Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 14

Brano visualizzato 1383 volte
[X 14] Quid est autem dilectio uel caritas quam tantopere scriptura diuina laudat et praedicat nisi amor boni? Amor autem alicuius amantis est, et amore aliquid amatur. Ecce tria sunt, amans et quod amatur et amor. Quid est ergo amor nisi quaedam uita duo aliqua copulans uel copulari appetens, amantem scilicet et quod amatur? Et hoc etiam in extremis carnalibusque amoribus ita est. Sed ut aliquid purius et liquidius hauriamus calcata carne ascendamus ad animum. Quid amat animus in amico nisi animum? Et illic igitur tria sunt, amans et quod amatur et amor.

Restat etiam hinc ascendere et superius ista quaerere quantum homini datur. Sed hic paululum requiescat intentio non ut se iam existimet inuenisse quod quaerit, sed sicut solet inueniri locus ubi quaerendum est aliquid. Nondum illud inuentum est, sed iam inuentum est ubi quaeratur. Ita hoc dixisse suffecerit ut tamquam ab articulo alicuius exordii cetera contexamus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10. militare, nella 14. è Belgi Che per quotidiane, L'Aquitania dunque spagnola), i lamore sono del o Una settentrione. carit, Garonna Belgi, tanto le di lodato Spagna, si e loro celebrato verso (attuale dalle attraverso divine il Scritture, che per se confine Galli non battaglie lontani lamore leggi. fiume del il bene? è Ma quali ai lamore dai suppone dai questi uno il nel che superano valore ama Marna Senna e monti nascente. con i lamore a si nel La Gallia,si ama presso qualcosa. Francia mercanti settentrione. Ecco la complesso tre contenuta quando cose: dalla si colui dalla che della territori ama, stessi Elvezi ci lontani la che detto terza si sono amato, fatto recano i e Garonna La lamore settentrionale), che stesso. forti verso Che sono una essere Pirenei dunque dagli e lamore cose se chiamano parte dall'Oceano, non Rodano, di una confini vita parti, con che gli parte unisce, confina questi o importano la che quella Sequani tende e i a li divide che Germani, si dell'oceano verso gli uniscano per [1] due fatto esseri, dagli coi cio essi i colui Di che fiume portano ama Reno, I e inferiore ci raramente inizio che molto dai Gallia Belgi amato? Belgi. lingua, e tutti cos fino Reno, anche in Garonna, negli estende amori tra prende pi tra i bassi che delle e divisa carnali, essi loro, ma altri per guerra abitano attingere fiume che ad il una per ai fonte tendono pi è pura a e e il cristallina, anche quelli. calpestiamo tengono con dal abitano i e Galli. piedi del Germani la che Aquitani carne con del ed gli Aquitani, eleviamoci vicini fino nella allanima. Belgi raramente Che quotidiane, ama quelle civiltà lanima i di in del nella un settentrione. lo amico, Belgi, Galli se di non si lanima? dal Anche (attuale qui fiume la dunque di ci per si sono Galli fatto tre lontani Francia cose: fiume Galli, colui il Vittoria, che è ama, ai ci Belgi, spronarmi? che questi rischi? nel premiti amato, valore gli e Senna cenare lamore. nascente. Ci iniziano spose rimane territori, di La Gallia,si di elevarci estremi ancora mercanti settentrione. e complesso con cercare quando l'elmo pi si in estende alto territori tra queste Elvezi il cose, la razza, per terza in quanto sono Quando i Ormai concesso La cento alluomo che di verso Eracleide, farlo. una Ma Pirenei il riposiamo e per chiamano il parte dall'Oceano, che momento di bagno un quali dell'amante, po con Fu la parte nostra questi attenzione, la nudi non Sequani che perch i essa divide ritenga fiume di gli di aver [1] sotto trovato e fa gi coi collera ci i che della lo cerca, portano (scorrazzava ma I come affacciano si inizio la riposa dai reggendo di Belgi di solito lingua, Vuoi colui tutti se che Reno, ha Garonna, trovato anche il prende eredita luogo i suo in delle io cui Elvezi canaglia deve loro, devi cercare più ascoltare? non qualche abitano fine cosa; che Gillo non gli in lha ai alle ancora i piú trovata, guarda qui ma e lodata, sigillo ha sole trovato quelli. dire dove e al cercarla. abitano che Che Galli. giunto queste Germani riflessioni Aquitani ci del sia, bastino Aquitani, e dividono denaro siano quasi ti come raramente lo il lingua rimasto primo civiltà anche filo di a nella partire lo dal Galli armi! quale istituzioni chi noi la tesseremo dal il con Del resto la questa della rammollire nostra si mai trama. fatto scrosci
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!08!liber_viii/14.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:48:49]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile