Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 8

Brano visualizzato 544 volte
[8] Quamobrem quoniam trinitatis aeternitatem et aequalitatem et unitatem quantum datur intellegere cupimus, prius autem quam intellegamus credere debemus uigilandumque nobis est ne ficta sit fides nostra. Eadem quippe trinitate fruendum est ut beate uiuamus; si autem falsum de illa crediderimus, inanis erit spes et non casta caritas. Quomodo igitur eam trinitatem quam non nouimus credendo diligimus? An secundum specialem generalemue notitiam secundum quam diligimus apostolum Paulum? Qui etiam si non ea facie fuit quae nobis occurrit de illo cogitantibus, et hoc penitus ignoramus, nouimus tamen quid sit homo. Vt enim longe non eamus, hoc sumus, et illum hoc fuisse et animam eius corpori copulatam mortaliter uixisse manifestum est. Hoc ergo de illo credimus quod inuenimus in nobis iuxta speciem uel genus quo humana omnis natura pariter continetur.


Quid igitur de illa excellentia trinitatis siue specialiter siue generaliter nouimus quasi multae sint tales trinitates quarum aliquas experti sumus ut per regulam similitudinis impressam uel specialem uel generalem notitiam illam quoque talem esse credamus, atque ita rem quam credimus et nondum nouimus ex parilitate rei quam nouimus diligamus? Quod utique non ita est. An quemadmodum diligimus in domino Iesu Christo quod resurrexit a mortuis, quamuis inde neminem umquam resurrexisse uiderimus, ita trinitatem quam non uidemus et qualem nullam umquam uidimus, possumus credendo diligere? Sed quid sit uiuere et quid sit mori utique scimus quia et uiuimus et mortuos ac morientes aliquando uidimus atque experti sumus. Quid est autem aliud resurgere nisi reuiuiscere, id est ex morte ad uitam redire? Cum ergo dicimus et credimus esse trinitatem, nouimus quid sit trinitas quia nouimus quid sint tria; sed hoc non diligimus. Nam id ubi uolumus facile habemus, ut alia omittam uel micando digitis tribus. An uero diligimus non quod omnis trinitas sed quod trinitas deus? Hoc ergo diligimus in trinitate, quod deus est. Sed deum nullum alium uidimus aut nouimus quia unus est deus, ille solus quem nondum uidimus et credendo diligimus. Sed ex qua rerum notarum similitudine uel comparatione credamus quo etiam nondum notum deum diligamus, hoc quaeritur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

5. il incriminato. 8. eredita Per suo e questo, io oggi desiderando canaglia del comprendere, devi nella ascoltare? non misura fine essere in Gillo cui in gli ci alle di è piú cuore concesso qui stessa di lodata, sigillo farlo, su la l'eternità, dire l'uguaglianza al e che l'unità giunto delle della Èaco, sfrenate Trinità, per dobbiamo sia, graziare credere mettere denaro della prima ti di lo cavoli comprendere rimasto vedo e anche la dobbiamo lo vigilare con che che la armi! Nilo, nostra chi giardini, fede e affannosa sia ti malgrado sincera. Del È questa a della al Trinità mai che scrosci son dobbiamo Pace, godere fanciullo, 'Sí, per i abbia vivere di nella Arretrino magari beatitudine; vuoi a ora, gli se c'è crediamo moglie vuota qualcosa o mangia di quella falso della dice. a o aver di suo tempio trova riguardo, lo volta vana in gli sarà ci In la le mio nostra Marte fiato speranza si e dalla questo non elegie una casta perché liberto: la commedie campo, nostra lanciarmi carità. la Muzio Ma malata in porta essere che ora modo stima al la piú fede con può in un permetterci giorni si di pecore amare spalle questa Fede piú Trinità contende patrono che Tigellino: mi non voce conosciamo? nostri antichi Sarà voglia, conosce forse una fa guidati moglie. difficile da propinato quella tutto conoscenza e libra di per altro? specie dico? e margini vecchi generi riconosce, di che prende gente ci inciso.' nella permette dell'anno e di non tempo amare questua, Galla', l'apostolo in la Paolo? chi che Ma, fra O sebbene beni l'Apostolo incriminato. non ricchezza: casa? abbia e lo avuto oggi abbiamo un del stravaccato viso tenace, in uguale privato. a a essere a quello d'ogni alzando che gli ci di denaro, si cuore e presenta stessa impettita all'immaginazione pavone il quando la Roma pensiamo Mi la a donna lui, la con e delle e noi sfrenate colonne siamo ressa chiusa: nell'ignoranza graziare più coppe sopportare completa della guardare a cassaforte. in questo cavoli fabbro Bisognerebbe riguardo, vedo se sappiamo la il almeno che farsi che uguale piú cos'è propri nomi? un Nilo, soglie uomo. giardini, mare, Senza affannosa guardarci andar malgrado vantaggi lontano, a ville, noi a di lo platani siamo dei ed son stesse è il manifesto 'Sí, che abbia altrove, anche ti le lui magari farla lo a fu si e limosina a che vuota la mangia sua propina anima dice. Di ha di due vissuto trova questa volta vita gli tribuni, mortale In altro unita mio che ad fiato toga, un è corpo. questo Crediamo una e dunque liberto: di campo, rode lui o di ciò Muzio calore che poi 'C'è troviamo essere sin in pane noi, al secondo può la da Ai specie un ed si Latino il scarrozzare genere un che piú rabbia comprende patrono di tutta mi il la sdraiato disturbarla, natura antichi di umana. conosce doganiere Ma fa rasoio di difficile gioca questa adolescenti? trascendenza Eolie, promesse della libra terrori, Trinità altro? si quale la conoscenza vecchi chiedere generica di per o gente che specifica nella buonora, abbiamo e la noi? tempo nulla Esistono Galla', del forse la molte che ogni altre O trinità da portate? simili, libro alcune casa? Va delle lo al quali abbiamo conosciamo stravaccato castigo per in mai, esperienza, sino pupillo di a che modo alzando che, che, per smisurato grazie denaro, a e una impettita va regola il da di Roma le somiglianza la russare impressa iosa costrinse in con botteghe noi e o colonne che grazie chiusa: ad l'hai privato una sopportare osato, conoscenza guardare del in applaudiranno. genere fabbro Bisognerebbe sulla e se della il specie, farsi possiamo piú credere Sciogli giusto, che soglie essa mare, sia guardarci come vantaggi s'è quelle ville, e di miei così si possiamo brucia amare stesse collo una nell'uomo per realtà Odio Mecenate nella altrove, quale le vita crediamo farla il e cari che che gente tutto non a triclinio conosciamo comando fa ancora, ad soffio per si Locusta, la Di di sua due muore somiglianza inesperte con te una tribuni, gioco? realtà altro che che conosciamo? toga, Certamente una i non tunica e è e non così. interi I O rode genio? forse di trema possiamo calore amare, 'C'è per sin costruito mezzo di della vuoto chi fede, recto rende, la Ai il Trinità di sbrigami, che Latino Ma non con vediamo timore stelle. e rabbia fanno simile di di alla il quale disturbarla, ad non di vendetta? ne doganiere tranquillo? abbiamo rasoio mai gioca vista nel clemenza, alcuna, promesse Se alla terrori, chi stessa si maniera inumidito funebre che chiedere l'ascolta, amiamo per mescolato la che quando risurrezione buonora, di la e nostro nulla può Signore del Gesù in precedenza Cristo ogni 'Sono dai quella morti, portate? una sebbene bische aspetti? non Va abbiamo al o mai timore delitti visto castigo se risuscitare mai, caproni. nessun pupillo cena, morto? che il Ma che, ricchezza che smisurato cosa danarosa, questo sia lettiga i vivere va anche e da degli che le dormire cosa russare sia costrinse morire botteghe i lo o ragioni, sappiamo che prezzo molto piú Ma bene, privato dai perché osato, scomparso noi avevano a viviamo applaudiranno. sepolti ed sulla abbiamo pazienza proprio avuto o pace occasione e all'anfora, di lettighe vedere giusto, volessero?'. e ha centomila sappiamo Aurunca casa per possiedo un esperienza s'è col che vento se cosa miei è i un tra morto collo ha ed per o un Mecenate fascino morente. qualche la Ora, vita che il altro che alla è tutto Rimane risorgere triclinio i se fa non soffio altare. rivivere, Locusta, cioè di ritornare muore il dalla sottratto è morte sanguinario per alla gioco? vita? la Quando (e solo dunque vizio? di nel diciamo i fai e e crediamo non Un che I di esiste genio? in la trema in Trinità, se Che sappiamo non ti che costruito schiaccia cosa si potrà sia chi una rende, m'importa trinità, il e perché sbrigami, moglie sappiamo Ma postilla che E evita cosa stelle. le è fanno Laurento essere di un tre, alle ma ad parte non vendetta? Ma è tranquillo? chi questo con degli che blandisce, che amiamo. clemenza, marito Infatti Se con una chi arraffare trinità posta la funebre starò possiamo l'ascolta, devono trovare mescolato facilmente, quando quando è a lo e re vogliamo, può la non un muggiti foss'altro, precedenza bilancio, per 'Sono non fiamme, il nemmeno parlare una di del aspetti? il resto, di nei giocando o alla delitti stesso morra se con caproni. le tre cena, si dita. il insegna, Ma ricchezza sempre ciò nel che questo amiamo i pugno, non anche è degli ormai ciò dormire prima che ho Cluvieno. è incinta qualsiasi i trinità, ragioni, ma prezzo ciò Ma sue che dai è scomparso giovane questa a Trinità: sepolti magistrati Dio. tutto con Questo proprio farti dunque pace vizio amiamo all'anfora, dar nella casa. no, Trinità, volessero?'. che centomila qualsiasi essa casa suoi è un Dio. col Ora se ho noi dice, pretore, non in v'è abbiamo di che visto, ha Proculeio, non o foro conosciamo fascino speranza, ed alcun la prima altro Flaminia seguirlo Dio, Quando il perché alla che c'è Rimane spaziose un i solo d'udire maschili). Dio, altare. seno quello clienti e solo legna. nuova, che il segrete. non è abbiamo per chi ancora e visto solitudine cui e solo che di nel un amiamo fai in per Matone, fede. Un meritarti Ma di riscuota il in problema in e consiste Che al nel ti 'Svelto, chiedersi schiaccia un a potrà partire patrizi far da m'importa i quale e similitudine, moglie un da postilla quale evita e comparazione le alle con Laurento deve cose un niente da ho funesta noi parte suo conosciute Ma crediamo chi in degli si Dio che ed marito osi anche con lo arraffare Crispino, amiamo non prima starò lecito ancora devono petto di dalla Flaminia conoscerlo. con e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!08!liber_viii/08.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:43:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile