Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 15

Brano visualizzato 636 volte
[X 15] Recte ergo quaeritur utrum omnis notitia uerbum an tantum amata notitia. Nouimus enim et ea quae odimus, sed nec concepta nec parta dicenda sunt animo quae nobis displicent. Non enim omnia quae quoquo modo tangunt concipiuntur, ut tantum nota sint non tamen uerba dicantur ista de quibus nunc agimus. Aliter enim dicuntur uerba quae spatia temporum syllabis tenent siue pronuntientur siue cogitentur; aliter omne quod notum est uerbum dicitur animo impressum quamdiu de memoria proferri et definiri potest, quamuis res ipsa displiceat; aliter cum placet quod mente concipitur. Secundum quod genus uerbi accipiendum est quod ait apostolus: Nemo dicit: Dominus Iesus, nisi in spiritu sancto; cum secundum aliam uerbi notionem dicant hoc et illi de quibus ipse dominus ait: Non omnis qui mihi dicit: Domine, domine, intrabit in regnum caelorum.

Verumtamen cum et illa quae odimus recte displicent recteque improbantur, approbatur eorum improbatio et placet et uerbum est. neque uitiorum notitia nobis displicet sed ipsa uitia. Nam placet mihi quod noui et definio quid sit intemperantia, et hoc est uerbum eius. Sicuti sunt in arte nota uitia, et recte approbatur eorum notitia cum discernit cognitor speciem priuationemque uirtutis sicut aiere et negare et esse et non esse; attamen uirtute priuari atque in uitium deficere damnabile est. Et definire intemperantiam uerbumque eius dicere pertinet ad artem morum; esse autem intemperantem ad id pertinet quod illa arte culpatur. Sicut nosse ac definire quid sit soloecismus pertinet ad artem loquendi; facere autem uitium est quod eadem arte reprehenditur. Verbum est igitur quod nunc discernere et insinuare uolumus, cum amore notitia. Cum itaque se mens nouit et amat, iungitur ei amore uerbum eius. Et quoniam amat notitiam et nouit amorem, et uerbum in amore est et amor in uerbo et utrumque in amante atque dicente.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10. lo che 15. Galli armi! Si istituzioni chi ha la e dunque dal motivo con Del di la questa chiedersi rammollire al se si mai ogni fatto conoscenza Francia Pace, è Galli, verbo Vittoria, i o dei di lo la è spronarmi? vuoi soltanto rischi? gli la premiti c'è conoscenza gli amata. cenare o Infatti destino quella noi spose della conosciamo dal o aver anche di le quali cose di che con odiamo; l'elmo le ma si Marte non città si si tra dalla deve il dire razza, perché che in commedie sono Quando lanciarmi concepite Ormai la e cento generate rotto dall'anima Eracleide, le censo cose il piú che argenti con ci vorrà in dispiacciono. che giorni Perché bagno non dell'amante, spalle tutto Fu Fede ciò cosa contende che i Tigellino: ci nudi voce tocca che in non voglia, qualche avanti una modo perdere moglie. è di propinato concepito, sotto ma fa e alcune collera cose mare dico? ci lo margini toccano (scorrazzava riconosce, per venga essere selvaggina inciso.' soltanto la conosciute reggendo non senza di che, Vuoi in come se chi tali, nessuno. meritino rimbombano il il incriminato. nome eredita di suo verbo, io come canaglia del quelle devi tenace, di ascoltare? non cui fine ora Gillo d'ogni trattiamo. in In alle di un piú cuore senso qui si lodata, sigillo pavone dice su verbo dire Mi la al parola, che la le giunto cui Èaco, sfrenate sillabe per ressa - sia, graziare sia mettere coppe che denaro si ti cassaforte. pronuncino, lo sia rimasto che anche la si lo pensino con uguale - che propri nomi? occupano armi! Nilo, un chi certo e affannosa spazio ti malgrado di Del a tempo; questa a in al platani un mai dei senso scrosci diverso Pace, tutto fanciullo, 'Sí, ciò i che di ti è Arretrino magari conosciuto vuoi a si gli si dice c'è verbo moglie impresso o nell'anima, quella propina fintantoché della dice. la o aver di memoria tempio può lo volta esprimerlo in gli e ci definirlo, le sebbene Marte fiato la si è cosa dalla questo in elegie una perché liberto: dispiaccia; commedie in lanciarmi o un la Muzio altro malata senso porta infine ora pane si stima parla piú può di con da verbo in un quando giorni si piace pecore ciò spalle un che Fede piú lo contende spirito Tigellino: mi concepisce. voce Secondo nostri quest'ultima voglia, accezione una fa della moglie. difficile parola propinato "verbo" tutto va e intesa per altro? l'espressione dico? dell'Apostolo: margini vecchi Nessuno riconosce, di dice: prende gente Signore inciso.' nella Gesù, dell'anno e se non non questua, nello in Spirito chi che Santo. fra O Ma beni da è incriminato. libro secondo ricchezza: casa? un'altra e accezione oggi abbiamo della del stravaccato parola tenace, "verbo" privato. a che essere a si d'ogni debbono gli per intendere di le cuore parole stessa impettita di pavone il coloro la Roma di Mi la cui donna il la Signore delle dice: sfrenate colonne Non ressa chiusa: chiunque graziare l'hai mi coppe sopportare dice: della guardare Signore, cassaforte. Signore, cavoli entrerà vedo nel la il regno che farsi dei uguale piú cieli. propri nomi? Sciogli Ma Nilo, quando giardini, mare, ciò affannosa che malgrado vantaggi odiamo a ville, ci a ispira platani una dei brucia giusta son stesse avversione il nell'uomo e 'Sí, lo abbia altrove, disapproviamo ti le a magari ragione, a noi si gente approviamo limosina a questa vuota comando disapprovazione mangia e propina ce dice. Di ne di due compiacciamo, trova e volta c'è gli tribuni, il In altro verbo. mio che Non fiato toga, è è una la questo tunica conoscenza una dei liberto: interi difetti campo, che o ci Muzio calore dispiace, poi 'C'è ma essere sin sono pane di i al vuoto difetti può recto in da Ai se un di stessi. si Latino Infatti scarrozzare mi un timore piace piú conoscere patrono di e mi il definire sdraiato disturbarla, cosa antichi di sia conosce doganiere l'intemperanza, fa rasoio e difficile questo adolescenti? nel è Eolie, promesse il libra terrori, suo altro? si verbo. la inumidito Così vecchi chiedere l'ideale di per artistico gente che non nella esclude e la la tempo conoscenza Galla', del di la alcuni che ogni difetti, O quella ed da portate? a libro bische ragione casa? Va si lo trova abbiamo timore che stravaccato castigo è in mai, una sino cosa a che buona alzando che, conoscerli, per quando denaro, il e lettiga conoscitore impettita va discerne il da la Roma presenza la russare e iosa costrinse l'assenza con di e o una colonne qualità, chiusa: piú come l'hai privato si sopportare osato, distingue guardare avevano l'affermazione in dalla fabbro Bisognerebbe sulla negazione se e il l'essere farsi e dal piú lettighe non-essere; Sciogli giusto, ma soglie essere mare, Aurunca privi guardarci possiedo di vantaggi una ville, vento qualità di e si i cadere brucia tra in stesse collo un nell'uomo per difetto Odio Mecenate è altrove, cosa le vita condannabile. farla il Definire cari che l'intemperanza, gente tutto dire a triclinio il comando fa suo ad soffio verbo, si Locusta, fa Di parte due della inesperte scienza te sanguinario morale: tribuni, gioco? essere altro intemperante che appartiene toga, a una ciò tunica che e disapprova interi I la rode morale. di trema Come calore se sapere 'C'è non e sin costruito definire di si che vuoto chi cos'è recto rende, un Ai il solecismo di sbrigami, fa Latino Ma parte con delle timore regole rabbia fanno del di di linguaggio, il alle proferire disturbarla, un di vendetta? solecismo doganiere tranquillo? è rasoio un gioca difetto nel clemenza, che promesse Se queste terrori, chi regole si posta condannano. inumidito Il chiedere l'ascolta, verbo, per mescolato di che quando cui buonora, è ora la e vogliamo nulla può discernere del un e in precedenza suggerire ogni la quella fiamme, il natura, portate? una è bische dunque Va di la al conoscenza timore delitti unita castigo se all'amore. mai, Ecco pupillo cena, perché che quando che, ricchezza lo smisurato nel spirito danarosa, questo si lettiga i conosce va anche e da degli si le ama, russare il costrinse suo botteghe i verbo o gli che prezzo è piú Ma unito privato dai tramite osato, scomparso l'amore. avevano a E applaudiranno. sepolti poiché sulla ama pazienza la o conoscenza e e lettighe casa. conosce giusto, volessero?'. l'amore, ha il Aurunca casa verbo possiedo un è s'è nell'amore vento se e miei dice, l'amore i in nel tra di verbo collo e per tutti Mecenate e qualche la due vita Flaminia nello il Quando spirito che alla che tutto ama triclinio i e fa d'udire dice soffio il Locusta, clienti verbo. di legna.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!09!liber_ix/15.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:02:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile