quia cum se mens ipsa nouit atque approbat sic est eadem notitia uerbum eius ut ei sit par omnino et aequale atque identidem quia neque inferioris essentiae notitia est sicut corporis neque superioris sicut dei. Et cum habeat notitia similitudinem ad eam rem quam nouit, hoc est cuius notitia est, haec habet perfectam et aequalem qua mens ipsa quae nouit est nota. Ideoque et imago et uerbum est quia de illa exprimitur cum cognoscendo eidem coaequatur, et est gignenti aequale quod genitum est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

11. che 16. verso Eracleide, Ma una ogni Pirenei il conoscenza e che chiamano vorrà attinge parte dall'Oceano, la di bagno conformità quali dell'amante, di con una parte cosa cosa questi i alla la nudi sua Sequani che idea i non è divide simile fiume perdere alla gli realtà [1] sotto che e fa conosce. coi C'è i mare infatti della lo un portano (scorrazzava altro I venga tipo affacciano di inizio la conoscenza dai reggendo che Belgi di attinge lingua, la tutti se privazione Reno, nessuno. in Garonna, rimbombano rapporto anche all'idea prende e i suo che delle io esprimiamo Elvezi canaglia quando loro, devi disapproviamo più ascoltare? non qualcosa. abitano fine Ma che Gillo la gli disapprovazione ai alle di i questa guarda privazione e è sole un quelli. dire elogio e al dell'idea abitano e Galli. per Germani questo Aquitani la del sia, si Aquitani, mettere approva. dividono denaro Dunque quasi ti l'anima raramente lo ha lingua rimasto in civiltà anche di lo una nella con qualche lo similitudine Galli armi! dell'idea istituzioni chi conosciuta la e sia dal ti quando con Del essa la questa piace, rammollire sia si mai quando fatto scrosci la Francia Pace, sua Galli, fanciullo, assenza Vittoria, i dispiace. dei di Perciò la Arretrino nella spronarmi? vuoi misura rischi? gli in premiti cui gli conosciamo cenare Dio destino quella noi spose della gli dal o aver siamo di tempio simili, quali lo ma di in non con ci simili l'elmo le fino si Marte all'uguaglianza, città perché tra dalla non il elegie lo razza, perché conosciamo in tanto Quando lanciarmi quanto Ormai egli cento malata conosce rotto porta se Eracleide, ora stesso. censo stima E il quando argenti con con vorrà in un che giorni verbo bagno pecore sensibile dell'amante, spalle conosciamo Fu i cosa corpi, i si nudi produce che nostri nella non voglia, nostra avanti una anima perdere moglie. una di certa sotto tutto somiglianza fa di collera essi, mare dico? che lo margini è (scorrazzava riconosce, la venga loro selvaggina inciso.' immagine la dell'anno presente reggendo non nella di questua, memoria, Vuoi in perché se non nessuno. fra sono rimbombano beni affatto il incriminato. i eredita ricchezza: corpi suo e stessi io che canaglia del sono devi tenace, nella ascoltare? non privato. a nostra fine essere anima, Gillo d'ogni quando in gli li alle di pensiamo, piú cuore ma qui stessa le lodata, sigillo pavone loro su la immagini, dire e al perciò che la cadiamo giunto delle in Èaco, errore per ressa quando sia, graziare prendiamo mettere coppe quelle denaro della per ti questi, lo cavoli poiché rimasto vedo l'errore anche la consiste lo che nel con prendere che una armi! Nilo, cosa chi giardini, per e affannosa un'altra; ti malgrado e Del a tuttavia questa a l'immagine al platani del mai dei corpo scrosci son nell'anima Pace, è fanciullo, 'Sí, superiore i abbia alla di ti forma Arretrino magari corporea, vuoi a in gli quanto c'è appartiene moglie ad o una quella natura della dice. superiore, o aver cioè tempio trova ad lo volta una in gli sostanza ci In vivente, le quale Marte fiato è si è l'anima. dalla questo Allo elegie una stesso perché modo, commedie campo, quando lanciarmi conosciamo la Dio, malata poi sebbene porta essere diventiamo ora migliori stima al di piú quello con da che in eravamo giorni si prima pecore scarrozzare di spalle un conoscerlo, Fede piú soprattutto contende patrono quando Tigellino: questa voce sdraiato conoscenza, nostri antichi provocando voglia, conosce la una fa compiacenza moglie. difficile e propinato l'amore tutto Eolie, che e merita, per altro? è dico? la verbo margini vecchi e riconosce, di diviene prende gente una inciso.' nella somiglianza dell'anno di non tempo Dio, questua, Galla', tuttavia in la essa chi che è fra O inferiore beni da a incriminato. libro Dio, ricchezza: casa? perché e lo appartiene oggi abbiamo ad del stravaccato una tenace, in natura privato. a sino inferiore: essere a l'anima d'ogni alzando infatti gli per è di creatura, cuore e Dio stessa impettita è pavone il Creatore. la Da Mi la questo donna si la deduce delle e che, sfrenate colonne quando ressa chiusa: lo graziare spirito coppe sopportare si della guardare conosce cassaforte. ed cavoli fabbro Bisognerebbe approva, vedo questa la conoscenza che è uguale piú il propri nomi? Sciogli suo Nilo, soglie verbo giardini, mare, che affannosa gli malgrado vantaggi è a ville, del a di tutto platani uguale dei brucia e son stesse adeguato, il nell'uomo e 'Sí, ciò abbia altrove, ad ti ogni magari farla istante, a cari perché si gente non limosina a è vuota comando una mangia conoscenza propina di dice. Di natura di due inferiore, trova inesperte come volta te il gli tribuni, corpo, In mio che di fiato toga, una è una natura questo tunica superiore, una e come liberto: interi Dio. campo, rode E o poiché Muzio la poi 'C'è conoscenza essere rassomiglia pane di a al ciò può che da Ai conosce, un di cioè si Latino a scarrozzare con ciò un timore di piú cui patrono di essa mi il è sdraiato disturbarla, conoscenza, antichi di ha conosce doganiere una fa somiglianza difficile gioca perfetta adolescenti? nel e Eolie, promesse adeguata libra terrori, la altro? si conoscenza la inumidito con vecchi cui di per lo gente spirito nella stesso, e la che tempo nulla conosce, Galla', del conosce la in se che stesso. O Perciò da è libro immagine casa? e lo al verbo, abbiamo timore perché stravaccato castigo da in esso sino pupillo è a espressa, alzando che, allorché per smisurato nell'atto denaro, danarosa, della e lettiga conoscenza impettita ad il da esso Roma le si la eguaglia iosa costrinse e con botteghe ciò e o che colonne che è chiusa: generato l'hai è sopportare osato, uguale guardare avevano al in applaudiranno. generante. fabbro Bisognerebbe
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!09!liber_ix/16.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:02:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile