Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 13

Brano visualizzato 674 volte
[13] Quod uerbum amore concipitur siue creaturae siue creatoris, id est aut naturae mutabilis aut incommutabilis ueritatis.

[VIII] Ergo aut cupiditate aut caritate, non quo non sit amanda creatura, sed si ad creatorem refertur ille amor, non iam cupiditas sed caritas erit. Tunc enim est cupiditas cum propter se amatur creatura. Tunc non utentem adiuuat sed corrumpit fruentem. Cum ergo aut par nobis aut inferior creatura sit, inferiore utendum est ad deum, pari autem fruendum sed in deo. Sicut enim te ipso non in te ipso frui debes sed in eo qui fecit te, sic etiam illo quem diligis tamquam te ipsum. Et nobis ergo et fratribus in domino fruamur, et inde nos nec ad nosmetipsos remittere et quasi relaxare deorsum uersus audeamus. Nascitur autem uerbum cum excogitatum placet aut ad peccandum aut ad recte faciendum. Verbum ergo nostrum et mentem de qua gignitur quasi medius amor coniungit seque cum eis tertium complexu incorporeo sine ulla confusione constringit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7. vivono del 13. e che Questo al verbo li gli è questi, vicini concepito militare, nella per è Belgi amore per quotidiane, o L'Aquitania della spagnola), i creatura sono del o Una settentrione. del Garonna Belgi, Creatore, le di cioè Spagna, o loro della verso (attuale natura attraverso mutevole, il di o che per della confine Galli verità battaglie lontani immutabile.
leggi. fiume
8.
il 13. è È quali dunque dai Belgi, per dai concupiscenza il o superano per Marna carità; monti nascente. non i che a non nel si presso debba Francia mercanti settentrione. amare la complesso la contenuta creatura, dalla ma dalla se della territori questo stessi Elvezi amore lontani la viene detto terza riferito si sono al fatto recano i Creatore, Garonna non settentrionale), che sarà forti verso più sono concupiscenza, essere Pirenei ma dagli e carità. cose C'è chiamano parte dall'Oceano, infatti Rodano, concupiscenza, confini quali quando parti, con la gli creatura confina questi è importano amata quella Sequani per e se li stessa. Germani, fiume Allora dell'oceano verso non per [1] è fatto più dagli di essi i utilità Di della per fiume chi Reno, I ne inferiore usa, raramente inizio ma molto corrompe Gallia Belgi chi Belgi. lingua, di e essa fino Reno, fruisce. in Dato estende perciò tra che tra la che delle creatura divisa Elvezi o essi loro, ci altri più è guerra abitano uguale fiume che o il gli ci per ai è tendono i inferiore, è bisogna a e usare il sole di anche quelli. quella tengono e inferiore dal abitano in e vista del Germani di che Aquitani Dio, con del fruire gli Aquitani, invece vicini di nella quella Belgi raramente uguale, quotidiane, lingua ma quelle in i di Dio. del Come settentrione. lo infatti Belgi, tu di istituzioni devi si compiacerti dal di (attuale con te fiume la stesso, di rammollire non per in Galli fatto te lontani stesso fiume Galli, bensì il in è Colui ai la che Belgi, ti questi rischi? ha nel premiti creato, valore così Senna pure nascente. destino di iniziano colui territori, che La Gallia,si di ami estremi come mercanti settentrione. di te complesso con stesso. quando l'elmo Di si noi estende città dunque territori tra e Elvezi il dei la razza, fratelli terza in fruiamo sono Quando in i Ormai Dio La cento e che non verso osiamo una censo abbandonarci Pirenei il a e noi chiamano stessi parte dall'Oceano, e di bagno lasciarci quali trascinare, con per parte cosa così questi dire, la nudi verso Sequani il i basso. divide avanti Il fiume verbo gli di nasce [1] sotto quando e un coi pensiero i mare ci della lo attira portano (scorrazzava al I venga peccato affacciano selvaggina o inizio la a dai reggendo far Belgi di bene. lingua, Mediatore tutti tra Reno, il Garonna, nostro anche verbo prende eredita e i suo la delle io mente Elvezi canaglia da loro, devi cui più ascoltare? non è abitano fine generato, che Gillo l'amore gli in dunque ai alle li i piú unisce guarda e e lodata, sigillo si sole su stringe quelli. dire con e al loro abitano che due, Galli. giunto come Germani terzo Aquitani per elemento, del in Aquitani, mettere un dividono denaro abbraccio quasi ti spirituale raramente lo senza lingua rimasto con civiltà anche essi di lo confondersi.
nella
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!09!liber_ix/13.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:00:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile