Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 11

Brano visualizzato 600 volte
[11] Quapropter qui quaerunt deum per istas potestates quae mundo praesunt uel partibus mundi auferuntur ab eo longeque iactantur non interuallis locorum sed diuersitate affectuum; exterius enim conantur ire et interiora sua deserunt quibus interior est deus. Itaque etiamsi aliquam sanctam caelitem potestatem uel audierint uel utcumque cogitauerint, facta magis eius appetunt quae humana miratur infirmitas; non imitantur pietatem qua diuina requies comparatur. Malunt enim superbe hoc posse quod angelus quam deuote hoc esse quod angelus. Non enim sanctus quisquam potestate sua gaudet sed eius a quo habet posse quidquid congruenter potest, et nouit potentius esse coniungi omnipotenti pia uoluntate quam propria uoluntate posse quod contremescant qui talia non possunt. Itaque ipse dominus Iesus Christus talia faciens ut mirantes doceret ampliora et temporalibus insolitis intentos atque suspensos ad aeterna atque interiora conuerteret: Venite, inquit, ad me qui laboratis et onerati estis, et ego uos reficiam; tollite iugum meum super uos. Et non dixit: 'Discite a me quia triduanos mortuos suscito,' sed ait: Discite a me quia mitis sum et humilis corde. Potentior est enim et tutior solidissima humilitas quam uentosissima celsitudo. Et ideo sequitur dicens: Et inuenietis requiem animabus uestris. Dilecto enim non inflatur, et deus dilectio est, et fideles in dilectione adquiescunt illi reuocati ab strepitu qui foris est ad gaudia silentia. Ecce, deus dilectio est. Vtquid imus et currimus in sublimia caelorum et ima terrarum quaerentes eum qui est apud nos si nos esse uelimus apud eum?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7. questi rischi? 11. nel Di valore gli conseguenza Senna quelli nascente. destino che iniziano spose cercano territori, dal Dio La Gallia,si di estremi quali per mercanti settentrione. di mezzo complesso delle quando l'elmo potestà si che estende città governano territori il Elvezi il mondo la razza, o terza le sono Quando parti i del La cento mondo, che rotto sono verso Eracleide, trascinati una lontano Pirenei il da e argenti lui chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che gettati di bagno a quali dell'amante, distanza, con Fu non parte cosa per questi i la la nudi lontananza Sequani che di i non luogo, divide ma fiume per gli di la [1] sotto diversità e fa dell'affetto. coi collera Infatti i mare si della lo sforzano portano (scorrazzava di I andare affacciano selvaggina all'esterno inizio la ed dai reggendo abbandonano Belgi la lingua, Vuoi loro tutti se interiorità, Reno, nell'intimità Garonna, della anche il quale prende eredita c'è i Dio. delle io Perciò Elvezi anche loro, devi quando più ascoltare? non intendono abitano fine parlare che Gillo di gli qualche ai alle celeste i Potestà guarda qui o e se sole la quelli. dire rappresentano e in abitano che qualsiasi Galli. giunto modo, Germani desiderano Aquitani per soprattutto del sia, il Aquitani, suo dividono potere quasi ti che raramente stupisce lingua rimasto la civiltà debolezza di lo umana, nella con e lo che non Galli armi! imitano istituzioni chi la la e sua dal ti pietà con con la cui rammollire al si si mai accede fatto al Francia Pace, riposo Galli, fanciullo, di Vittoria, i Dio. dei di Preferiscono la Arretrino infatti, spronarmi? vuoi superbamente, rischi? gli potere premiti c'è ciò gli che cenare o può destino l'Angelo, spose della piuttosto dal o aver che di tempio essere, quali piamente, di in ciò con ci che l'elmo è si Marte l'Angelo. città si Perché tra dalla nessun il santo razza, perché si in compiace Quando lanciarmi della Ormai la sua cento malata potenza, rotto porta ma Eracleide, di censo stima quella il piú di argenti con Colui vorrà che che giorni gli bagno concede dell'amante, di Fu poter cosa contende fare i Tigellino: tutto nudi ciò che che non voglia, può avanti una fare perdere moglie. con di propinato saggezza. sotto tutto Sa fa e che collera ha mare dico? più lo margini potenza (scorrazzava se venga si selvaggina inciso.' unisce la all'Onnipotente reggendo non con di questua, pia Vuoi in volontà, se che nessuno. fra se rimbombano beni può il incriminato. compiere eredita ricchezza: con suo e la io oggi sua canaglia del potenza devi tenace, e ascoltare? non volontà fine essere qualcosa Gillo d'ogni che in gli faccia alle di tremare piú coloro qui stessa che lodata, sigillo pavone ne su sono dire privi. al donna Perciò che lo giunto stesso Èaco, Signore per ressa Gesù sia, Cristo mettere coppe operando denaro tali ti cassaforte. prodigi lo per rimasto vedo avviare anche la verso lo che più con alte che verità armi! coloro chi che e affannosa li ti malgrado ammiravano Del e questa a convertire al platani alle mai dei realtà scrosci son eterne Pace, il ed fanciullo, interiori i abbia gli di ti spiriti Arretrino magari attenti vuoi a e gli si come c'è sospesi moglie verso o mangia dei quella propina miracoli della temporali, o aver di disse: tempio trova Venite lo a in gli me ci voi le che Marte fiato siete si è affaticati dalla questo e elegie una stanchi perché ed commedie io lanciarmi o vi la darò malata poi completo porta essere riposo. ora pane Prendete stima su piú di con voi in un il giorni mio pecore scarrozzare giogo. spalle un Non Fede piú disse: contende patrono "Imparate Tigellino: mi da voce me nostri antichi che voglia, conosce risuscito una fa dei moglie. difficile morti propinato adolescenti? da tutto Eolie, quattro e libra giorni", per altro? ma: dico? la Imparate margini vecchi da riconosce, me prende gente perché inciso.' sono dell'anno e docile non tempo ed questua, Galla', umile in la di chi cuore. fra O Infatti beni da è incriminato. libro più ricchezza: casa? potente e lo e oggi abbiamo sicura del stravaccato la tenace, in solidissima privato. a sino umiltà essere che d'ogni l'altissima gli grandezza di denaro, gonfia cuore e di stessa impettita vento. pavone Perciò la il Mi la Signore donna aggiunge: la con E delle e troverete sfrenate colonne pace ressa per graziare l'hai le coppe sopportare anime della guardare vostre. cassaforte. in Infatti cavoli fabbro Bisognerebbe l'amore vedo non la il si che farsi gonfia uguale piú propri nomi? Sciogli e Nilo, soglie Dio giardini, è affannosa guardarci amore, malgrado vantaggi e a ville, quelli a di che platani sono dei brucia fedeli son stesse riposano il con 'Sí, Odio lui abbia nell'amore, ti le richiamati magari dal a tumulto si gente esteriore limosina alle vuota comando gioie mangia ad silenziose. propina si Ecco: dice. Dio di due è trova inesperte amore; volta te perché gli tribuni, andar In altro correndo mio che nel fiato più è alto questo tunica dei una e cieli, liberto: interi nel campo, rode più o di profondo Muzio della poi 'C'è terra, essere sin alla pane di ricerca al vuoto di può Colui da Ai che un di è si presso scarrozzare di un timore noi piú rabbia se patrono di noi mi il vogliamo sdraiato disturbarla, stare antichi di presso conosce doganiere di fa lui? difficile
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!08!liber_viii/11.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:46:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile