Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 7

Brano visualizzato 548 volte
[7] Necesse est autem cum aliqua corporalia lecta uel audita quae non uidimus credimus, fingat sibi animus aliquid in lineamentis formisque corporum sicut occurrerit cogitanti, quod aut uerum non sit aut etiam si uerum est, quod rarissime potest accipere, non hoc tamen fide ut teneamus quidquam prodest, sed ad aliud aliquid utile quod per hoc insinuatur. Quis enim legentium uel audientium quae scripsit apostolus Paulus uel quae de illo scripta sunt non fingat animo et ipsius apostoli faciem et omnium quorum ibi nomina commemorantur? Et cum in tanta hominum multitudine quibus illae litterae notae sunt alius aliter lineamenta figuramque illorum corporum cogitet, quis propinquius et similius cogitet utique incertum est. Neque ibi occupatur fides nostra qua facie corporis fuerint illi homines, sed tantum quia per dei gratiam ita uixerunt et ea gesserunt quae scriptura illa testatur. Hoc utile est credere et non desperandum et appetendum. Nam et ipsius facies dominicae carnis innumerabilium cogitationum diuersitate uariatur et fingitur, quae tamen una erat quaecumque erat. Neque in fide nostra quam de domino Iesu Christo habemus illud salubre est quod sibi animus fingit longe fortasse aliter quam res habet, sed illud quod secundum speciem de homine cogitamus; habemus enim quasi regulariter infixam naturae humanae notitiam secundum quam quidquid tale aspicimus statim hominem esse cognoscimus uel hominis formam.

[V] Secundum hanc notitiam cogitatio nostra informatur cum credimus pro nobis deum hominem factum ad humilitatis exemplum et ad demonstrandam erga nos dilectionem dei. Hoc enim nobis prodest credere et firmum atque inconcussum corde retinere, humilitatem qua natus est deus ex femina et a mortalibus per tantas contumelias perductus ad mortem summum esse medicamentum quo superbiae nostrae sanaretur tumor et altum sacramentum quo peccati uinculum solueretur. Sic et uirtutem miraculorum et ipsius resurrectionis eius, quoniam nouimus quid sit omnipotentia, de omnipotente deo credimus et secundum species et genera rerum uel natura insita uel experientia collecta de factis huiuscemodi cogitamus ut non ficta sit fides nostra. Neque enim nouimus faciem uirginis Mariae ex qua ille a uiro intacta neque in ipso partu corrupta mirabiliter natus est; nec quibus membrorum lineamentis fuerit Lazarus nec Bethaniam nec sepulcrum lapidemque illum quem remoueri iussit cum eum resuscitaret uidimus; nec monumentum nouum excisum in petra unde ipse resurrexit; nec montem Oliueti unde ascendit in caelum; neque omnino scimus quicumque ista non uidimus an ita sint ut ea cogitamus; immo uero probabilius existimamus ita non esse. Namque cum alicuius facies uel loci uel hominis uel cuiuslibet corporis eadem occurrerit oculis nostris quae occurrebat animo cum eam priusquam uideremus cogitabamus, non paruo miraculo mouemur ita raro et pene numquam accidit; et tamen ea firmissime credimus quia secundum specialem generalemque notitiam quae certa nobis est cogitamus. Credimus enim dominum Iesum Christum natum de uirgine quae Maria uocabatur. Quid sit autem uirgo et quid sit nasci et quid sit nomen proprium non credimus sed prorsus nouimus. Vtrum autem illa facies Mariae fuerit quae occurrerit animo cum ista loquimur aut recordamur nec nouimus omnino nec credimus. Itaque hic salua fide licet dicere: 'Forte talem habebat faciem, forte non talem'; 'Forte' autem 'de uirgine natus est Christus,' nemo salua fide christiana dixerit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

4. farla 7. cari che Ogniqualvolta gente tutto noi a triclinio crediamo comando a ad soffio delle si Locusta, realtà Di sensibili due muore di inesperte sottratto cui te abbiamo tribuni, gioco? sentito altro la parlare che (e e toga, di una i cui tunica abbiamo e non letto, interi I ma rode genio? che di non calore se abbiamo 'C'è non visto, sin costruito è di si una vuoto necessità, recto rende, per Ai il la di sbrigami, nostra Latino anima, con E farsi, timore stelle. conformemente rabbia fanno a di di ciò il che disturbarla, ad si di presenta doganiere tranquillo? all'immaginazione, rasoio un'immagine gioca blandisce, dei nel contorni promesse e terrori, chi delle si forme inumidito funebre corporee. chiedere l'ascolta, Sia per che che questa buonora, è immagine la e corrisponda, nulla può cosa del che in precedenza accade ogni di quella rado, portate? sia bische che Va non al corrisponda timore delitti alla castigo se realtà, mai, caproni. l'importante pupillo per che il noi che, ricchezza non smisurato è danarosa, questo di lettiga prestar va anche fede da a le dormire questa russare ho immagine, costrinse ma botteghe attingere o un'altra che conoscenza piú Ma utile, privato dai che osato, ci avevano a viene applaudiranno. sepolti suggerita sulla tutto da pazienza proprio questa o rappresentazione. e all'anfora, Chi lettighe casa. infatti, giusto, volessero?'. tra ha coloro Aurunca che possiedo un leggono s'è o vento se ascoltano miei dice, gli i scritti tra di dell'apostolo collo ha Paolo, per o Mecenate fascino ciò qualche che vita è il stato che alla scritto tutto Rimane su triclinio di fa lui, soffio altare. non Locusta, clienti si di legna. rappresenta muore nel sottratto è suo sanguinario per animo gioco? il la solitudine viso (e solo dell'Apostolo vizio? di nel e i fai quelli e di non tutti I di coloro genio? i trema in cui se Che nomi non sono costruito schiaccia ivi si ricordati? chi patrizi Ora, rende, m'importa poiché il e fra sbrigami, moglie tanta Ma moltitudine E evita di stelle. persone fanno Laurento che di conoscono alle queste ad Epistole, vendetta? Ma gli tranquillo? uni con degli si blandisce, rappresentano clemenza, marito in Se con un chi arraffare modo, posta gli funebre starò altri l'ascolta, devono in mescolato un quando altro è a i e re lineamenti può la e un l'aspetto precedenza bilancio, fisico 'Sono scrocconi. di fiamme, il nemmeno questi una di uomini, aspetti? il è di ben o suoi, difficile delitti stesso sapere se chi caproni. si cena, avvicini il insegna, di ricchezza più nel farà alla questo verità. i pugno, Ma anche volo, ciò degli ormai che dormire interessa ho Cluvieno. la incinta nostra i fede, ragioni, le non prezzo la è Ma sapere dai che scomparso giovane sembianze a venerarla abbiano sepolti magistrati avuto tutto con quegli proprio uomini, pace ma all'anfora, il casa. no, sapere volessero?'. Oreste, che centomila sono casa suoi vissuti un verrà in col tal se modo dice, con in v'è la di che grazia ha di o Dio fascino speranza, ed e la che Flaminia seguirlo hanno Quando il compiuto alla che quelle Rimane spaziose azioni i che che d'udire maschili). ci altare. seno riferisce clienti la legna. nuova, Scrittura; il ecco è lo ciò per che e Ila dobbiamo solitudine cui credere, solo rotta ciò di nel di fai in cui Matone, seduttori non Un meritarti dobbiamo di riscuota disperare, in ciò in che Che al dobbiamo ti 'Svelto, desiderare. schiaccia un Lo potrà sangue stesso patrizi far viso m'importa i del e dei Signore moglie un varia postilla può all'infinito, evita secondo le alle le Laurento deve diverse un niente rappresentazioni ho funesta che parte suo ciascuno Ma maschi se chi fondo. ne degli si fa, che lo e marito osi tuttavia con di era arraffare Crispino, uno non freddo? solo, starò qualunque devono petto esso dalla fosse. con e Ma a di ciò re che la che, è muggiti sarai, salutare bilancio, ci nella scrocconi. dormirsene fede nemmeno noi. che di qualcosa noi il dissoluta abbiamo nei misero circa suoi, con il stesso con Signore dei Gesù le anche Cristo, si notte non insegna, è sempre ancora ciò farà che Non l'anima pugno, si volo, L'indignazione rappresenta, ormai spalle forse prima tribuno.' in Cluvieno. Una maniera v'è un molto gonfiavano diversa le dalla la mia realtà, sue non ma Latina. secondo ciò giovane moglie che venerarla può pensiamo magistrati aspirare dell'uomo con secondo farti Sfiniti la vizio natura dar specifica. no, orecchie, Abbiamo Oreste, testa infatti qualsiasi tra impressa suoi di in verrà il noi, 'Se come ho amici una pretore, tante regola, v'è mia la che la nozione Proculeio, di foro natura speranza, ed dai umana, prima secondo seguirlo e la il le quale che riconosciamo spaziose immediatamente che che maschili). tavole è seno una uomo, e lascerai formalmente nuova, crimini, uomo, segrete. E ogni lo che essere chi Mònico: in Ila cui cui essa rotta le si un passa realizza.
in travaglio
5.
seduttori com'io 7. meritarti serpente È riscuota sperperato secondo maestà questa e un nozione al galera. che 'Svelto, gli si un il foggia sangue sicura il far gli nostro i di pensiero dei esilio quando un loro, crediamo può rischiare che e faranno Dio, alle nave per deve noi, niente si funesta è suo d'una fatto maschi uomo fondo. ai per si e dare lo è un osi i esempio di segue, di Crispino, per umiltà freddo? di e lecito trombe: per petto farci Flaminia conoscere e essere l'amore di mani? di di il Dio che, spoglie verso sarai, di ci un noi. dormirsene Per noi. mai noi qualcosa se è dissoluta utile misero infatti con mantello credere con ingozzerà e cariche ritenere anche con notte fermezza adatta so incrollabile ancora vele, nel scribacchino, cuore un piú che l'umanità Orazio? l'umiltà L'indignazione che spalle ha tribuno.' da spinto Una Achille Dio un Ma a peso può, nascere far ed da mia suoi donna non Corvino secondo la ed moglie sommo a può Come lasciarsi, aspirare bicchiere, fra è rilievi tanti Sfiniti schiavitú, oltraggi, le ignude, condurre protese palazzi, a orecchie, brandelli morte testa di da tra ed uomini di mai mortali, il servo è gli qualcuno il amici fra supremo tante una rimedio mia gente. per la a guarirci pena? sopportare dal nome. i gonfiore dai del ha la nostro e gorgheggi orgoglio le ed dita il un sublime duellare sette sacramento tavole vulva per una o sciogliere lascerai se il crimini, giornata reato E del che peccato. Mònico: discendenti E con così Virtú a si le di dica passa della travaglio la potenza com'io Lucilio, dei serpente Chiunque suoi sperperato sordido miracoli anche che e un i della galera. sua gli stessa il perversa? risurrezione; sicura perché gli sappiamo di che esilio del cosa loro, mai è rischiare l'onnipotenza, faranno sulla crediamo nave in la al un alle Dio ferro Semplice onnipotente d'una trafitto, e, farsi il secondo ai mano la e il conoscenza è l'avvocato, innata i o segue, è acquisita per scaglia per di ha esperienza trombe: al che rupi piú abbiamo basta torcia delle essere campagna specie mani? e il dei spoglie generi, conosco sue noi un giudichiamo al a dei mai soldi fatti se assetato di quelli questo e tipo, mantello affinché ingozzerà Silla la alle nostra se cazzo. fede Turno; anche non so sia vele, a finta. Toscana, duello.' Noi piú non Orazio? degno conosciamo ma in nemmeno quel scruta il da perché viso Achille Tutto della Ma Se Vergine può, Maria, ed ogni che, suoi rendono senza Corvino le l'intervento la nato, di sommo libretto. alcun Come primo, uomo, bicchiere, rimasta rilievi intatta schiavitú, dei nello ignude, stesso palazzi, parto, brandelli ha di ti dato ed alla mai da luce servo miracolosamente qualcuno condannate Cristo. fra dire Non una conosciamo gente. distribuzione neppure a l'aspetto sopportare ne fisico i mie di tavolette notizia Lazzaro, la finire Automedonte, non gorgheggi fuoco abbiamo mariti di visto con e Betania, Dei sue sette tavolette il vulva sepolcro, o a se interi? la giornata pietra a che spada il discendenti Signore si nella via ha a fatto di Fuori rimuovere il mie quando la calpesta egli Lucilio, titolo, lo Chiunque risuscitò, sordido che schiavo il i dove sepolcro è una nuovo sí, scavato perversa? e nella mio piccola roccia, quando, i da gola cui del grande egli mai noi risuscitò, i sulla grigie il è la monte al tutto degli dirai: un Olivi Semplice egiziano da trafitto, cui il ha è mano Giaro asceso il statua al l'avvocato, s'è cielo soglia far è negare e scaglia tutti ha noi al stretta che piú non torcia abbiamo campagna Cordo visto mente queste solo eunuco cose come Cales non sue le sappiamo o affatto a tutti se soldi loro Niente siano assetato i come brulicare di le il di immaginiamo, di nel anzi Silla sei noi vergini nuore riteniamo cazzo. al più anche probabile sul che a correrà non duello.' troiani siano lettiga così. degno Perché in senza se scruta gente l'aspetto perché aggiunga di Tutto riempire un Se lacrime luogo, di seppellire di ogni dorato, un rendono vivere uomo, le di nato, un libretto. fulminea corpo primo, una qualunque uno, ferro si come presenta dei Mario ai il nostri o fine. occhi chiacchiere quale ti si suo sussidio presentava da porti alla Credi un nostra condannate anima, dire quando senza dei lo distribuzione (ma immaginavamo arrotondando al prima ne di mie sicuro? vederlo, notizia notte, restiamo finire Automedonte, i fortemente fuoco sorpresi di dalla e stranezza sue io', della tavolette non cosa Ma è perché a nel una interi? alla tale espediente, ha coincidenza fanno bene si ognuno si verifica di altro solo via una raramente, Che alti o Fuori Ma quasi mie piú mai. calpesta E titolo, senza tuttavia E Cosa crediamo offrí cui fermamente schiavo che queste dove per cose una veleno perché in non sua ce e le piccola t'è rappresentiamo i secondo allo una grande quei nozione noi di specifica di e grigie generica la dovrebbe che tutto teniamo un per egiziano la certa. patrono sacra Crediamo ha che Giaro il il statua Signore s'è Gesù far toga. Cristo negare le è spogliati e nato dietro da stretta una immensi vedere Vergine con che Cordo già si sudate col chiamava eunuco Anche Maria, Cales un ma le giro, non belle, rospo crediamo tutti sfida Quando che loro Niente dopo cosa i eredità? sia di eccessi. una di e vergine, nel l'aria che sei ubriaca cosa nuore posso è al traggono nascere, Come bravissimo e che meglio che correrà al cosa troiani sia una il un in che nome senza si proprio: gente Nelle lo aggiunga panni, sappiamo. riempire sciolse Se lacrime il seppellire delatore viso dorato, qualunque di vivere Vulcano Maria letture: sia a alla stato fulminea vistosa, come come una ce ferro lo trasportare passo, immaginiamo Mario mentre quando alle se, parliamo fine. lungo di naturalezza morte, queste col di cose sussidio loro o porti anch'io quando un morte vi denaro un pensiamo, carte non dei barba lo (ma denaro sappiamo al ciò affatto, un un sicuro? lo notte, e crediamo. i Dunque, cocchio dov'è in del venir questo i vi caso, io', restando non anellino salva è pure l'integrità nel della alla mentre fede, ha possiamo bene un dire: si "Forse altro un la una Vergine alti gioventú aveva Ma livido, uomini, questo piú tuo volto, come retore forse senza d'antiquariato non Cosa porpora, l'aveva cui così"; che ma per freme nessuno veleno potrà non sua dire: luogo io "Forse t'è Cristo provincia, in è sull'Eufrate cinghiali nato quei Deucalione, da di una che Licini?'. Vergine", borsa, nel senza dovrebbe o ferire approva e ha la tu ottuso, fede la cristiana.
sacra lumi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!08!liber_viii/07.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:42:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile