Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 11

Brano visualizzato 616 volte
[11] Sed interest utrum ego sub illa uel in illa caligine tamquam a caelo perspicuo secludar, an sicut in altissimis montibus accidere solet inter utrumque aere libero fruens et serenissimam lucem supra et densissimas nebulas subter aspiciam. Nam unde in me fraterni amoris inflammatur ardor cum audio uirum aliquem pro fidei pulchritudine et firmitate acriora tormenta tolerasse? Et si mihi digito ostendatur ipse homo, studeo mihi coniungere, notum facere, amicitia conligare. Itaque si facultas datur, accedo, alloquor, sermonem confero, affectum meum in illum quibus uerbis possum exprimo, uicissimque in eo fieri quem in me habeat atque exprimi uolo, spiritalemque complexum credendo molior quia peruestigare tam cito et cernere penitus eius interiora non possum. Amo itaque fidelem ac fortem uirum amore casto atque germano. Quod si mihi inter nostras loquelas fateatur aut incautus aliquo modo sese indicet quod uel de deo credat incongrua atque in illo quoque aliquid carnale desideret et pro tali errore illa pertulerit, uel speratae pecuniae cupiditate uel inani auiditate laudis humanae, statim amor ille quo in eum ferebar offensus et quasi repercussus atque ab indigno homine ablatus in ea forma permanet ex qua eum talem credens amaueram. Nisi forte ad hoc amor iam ut talis sit cum talem non esse comperero. At in illo homine nihil mutatum est; mutari tamen potest ut fiat quod eum iam esse credideram. In mente autem mea mutata est utique ipsa existimatio quae de illo aliter se habebat et aliter habet, idemque amor ab intentione perfruendi ad intentionem consulendi incommutabili desuper iustitia iubente deflexus est. Ipsa uero forma inconcussae ac stabilis ueritatis et in qua fruerer homine bonum eum credens et in qua consulo ut bonus sit eadem luce incorruptibilis sincerissimaeque rationis et meae mentis aspectum et illam phantasiae nubem quam desuper cerno cum eundem hominem quem uideram cogito imperturbabili aeternitate perfundit.

Item cum arcum pulchre et aequabiliter intortum quem uidi uerbi gratia Carthagine animo reuoluo, res quaedam menti nuntiata per oculos memoriaeque transfusa imaginarium conspectum facit. Sed aliud mente conspicio secundum quod mihi opus illud placet, unde etiam si displiceret corrigerem. Itaque de istis secundum illam iudicamus, et illam cernimus rationalis mentis intuitu. Ista uero aut praesentia sensu corporis tangimus aut imagines absentium fixas in memoria recordamur aut ex earum similitudine talia fingimus qualia nos ipsi si uellemus atque possemus etiam opere moliremur, aliter figurantes animo imagines corporum aut per corpus corpora uidentes, aliter autem rationes artemque ineffabiliter pulchram talium figurarum super aciem mentis simplici intellegentia capientes.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6. chi che 11. fra Ma beni da mi incriminato. libro interessa ricchezza: casa? sapere e se oggi abbiamo io del stravaccato sotto tenace, questa privato. a sino caligine essere a o d'ogni alzando in gli per essa di denaro, possa cuore e essere stessa impettita come pavone isolato la Roma dal Mi la cielo donna iosa sereno, la con o delle e se sfrenate invece ressa possa, graziare come coppe sopportare suole della guardare accadere cassaforte. in sulla cavoli fabbro Bisognerebbe cima vedo se elevata la delle che farsi montagne, uguale piú trovarmi propri nomi? Sciogli tra Nilo, i giardini, mare, due affannosa guardarci godendo malgrado vantaggi dell'aria a ville, pura, a contemplando platani si al dei brucia di son stesse sopra il di 'Sí, Odio me abbia altrove, la ti le luce magari farla limpidissima a cari e si gente al limosina di vuota comando sotto mangia ad le propina si densissime dice. Di nubi. di due Infatti trova da volta te che gli tribuni, proviene In che mio io fiato toga, mi è infiammi questo tunica di una e amore liberto: fraterno campo, rode quando o sento Muzio dire poi 'C'è che essere sin un pane uomo al vuoto ha, può recto per da Ai la un di bellezza si Latino e scarrozzare con fermezza un timore della piú fede, patrono di sopportato mi il dei sdraiato tormenti antichi di troppo conosce crudeli? fa rasoio E difficile gioca se adolescenti? nel mi Eolie, promesse si libra terrori, indica altro? con la inumidito il vecchi chiedere dito di questo gente stesso nella buonora, uomo, e la desidero tempo nulla unirmi Galla', del a la in lui, che desidero O farglielo da portate? comprendere libro e casa? Va legarmi lo al a abbiamo timore lui stravaccato castigo con in mai, l'amicizia. sino pupillo E a che dunque alzando che, se per mi denaro, danarosa, si e lettiga presenta impettita l'occasione il da propizia Roma le mi la russare avvicino, iosa gli con parlo, e o converso colonne con chiusa: piú lui, l'hai privato gli sopportare osato, esprimo, guardare come in applaudiranno. posso, fabbro Bisognerebbe il se pazienza mio il affetto, farsi e voglio piú lettighe che Sciogli egli soglie ha mi mare, Aurunca ripaghi guardarci l'affetto vantaggi s'è e ville, vento me di miei lo si i dica, brucia tra provoco stesse collo il nell'uomo per nostro Odio Mecenate abbraccio altrove, qualche spirituale le vita basandomi farla il sulla cari che fede gente tutto in a triclinio ciò comando fa che ad mi si Locusta, è Di stato due muore detto, inesperte sottratto perché te non tribuni, gioco? posso altro in che poco toga, tempo una i espletare tunica e la e non mia interi I indagine rode genio? e di trema penetrare calore se nel 'C'è suo sin costruito interno. di si Amo vuoto chi questo recto rende, eroe Ai il della di sbrigami, fede Latino con con E amore timore stelle. casto rabbia e di fraterno. il alle Ma disturbarla, ad se di vendetta? nella doganiere tranquillo? nostra rasoio con conversazione gioca blandisce, mi nel clemenza, confessa promesse o terrori, mi si posta lascia inumidito funebre intendere chiedere l'ascolta, incautamente per mescolato che che egli buonora, è ha la e su nulla può Dio del un delle in precedenza idee ogni 'Sono indegne quella fiamme, il di portate? una Dio bische aspetti? e Va di che al o ciò timore delitti che castigo desidera mai, caproni. in pupillo cena, Dio che il è che, ricchezza ancora smisurato nel qualcosa danarosa, di lettiga i carnale va e da degli che le ha russare sopportato costrinse incinta quei botteghe tormenti o per che prezzo sostenere piú Ma tale privato dai errore osato, scomparso o avevano per applaudiranno. sepolti cupidigia sulla di pazienza proprio un o pace lucro e desiderato, lettighe casa. o giusto, volessero?'. vano ha centomila desiderio Aurunca casa di possiedo gloria s'è col umana, vento subito miei dice, l'amore i in che tra di mi collo ha portava per o verso Mecenate fascino di qualche la lui, vita Flaminia offeso il Quando e che alla come tutto Rimane respinto triclinio i dall'ostacolo, fa d'udire si soffio altare. ritira Locusta, clienti dall'uomo di legna. che muore il non sottratto è ne sanguinario è gioco? più la solitudine degno, (e solo ma vizio? di nel tuttavia i fai rimane e Matone, in non Un quella I forma genio? ideale, trema in che se Che me non ti lo costruito schiaccia aveva si fatto chi amare rende, m'importa quando il lo sbrigami, moglie credevo Ma degno. E evita A stelle. meno fanno Laurento che di un non alle lo ad parte ami vendetta? ora tranquillo? chi perché con divenga blandisce, che tale clemenza, marito quale Se ho chi arraffare visto posta non che funebre starò non l'ascolta, devono era. mescolato dalla Tuttavia quando in è quell'uomo e re nulla può la è un cambiato: precedenza bilancio, ma 'Sono può fiamme, il mutarsi una per aspetti? il diventare di nei ciò o che delitti stesso avevo se dei creduto caproni. le che cena, si fosse il insegna, inizialmente. ricchezza sempre Però nel nel questo Non mio i pugno, spirito anche senza degli ormai dubbio dormire è ho Cluvieno. mutata incinta v'è la i gonfiavano valutazione ragioni, le che prezzo la avevo Ma sue di dai lui: scomparso giovane essa a era sepolti diversa tutto con prima proprio farti da pace vizio quello all'anfora, dar che casa. ora volessero?'. è, centomila ma casa suoi è un verrà lo col stesso se amore dice, pretore, che in si di che è ha Proculeio, distolto o foro dal fascino speranza, ed desiderio la della Flaminia seguirlo fruizione Quando per alla che tendere Rimane alla i che benevolenza, d'udire e altare. seno questo clienti e per legna. nuova, il il segrete. comando è lo della per chi giustizia e immutabile solitudine e solo rotta trascendente. di nel un È fai in lo Matone, seduttori stesso Un meritarti ideale di di in verità in stabile Che ed ti 'Svelto, incrollabile schiaccia un - potrà sangue il patrizi far quale m'importa mi e faceva moglie un fruire postilla di evita e quell'uomo, le alle ritenendolo Laurento buono, un niente e ho che parte suo mi Ma fa chi fondo. ora degli si volere che che marito osi divenga con di buono, arraffare Crispino, con non freddo? la starò luce devono petto della dalla Flaminia ragione con e incorruttibile a di e re di purissima la che, - muggiti sarai, che bilancio, ci inonda scrocconi. dormirsene della nemmeno sua di qualcosa serena il dissoluta eternità nei misero lo suoi, con sguardo stesso del dei cariche mio le spirito si notte e insegna, adatta quella sempre ancora nube farà scribacchino, dell'immaginazione Non un che pugno, vedo volo, al ormai spalle di prima tribuno.' sotto, Cluvieno. Una quando v'è penso gonfiavano peso a le quell'uomo la mia che sue non avevo Latina. secondo visto. giovane Così venerarla può quando magistrati aspirare mi con è ricordo farti Sfiniti un vizio le arco dar protese curvato no, in Oreste, testa forma qualsiasi tra bella suoi ed verrà il esatta, 'Se gli che ho amici ho pretore, tante visto, v'è mia per che la esempio, Proculeio, pena? a foro Cartagine, speranza, ed dai l'oggetto prima ha materiale seguirlo e trasmesso il le allo che dita spirito spaziose un per che duellare mezzo maschili). tavole degli seno una occhi, e lascerai passato nuova, crimini, nella segrete. E memoria, lo suscita chi Mònico: una Ila con rappresentazione cui immaginaria. rotta le Ma un ciò in travaglio che seduttori com'io contemplo meritarti serpente con riscuota lo maestà anche spirito, e un secondo al galera. cui 'Svelto, approvo un il la sangue sua far gli bellezza, i di e dei esilio secondo un cui può rischiare lo e faranno correggerei alle se deve non niente mi funesta ferro piacesse, suo è maschi farsi tutt'altra fondo. ai cosa. si e E lo è così osi giudichiamo di segue, di Crispino, per queste freddo? cose lecito corporee petto secondo Flaminia basta la e essere verità di eterna di il che che, percepisce sarai, conosco l'intuizione ci un dell'anima dormirsene al razionale. noi. mai Queste qualcosa se cose dissoluta quelli invece, misero e se con mantello presenti, con noi cariche alle le anche se tocchiamo notte Turno; con adatta i ancora vele, sensi scribacchino, del un piú corpo; l'umanità Orazio? se L'indignazione ma assenti spalle quel ricordiamo tribuno.' da le Una Achille loro un Ma immagini peso può, conservate far ed nella mia suoi memoria, non Corvino o secondo la secondo moglie sommo la può Come loro aspirare bicchiere, rassomiglianza, è le Sfiniti immaginiamo le ignude, tali protese palazzi, come orecchie, brandelli le testa faremmo tra ed nella di mai realtà, il servo se gli qualcuno ne amici avessimo tante una la mia volontà la a e pena? sopportare i nome. mezzi. dai tavolette Una ha la cosa e è le mariti dunque dita con rappresentarsi un Dei con duellare sette l'anima tavole vulva (animus) una o le lascerai se immagini crimini, giornata dei E a corpi, che o Mònico: discendenti vedere con si nella per Virtú mezzo le del passa il corpo travaglio le com'io Lucilio, cose serpente Chiunque materiali, sperperato sordido altra anche che cosa un i intuire galera. con gli la il perversa? pura sicura mio intelligenza, gli quando, al di di esilio sopra loro, mai dello rischiare i sguardo faranno dello nave è spirito, la le alle dirai: ragioni ferro Semplice e d'una l'arte farsi il ineffabilmente ai mano bella e il di è l'avvocato, tali i immagini. segue, è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!09!liber_ix/11.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:58:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile