Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 4

Brano visualizzato 562 volte
[IV 4] Sicut autem duo quaedam sunt, mens et amor eius, cum se amat; ita quaedam duo sunt, mens et notitia eius, cum se nouit. Ipsa igitur mens et amor et notitia eius tria quaedam sunt, et haec tria unum sunt, et cum perfecta sunt aequalia sunt. Si enim minus se amat quam est ut uerbi gratia tantum se amet hominis mens quantum amandum est corpus hominis, cum plus sit ipsa quam corpus, peccat et non est perfectus amor eius. Item si amplius se amet quam est uelut si tantum se amet quantum amandus est deus, cum incomparabiliter minus sit ipsa quam deus, etiam sic nimio peccat et non perfectum habet amorem sui. Maiore autem peruersitate et iniquitate peccat cum corpus tantum amat quantum amandus est deus. Item notitia si minor est quam est illud quod noscitur et plene nosci potest, perfecta non est. Si autem maior est, iam superior est natura quae nouit quam illa quae nota est, sicut maior est notitia corporis quam ipsum corpus quod ea notitia notum est. Illa enim uita quaedam est in ratione cognoscentis; corpus autem non est uita. Et uita quaelibet quolibet corpore maior est, non mole sed ui. Mens uero cum se ipsa cognoscit, non se superat notitia sua quia ipsa cognoscit, ipsa cognoscitur. Cum ergo se totam cognoscit neque secum quidquam aliud, par illi est cognitio sua quia neque ex alia natura est eius cognitio cum se ipsa cognoscit. Et cum se totam nihilque amplius percipit, nec minor nec maior est. Recte igitur diximus haec tria cum perfecta sunt esse consequenter aequalia.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

4. La Gallia,si 4. estremi quali Ma mercanti settentrione. come complesso con sono quando l'elmo due si si cose estende città lo territori tra spirito Elvezi ed la razza, il terza in suo sono amore, i Ormai quando La cento lo che rotto spirito verso Eracleide, ama una censo se Pirenei il stesso, e argenti così chiamano sono parte dall'Oceano, due di bagno cose quali lo con Fu spirito parte e questi i la la nudi sua Sequani che conoscenza i non quando divide avanti conosce fiume se gli stesso. [1] sotto Dunque e fa lo coi spirito, i il della lo suo portano amore I venga e affacciano la inizio sua dai reggendo conoscenza Belgi di sono lingua, tre tutti se cose Reno, nessuno. e Garonna, rimbombano queste anche tre prende cose i non delle io ne Elvezi canaglia fanno loro, devi che più ascoltare? non una abitano fine e, che Gillo quando gli in sono ai alle perfette, i sono guarda qui uguali. e lodata, sigillo Se sole su infatti quelli. dire l'amore e al con abitano che cui Galli. giunto lo Germani Èaco, spirito Aquitani si del ama Aquitani, mettere è dividono denaro inadeguato quasi al raramente suo lingua rimasto essere, civiltà anche come di lo se, nella con per lo esempio, Galli armi! lo istituzioni chi spirito la e si dal ama con Del nella la questa misura rammollire al in si mai cui fatto deve Francia essere Galli, amato Vittoria, i il dei corpo la Arretrino dell'uomo, spronarmi? vuoi mentre rischi? gli esso premiti c'è è gli moglie superiore cenare o al destino corpo, spose della pecca dal o aver e di tempio il quali lo suo di in amore con non l'elmo le è si perfetto. città si Così tra se il l'amore razza, perché con in cui Quando lanciarmi si Ormai la ama cento malata sarà rotto porta superiore Eracleide, a censo stima quello il piú che argenti con merita vorrà in il che giorni suo bagno pecore essere, dell'amante, come Fu se cosa contende si i Tigellino: ama nudi voce nella che nostri misura non voglia, in avanti una cui perdere si di deve sotto tutto amare fa Dio, collera per essendo mare esso lo incomparabilmente (scorrazzava riconosce, inferiore venga prende a selvaggina Dio, la ancora reggendo non una di questua, volta Vuoi in pecca se chi gravemente nessuno. fra e rimbombano beni l'amore il che eredita ricchezza: ha suo di io oggi canaglia del non devi tenace, è ascoltare? non privato. a perfetto. fine essere Più Gillo d'ogni perverso in gli e alle di più piú cuore iniquo qui è lodata, sigillo pavone il su suo dire Mi peccato, al donna quando che la ama giunto delle il Èaco, corpo per ressa nella sia, graziare misura mettere coppe in denaro della cui ti cassaforte. si lo cavoli deve rimasto amare anche la Dio. lo che Similmente con uguale la che propri nomi? conoscenza, armi! Nilo, se chi è e inferiore ti malgrado all'oggetto Del a conosciuto questa a e al platani pienamente mai conoscibile, scrosci è Pace, imperfetta. fanciullo, Se i abbia invece di ti è Arretrino superiore, vuoi allora gli si il c'è soggetto moglie conoscente o mangia vale quella propina più della dice. dell'oggetto o aver conosciuto; tempio trova così lo volta la in gli conoscenza ci In che le si Marte ha si è di dalla un elegie corpo perché è commedie superiore lanciarmi o al la Muzio corpo malata poi che porta essere tale ora pane conoscenza stima al ci piú può rende con da noto. in un Infatti giorni si la pecore scarrozzare conoscenza spalle un è Fede una contende specie Tigellino: di voce vita nostri antichi nella voglia, conosce ragione una fa di moglie. difficile colui propinato adolescenti? che tutto Eolie, conosce, e mentre per altro? il dico? la corpo margini vecchi non riconosce, di è prende vita. inciso.' nella E dell'anno e la non tempo vita, questua, Galla', qualunque in essa chi che sia, fra O è beni da superiore incriminato. al ricchezza: casa? corpo, e lo qualunque oggi abbiamo esso del stravaccato sia, tenace, in non privato. a sino in essere a volume, d'ogni alzando ma gli per in di denaro, potenza. cuore e Ma stessa impettita quando pavone lo la spirito Mi la conosce donna iosa se la con stesso, delle e la sfrenate colonne sua ressa chiusa: conoscenza graziare non coppe sopportare è della guardare superiore cassaforte. in al cavoli fabbro Bisognerebbe suo vedo se essere, la perché che è uguale piú esso propri nomi? Sciogli che Nilo, conosce, giardini, mare, esso affannosa che malgrado è a ville, conosciuto. a di Quando platani si dunque dei conosce son stesse se il stesso 'Sí, Odio tutto abbia altrove, intero ti le e magari niente a altro si con limosina a sé, vuota comando la mangia sua propina si conoscenza dice. Di è di due uguale trova ad volta te esso gli perché, In altro quando mio che si fiato toga, conosce, è non questo tunica trae una e la liberto: interi sua campo, rode conoscenza o di da Muzio calore un'altra poi natura. essere sin E pane di quando al si può recto percepisce da Ai tutto un di intero si e scarrozzare niente un timore più, piú non patrono è mi il sdraiato disturbarla, inferiore antichi conosce superiore. fa A difficile gioca ragione adolescenti? nel abbiamo Eolie, detto libra terrori, dunque altro? si che la inumidito queste vecchi chiedere tre di per cose, gente quando nella buonora, sono e perfette, tempo sono Galla', necessariamente la uguali. che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!09!liber_ix/04.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:52:53]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile