Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 10

Brano visualizzato 727 volte
[VII 10] Quapropter non est praecipue uidendum in hac quaestione quae de trinitate nobis est et de cognoscendo deo nisi quid sit uera dilectio, immo uero quid sit dilectio. Ea quippe dilectio dicenda quae uera est, alioquin cupiditas est; atque ita cupidi abusiue dicuntur diligere quemadmodum cupere abusiue dicuntur qui diligunt. Haec est autem uera dilectio ut inhaerentes ueritati iuste uiuamus, et ideo contemnamus omnia mortalia prae amore hominum quo eos uolumus iuste uiuere. Ita enim et mori pro fratribus utiliter parati esse poterimus, quod nos exemplo suo dominus Iesus Christus docuit. Cum enim duo praecepta sint in quibus tota lex pendet et prophetae, dilectio dei et dilectio proximi, non immerito plerumque scriptura pro utroque unum ponit. Siue tantum dei sicuti est illud: Scimus quoniam diligentibus deum omnia cooperantur in bonum, et iterum: Quisquis autem diligit deum hic cognitus est ab illo, et illud: Quoniam caritas dei diffusa est in cordibus nostris per spiritum sanctum qui datus est nobis, et alia multa quia et qui diligit deum, consequens est ut faciat quod praecepit deus et in tantum diligit in quantum facit; consequens ergo est ut et proximum diligat quia hoc praecepit deus. Siue tantum proximi dilectionem scriptura commemorat sicuti est illud: Inuicem onera uestra portate et sic adimplebitis legem Christi, et illud: Omnis enim lex in uno sermone impletur, in eo quod scriptum est: Diliges proximum tuum tamquam te ipsum, et in euangelio: Omnia quaecumque uultis ut faciant uobis homines bona, haec et uos facite illis; haec est enim lex et prophetae, et pleraque alia reperimus in litteris sanctis in quibus sola dilectio proximi ad perfectionem praecipi uidetur et taceri de dilectione dei cum in utroque praecepto lex pendeat et prophetae, sed et hoc ideo quia et qui proximum diligit consequens est ut ipsam praecipue dilectionem diligat. Deus autem dilectio est, et qui manet in dilectione in deo manet. Consequens ergo est ut praecipue deum diligat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7. quelli. 10. e al Perci abitano in Galli. giunto questa Germani Èaco, questione Aquitani per sulla del sia, Trinit Aquitani, e dividono denaro la quasi conoscenza raramente lo di lingua Dio civiltà dobbiamo di lo principalmente nella con indagare lo che che Galli armi! cosa istituzioni chi sia la e il dal ti vero con amore, la questa o rammollire al meglio, si mai che fatto scrosci cosa Francia sia Galli, fanciullo, lamore, Vittoria, i perch dei non la Arretrino c spronarmi? vuoi amore rischi? gli degno premiti c'è di gli moglie tal cenare nome destino quella che spose della quello dal o aver vero: di tempio il quali lo resto di in con ci concupiscenza. l'elmo le Ed si città improprio tra dalla dire il elegie che razza, perché amano in commedie gli Quando lanciarmi uomini Ormai la dominati cento malata dalla rotto concupiscenza, Eracleide, ora come censo stima dire il che argenti con sono vorrà in dominati che dalla bagno pecore concupiscenza dell'amante, gli Fu Fede uomini cosa contende che i amano. nudi Ora che il non voglia, vero avanti una amore perdere moglie. consiste di nelladerire sotto tutto alla fa verit collera per per mare dico? vivere lo margini nella (scorrazzava giustizia. venga prende Dunque selvaggina inciso.' disprezziamo la dell'anno tutte reggendo non le di questua, cose Vuoi in mortali se per nessuno. fra amore rimbombano beni degli il incriminato. uomini, eredita ricchezza: amore suo e che io oggi ci canaglia del fa devi desiderare ascoltare? non privato. a che fine essi Gillo d'ogni vivano in gli nella alle di giustizia. piú Allora qui stessa potremo lodata, sigillo pavone giungere su la anche dire Mi al al punto che la di giunto delle essere Èaco, disposti per ressa a sia, graziare morire mettere coppe per denaro della il ti bene lo dei rimasto nostri anche fratelli, lo che come con uguale il che propri nomi? Signore armi! Ges chi giardini, Cristo e affannosa ci ti ha Del insegnato questa con al platani il mai suo scrosci esempio. Pace, Bench fanciullo, 'Sí, vi i abbia siano di ti due Arretrino magari precetti vuoi a dai gli quali c'è limosina dipende moglie tutta o mangia la quella propina Legge della dice. ed o aver di i tempio trova Profeti: lo volta lamore in di ci In Dio le mio e Marte fiato lamore si è del dalla questo prossimo, elegie una non perché liberto: commedie campo, senza lanciarmi o motivo la Muzio che malata poi la porta essere Scrittura ora pane di stima al solito piú può ne con ricordi in un uno giorni si per pecore scarrozzare tutti spalle un e Fede due. contende patrono Talvolta Tigellino: mi parla voce sdraiato solo nostri antichi dellamore voglia, conosce di una fa Dio, moglie. difficile come propinato in tutto Eolie, questo e passo: per altro? Sappiamo dico? la che margini vecchi per riconosce, di coloro prende che inciso.' nella amano dell'anno e Dio, non egli questua, fa in la concorrere chi tutto fra al beni da bene; incriminato. libro ed ricchezza: casa? in e questaltro: oggi abbiamo Chiunque del ama tenace, in Dio, privato. a sino questi essere a d'ogni alzando conosciuto gli per da di denaro, lui; cuore e ed stessa ancora: pavone il Perch la Roma lamore Mi la di donna iosa Dio la delle e stato sfrenate colonne diffuso ressa chiusa: nei graziare l'hai nostri coppe sopportare cuori della mediante cassaforte. in lo cavoli Spirito vedo se Santo la il che che ci uguale piú propri nomi? Sciogli stato Nilo, soglie dato, giardini, mare, ed affannosa in malgrado vantaggi molti a ville, altri a di passi. platani Perch dei brucia chi son stesse ama il nell'uomo Dio 'Sí, Odio abbia altrove, naturale ti le che magari farla faccia a ci si che limosina Dio vuota comando ha mangia ad prescritto propina si e dice. Di lo di due ami, trova inesperte nella volta te misura gli tribuni, in In altro cui mio che lo fiato toga, fa. è Di questo tunica conseguenza una amer liberto: interi anche campo, il o di prossimo, Muzio calore perch poi 'C'è Dio essere sin lo pane di ha al vuoto comandato. può recto Talvolta da Ai la un Scrittura si Latino ricorda scarrozzare con soltanto un lamore piú rabbia del patrono di prossimo, mi il come sdraiato disturbarla, nel antichi di passo: conosce Sopportate fa gli difficile gioca uni adolescenti? i Eolie, promesse pesi libra terrori, degli altro? si altri la inumidito e vecchi chiedere cos di per adempirete gente che la nella buonora, legge e di tempo nulla Cristo; Galla', del ed la in in che questo: O Tutta da la libro bische Legge casa? Va infatti lo al si abbiamo timore compendia stravaccato castigo in in mai, questo sino pupillo solo a che comando: alzando che, Ama per smisurato il denaro, danarosa, prossimo e tuo impettita va come il te Roma le stesso; la russare e iosa costrinse nel con botteghe Vangelo: e o Tutto colonne che quanto chiusa: piú desiderate l'hai che sopportare osato, gli guardare avevano uomini in applaudiranno. facciano fabbro Bisognerebbe sulla a se pazienza voi il di farsi e bene, piú lettighe fatelo Sciogli giusto, voi soglie ha pure mare, Aurunca a guardarci loro; vantaggi s'è poich ville, vento questa di miei si la brucia tra Legge stesse collo ed nell'uomo per i Odio Mecenate Profeti. altrove, qualche E le noi farla incontriamo cari che nelle gente tutto sante a triclinio Scritture comando fa molti ad soffio altri si Locusta, passi, Di di in due muore cui inesperte solo te sanguinario lamore tribuni, del altro prossimo che (e sembra toga, comandato una per tunica e la e non perfezione, interi I mentre rode genio? non di si calore parla 'C'è non dellamore sin costruito di di Dio. vuoto chi E recto tuttavia Ai il la di sbrigami, Legge Latino Ma e con E i timore stelle. Profeti rabbia dipendono di dalluno il e disturbarla, ad dallaltro di vendetta? precetto. doganiere tranquillo? Ma rasoio con ancora gioca blandisce, una nel clemenza, volta promesse la terrori, ragione si di inumidito questo chiedere l'ascolta, silenzio per mescolato che quando che buonora, è chi la ama nulla il del un prossimo in precedenza ama ogni 'Sono necessariamente, quella prima portate? una di bische aspetti? tutto, Va di lamore al o stesso. timore delitti Ora: castigo se Dio mai, caproni. pupillo cena, amore, che e che, chi smisurato nel dimora danarosa, questo nellamore lettiga i dimora va anche in da degli Dio. le dormire Ne russare consegue costrinse incinta dunque botteghe i che o ragioni, ama che prezzo principalmente piú Ma Dio. privato dai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!08!liber_viii/10.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:45:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile