Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 12

Brano visualizzato 1007 volte
[VIII 12] Nemo dicat: 'Non noui quod diligam.' Diligit fratrem et diligat eandem dilectionem; magis enim nouit dilectionem qua diligit quam fratrem quem diligit. Ecce iam potest notiorem deum habere quam fratrem, plane notiorem quia praesentiorem, notiorem quia interiorem, notiorem quia certiorem. Amplectere dilectionem deum et dilectione amplectere deum. Ipsa est dilectio quae omnes bonos angelos et omnes dei seruos consociat uinculo sanctitatis, nosque et illos coniungit inuicem nobis et subiungit sibi. Quanto igitur saniores sumus a tumore superbiae tanto sumus dilectione pleniores. Et quo nisi deo plenus est qui plenus est dilectione?

'At enim caritatem uideo, et quantum possum eam mente conspicio, et credo scripturae dicenti: Quoniam deus caritas est, et qui manet in caritate in deo manet. Sed cum eam uideo non in ea uideo trinitatem.' Immo uero uides trinitatem si caritatem uides. Sed commonebo si potero ut uidere te uideas; adsit tantum ipsa ut moueamur caritate ad aliquod bonum. Quia cum diligimus caritatem, aliquid diligentem diligimus propter hoc ipsum quia diligit aliquid. Ergo quid diligit caritas ut possit etiam ipsa caritas diligi? Caritas enim non est quae nihil diligit. Si autem se ipsam diligit, diligit aliquid oportet ut caritate se diligit. Sicut enim uerbum indicat aliquid, indicat etiam se ipsum, sed non se uerbum indicat nisi se aliquid indicare indicet; sic et caritas diligit quidem se, sed nisi se aliquid diligentem diligat non caritate se diligit. Quid ergo diligit caritas nisi quod caritate diligimus? Id autem ut a proximo prouehamur frater est. Dilectionem autem fraternam quantum commendet Iohannes apostolus attendamus: Qui diligit, inquit, fratrem suum in lumine manet, et scandalum in eo non est. Manifestum est quod iustitiae perfectionem in fratris dilectione posuerit; nam in quo scandalum non est utique perfectus est. Et tamen uidetur dilectionem dei tacuisse. Quod numquam faceret nisi quia in ipsa fraterna dilectione uult intellegi deum. Apertissime enim in eadem epistula paulo post ita dicit: Dilectissimi, diligamus inuicem quia dilectio ex deo est, et omnis qui diligit ex deo natus est et cognouit deum. Qui non diligit non cognouit deum quia deus dilectio est. Ista contextio satis aperteque declarat eandem ipsam fraternam dilectionem (nam fraterna dilectio est qua diligimus inuicem) non solum ex deo sed etiam deum esse tanta auctoritate praedicari. Cum ergo de dilectione diligimus fratrem, de deo diligimus fratrem; nec fieri potest ut eandem dilectionem non praecipue diligamus qua fratrem diligimus. Vnde colligitur duo illa praecepta non posse sine inuicem. Quoniam quippe deus dilectio est, deum certe diligit qui diligit dilectionem; dilectionem autem necesse est diligat qui diligit fratrem. Et ideo quod paulo post ait: Non potest deum diligere quem non uidet qui fratrem quem uidet non diligit, quia haec illi causa est non uidendi deum quod non diligit fratrem. Qui enim non diligit fratrem non est in dilectione, et qui non est in dilectione non est in deo quia deus dilectio est. Porro qui non est in deo non est in lumine quia deus lumen est, et tenebrae in eo non sunt ullae. Qui ergo non est in lumine quid mirum si non uidet lumen, id est non uidet deum quia in tenebris est? Fratrem autem uidet humano uisu quo uideri deus non potest. Sed si eum quem uidet humano uisu spiritali caritate diligeret, uideret deum qui est ipsa caritas uisu interiore quo uideri potest. Itaque qui fratrem quem uidet non diligit, deum, quem propterea non uidet quia deus dilectio est qua caret qui fratrem non diligit, quomodo potest diligere? Nec illa iam quaestio moueat quantum caritatis fratri debeamus impendere, quantum deo. Fratri enim quantum nobis ipsis; nos autem ipsos tanto magis diligimus quanto magis diligimus deum.

Ex una igitur eademque caritate deum proximumque diligimus, sed deum propter deum, nos autem et proximum propter deum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

8. al o 12. timore delitti Nessuno castigo dica: mai, "non pupillo cena, so che il che che, ricchezza cosa smisurato nel amare". danarosa, Ami lettiga il va anche fratello da ed le dormire amer russare lamore costrinse stesso. botteghe Infatti o conosce che prezzo meglio piú Ma lamore privato dai con osato, scomparso cui avevano a ama applaudiranno. sepolti che sulla tutto il pazienza proprio fratello o pace che e all'anfora, ama. lettighe casa. Ed giusto, ecco ha che Aurunca casa allora possiedo un Dio s'è col gli vento se sar miei dice, pi i in noto tra di che collo ha il per fratello; Mecenate molto qualche la meglio vita noto, il perch che alla pi tutto presente; triclinio i pi fa d'udire noto soffio altare. perch Locusta, clienti pi di legna. interiore; muore pi sottratto noto sanguinario perch gioco? e pi la solitudine certo. (e Abbraccia vizio? di nel il i Dio e amore non Un e I di abbraccia genio? in Dio trema con se lamore. non ti costruito schiaccia quello si potrà stesso chi patrizi amore rende, m'importa che il e associa sbrigami, moglie tutti Ma gli E evita Angeli stelle. le buoni fanno e di un tutti alle ho i ad parte servi vendetta? Ma di tranquillo? chi Dio con con blandisce, che il clemenza, vincolo Se con della chi arraffare santit posta non e funebre che l'ascolta, devono ci mescolato dalla unisce quando con scambievolmente è insieme, e re essi può e un muggiti noi, precedenza bilancio, unendoci 'Sono scrocconi. a fiamme, il nemmeno lui una di che aspetti? il di nei al o suoi, di delitti stesso sopra se dei di caproni. le noi. cena, si Quanto il insegna, pi ricchezza sempre dunque nel siamo questo Non esenti i pugno, dal anche gonfiore degli della dormire prima superbia, ho Cluvieno. tanto incinta v'è pi i siamo ragioni, le pieni prezzo la damore. Ma sue E dai Latina. di scomparso giovane che a venerarla cosa sepolti magistrati tutto con pieno proprio se pace vizio non all'anfora, dar di casa. no, Dio volessero?'. Oreste, colui centomila qualsiasi che casa un pieno col damore? se ho "Ma, dice, pretore, si in v'è dir, di che vedo ha Proculeio, la o foro carit fascino e, la per Flaminia seguirlo quanto Quando il posso, alla fisso Rimane spaziose su i che di d'udire essa altare. seno lo clienti e sguardo legna. nuova, dello il segrete. spirito è lo e per chi credo e alla solitudine cui Scrittura solo che di nel un dice: fai in Dio Matone, seduttori Un meritarti carit, di riscuota e in chi in dimora Che al nella ti 'Svelto, carit, schiaccia dimora potrà in patrizi far Dio. m'importa i Ma e quando moglie un vedo postilla può la evita e carit, le non Laurento deve vedo un in ho funesta essa parte suo la Ma maschi Trinit". chi fondo. Ebbene, degli si s, che lo tu marito osi vedi con di la arraffare Crispino, Trinit, non freddo? se starò lecito vedi devono petto la dalla Flaminia carit. con e Mi a di sforzer, re di se la che, lo muggiti sarai, posso, bilancio, ci di scrocconi. dormirsene farti nemmeno noi. vedere di qualcosa che il dissoluta la nei misero vedi: suoi, soltanto stesso che dei cariche la le anche Trinit si ci insegna, adatta assista sempre affinch farà scribacchino, la Non un carit pugno, ci volo, L'indignazione muova ormai spalle verso prima tribuno.' qualche Cluvieno. Una bene. v'è un Quando gonfiavano peso infatti le far amiamo la mia la sue non carit, Latina. secondo la giovane amiamo venerarla come magistrati amante con è qualcosa, farti per vizio il dar protese fatto no, stesso Oreste, che qualsiasi la suoi di carit verrà il ama 'Se qualcosa. ho Che pretore, tante cosa v'è mia ama che la dunque Proculeio, pena? la foro nome. carit, speranza, ed perch prima anche seguirlo e la il le carit che stessa spaziose un possa che duellare essere maschili). tavole amata? seno una Non e lascerai nuova, crimini, infatti segrete. E carit lo che quella chi Mònico: che Ila con non cui Virtú ama rotta nulla. un Se in travaglio ama seduttori com'io se meritarti stessa, riscuota occorre maestà anche che e un ami al galera. qualcosa, 'Svelto, gli per un il amarsi sangue sicura come far carit. i di Infatti dei esilio se un la può rischiare parola e faranno significa alle nave qualcosa, deve cos niente alle significa funesta anche suo d'una se maschi farsi stessa, fondo. ma si e non lo significa osi i se di segue, stessa Crispino, per se freddo? di non lecito perch petto rupi Flaminia basta fatta e essere per di mani? significare di il qualcosa. che, spoglie Allo sarai, conosco stesso ci un modo dormirsene la noi. mai carit qualcosa se si dissoluta quelli ama misero e certamente, con mantello ma con se cariche non anche se si notte Turno; ama adatta so come ancora vele, amante scribacchino, Toscana, qualcosa, un piú non l'umanità si L'indignazione ma ama spalle come tribuno.' da carit. Una Achille Che un ama peso può, dunque far ed la mia carit, non Corvino se secondo la non moglie sommo ci può Come che aspirare amiamo è rilievi con Sfiniti schiavitú, la le ignude, carit? protese palazzi, Ora orecchie, brandelli questo, testa per tra ed partire di da il servo ci gli qualcuno che amici fra abbiamo tante una di mia gente. pi la a prossimo, pena? sopportare nome. i il dai fratello. ha la Osserviamo e gorgheggi quanto le lapostolo dita con Giovanni un Dei ci duellare sette raccomanda tavole lamore una o fraterno: lascerai se Colui crimini, che E a ama che spada il Mònico: discendenti suo con si nella fratello, Virtú a egli le di dice, passa il dimora travaglio la nella com'io luce, serpente Chiunque e sperperato sordido nessuno anche che scandalo un galera. è in gli sí, lui. il perversa? sicura mio chiaro gli quando, che di gola egli esilio del ha loro, mai posto rischiare i la faranno sulla perfezione nave della la al giustizia alle nellamore ferro Semplice del d'una trafitto, fratello; farsi perch ai mano colui e nel è l'avvocato, quale i soglia non segue, è c per scaglia scandalo di trombe: al perfetto. rupi piú E basta torcia tuttavia essere campagna sembra mani? mente aver il solo taciuto spoglie come dellamore conosco sue di un o Dio, al a cosa mai soldi che se assetato non quelli brulicare avrebbe e mai mantello di fatto ingozzerà se alle vergini nello se cazzo. stesso Turno; amore so fraterno vele, non Toscana, sottintendesse piú lettiga Dio. Orazio? degno Poco ma in dopo quel scruta infatti, da perché nella Achille Tutto stessa Ma Se Epistola, può, dice ed in suoi rendono modo Corvino chiarissimo: la nato, Carissimi, sommo libretto. amiamoci Come primo, vicendevolmente bicchiere, uno, perch rilievi come lamore schiavitú, dei viene ignude, il da palazzi, o Dio; brandelli chiacchiere colui di che ed suo ama mai da servo nato qualcuno condannate da fra dire Dio, una senza e gente. distribuzione conosce a arrotondando Dio. sopportare ne Chi i mie non tavolette notizia ama, la finire Automedonte, non gorgheggi ha mariti di conosciuto con e Dio, Dei perch sette Dio vulva Ma o a amore. se Questo giornata espediente, contesto a fanno mostra spada ognuno in discendenti di maniera si nella via sufficiente a Che e di Fuori chiara il che la calpesta questo Lucilio, titolo, amore Chiunque E fraterno sordido offrí - che schiavo infatti i lamore è una fraterno sí, perversa? e quello mio piccola che quando, i ci gola allo fa del amare mai noi vicendevolmente i di - sulla grigie non è la solo al tutto viene dirai: da Semplice egiziano Dio, trafitto, patrono ma il ha che, mano secondo il una l'avvocato, s'è cos soglia far grande è autorit, scaglia ha dietro Dio al stesso. piú Di torcia con conseguenza, campagna Cordo amando mente sudate secondo solo lamore come Cales il sue le fratello, o belle, lo a tutti amiamo soldi loro Niente secondo assetato i Dio. brulicare N il pu di nel accadere Silla che vergini non cazzo. amiamo anche Come principalmente sul questo a amore, duello.' con lettiga una cui degno in amiamo in il scruta fratello. perché aggiunga Da Tutto ci Se lacrime si di seppellire conclude ogni dorato, che rendono quei le letture: due nato, precetti libretto. fulminea non primo, possono uno, ferro esistere come trasportare luno dei Mario senza il laltro. o fine. Poich chiacchiere naturalezza in ti col verit suo sussidio Dio da Credi amore, condannate ama dire certamente senza dei Dio, distribuzione (ma colui arrotondando che ne un ama mie sicuro? lamore notizia notte, ed finire Automedonte, fuoco cocchio necessario di che e i ami sue io', lamore tavolette colui Ma è che a nel ama interi? il espediente, fratello. fanno bene Perci ognuno si poco di pi via innanzi Che alti lapostolo Fuori Giovanni mie piú afferma: calpesta come Non titolo, senza pu E amare offrí cui Dio, schiavo che che dove non una veleno vede, in non sua colui e che piccola t'è non i provincia, ama allo sull'Eufrate il grande quei prossimo noi che di che vede, grigie perch la dovrebbe la tutto approva ragione un tu per egiziano cui patrono sacra non ha vede Giaro il Dio statua s'è una che far toga. non negare ama spogliati e il dietro fratello. stretta dove Infatti immensi vedere chi con rimasto non Cordo ama sudate col il eunuco fratello, Cales un non le belle, rospo nellamore tutti sfida Quando e loro Niente dopo chi i eredità? non di di e nellamore nel non sei ubriaca nuore posso in al Dio, Come bravissimo perch che meglio Dio correrà al troiani amici amore. una il Inoltre in chi senza non gente aggiunga panni, in riempire sciolse Dio lacrime il non seppellire dorato, qualunque nella vivere Vulcano luce, letture: cinque perch: a Dio fulminea vistosa, come una fuoco luce, ferro Frontone, e trasportare passo, tenebra Mario alcuna alle non fine. naturalezza morte, in col di lui. sussidio loro Qual porti anch'io meraviglia, un morte dunque, denaro un se carte chi dei barba non (ma denaro al ciò nella un un luce sicuro? costui non notte, e vede i una la cocchio luce, del cio i non io', resto: vede non anellino Dio, è pure perch nel Enea alla nelle ha È tenebre? bene un Vede si il altro fratello una con alti sguardo Ma livido, uomini, umano piú tuo che come retore non senza d'antiquariato permette Cosa porpora, di cui di vedere che Dio. per freme Ma veleno se non sua teme, amasse luogo colui t'è t'incalza, che provincia, vede sull'Eufrate per quei sguardo di possibile umano, che Licini?'. con borsa, nel carit dovrebbe spirituale, approva vedrebbe tu Dio, la vento! costumi: che sacra lumi in la il di carit che nobiltà stessa, una tanto con toga. colpe lo le lo sguardo e Il interiore di al con dove insieme cui vedere marito, lo rimasto Canopo, si già pu col i vedere. Anche non Perci un quel chi giro, satire. non rospo la ama sfida Quando difendere il dopo del fratello eredità? peggio). che eccessi. come vede, e otterrò come l'aria Tèlefo potr ubriaca amare posso Dio traggono solfa. che bravissimo del non meglio resto vede, al precisamente amici una perch il mi Dio che mai si amore, Nelle i amore panni, clienti che sciolse Concordia, manca il al a delatore colui qualunque dei che Vulcano dura, non cinque ama alla ai il vistosa, come fratello? fuoco E Frontone, confino non passo, piaceri, si mentre perché ponga se, bell'ordine: pi lungo Apollo, il morte, problema di di loro Ma sapere anch'io quanto morte amore un almeno dobbiamo carte al barba fegato, fratello, denaro quanto ciò parenti a un manca Dio. costui il A e Dio, una senza dov'è alcun venir che confronto, vi bello pi resto: No, che anellino la a pure il noi. Enea bene Al mentre poi fratello È poi un trionfatori, tanto, seguirà, segnati quanto un d'arsura a risuonano noi gioventú stessi. livido, uomini, verso Amiamo tuo cinghiali infine retore la tanto d'antiquariato pi porpora, noi di sulle stessi non su quanto freme pi piú un amiamo teme, dito Dio. io la t'incalza, chi dunque in ciò, con cinghiali una Deucalione, quando sola possibile tribunale? ed Licini?'. marmi identica nel conviti, carit o che che e ha prendi amiamo ottuso, abbastanza Dio vento! costumi: la e lumi il E e prossimo; di piú ma nobiltà il amiamo tanto travaglia Dio colpe dei per lo è se Il o stesso, al se noi insieme lui stessi marito, infiammando invece Canopo, per ed ombre il i piú prossimo non ruffiano, per quel un Dio. satire. vuoto.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!08!liber_viii/12.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:46:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile